Home > Economia e Finanza > La «RETE RURALE SICILIANA» muove i primi passi. Primo incontro istituzionale con l’Assessore Gaetano Armao.

La «RETE RURALE SICILIANA» muove i primi passi. Primo incontro istituzionale con l’Assessore Gaetano Armao.

scritto da: LOsservatorio | segnala un abuso

La «RETE RURALE SICILIANA» muove i primi passi.  Primo incontro istituzionale con l’Assessore Gaetano Armao.

Il Presidente della Rete Santo Inguaggiato ha chiesto di aumentare significativamente la dotazione finanziaria a disposizione dei GAL, tra FEASR e PO FESR in ottica di CLLD, considerato che sono presenti su tutto il territorio regionale e intercettano gli innumerevoli fabbisogni provenienti dalle comunità, dalle imprese e dai Comuni rurali.


Si è tenuto ieri mattina il primo incontro istituzionale, in presenza, della “Rete Rurale Siciliana”. A ricevere il presidente Santo Inguaggiato è stato il Vice Presidente della Regione Siciliana e Assessore all’Economia, Gaetano Armao. All’incontro erano anche presenti Antonio Rini, Vice Presidente dell’ANCI Sicilia e Presidente del GAL Metropoliest e il Direttore del GAL ISC Madonie, Dario Costanzo.

Il Vice Presidente Armao ha voluto incontrare la Rete dei GAL per presentare il D.D.G. n. 54 del 30/04/2021 con il quale sono stati approvati gli schemi di circolare e i relativi allegati, atti a disciplinare la “chiamata a progetto” per la selezione degli interventi di digitalizzazione a valere sulle azioni 2.2.1, 2.2.3 e 2.3.1 del PO FESR 2014/2020 da parte dei Comuni dei 12 GAL beneficiari del CLLD, Community-Led Local Development.

La “Chiamata a progetto” mette a disposizione dei GAL 8 milioni di euro, gestiti dall’Autorità Regionale per l’Innovazione Tecnologica. L’Assessore Armao ha informato i GAL che le procedure saranno veloci e che i comuni saranno chiamati ad uno sforzo di celerità. In caso di carenza di organico dal punto di vista tecnico, il Dipartimento all’Economia metterà a disposizione adeguate professionalità, interne al Dipartimento stesso, per coadiuvare i Comuni nella predisposizione dei progetti.

Altre risorse, pari a 280 milioni di euro, sono già state individuate e saranno rese disponibili a breve per coprire i fabbisogni di digitalizzazione di tutte le altre aree non coperte dal CLLD.

La circostanza dell’incontro ha offerto la possibilità alla “Rete Rurale Siciliana” di rappresentare alcune criticità, già evidenziate nell’incontro con l’assessore Scilla, relative alla necessità di semplificazione delle procedure per favorire l’accelerazione della spesa, l’attivazione di tutte le azioni previste dal CLLD e il mancato riconoscimento del valore aggiunto dell’approccio Leader, stante l’attuale sistema di monitoraggio basato esclusivamente sulla spesa effettuata.

Sono state inoltre affrontate le problematiche relative all’attuazione della programmazione di transizione (2021/2022) e alla nuova programmazione comunitaria (2023/2027). In particolare è stato focalizzato il ruolo dei GAL quali soggetti intermedi della Programmazione comunitaria e sulla possibilità di potere agire quali vere e proprie Agenzie di sviluppo, capaci di dare il loro importante contributo al fine di qualificare e incentivare la spesa ed attuare progetti che favoriscano lo sviluppo e la coesione dei territori rurali.

A questo proposito il Presidente della Rete Santo Inguaggiato ha chiesto di aumentare significativamente la dotazione finanziaria a disposizione dei GAL, tra FEASR e PO FESR in ottica di CLLD, considerato che sono presenti su tutto il territorio regionale e intercettano gli innumerevoli fabbisogni provenienti dalle comunità, dalle imprese e dai Comuni rurali.

Il Vice Presidente Armao ha condiviso la proposta di accompagnare la crescita dei GAL siciliani e il loro consolidamento quali soggetti intermedi della programmazione comunitaria attraverso la presentazione di un apposito disegno di legge che definisca compiti e funzioni dei GAL.

L’ultima informazione, densa di significato, che il Vice Presidente Armao ha voluto comunicare alla “Rete Rurale Siciliana” è la sua designazione quale coordinatore delle Regioni italiane nell’interlocuzione con l’Unione Europea. Questo ruolo è di estrema importanza, vista la delicata procedura di negoziazione e concertazione alla quale le Regioni italiane, unitamente al Governo, saranno chiamate nei prossimi mesi.

rete rurale siciliana | gaetano armao |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

NASCE LA RETE RURALE SICILIANA CHE COINVOLGE TUTTI I GAL DELLA SICILIA.


Francesco Migliazzo nominato vice presidente regionale della Rete Rurale Siciliana


Buon Compleanno Rino! - Concerto il 29 Ottobre al Planet Live Club di Roma


LE INTERVISTE DI TALENT-TIME: GAETANO PARISE


#RinoGaetanoDay2021


Giuseppe Lasco Terna Sviluppo Sostenibile accordo con Regione Siciliana


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

L’UNIONE MADONIE AVVIA L’EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA IN ALCUNI COMUNI

L’UNIONE MADONIE AVVIA L’EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA IN ALCUNI COMUNI
Avviato dall’Unione Madonie il processo di efficientamento energetico degli impianti di illuminazione pubblica in alcuni comuni. L’intervento prevede un finanziamento di 2.108.000 di euro (Linea di Intervento 4.1.3 del PO FESR 2014/2020) e riguarderà i comuni di Caccamo, Collesano, Gangi, Geraci Siculo, Montemaggiore Belsito, Petralia Sottana, Scillato e Sclafani Bagni. “Il progetto cantierabile è già sul tavolo del Dipartimento Energia – annunciano il presidente Pietro Macaluso e l’assessore all’energia dell’Unione Michele Panzarella. Dopo mesi di lavoro e di continue revisioni ora contiamo nella rapida valutazione da parte dei funzionari regionali propedeutica all’emissione del relativo decreto di finanziamento. L’efficienza dell’illuminazione pubblica è m (continua)

Morning Light, un inno alla vita nella luce di Sicilia

Morning Light, un inno alla vita nella luce di Sicilia
Tende al surreale il calendario Morning Light realizzato da Acqua Geraci per il 2022. Ogni immagine scelta accompagna l’osservatore oltre ciò che vede attraverso spunti onirici fissati nei mesi dell’anno che verrà. Allo stesso tempo, negli scatti della fotografa Carla Sutera, le forme e i colori trasmettono in modo tattile l’abbagliare ed il calore del Mediterraneo mentre i soggetti femminili, a volte rimarcati in doppio, evocano l’essenza dell’anima di Sicilia. Se una ri (continua)

Strada di Piano Battaglia. Via libera alla realizzazione del progetto dell’Unione Madonie

Strada di Piano Battaglia. Via libera alla realizzazione del progetto dell’Unione Madonie
Firmato il decreto di finanziamento di 2.400.000,00 euro che interesserà la “S.P. 54 di Piano Battaglia e S.P. n.113 Circonvallazione di Piano Battaglia” Firmato il decreto di finanziamento per la sistemazione della “S.P. 54 di Piano Battaglia e S.P. n.113 Circonvallazione di Piano Battaglia”. L’Assessorato regionale alle Infrastrutture ha dato il via libera alla realizzazione del progetto presentato dall’Unione Madonie che consentirà di migliorare i livelli di accessibilità al patrimonio culturale e paesaggistico dell’area di Piano Battaglia (continua)

S.P. 119 POLIZZI GENEROSA - PORTELLA COLLA, inviato dall’UNIONE MADONIE il progetto definitivo all'Assessorato regionale alle infrastrutture e mobilità.

S.P. 119 POLIZZI GENEROSA - PORTELLA COLLA, inviato dall’UNIONE MADONIE il progetto definitivo all'Assessorato regionale alle infrastrutture e mobilità.
Si attende la firma del decreto per avviare l’iter per la realizzazione dei lavori di sistemazione. Inviato il progetto definitivo all’Assessorato regionale delle Infrastrutture e della Mobilità per l’emissione del decreto di finanziamento per la realizzazione dei lavori di sistemazione e messa in sicurezza della sede viaria della S.P. n. 119 Polizzi Generosa - Portella Colla, in tratti saltuari. Saranno, infatti, undici gli interventi che verranno realizzati lungo tutta la strada che ad og (continua)

AGROALIMENTARE, NASCE LA CONSULTA DEI DISTRETTI DEL CIBO.

AGROALIMENTARE, NASCE LA CONSULTA DEI DISTRETTI DEL CIBO.
Tra i distretti aderenti anche quello delle “Filiere e dei Territori di Sicilia in Rete” del quale fa parte il GAL Madonie. Nasce la Consulta dei Distretti del Cibo per affrontare tutti assieme la sfida della transizione verso un sistema Agroalimentare sostenibile del nostro Paese.La sottoscrizione dello Statuto della Consulta dei Distretti del Cibo è avvenuta giovedì scorso alla presenza del Ministro Stefano Patuanelli presso il Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali. Al tavolo si sono riu (continua)