Home > Altro > Mindfulness all’Isola d’Elba: ritrovare sé stessi grazie allo snorkeling

Mindfulness all’Isola d’Elba: ritrovare sé stessi grazie allo snorkeling

scritto da: GlobalTourist | segnala un abuso

Mindfulness all’Isola d’Elba: ritrovare sé stessi grazie allo snorkeling

Aumentare la percezione di sé stessi e la consapevolezza interiore sfruttando il contatto con il mare, meglio ancora se in un paradiso subacqueo


La parola mindfulness significa molto più che semplice consapevolezza, significa prestare attenzione a sé stessi e alla realtà che ci circonda nel momento presente. Questa tecnica, che mette insieme la meditazione buddista e le ricerche scientifiche più avanzate sullo stress, è oggi una pratica molto diffusa in occidente e viene sicuramente facilitata quando si entra in contatto con la natura che ci circonda in maniera completa e immersiva.

 

Tra gli elementi naturali che maggiormente aumentano la percezione di noi stessi amplificando la nostra consapevolezza interiore e il senso di benessere che ne deriva, c’è sicuramente l’acqua, meglio ancora se trasparente, calda e abitata da numerose varietà di pesci. All’Isola d’Elba esiste un luogo dove lo snorkeling e il diving sono pratiche diffuse e qui ci raccontano come proprio questo sport possa portare con sé numerosi benefici anche dal punto di vista psicologico, aiutando a prestare attenzione, con intenzione, al momento presente.

 

Maurizio Testa, elbano doc, si sveglia ogni mattina alle 7 e inizia la giornata con una nuotata di 1 km utilizzando lo snorkel – frontale o doppio – che permette di eliminare la fase di respirazione subacquea, permettendo di concentrarsi esclusivamente su sé stessi. “Nuotare utilizzando lo snorkel e la respirazione diaframmatica consente di immergersi completamente nel mondo sottomarino - ci racconta Maurizio Testa – permettendo di staccare completamente la spina e ritrovare un contatto più profondo con la natura e l’ambiente che ci circondano”. In base al tempo a disposizione e allo stress che vuole scaricare, Maurizio attraversa la baia di Capo Sant’Andrea a nuoto anche due volte al giorno: “Il fatto di poter nuotare in un ambiente sottomarino caratterizzato da stupendi ecosistemi aumenta esponenzialmente gli effetti benefici di questa pratica, che consiglio a chiunque venga a visitare la nostra Isola”.

 

Per chi volesse mettere in pratica questi consigli basterà immergersi lentamente in mare direttamente dalla spiaggia del Cotoncello, da cui a poche bracciate di distanza si sviluppa un vero e proprio paradiso subacqueo. Infatti, la conformazione della costa e dei fondali unitamente a una sensibile esposizione alle correnti marine regalano a Capo Sant’Andrea un ecosistema ricco già a breve distanza dalla spiaggia e almeno dieci itinerari di immersione differenti durante le quali sarà molto facile incontrare elegantissime aquile di mare, banchi di barracuda, dentici in caccia e cavallucci marini. Gli esperti locali sapranno poi fornirvi informazioni di biologia marina oppure aiutarvi ad approfondire questa particolare tecnica di respirazione che vi aiuterà a lavorare alla vostra consapevolezza interiore.

 

Ma la mindfulness non è solo una pratica di meditazione, è un modo di vivere che ci permette di essere pienamente noi stessi apprezzando la semplicità e il vivere la realtà che ci circonda con consapevolezza. In un luogo in cui turismo slow, tradizioni e natura la fanno da padrona, sarà molto facile abbracciare questo sentimento: regalatevi un massaggio all’aria aperta con solo il canto degli uccellini in sottofondo, gustate un aperitivo con prodotti rigorosamente elbani all’ombra di un corbezzolo gigante e circondati da fiori, cachi, rosmarini e cedri, godetevi il tramonto sulla spiaggia del Cotoncello o alle Coti Piane sulle note di una chitarra.

 

E per chi volesse concludere la giornata dormendo con solo il suono del mare in sottofondo, la suite dell’Hotel Ilio, la camera più vicina al mare di tutta l’Isola d’Elba, permette di addormentarsi guardando la luna che si specchia sul mare, con il suono delle onde a far da ninna nanna e solo 5 metri a separarvi dall’acqua.

 

© foto: RobertoRidi 

viaggiare | relax | hotel | lusso | mindfulness |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il Festival del Camminare all'Isola d'Elba


Nasce il nuovo sito web informativo sull'Isola d'Elba


Hotel Ilio, Isola d’Elba: il territorio che fa rete


Vacanze all’isola d’Elba? Tutto ciò che serve è su Welcomelba.it


Passare le vacanze all’Isola d’Elba


L’isola d’Elba, bellezza italiana


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Perché scegliere l’isola di Aruba per tornare a viaggiare a lungo raggio

Perché scegliere l’isola di Aruba per tornare a viaggiare a lungo raggio
Vi raccontiamo qualcosa di più su Aruba, piccola isola dei Caraibi del Sud elencata tra i possibili corridoi turistici presi in considerazione dal Governo Italiano Tra le destinazioni elencate dal ministro del Turismo Garavaglia per l’apertura dei corridoi turistici che permetterebbero di avviare la ripresa del turismo outgoing a lungo raggio, viene menzionata anche Aruba, piccola isola conosciuta come la One Happy Island e meta turistica ideale per chi vuole andare ai Caraibi. Ma dove si trova Aruba e perché sceglierla per il primo viaggio a lungo ragg (continua)

Natale in Vaticano: il presepe peruviano che mostrerà la ricchezza culturale del paese sudamericano

Natale in Vaticano: il presepe peruviano che mostrerà la ricchezza culturale del paese sudamericano
A partire dal 15 dicembre e per tutte le festività di Natale 2021, l'artigianato e l’arte peruviani saranno le protagoniste in Piazza San Pietro Il tradizionale presepe della comunità della regione Huancavelica di Chopcca, situata nel sud del Perù, sarà esposto in Piazza San Pietro a Città del Vaticano durante le prossime festività natalizie. A partire dal 15 dicembre, per 45 giorni, i devoti e i turisti di tutto il mondo assisteranno a questa rappresentazione senza precedenti che metterà il Perù in prima linea tra i fedeli.Si tratta (continua)

Trova il tuo angolo di paradiso privato ai Caraibi

Trova il tuo angolo di paradiso privato ai Caraibi
Calette appartate, spiagge nascoste e pittoreschi ritiri in mezzo alla natura: svelati i migliori angoli di Aruba per ritrovare sé stessi L’Isola di Aruba viene solitamente scelta per le sue spiagge pluripremiate, per il suo clima ideale tutto l’anno e per la variegata offerta di attività, che permette di vivere una vacanza rilassante ma anche ricca di esperienze e cose da fare. Tuttavia, dopo un periodo così complicato per tutti, molti viaggiatori sono soprattutto alla ricerca di una connessione più profonda con la natura e co (continua)

Machupicchu è la prima attrazione turistica al mondo a emissioni zero

Machupicchu è la prima attrazione turistica al mondo a emissioni zero
Il Perù ospita la prima meraviglia del mondo moderno certificata come Carbon Neutral, offrendo a tutti i suoi visitatori un'esperienza climaticamente responsabile e coerente con le grandi sfide del settore turistico e del pianeta Dichiarato Patrimonio Mondiale dell'Umanità nel 1983 e considerato una delle sette meraviglie del mondo moderno, Machupicchu è il sogno di molti viaggiatori. Questo magico Santuario Storico, testimonianza unica della civiltà Inca ed esempio di armonica interazione tra uomo e ambiente naturale, ha ottenuto la certificazione dalla Green Initiative come prima destinazione turistica al mondo a ze (continua)

Inaugurato il padiglione del Perù alla 17ª Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia

Inaugurato il padiglione del Perù alla 17ª Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia
È intervenuto l'architetto Felipe Ferrer, curatore della mostra rappresentante il Perù: “Playground: artefatti per interagire” Nell’ambito del vernissage organizzato dal Collettivo Curatori della 17esima Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia, il padiglione peruviano è stato inaugurato lo scorso fine settimana con una cerimonia intima condotta dal creatore della mostra, l'architetto Felipe Ferrer. Il curatore della mostra "Playground: artefatti per interagire" ha dato il via a una breve di (continua)