Home > Economia e Finanza > Il Recovery Plan e la mobilità sostenibile

Il Recovery Plan e la mobilità sostenibile

scritto da: AIDR | segnala un abuso

Il Recovery Plan e la mobilità sostenibile

Saranno complessivamente 248 miliardi di euro gli investimenti a disposizione per gli anni dal 2021 al 2026 per ripartire e lasciarsi progressivamente alle spalle la crisi degli ultimi anni aggravata anche dal COVID.


Di Vito Coviello, Socio AIDR e Responsabile Osservatorio Tecnologie Digitali nel settore dei Trasporti e della Logistica

 Nel pieno rispetto dei tempi richiesti dall’Ue, l’Italia ha presentato il Recovery Plan italiano.

Saranno complessivamente 248 miliardi di euro gli investimenti a disposizione per gli anni dal 2021 al 2026 per ripartire e lasciarsi progressivamente alle spalle la crisi degli ultimi anni aggravata anche dal COVID. Il primo anticipo, pari al 13%, potrebbe arrivare in tempi molto rapidi. Gli anticipi saranno versati dalle casse dei singoli stati ma poi l’unione rimborserà con cadenza semestrale dopo aver valutato gli investimenti e gli obiettivi.L’Italia è la prima beneficiaria, come è noto, delle risorse previste con i due strumenti a disposizione dei Paesi UE: il Dispositivo per la Ripresa e Resilienza (RRF) e il Pacchetto di Assistenza alla Ripresa per la Coesione e i Territori d’Europa (REACT-EU).

 Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) si articola in sei Missioni:

1.     digitalizzazione, innovazione, competitività, cultura;

2.     rivoluzione verde e transizione ecologica;

3.     infrastrutture per una mobilità sostenibile;

4.     istruzione e ricerca;

5.     inclusione e coesione;

6.     salute.

La Missione 3 dispone una serie di investimenti finalizzati allo sviluppo di una rete di infrastrutture di trasporto moderna, digitale, sostenibile e interconnessa. 

Gran parte delle risorse è destinata all’ammodernamento e al potenziamento della rete ferroviaria, ma si prevede anche il completamento dei principali assi ferroviari ad alta velocità, l’integrazione fra questi e la rete ferroviaria regionale, la messa in sicurezza dell’intera rete.  Sono stati anche previsti   interventi per la digitalizzazione del sistema della logistica, per migliorare la sicurezza di ponti e viadotti, e misure per innalzare la competitività, capacità e produttività dei porti italiani. Il 29 aprile è stato anche approvato il decreto-legge che individua i programmi e ripartiscele risorse del piano nazionale per gli investimenti, integrando il PNRR con risorse nazionali (30,62 miliardi di euro per gli anni dal 2021 al 2026).

 Il decreto-legge prevede quindi il Fondo complementare al PNRR e introduce nuove misure finalizzate alla realizzazione degli investimenti.   

 Nel fondo complementare   sono state previste risorse per:

 o  le infrastrutture e la   mobilità sostenibile - come rinnovo flotte, bus, treni e navi verdi

o  la sostenibilità ambientale dei porti e il miglioramento dell’accessibilità e della sicurezza delle stato. 

 
Sono stati previsti anche altri 10,3 miliardi di euro per completare l’Alta velocità Salerno-Reggio Calabria e Milano-Venezia.

 Con questi due fondi aggiuntivi disponibili con decreto sarà possibile far partire subito gli interventi in ambito.

 Il   ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibile avrà quindi 62 miliardi da spendere, 14 in più rispetto alla bozza di  piano di gennaio.

 ·      10,1   miliardi  con il DDL del 29 aprile u.s.  che ha istituito il fondo complementare

·      40,71 miliardi  previsti nel PNRR presentato all’UE il 30 aprile u.s. ·      10,35 miliardi  previsti con lo scostamento di Bilancio  A questo enorme flusso di finanziamenti  in parte di provenienza PNRR e in parte da assegnazione di risorse nazionali,  saranno applicate le medesime rigide  regole UE  riguardo alla definizione degli obiettivi, della progettazione, realizzazione e rendicontazione.

Nei prossimi giorni  partirà il lavoro di analisi delle proposte per renderle  coerenti ma dovranno soprattutto cambiare rapidamente   le procedure  autorizzative ed esecutive: senza un radicale cambiamento non  sarà possibile  raggiungere gli obiettivi previsti per il 2026 dal piano  e si rischierà anche di perdere  gli altri  capitali privati che  si sommerebbero solo se il piano assicurerà una vera e rapida crescita. Non dovranno essere cambiate le sole procedure di appalto ma anche tutto il processo della programmazione e della progettazione degli interventi. 

E’ per questo motivo che nel piano sono state previste forti immissioni di nuove professionalità sia a livello centrale sia a livello territoriale con l’obiettivo di far partire rapidamente i progetti.  Anche il processo autorizzativo sarà rivisto al fine di velocizzare l’iter  e di reingegnerizzarne le fasi di attuazione.Molto importante sarà anche il coinvolgimento delle regioni e degli enti locali  affinché si realizzi una sinergia nella gestione delle priorità e delle risorse da integrare con i fondi regionali disponibili. Ad esempio, nel PNRR sono previsti investimenti per  l’ultimo miglio su porti e aeroporti:  di intesa  con le regioni alcuni fondi regionali potranno integrare questi interventi.Allo stesso modo  ci sono i fondi per il Trasporto  Pubblico locale   per  il   rinnovo del  parco pullman  e  gli  altri  fondi regionali potranno  rafforzare tali iniziative.

Ci sono poi  molti capitali privati  che potranno  sommarsi  a tali investimenti pubblici   se questi ultimi riusciranno a fare da volano per la ripresa economica del Paese. 


Fonte notizia: https://www.aidr.it/il-recovery-plan-e-la-mobilita-sostenibile/


Recovery Plan | infrastrutture | aidr | vito coviello |



 

Potrebbe anche interessarti

Nuovi Trasporti Lombardi Via libera a progetto di joint venture tra ATB Mobilità Bergamo, Brescia Mobilità e FNM


L’intervista all’AD Claudio Descalzi: Recovery Plan, Eni è in campo per il futuro del Paese


La digitalizzazione attraversa in modo trasversale il Recovery Plan


Recovery plan: un metodo per un vero piano della performance nelle PA


Le misure a favore dell’energia nel Recovery Plan


Bluexperience rende per tre giorni Napoli la città della mobilità sostenibile


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Web Reputation, la difesa della propria identità online

Web Reputation, la difesa della propria identità online
Nel nostro viaggio online, alla ricerca di conferme e recensioni positive (i professionisti del marketing chiamerebbero questa fase Zero Moment of Truth (ZMOT) ci imbattiamo in una serie di informazioni, frutto di recensioni e giudizi altrui, lasciati nel grande spazio libero del web. Già lo spazio libero del web, un mondo senza vincoli e barriere che rischia di essere anche un mondo senza regole. Cosa succederebbe infatti se, per tornare all’esempio di cui sopra, googlando sul web mi imbattessi in una serie di recensioni negative sul professionista sanitario di cui stavo cercando informazioni, quali effetti avrebbero sulla mia scelta, quali sulla reputazione del sanitario in questione? di Dario Scrivano – avvocato e socio Aidr C’è un termine, entrato negli ultimi anni prima nel vocabolario comune e poi, sulla Treccani: googlare. Il verbo in questione indica molto di più della mera azione di ricerca sul web, ma abbraccia un concetto più ampio, quello della conferma di una nostra iniziale percezione. Per capirne realmente la forza e la portata innovativa basta guardare alle n (continua)

Rai. Aidr: complimenti alla giornalista Spadorcia per la nomina a vice direttore Tg2

Rai. Aidr: complimenti alla giornalista Spadorcia per la nomina a vice direttore Tg2
Alla giornalista Maria Antonietta Spadorcia i nostri migliori auguri di un proficuo lavoro. Così in una nota l’associazione Aidr, in merito alla recente nomina della giornalista, già caporedattore Rai del Tg2, come vice direttore della testata giornalistica. Alla giornalista Maria Antonietta Spadorcia i nostri migliori auguri di un proficuo lavoro. Così in una nota l’associazione Aidr, in merito alla recente nomina della giornalista, già caporedattore Rai del Tg2, come vice direttore della testata giornalistica.“La dottoressa Spadorcia, valida professionista – continua in una nota l’associazione Aidr- ha saputo dimostrare negli anni un’atten (continua)

Governare l'incertezza: dibattito al Centro studi americani sulle sfide dell’innovazione sociale per uscire dalla crisi

Governare l'incertezza: dibattito al Centro studi americani sulle sfide dell’innovazione sociale per uscire dalla crisi
La presentazione del nuovo libro ‘’Governare l'incertezza: Percorsi di innovazione sociale per nuovi partenariati pubblico privato’ è l’occasione per un ampio dibattito, partecipato da studiosi ed esperti, sulle possibili vie di uscita dalla crisi attingendo ai temi emergenti dell’innovazione sociale e ai nuovi modelli di sviluppo sostenibile. Presentazione del volume di Marco De Giorgi e Aurelio Lupo (Franco Angeli)Un dibattito sulla social innovation quello organizzato lunedì 18 luglio dall’Associazione Concreta-Mente e dal Centro Studi Americani, nella splendida sede di via Caetani a Roma, per la presentazione del volume di Marco De Giorgi e Aurelio Lupo (Franco Angeli) da poche settimane disponibile in tutte le librerie. L (continua)

Poste Italiane. Aidr: le iconiche cassette diventano smart e digitali

Poste Italiane. Aidr: le iconiche cassette diventano smart e digitali
Le iconiche cassette postali, cambiano veste e diventano hi-tech. Il progetto di Poste Italiane – scrive in una nota l’associazione Aidr – avviato nell’ultimo biennio, prosegue con l’installazione di oltre 10 mila cassette postali smart nei prossimi 48 mesi. Dotate di uno schermo informativo, le cassette postali, sono in grado di registrare e trasmettere dati sulle condizioni ambientali, attraverso appositi sensori che rilevano temperatura e qualità dell’aria. Tutti questi dati vengono regolarmente aggiornati durante la giornata e consentono di monitorare le medie annuali, mensili e semestrali. Stesso colore, nel segno della tradizione, ma con uno sguardo al futuro. Le iconiche cassette postali, cambiano veste e diventano hi-tech. Il progetto di Poste Italiane – scrive in una nota l’associazione Aidr – avviato nell’ultimo biennio, prosegue con l’installazione di oltre 10 mila cassette postali smart nei prossimi 48 mesi. Dotate di uno schermo informativo, le cassette postali, sono in grad (continua)

Innovazione. Aidr: il Premio Giuseppe Turrisi di Sielte incoraggia i talenti digitali

Innovazione. Aidr: il Premio Giuseppe Turrisi di Sielte incoraggia i talenti digitali
La cerimonia di premiazione della prima edizione dell’iniziativa, si è svolta nella Sala Capitolare del Senato. Ai 5 migliori giovani talenti digitali, che hanno partecipato al concorso, Salvatore Turrisi, amministratore unico di Sielte e figlio di Giuseppe Turrisi, ha consegnato borse di studio del valore di 3 mila Euro l’una. I premi sono stati assegnati ai progetti più originali ed innovativi nelle categorie: Impresa, Leadership, Innovazione, Sociale e Genius. Stimolare i giovani, coltivandone il talento e supportando le idee innovative in campo digitale. Nasce con questo obiettivo il Premio Giuseppe Turrisi, promosso da Sielte, indirizzato alle scuole secondarie della Sicilia, e dedicato alla memoria dell’ex presidente dell’azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La cerimonia di premiazione della prima edizione dell’iniziativa, si è svolta (continua)