Home > Economia e Finanza > Tutti parlano d’innovazione ma la mappa non è il territorio

Tutti parlano d’innovazione ma la mappa non è il territorio

scritto da: AIDR | segnala un abuso

Tutti parlano d’innovazione ma la mappa non è il territorio

In un mondo che si trasforma rapidamente e rende la realtà sempre più mutevole e inafferrabile appare evidente che innovare prodotti, processi o servizi sia un passaggio fondamentale per poter rimanere competitivi e creare il futuro dell’impresa.


di Sandro Zilli, Innovation Manager – Resp. Osservatario AIDR Innovazione e Crescita Digitale

 Il termine Innovazione è uno dei più utilizzati per indicare non solo tutto ciò che rappresenta la novità ma anche tutto un insieme di azioni di cui oggi le organizzazioni hanno bisogno per rispondere adeguatamente alle sfide imposte dal cambiamento. In un mondo che si trasforma rapidamente e rende la realtà sempre più mutevole e inafferrabile appare evidente che innovare prodotti, processi o servizi sia un passaggio fondamentale per poter rimanere competitivi e creare il futuro dell’impresa.

Ma cosa s’intende per innovazione? Quanto è diffusa la propensione ad innovare nelle imprese ed in che modo le aziende si stanno avvicinando a questo processo?

Sebbene la parola innovazione risulti essere tra le più usate, e forse anche tra le più abusate, sia nei discorsi dei politici, degli imprenditori, sia nelle previsioni del futuro operate da fantomatici guru, in pochi la utilizzano nel modo corretto e ne conoscono l’effettivo significato.

Nelle organizzazioni, spesso il concetto di innovazione è considerato un termine astratto, come un qualcosa che riguarda gli altri. Alcuni manager e imprenditori pensano che l’innovazione sia solo quella dei grandi cambiamenti o delle invenzioni che hanno trasformato completamente un mercato. In altri casi, l’innovazione viene fatta coincidere con l’acquisto della tecnologia e ancora, in altre circostanze l’innovazione viene confusa con le migliorie di qualche processo.

Ma l’innovazione è cosa più rilevante. Essa consiste nel vedere le cose da punti di vista diversi da quelli soliti a cui siamo abituati; è distanziarsi dalla tradizione e dalla pratica comune, è alterare l’ordine delle cose stabilite per fare cose nuove. Essa riguarda l’introduzione di nuovi processi, nuove modalità di fare business, di progettazione, di produzione, di marketing, di organizzazione e molto altro ancora. Questo è il significato di innovazione: creare un cambiamento positivo nello stato delle cose esistenti.

Quello che spesso si tende a trascurare, quando si cerca di “fare innovazione”, è l’obiettivo finale: cioè creare valore per le persone, per gli utenti finali, i quali a loro volta sanciscono la bontà del “nuovo ordine” messo in campo.

Per fare innovazione concreta, bisogna ideare e proporre un servizio/prodotto o un processo che porti un vantaggio tangibile e quantificabile. L’innovazione funziona proprio così: passaggi che all’inizio risultano nuovi e complessi, e che grazie al perfezionamento della tecnologia in gioco entrano nella consuetudine.

In molti pensano che le aziende più innovative siano quelle che hanno la capacità di “creare la domanda” con nuove proposte rivoluzionarie e che puntano sull’effetto sorpresa che suscitano nelle persone. Queste persone dicono cose come: “Nessuno sapeva di aver bisogno di un iPhone fino a quando Apple non lo ha creato” oppure, “Apple ha dato origine ad esigenze che le persone non sapevano nemmeno di avere “, facendo così passare il messaggio che un’azienda per essere leader nell’innovazione, deve ingegnarsi per creare nuovi bisogni nei clienti. Apparentemente il concetto potrebbe anche funzionare, ma è una fallacia causata dalla confusione che si genera dalla mancata distinzione tra “le soluzioni basate sul prodotto” e “le esigenze dei clienti” ovvero la distinzione tra cosa compra un cliente e il perché lo compra. Ogni organizzazione, indipendentemente da ciò che fa, è alla costante ricerca di modi per aumentare il valore di ciò che offre. L’anticipazione e l’essere anticipatori sono strategie molto potenti con le quali è possibile aumentare il proprio valore complessivo; ciò deriva dalla comprensione più approfondita delle esigenze presenti e future dei clienti per sfruttare l’enorme impatto delle nuove tecnologie e delle trasformazioni dei mercati.

Theodore Levitt della Harvard Business School ha illustrato meglio questo principio quando ha detto: “Le persone non vogliono acquistare un trapano da un quarto di pollice. Vogliono un buco di un quarto di pollice”

Il trapano è una soluzione mentre l’esigenza del cliente è “realizzare un foro da un quarto di pollice”. Le esigenze dei clienti sono separate e distinte dalle soluzioni di prodotto.

Questa intuizione è l’approccio rivoluzionario all’innovazione del Job To Be Done (JTBD).  L’iPhone non ha creato la necessità di controllare la posta elettronica, fare telefonate, trovare informazioni su Internet e fare una miriade di altri lavori; ha semplicemente permesso alle persone di svolgere questi lavori meglio che mai.

Appare quindi evidente che per innovare efficacemente, è necessario partire dai bisogni e dalle aspettative delle persone. Per fare questo occorre mettersi nei loro panni e disporre di metodi e strumenti efficaci per sapere cosa pensano e vogliono e, da lì, valutare meglio il tipo di prodotti e servizi che più si adattano ai loro mutevoli interessi e necessità.

Nell’era della connessione, con le tecnologie digitali, i social media e le analisi predittive, le organizzazioni possono capire in modo tempestivo come i clienti stiano effettivamente utilizzando i loro prodotti, cosa funzioni e cosa no, oltre ad apprendere ulteriori informazioni e approfondimenti essenziali; questo aumenta la conoscenza dei clienti e le intuizioni che possono essere funzionali al business e alla intera organizzazione. Per prima cosa, la ricerca e lo sviluppo del prodotto possono concentrarsi meglio su ciò che realmente risponde alle necessità dei clienti; poi anche l’agilità può migliorare, poiché le aziende possono aggiornare rapidamente le funzionalità o adattare le successive release per soddisfare meglio i desideri e le mutevoli pratiche degli utenti.

Allo stesso modo, anche il marketing e la comunicazione ne traggono significativi vantaggi. Le informazioni, più complete e acquisite in tempo reale, guidano le organizzazioni verso il miglioramento degli sforzi per sensibilizzare e indirizzare i singoli segmenti dei loro target di riferimento. Invece di inondare il mercato con la stessa offerta, i team di marketing possono creare offerte personalizzate, orientate ad attirare specifici segmenti di clientela in target con la proposta, fornendo ancora più valore.

Ma tutto ciò non basta, perché in azienda, prima di ripensare i propri prodotti, è fondamentale lavorare innanzitutto sulla cultura dell’organizzazione e sul mettere a frutto l’asset più importante ovvero l’intelligenza diffusa delle persone, il loro sapere, le loro idee, la loro creatività; sono loro in contatto con il mercato ed i clienti e sono sempre  loro ad avere informazioni di prima mano per poter indirizzare le scelte strategiche ed  innovative.

I leader o manager, devono essere consapevoli che per molti, nella propria organizzazione, la creatività è uno sforzo privato. Per mantenere un’azienda creativa, non basta avere dentro persone di talento, ma occorre eliminare la paura di condividere le proprie idee, la paura del giudizio ed anche il timore di non ricevere il giusto credito laddove la propria idea venisse sviluppata.

Come si possono contrastare queste paure? Attraverso la cultura, l’invito alla partecipazione, la visione condivisa e il ricorso a metodologie innovative che permettano di usare l’interazione e la creatività delle persone per produrre nuove idee volte a risolvere problemi e generare valore.

In conclusione, per fare innovazione nel modo giusto, è fondamentale per leader e decision maker comprendere le implicazioni che essa ha nella crescita della propria organizzazione. La velocità del cambiamento impone infatti alle aziende di riconfigurarsi rapidamente puntando su cinque requisiti fondamentali per avere successo:

1.   Cultura dell’innovazione

2.   Creatività

3.   Abilità e competenze

4.   Nuove forme di leadership

5.   Agilità organizzative

 Le organizzazioni che maggiormente sapranno soddisfare questi requisiti, comprendendo anche la forte connessione tra cultura e innovazione digitale, potranno restare al passo con i tempi e conquistare il successo che meritano in un mercato in costante trasformazione.


Fonte notizia: https://www.aidr.it/tutti-parlano-dinnovazione-ma-la-mappa-non-e-il-territorio/


innovazione | imprese |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Parisflatlist: case vacanze a Parigi, un sito per turisti e non solo!


L’innovazione come leva dello sviluppo sostenibile


QUOTA 101 FA FIORIRE VINITALY


WOC 2014: A FOLGARIA LA SPRINT RELAY EMOZIONA ANCHE TECNICI E RAPPRESENTANTI FISO


"Eutopia


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

L’innovazione come leva dello sviluppo sostenibile

L’innovazione come leva dello sviluppo sostenibile
La cultura dell’innovazione, per tradursi in risultati concreti, necessita di un coinvolgimento a tutto tondo, che trasformi la struttura interna delle organizzazioni e tenga conto, come leva fondamentale, dell’approccio multi-stakeholder. Occorre incoraggiare lo spirito creativo e imprenditoriale delle persone, creare nuove skill, investire nei talenti così da favorire la generazione di nuove soluzioni. Stiamo vivendo un momento storico senza precedenti, caratterizzato dalla velocità e dall’imprevedibilità con cui avvengono i cambiamenti. D’altra parte, è anche un tempo utile in cui cogliere l’opportunità di realizzare quanto espresso negli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile 2030 delle Nazioni Unite ovvero: “costruire una infrastruttura resiliente e promuovere l’innovazione ed  (continua)

Tutelare l’identità online, approfondimento a Digitale Italia

Tutelare l’identità online, approfondimento a Digitale Italia
“Siamo noi a costruire il nostro IO digitale, condividendo in rete diverse informazioni. Per questo è necessario acquisire una nuova consapevolezza del valore della nostra identità digitale e del ruolo che questa assume tanto nella vita privata, quanto in quella professionale, e monitorarla con attenzione” ha sottolineato Gabriele Gallassi nel corso del suo intervento. “Per far questo, oggi abbiamo a disposizione nuovi innovativi strumenti che permettono, ad esempio la de-indicizzazione di quei contenuti che non ci rispecchiano più”. Galassi (Tutela Digitale): così possiamo difenderci online e tutelare la nostra reputazioneQuale percezione hanno gli altri della nostra identità in rete, in che modo possiamo cancellare le immagini online che non ci rappresentano, è possibile tutelarsi da contenuti lesivi della nostra reputazione? A Digitale Italia nuovo approfondimento legato ai temi della digitalizzazione. Ospiti del format web (continua)

I contenuti di valore: cosa paga davvero sui social

I contenuti di valore: cosa paga davvero sui social
Per una azienda, piccola o grande che sia, non basta la presenza, o almeno non basta più la semplice presenza, sui social bisogna andare oltre, creando contenuti di valore. Non ci sono scorciatoie, l’algoritmo che regola l’ecosistema Facebook, è impietoso: i contenuti in organico (quelli postati sui social senza adv) sono destinati ad ottenere una visibilità sempre più ridotta in favore di contenuti generati da profili privati. Allora come uscire dall’empasse, come emergere dal limbo della poca visibilità e fare davvero la differenza online? di Valentina Palmieri, giornalista – social media manager e socio AidrLa chiave del successo di una buona strategia di social media marketing passa da lì, non ci sono dubbi. Per una azienda, piccola o grande che sia, non basta la presenza, o almeno non basta più la semplice presenza, sui social bisogna andare oltre, creando contenuti di valore. Non ci sono scorciatoie, l’algoritmo che regola l’eco (continua)

Tempo di vendemmia… digitale

Tempo di vendemmia… digitale
Il rito della vendemmia è millenario, e per molti aspetti le azioni umane sono le stesse di sempre, ben rappresentante dalle formelle e dai bassorilievi dei “cicli delle stagioni” delle grandi cattedrali romaniche che infallibilmente associano il mese di settembre – nell’allora vigente calendario giuliano – al segno zodiacale della Bilancia ed alla raccolta delle uve. La vendemmia 2021 sta per concludersi, e con essa un arco temporale di vita fenologica caratterizzato, per buona parte delle regioni viticole europee, da fenomeni estremi che vanno dalla grande gelata primaverile del 7/8 aprile alla siccità estiva.Il rito della vendemmia è millenario, e per molti aspetti le azioni umane sono le stesse di sempre, ben rappresentante dalle formelle e dai bassorilievi (continua)

Mobilità e Transizione ecologica: Un lungo percorso per rinnovare le infrastrutture, cambiare le abitudini e rimettere a posto le cose

Mobilità e Transizione ecologica: Un lungo percorso per rinnovare le infrastrutture, cambiare le abitudini e rimettere a posto le cose
Nell’ambito della mobilità a preoccupare maggiormente è lo stato delle aree metropolitane, mentre riguardo alle aree extraurbane permane il forte squilibrio del trasporto su strada rispetto alle altre modalità di trasporto, soprattutto riguardo alle merci. Transizione energetica,  Transizione digitale, Transizione  verso nuove forme di mobilità: è iniziato un lungo cammino e dopo aver  ignorato per molto tempo i laceranti  gridi di allarme del Pianeta, è ora urgente cercare di rimettere a posto le cose.La transizione avviene però  in modalità “dinamica”  e, quindi,  in parallelo&n (continua)