Home > Sport > “LA MOSERISSIMA” NEL NOME DI ALDO. A TRENTO SI VA A SPASSO NEL TEMPO

“LA MOSERISSIMA” NEL NOME DI ALDO. A TRENTO SI VA A SPASSO NEL TEMPO

scritto da: Newspower | segnala un abuso

“LA MOSERISSIMA” NEL NOME DI ALDO. A TRENTO SI VA A SPASSO NEL TEMPO

La 6.a edizione de “La Moserissima” di sabato 10 luglio sarà dedicata alla memoria di Aldo Moser È stato il capostipite della dinastia Moser, un pezzo importante di storia del ciclismo mondiale Francesco Moser: “Dedicare ad Aldo la Moserissima è il minimo che possiamo fare” Iscrizioni aperte a 25 euro per rivivere il ciclismo di un tempo, nel nome di chi l’ha corso


Quest’anno la 6.a edizione de ‘La Moserissima’, ciclo pedalata in stile vintage organizzata da Trento Eventi Sport SSD e dall'APT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi, avrà un sapore molto particolare per la famiglia Moser. 

L’intera giornata della ciclostorica trentina di sabato 10 luglio sarà dedicata alla memoria di Aldo Moser, scomparso lo scorso 2 dicembre. Aldo era il più grande di dodici figli, capostipite di una dinastia che, nel corso degli anni, ha fatto la storia del ciclismo italiano e non solo. Percorrere le orme del ‘maggiore’ è stato l’obiettivo di altri tre fratelli, Enzo, Diego e Francesco, capaci di collezionare presenze tra i ‘pro’, vittorie incredibili, primati e prestigiose maglie, tra Grandi Giri e corse di un giorno. È Francesco Moser l’italiano con il maggior numero di vittorie in carriera in ambito ciclistico, il quale racconta l’importanza di Aldo sia nella famiglia che come esempio da seguire: “Aldo è stato colui che ha portato il ciclismo a casa nostra, il primo ad iniziare la carriera da professionista. Dopo di lui, hanno iniziato anche Enzo e Diego, fino al 1969 quando, sempre Aldo, mi ha convinto a provare a correre. Dedicargli la Moserissima è il minimo che possiamo fare”.

Di Aldo si ricordano le vittorie, della Coppa Agostoni nel 1954, del Trofeo Baracchi nel 1958 e 1959 e della Coppa Bernocchi nel 1963 solo per citarne alcune, delle corse con Fausto Coppi e Fiorenzo Magni, oltre all’immagine sofferta dell’8 giugno 1956 di uno stoico Aldo Moser tra due muri di neve mentre il Giro d’Italia transitava sul ‘suo’ Monte Bondone. Nella sua carriera riuscì ad indossare per due volte la Maglia Rosa e a rappresentare l’Italia in quattro edizioni dei Mondiali, ma per Francesco avrebbe potuto raccogliere più risultati di quanto fatto: “Io andavo sempre a vederlo, lo seguivo sulle corse. In carriera ha conquistato tanti piazzamenti, ma se fosse stato più veloce in volata avrebbe potuto vincere molte più gare”. 

È stato un esempio di umiltà, longevità e determinazione, un uomo che ha coronato il sogno di correre una stagione con i propri fratelli, alla Filotex nel 1973, prima di ritirarsi. Esempio di un ciclismo che purtroppo non c’è più, ma che è bene non dimenticare. Anche per Francesco il ciclismo dei giorni nostri è molto diverso da quello di un tempo, quando correvano i fratelli Moser: “Negli anni sono cambiate tante cose, le corse, le squadre, la mentalità dei corridori. Un tempo eravamo noi ciclisti a decidere cosa fare al momento, comandavamo noi in base a cosa accadeva in gruppo, mentre adesso è un ciclismo molto più esasperato e sembra che i corridori siano telecomandati. Forse per la gente era meglio prima”. 

Le iscrizioni a “La Moserissima” sono ancora aperte, con la quota di partecipazione fissata a 25 euro. Certo, il mondo del ciclismo professionistico guarda avanti e non potrà mai tornare indietro agli anni dei Moser, ma per chi ama ripercorrere e riassaporare il gusto di un ciclismo d’epoca fatto di manettini sul telaio e tubolari a tracolla, il consiglio è di passare a Trento sabato 10 luglio, quando da Piazza Duomo partirà la 6.a edizione de ‘La Moserissima’ – Memorial Aldo Moser, unica tappa del Giro d’Italia d’Epoca in Trentino-Alto Adige, con il fascino del vintage che rivivrà ancora nel nome di chi quel ciclismo l’ha vissuto per davvero.

Info: www.lamoserissima.it


Fonte notizia: http://www.newspower.it/LaMoserissima.htm


newspower | news54 | moserissima | francesco moser | aldo moser | ciclostorica | cicloturismo |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

A LUGLIO DEBUTTA “LA MOSERISSIMA” IL GIRO D’ITALIA D’EPOCA SBARCA A TRENTO


“MOSERISSIMA” E “CHARLY GAUL”, WEEK END DA LEGGENDA A TRENTO


Sabato retrò con “La Moserissima”, pedalate su bici d’acciaio assieme ai Moser


LA STORIA DEL CICLISMO PASSA DA TRENTO, SABATO DEBUTTA LA MOSERISSIMA


FRANCESCO MOSER E I “CAVALLI D’ACCIAIO”


“LA LEGGENDARIA CHARLY GAUL” A TRENTO, UN DECENNALE NEL SEGNO DI SPORT E CULTURA


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

MARCIALONGA: DI STORY… IN STORY. APERTURA ISCRIZIONI PER L’EVENTO CULT

 MARCIALONGA: DI STORY… IN STORY. APERTURA ISCRIZIONI PER L’EVENTO CULT
10 anni di Marcialonga Story, sabato 29 gennaio 2022, antipasto della Marcialonga Partenza dallo Stadio del Fondo di Lago di Tesero con arrivo a Predazzo Apertura ufficiale iscrizioni venerdì 29 ottobre Lo sci di fondo del presente e del passato nelle Valli di Fiemme e Fassa La Marcialonga è storia e tradizione dello sci di fondo, e non solo italiano. E di “Story” si parla ormai da 10 anni, con l’evento di una vigilia della Marcialonga delle Valli di Fiemme e di Fassa sempre vivace.Mancano poco più di tre mesi alla Marcialonga Story del 29 gennaio, che apre le iscrizioni per scrivere il decimo capitolo. La Marcialonga Story è nata nel 2013 come ‘limited edition’ per f (continua)

MARCIALONGA: SOGNO PER CAMPIONI E AMATORI. 70 KM DI PASSIONE IN VAL DI FASSA E IN VAL DI FIEMME

MARCIALONGA: SOGNO PER CAMPIONI E AMATORI. 70 KM DI PASSIONE IN VAL DI FASSA E IN VAL DI FIEMME
Pian piano si dispone l’attrezzatura per innevare i 70 km da Moena a Cavalese È la gara amata dai grandi campioni dello sci di fondo, con “ritorni” eccellenti Il 29 e 30 gennaio ce n’è per tutti i gusti con Light, Story, Baby, Mini, Young e Stars C’è ancora qualche posto, la corsa al pettorale sta per concludersi C’è un’equazione fissa che mette alla prova gli organizzatori della Marcialonga: basse temperature, produzione neve.È vero che il termometro in questo periodo fluttua su e giù dallo zero, è comunque tempo di spolverare i 26 ‘cannoni’ che gli uomini della mitica granfondo degli sci stretti, la cui 49.a edizione è in programma il 29 e 30 gennaio, hanno tolto dal magazzino. L’imperativo è iniziare la (continua)

FIVE HUNDRED, CINQ CENTS, FÜNFHUNDERT! MASSIMO IN 500 ALLA SGAMBEDA DI LIVIGNO

FIVE HUNDRED, CINQ CENTS, FÜNFHUNDERT! MASSIMO IN 500 ALLA SGAMBEDA DI LIVIGNO
Sono sempre di più gli iscritti alla prima gara di stagione del fondo Gli organizzatori livignaschi hanno stabilito il tetto massimo di 500 unità Da sabato 23 ci si potrà allenare sull’anello frutto dello snow farming La “superstar” Klaebo di nuovo a Livigno per la preparazione in altura della stagione Olimpica Da Pauli Siitonen, il finlandese che ha avuto l’intuito, a Bill Kock, l’americano che per primo sviluppò la nuova tecnica negli anni ‘70. Lo skating è una disciplina dello sci di fondo che piace, frizzante ed esplosiva.La prima opportunità di stagione di calzare gli sci stretti e fare a gara col cronometro in tecnica libera è la storica Sgambeda, che sabato 4 dicembre è pronta ad alzare il sipario (continua)

Curti e Beri sulle orme di Charly Gaul. Skiroll di Coppa Italia sul Monte Bondone

Curti e Beri sulle orme di Charly Gaul. Skiroll di Coppa Italia sul Monte Bondone
Seconda giornata del weekend di skiroll a Trento Luca Curti attende e poi scappa. Sul podio Tanel e Masiero Mortagna accende i giochi, poi paga e vince Beri davanti a Becchis Spettacolo dei giovanissimi. Organizzazione di Trento Eventi Sport e Team Futura Il Monte Bondone, la montagna di Trento per antonomasia, è sempre stato banco di prova per ogni genere di “scalatore”. Dalle auto alle moto, dalle bici al running, ma anche autentica “bestia nera” per gli skirollisti.Oggi confronto serrato sui tornanti del Bondone lungo quella salita che, non a caso, porta il nome di Charly Gaul, il lussemburghese che nel 1956 in una giornata da tregenda qui vinse (continua)

Il Sassolungo fa l'occhiolino ai runners. La 4.a Dolomites Saslong HM l'11 giugno

Il Sassolungo fa l'occhiolino ai runners. La 4.a Dolomites Saslong HM l'11 giugno
L’11 giugno 2022 quarta edizione della Dolomites Saslong Half Marathon Un percorso di 21 km e 900 m. di dislivello tra Val Gardena e Val di Fassa Iscrizioni online con Enternow, la quota base è di 50 euro 600 posti per un’occasione sportiva intorno al Gruppo del Sassolungo Alcuni atleti nella scorsa edizione di giugno, disputata comunque nonostante i disagi della pandemia, dicevano di non riuscire a concentrarsi in gara, tanto la vista li affascinava. C’è da crederci. Forse un po’ meno per Xavier Chevrier, favorito della vigilia, e Caterina Stenta, outsider vincente tra le donne, autori di una gara velocissima.E così dopo gli entusiasmi per il successo e i complimen (continua)