Home > News > Daniele Cappelletti, 3° nella classifica finale della Coppa Italia di Sky Snow

Daniele Cappelletti, 3° nella classifica finale della Coppa Italia di Sky Snow

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

Daniele Cappelletti, 3° nella classifica finale della Coppa Italia di Sky Snow

A Sella Neva, si è conclusa la prima edizione della Coppa Italia FISKY - Skysnow e la classifica finale, ottenuta dalla somma dei due migliori risultati di tre gare vede al 1° posto Cristian Minoggio (200 punti) che ha preceduto Luca Del Pero (166 punti) e Daniele Cappelletti (160 punti). Per quanto riguarda le donne, femminile la vittoria è andata a Isabella Morlini (178 punti) che ha preceduto Raffaella Tempesta (176 punti) e Consuelo Vicari (152 punti).


Salire sul podio mi piace ancora molto nonostante l'età che avanza

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

A Sella Neva, si è conclusa la prima edizione della Coppa Italia FISKY -  Skysnow e la classifica finale, ottenuta dalla somma dei due migliori risultati di tre gare vede al 1° posto Cristian Minoggio (200 punti) che ha preceduto Luca Del Pero (166 punti) e Daniele Cappelletti (160 punti). Per quanto riguarda le donne, femminile la vittoria è andata a Isabella Morlini (178 punti) che ha preceduto Raffaella Tempesta (176 punti) e Consuelo Vicari (152 punti).

 Di seguito approfondiamo la conoscenza di Daniele attraverso risposte ad alcune mie domande.

Ciao Daniele, come stai?Ciao Matteo, sto guarendo da una fastidiosa periostite sotto al ginocchio ma nel complesso sto bene. Arrivo da un terzo posto nella classifica finale della Coppa Italia di Sky Snow e devo dire che salire sul podio mi piace ancora molto nonostante l'età che avanza ahahahahahaahah”.

 

Daniele è sempre alla ricerca di vittorie, podi, sfide, record, maglie azzurre essendo amante di sport e montagna. Lo scorso anno nonostante il periodo avverso dovuto alla pandemia del COVID è riuscito a stabilite un nuovo record del mondo di ascesa nelle 24h sul monte di Mezzocorona alzando l’asticella a 21.720 metri.

In che consiste il tuo nuovo incarico in ambito sportivo?Domenica 25 aprile si sono svolte le elezioni del consiglio federale della FISKY (Federazione Italiana Skyrunning) e ho avuto la fortuna di essere eletto consigliere con l'incarico di rappresentante degli atleti. Nel concreto ho la possibilità di esporre richieste, necessità ed eventuali problemi degli atleti stessi; proporre soluzioni al fine di metterci nelle migliori condizioni possibili per poter ben figurare in ambito internazionale. Penso sia una figura molto importante specialmente per gli atleti più giovani. Staremo a vedere”.

Progetti e scenari futuri?Abbiamo in mente alcune idee, molto ambiziose, che richiederanno molto impegno da parte di ogni componente della federazione. Al momento non posso espormi, ma il concetto di base è quello di far conoscere la disciplina ad un pubblico più ampio. Per quel che riguarda il futuro io credo che altre nazioni prenderanno spunto dal modello italiano e questo sarà un tassello fondamentale nella crescita dello skyrunning internazionale. Il Presidente Meraldi si sta già muovendo molto bene per questo e nell'arco di qualche anno vedremo già i primi cambiamenti”.

 

Daniele ci tiene tantissimo a quello che fa per amore dello sport, della montagna, della sua nazione e tra i suoi obiettivi ci sono non solo gare e prestazioni importanti ma anche la crescita di performance degli altri componenti della squadra Italia, soprattutto i più giovani e meno esperti che possono beneficiare della sua esperienza e di altri atleti più esperti in campo internazionale.

Come descrivi la tua squadra?Quest'anno ci sono nuovi innesti, molto giovani dotati di ottime qualità. Ho avuto modo di conoscerli nel primo raduno collegiale a Sella Nevea: hanno molta voglia di fare bene! Altri atleti vestono la maglia azzurra già da qualche anno, sono ben integrati nel gruppo e hanno ben chiari i propri obbiettivi. Finalmente si vede qualche ragazza in più e analizzando i risultati nella prima skyrace di coppa Italia a Villacidro in Sardegna, credo che il gentil sesso sarà una bella sorpresa ai prossimi mondiali. Un fattore importante è l'età anagrafica: il senatore ha 43 anni e la più giovane 17. Ecco lo stimolo reciproco dove i giovani cercano di diminuire il gap nelle distanze più lunghe e gli anziani provano invece a imitare i ritmi veloci dei giovincelli”.

Proposte e idee soprattutto per i più giovani?La settimana prossima definiremo in assemblea il programma annuale. Sicuramente incrementeremo il numero dei raduni collegiali e di conseguenza gli allenamenti di gruppo e le lezioni teoriche, che vanno dalla preparazione atletica all' alimentazione e integrazione dello skyrunner”.

 

La gara di Sella Neva è stata anche un’opportunità per organizzare un raduno per la Squadra Nazionale FISKY e come dice Daniele è importante per gli atleti conoscersi e diventare dei riferimenti l’un per l’altro, i più esperti da più anni in nazionali possono essere un grande esempio per i più giovani e insieme si può formare una squadra ben amalgamata alla ricerca di obiettivi sfidanti condivisi.

La prima tappa di Coppa Italia Fisky 2021 a Villacidro è stata vinta da Luca Del Pero 2h06’30” che ha preceduto Lorenzo Rota Martir 2h08’48” e Franco Collé 2h10’57”. TRa le donne ha vinto Paola Gelpi 2h39’16” seguita da Giuditta Turini 2h41’15” e Martina Bilora 2h41’28”.

Che programmi hai/avete?Per quel che mi riguarda cerco la convocazione ai mondiali di luglio che si terranno in Spagna. Successivamente vedrò come sarà la condizione e valuterò a quali gare partecipare. A livello federale ci troveremo nel prossimo raduno in maggio ad Agerola sulla costa amalfitana. Il venerdì si disputerà il campionato italiano vertical >2000mt; la domenica toccherà alle distanze lunghe dove gli atleti dovranno scegliere quale distanza affrontare: la 15, la 35 oppure la 50km. Io credo che in questo secondo incontro stagionale il Ct Mattioli deciderà i nomi di chi salirà sull'aereo per la Valle del Boi, nei Pirenei spagnoli. I giovani dovranno invece pensare ai mondiali sul Gran Sasso proprio a fine luglio”.

 

La sesta edizione dei Campionati del Mondo di Skyrunning che si svolgono a cadenza biennale, rinviati dal 2020 al 2021, si terranno tra il 9 e l’11 luglio nei Pirenei in Vall de Boí, Patrimonio Mondiale UNESCO. Sono previste tre discipline: Vertical 2,8 km, Sky 42K e Skyultra 68K. È previsto anche il titolo di Combinata, basato sui migliori risultati ottenuti nelle gare Vertical e Sky.

I Campionati del Mondo Giovanili 2021 di skyrunning avranno luogo nella provincia di L’Aquila dal 30 luglio al 1° agosto 2021. Sono previste le seguenti gare: Gran Sasso Vertical Run di 3,8 km e 1.000m di dislivello positivo che arriva a 2.130m di quota; Gran Sasso SkyRace di 23 km e 2.369m di dislivello positivo (è previsto un percorso ridotto per gli atleti tra 15 e 17 anni, categoria Youth).

Tanti impegni per Daniele e gli altri atleti che vogliono indossare la maglia azzurra, nelle diverse distanze per mettersi in gioco, nella speranza di eccellere e farsi notare per prendere il volo in Spagna o sul Gran Sasso. Bello Agerola e la costiera Amalfitana, ci sono stato i primi giorni di settembre dell’anno scorso. Più di 10 anni fa ho partecipato al Gran Sasso Vertical Run, molto spettacolare e faticoso.

Sfide prossime?Per ora non ho in mente nulla. Voglio sistemare definitivamente qualche acciacco e trovare una buona forma fisica, poi si vedrà”.

 

Quando c’è un infortunio, bisogna saper aspettare e aver pazienza, capire quello che è successo e poi si può ripartire.

Come stai affrontando, gestendo, superando il periodo COVID? Sinceramente a me cambia ben poco, anzi sono quasi troppo impegnato.   Di giorno lavoro a tempo pieno al Museo Nazionale Storico degli Alpini, poi arrivo a casa e vado ad allenarmi. Dopo una bella doccia ceno, passo un po' di tempo con la mia ragazza prima di dedicarmi alla federazione. Insomma, o mi organizzo o resto senza cena hahahahahahahaa”.

 

Bisogna capire quali sono le proprie esigenze e i propri bisogni, stabilire delle priorità, organizzarsi e mobilitare le energie per soddisfare propri bisogni cercando di trovare un equilibrio tra le varie sfere: individuale, familiare, lavorativa.

Come coinvolgere persone a fare sport, soprattutto in montagna?E' molto semplice: bisogna proporsi direttamente. Soprattutto in questo periodo è importantissimo far capire l'esistenza di una medicina che ci fa sentire bene, ci rende più belli, fa crescere i ragazzi sani ed è un'ottima scusa per passare del tempo con chi ci sta simpatico. Tiene alla larga dalle cattive compagnie, mantiene il cuore in forma e allontana molte malattie: questa medicina è lo Sport.  Capito questo non servirà chiedere loro di seguirci in montagna, saranno loro ad andarci”.

 

Concordo con Daniele, lo sport è una vera medicina per il fisico, la mente e le relazioni, fa stare all’aria aperta, fa faticare, fa incontrare persone, animali, posti naturali meravigliosi, afa apprendere dall’esperienza, fa raggiungere obiettivi incrementando l’autoefficacia. Fa essere parte di un gruppo.

Quali sono gli ingredienti del successo?Prima di tutto dobbiamo fare ciò che desideriamo e mai quello che desiderano gli altri. Detto questo io credo che il successo sia il risultato della preparazione, del duro lavoro e dell'apprendimento dal fallimento”.

 

Ottima sintesi, in effetti al primo posto c’è la forte passione e motivazione intrinseca, la voglia di voler far qualcosa che c’è dentro di noi e poi il duro lavoro, l’impegno costante e la predisposizione ad accettare e apprendere dalle sconfitte e i fallimenti che non vanno subite ma capite prima di reagire ripartendo più preparati e in condizioni più ottimali.

Credito foto: Davide Ferrari

 

Matteo SIMONE

380-4337230 - 21163@tiscali.it

www.psicologiadellosport.net/

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html


Fonte notizia: http://www.aracneeditrice.it/aracneweb/index.php/pubblicazione.html?item=9788825528275


Sky Snow |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Dalla moda le immagini, dalle immagini il sogno di Francesca Cappelletti Haute Couture


CAPPÈ E ILMER MAESTRI ALLA GF fi’zi:k, E INSIEME ALLA COPPA, I COMPLIMENTI DI BALLAN


FINALI DI COPPA EUROPA 2012 IN VALLE D’AOSTA: MENO DI UN MESE AL GRAN FINALE


PREMANA: IONUT, CHE “ZINCA” IL MIGLIORE! GRANDE GIIR DI MONT E GRANDISSIMA SERAFINI


AGERER & CASSE, ACCOPPIATA DA DISCESA. COPPA EUROPA A PILA E A LA THUILE (AO)


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Mattia Pisanello, arbitro di calcio: Il sogno è arrivare in serie A

Mattia Pisanello, arbitro di calcio: Il sogno è arrivare in serie A
Lo sport è un’opportunità per conoscere se stesso, conoscere l’altro, conoscere regole, apprendere dall’esperienza. A volte non basta praticare sport ma si vuol anche cambiare ruolo come per esempio diventare allenatore, dirigente, arbitro. Di seguito Mattia racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande. Quando ti sei sentito campione nello sport? “Mi sono sentito campione nello sport all'esordio in ogni nuova categoria, dai giovanissimi provinciali alla prima categoria (attuale categoria di appartenenza). L'esperienza più soddisfacente è stata arbitrare la finale di giovanissimi provinciali nel 2019, dopo solo 1 anno di arbitraggio effettivo, la partita più bella invece è stata arbitrare uno scontro diretto per la qualificazione ai play-off di Prima Categoria con sugli spalti circa 1500 spettatori”. Dal 2018 la mia passione si è consolidata nel calcioMatteo SIMONE380-4337230 - 21163@tiscali.it Lo sport è un’opportunità per conoscere se stesso, conoscere l’altro, conoscere regole, apprendere dall’esperienza. A volte non basta praticare sport ma si vuol anche cambiare ruolo come per esempio diventare allenatore, dirigente, arbitro. Di seguito Mattia racconta la sua esperienza rispond (continua)

Giovanni De Gennaro, canoista: Ringrazio di cuore chi mi tifa e chi sostiene

Giovanni De Gennaro, canoista: Ringrazio di cuore chi mi tifa e chi sostiene
Giovanni De Gennaro, Gruppo Sportivo dei Carabinieri (ex Corpo Forestale dello Stato), vince il titolo europeo Junior a squadre nel 2009 a Liptosky (SVK) e nel 2010 a 18 anni si laurea Campione del Mondo Junior a Foix (FRA). Nel 2011 a 19 anni al Mondiale Senior di Bratislava (SVK) vince il bronzo a squadre. Giovanni nel 2012, vince l'oro del mondiale under 23 a squadre di Wasau (USA). Nel 2013 conquista la medaglia di bronzo ai mondiali U23. L’anno successivo conquista l'argento al mondiale U23 australiano. Ha rappresentato l'Italia ai Giochi olimpici di Rio de Janeiro 2016 con un 7º posto. Nel 2017 vince l'oro alla Coppa del Mondo K1 di Markleeberg (Germania) e l'oro dello slalom K1 dell'ICF Ranking di Ivrea. Nel 2018 vince l'oro alla Coppa del Mondo di La Seu d'Urgeil in Spagna. Il 2019 ancora oro alla gara di Coppa del Mondo K1 di Tacen (Slovenia) e oro al K1 slalom dell'ICF Ranking di Tacen (Slovenia). Nel 2020 vince il suo 4º titolo di Campione Italiano a Ivrea. Nel 2021 conquista il pass per i Giochi della XXXII Olimpiade di Tokyo. Di seguito approfondiamo la conoscenza di Giovanni attraverso risposte ad alcune mie domande. Complimenti, il significato di questa qualificazione olimpica? La qualifica olimpica è una tappa importante nel mio percorso, sono felice di poter continuare a lavorare per una medaglia olimpica. Matteo SIMONE  Giovanni De Gennaro, Gruppo Sportivo dei Carabinieri (ex Corpo Forestale dello Stato), vince il titolo europeo Junior a squadre nel 2009 a Liptosky (SVK) e nel 2010 a 18 anni si laurea Campione del Mondo Junior a Foix (FRA). Nel 2011 a 19 anni al Mondiale Senior di Bratislava (SVK) vince il bronzo a squadre.  Giovanni nel 2012, vince l'oro del mond (continua)

Lilli Gelmini vince Ledroman Triathlon Sprint 1h06’32”, record femminile gara

Lilli Gelmini vince Ledroman Triathlon Sprint 1h06’32”, record femminile gara
Domenica pomeriggio 11 luglio 2021 ha avuto luogo la 8^ edizione del triathlon sprint Ledroman. Tra le donne Lilli Gelmini (707 Team Minini) ha vinto la prova femminile in 1:06:32 nuovo record femminile sulla gara, precedendo Francesca Crestani (CY Laser Tri Schio) 1h08’57” e Chiara Cavalli (Cus Parma). Fortissima Gelmini nelle tre frazioni, soprattutto nuoto e bici, e ottime le transizioni. Tra gli uomini il vincitore è stato Davide Uccellari (Fiamme Oro) in 58’43 precedendo Jacopo Butturini (CUS Verona) 1h00’04” e Mattia Zontini (Raschiani Triathlon) 1h01’44”. Ottima la frazione di corsa di Uccellari in 15’47”. Di seguito approfondiamo la conoscenza di Lilli attraverso risposte ad alcune mie domande post gara. Ciao Lilli, complimenti per la vittoria, te l'aspettavi? Ci hai lavorato e come? Non mi aspettavo di vincere perché ho deciso all'ultimo momento di partecipare alla gara solo per fare un po' di ritmo gara prima delle prossime competizioni, però una volta fischiata la partenza mi sono sentita subito bene e ci ho creduto fino al traguardo. Mio papà è praticamente sempre presente alle gare e il suo supporto è fondamentaleMatteo SIMONE Domenica pomeriggio 11 luglio 2021 ha avuto luogo la 8^ edizione del triathlon sprint Ledroman. Tra le donne Lilli Gelmini (707 Team Minini) ha vinto la prova femminile in 1:06:32 nuovo record femminile sulla gara, precedendo Francesca Crestani (CY Laser Tri Schio) 1h08’57” e Chiara Cavalli (C (continua)

Anna Arnaudo, 10.000m Europei U23, argento e record nazionale U23

Anna Arnaudo, 10.000m Europei U23, argento e record nazionale U23
Il 9 luglio 2021, Anna Arnaudo ha conquistato la medaglia d’argento sui 10.000 metri ai Campionati Europei under 23 a Tallinn (Estonia). La vincitrice è stata Jasmijn Lau in 32’30”49 seguita da Anna Arnaudo che ottiene il suo Personal Best e record Under 23 in 32’36”98 (il precedente di 32:38.96 era di Allison Rabour del 1989) al terzo posto si classifica Lisa Oed 33’35”99, sfiora il podio Gaia Colli che comunque ottiene il suo Personal Best 33’44”90. Di seguito approfondiamo la conoscenza di Anna attraverso risposte ad alcune mie domande, la mattina prima della gara. Complimenti per la convocazione in nazionale, ti senti pronta? Assolutamente sì. Sono tranquilla ed è una bellissima sensazione perché so che ho la possibilità di onorare la maglia azzurra. È l'ultima gara di una stagione che è andata molto beneMatteo SIMONEPsicologo, Psicoterapeuta Il 9 luglio 2021, Anna Arnaudo ha conquistato la medaglia d’argento sui 10.000 metri ai Campionati Europei under 23 a Tallinn (Estonia). La vincitrice è stata Jasmijn Lau in 32’30”49 seguita da Anna Arnaudo che ottiene il suo Personal Best e record Under 23 in 32’36”98 (il precedente di 32:38.96 (continua)

Sandro: Grazie alla generosità degli atleti dell'Atletica La Sbarra ho iniziato a correre

Sandro: Grazie alla generosità degli atleti dell'Atletica La Sbarra ho iniziato a correre
Prossimi obiettivi a breve, medio, lungo termine? Sogni da realizzare e realizzati? “Nel breve: percorrere 1 km lanciato in 4:00/4:15. Nel medio: migliorare notevolmente le prestazioni che ho ottenuto nelle mie 2 gare. Nel lungo: vincere una gara. Sogni da realizzare: insidiare i record sui 5.000 e 10.000 di Salvatore Antibo. Sogni realizzati: per me il semplice fatto di aver corso in gara è già un sogno realizzato. Vorrei ringraziare tutti gli atleti che mi hanno aiutato a raggiungere questo sogno. Grazie amici ve ne sono riconoscente. Sandro M.". Un’intervista a Sandro è riportata nel mio libro “Sport benessere e performance. Aspetti psicologici che influiscono sul benessere e performance dell’atleta”, edito da Prospettiva Editrice. Sandro: Essendo io un ipovedente era impensabile correre per meMatteo SIMONE380.4337230 - 21163@tiscali.it Ti sei sentito campione nello sport almeno un giorno della tua vita? “Io sono un neo sportivo, ho iniziato a correre da 2 mesi, ma in 2 occasioni mi sono sentito un campione: 1 metro dopo il traguardo delle mie 2 uniche prime gare (Staffetta 12x30 e maratonina 10km). Non avevo mai p (continua)