Home > Altro > La mafia semina nel suo funereo campo fiori di santità: Rosario Livatino proclamato beato

La mafia semina nel suo funereo campo fiori di santità: Rosario Livatino proclamato beato

scritto da: Marcofrancescoeramo | segnala un abuso

La mafia semina nel suo funereo campo fiori di santità: Rosario Livatino proclamato beato

Eramo: La sua vita é stata sempre contesa tra il Vangelo e la Costituzione; durante la sua breve esistenza terrena é stato un modello esemplare di lotta alla criminalità.


Inizialmente avrebbero voluto ucciderlo davanti alla Chiesa dove andava a pregare in spregio al suo comportamento da "santocchio" che, unito alle sue capacità investigative, infastidiva non poco i mafiosi.
Bastano queste parole dette da Giuseppe Di Caro, capo provinciale di Cosa Nostra, per avere una idea chiara di che personalità fosse Rosario Livatino.
Nella giornata del 9 maggio, giorno in cui si fa memoria dell'anniversario della visita pastorale di Giovanni Paolo II nella Valle dei Templi in Sicilia,  Rosario Livatino è proclamato beato. 
Il giudice ragazzino <così definito per la sua giovane età) durante la sua breve esistenza terrena è stato un modello esemplare di lotta alla criminalità. La sua vita è stata sempre  contesa tra il Vangelo e la Costituzione, a tal punto da essere dichiarato un martire della giustizia. 
Ha lavorato sempre con costanza, facendo leva  sui sani e proficui principi morali, con tanto di carattere umanitario. 
Ogni mattina prima di andare in tribunale ad Agrigento si concedeva qualche momento di preghiera nella Chiesa di San Giuseppe. Rispettava gli imputati, anche quelli macchiati di gravi delitti e spesso andava nell'obitorio a pregare per le anime dei mafiosi uccisi. Era una persona semplice che non amava, sia per carattere che per scelta, il palcoscenico. Di certo non viveva recluso e ne tantomeno nascondeva le sue idee. Amava il suo lavoro e, nella consapevolezza stessa che la sua attività investigativa lo avrebbe portato di sicuro alla morte, non arretrò di un passo e, deciso più che mai ad andare avanti, iniziò  una serie di azioni giudiziarie contro gli atti illeciti della criminalità. Iniziò quindi ad occuparsi dei sequestri dei beni mafiosi, facendo applicare per primo la legge Rognoni-La Torre attraverso la quale riuscì a confiscare molti possedimenti dei boss del suo paese. Ha collaborato  in stretta unione con i giudici Falcone e Borsellino; ha scoperto l'organigramma della mafia agrigentina ed ha individuato i legami più stretti tra questa e le grandi imprese, tra la politica e la criminalità organizzata. Inoltre ha saputo combattere contro chi ostinatamente ha deturpato l'ambiente decenni prima che si parlasse di ecomafie. 
Per mezzo di ciò Livatino era diventato un vero e proprio pericolo per gli interessi loschi dei mafiosi e, come ormai è risaputo, chi si interpone nel raggiungimento degli interessi malavitosi è destinato ad essere punito con la morte. E così è stato per il giovane giudice: il 21 settembre del 1990, come sua consuetudine, mentre si accingeva ad andare a lavoro con la sua utilitaria, una fiat punto di colore amaranto, sul viadotto Gasena della statale 640 gli si affiancano in sella ad una moto  alcuni killer che  iniziano a sparargli. Ai primi colpi il giudice tenta di fuggire nella scarpata, ma uno dei killer della Stidda ( organizzazione mafiosa) lo raggiunge e lo finisce. Su di lui furono scaricati ben sette colpi di arma da fuoco.
Rosario Livatino, figlio unico era molto legato ai genitori. Non accettò mai la scorta fermamente convinto dell'idea di non vedere della gente pagare per l'incolumità della sua stessa vita. Di una cosa sola si sentiva protetto, delle tre lettere "S.T.D." che spesso scriveva nelle sue agendine e che volevano significare Sub Tutela Dei, un atto di affidamento al Signore.


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Memorial Livatino Saetta Costa - Premio Speciale in ricordo dei giudici Francesca Laura Morvillo, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e degli uomini delle loro scorte


Premio Livatino Saetta Costa ad Antonio Vinciguerra Presidente TAR Catania


XXIII Memorial Livatino Saetta Costa


Mafia City H5 Beginner’s Guide: Tips, Cheats & Strategies to Become a Feared Mafia Boss


XXII Memorial Livatino Saetta Costa


Premio Livatino Saetta Costa e Targa d’Argento Antonietta Labisi a Massimo Ranieri


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La Campania prossima alla zona Bianca, ma rimane l'obbligo della mascherina in estate

La Campania prossima alla zona Bianca, ma rimane l'obbligo della mascherina in estate
Lunedì prossimo la Campania entrerà ufficialmente in zona Bianca, ma se non si agisce con responsabilità, si corre il rischio di ritorno alle cure in terapia intensiva. Anche per la  Campania é arrivato il tanto atteso momento  dell'entrata  in zona Bianca. Lunedì prossimo infatti i cittadini Campani avranno modo di liberarsi dai tanti provvedimenti restrittivi messi in atto dal governo per il contenimento del coronavirus. Un momento dunque davvero peculiare:  ragazzi, giovani, adulti ma soprattutto  commercianti ed operatori del turismo, (continua)

Collaborare non significa pentirsi; per un mafioso sarebbe indegno di qualsiasi onore e rispetto

Collaborare non significa pentirsi; per un mafioso sarebbe indegno di qualsiasi onore e rispetto
Eramo: se la legge voluta dallo stesso giudice Falcone prevede la riduzione della pena per i collaboratori della giustizia c'é da chiedersi se, nel rispetto delle povere ed innocenti vittime della mafia sia moralmente ammissibile una cosa del genere! «Ho ucciso Giovanni Falcone. Ma non era la prima volta: avevo già adoperato l'auto bomba per uccidere il giudice Rocco Chinnici e gli uomini della sua scorta. Sono responsabile del sequestro e della morte del piccolo Giuseppe Di Matteo, che aveva tredici anni quando fu rapito e quindici quando fu ammazzato. Ho commesso e ordinato personalmente oltre centocinquanta delitti. Ancora oggi non riesco a (continua)

Roberto Mancini modello da imitare nella lotta contro la criminalità

Roberto Mancini modello da imitare nella lotta contro la criminalità
Eramo: é doveroso ricordare nella giornata della legalità il sostituto commissario Roberto Mancini che ha scoperto lo scempio della "terra dei fuochi" . La legalità in Campania porta il nome di Roberto Mancini che non è solo un’omonimia del CT della Nazionale, ma è anche espressione di coraggio e di dovere.Roberto Mancini è stato il poliziotto che ha scoperto il traffico illecito dei rifiuti tossici tra la Campania ed il Lazio ed ha rivelato il volto di quella che da anni è conosciuta come “Terra dei fuochi”.Ha reso un grande servizio allo Sta (continua)

Ansia da Covid-19: per molte persone é difficile un ritorno alla normalità

Ansia da Covid-19: per molte persone é difficile un ritorno alla normalità
Eramo: il covid lascia strascichi non soltanto fisicamente ma anche psicologicamente. I continui periodi di isolamento e di lockdown hanno accentuato casi di "sindrome da ansia post-Covid" La curva epidemica decresce, l'indice di contagio RT nell'ultimo periodo é abbastanza rassicurante e nelle prossime settimane nuove aperture segneranno l'inizio di un graduale, seppur lento, ritorno alla normalità. Ma nonostante ció molte persone sono in preda a forti stati di ansia e di frustrazione psicologica. Abituate a vivere per molto tempo in isolamento come forma pre eventi a e protettiva (continua)

Eramo: é una sindrome alquanto strana, colpisce principalmente i bambini ed i ragazzi stranieri.

Eramo: é una sindrome alquanto strana, colpisce principalmente i bambini ed i ragazzi stranieri.
Il cervello funziona regolarmente, ma il corpo non reagisce agli stimoli esterni; é la sindrome della bella addormentata o della rassegnazione. Ha dell'incredibile quello che succede in alcuni ragazzi della Svezia: davanti a situazioni percepite come forti traumi cadono in uno stato simil comatoso, privi di reazioni a stimoli esterni. È la sindrome della bella addormentata o della rassegnazione. Ad esserne colpiti quindi non sono giovani qualunque, ma figli di rifugiati che, davanti a situazioni percepite traumatiche, come il rifiuto di u (continua)