Home > Cultura > Bere durante l'adolescenza favorisce l'alcolismo da adulti

Bere durante l'adolescenza favorisce l'alcolismo da adulti

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Bere durante l'adolescenza favorisce l'alcolismo da adulti

Chi comincia a bere prima dei 15 anni di età, ha una probabilità 5 volte maggiore di diventare un alcolista da adulto.


L'alcool è una droga socialmente accettata: viene promosso da spot pubblicitari su tutti i media, viene servito a feste ed eventi, si consuma in tutti i ristoranti e le discoteche. Molte persone riescono a consumarlo con moderazione, ma resta il fatto che si tratta di una droga molto pericolosa, quella che causa più morti di ogni altra in tutto il mondo. È una sostanza che crea forte dipendenza, e ci sono molte persone che bevono in modo incontrollato e frequente.

Cosa porta all’abuso di alcool? Uno studio recente mostra che uno dei fattori che favoriscono l’alcolismo è il fatto di iniziare a bere in giovane età. È molto più probabile che le persone diventi un alcolista da adulto se un genitore o un amico lo ha invitato a bere alcool quando era un bambino o un ragazzo.

Alcuni genitori stanno effettivamente alimentando il problema consentendo o addirittura invitando i propri figli a bere alcolici. È diventato così socialmente accettabile che questa pare essere la nuova norma. Nei decenni passati i genitori spiegavano spesso ai loro figli i pericoli dell'alcool, e le statistiche mostrano la differenza.

Anche se il consumo di alcool da parte di minorenni resta illegale, negli Stati Uniti l'11% dell'alcool viene consumato da persone tra 12 e 20 anni. E di quei bevitori minorenni, una gran parte beve in modo incontrollato.

Un altro recente sondaggio ha mostrato che il 42% degli studenti delle scuole superiori ha bevuto alcolici negli ultimi 30 giorni. Tra questi il 24% ha bevuto in modo sregolato negli ultimi 30 giorni, un altro 10% ha guidato dopo aver bevuto, mentre il 28% ha guidato nell'auto di qualcuno che aveva bevuto.

Ecco alcuni dei pericoli legati all’abuso di alcool di cui i genitori dovrebbero informare i propri figli: problemi scolastici come voti scarsi e difficoltà di concentrazione, violenza con i coetanei, arresti per guida in stato di ebbrezza, ferimento di qualcuno mentre era ubriaco, varie malattie, esperienze sessuali indesiderate, violenza fisica e sessuale, un maggiore rischio di suicidio e omicidio, alterazioni nello sviluppo del cervello che causeranno effetti negativi più avanti nella vita, morte per avvelenamento da alcool.

Il dato statistico interessante è che le persone che iniziano a bere prima dei 15 anni hanno una probabilità cinque volte maggiore di avere dipendenza da alcool da adulti, rispetto alle persone che iniziano a bere dopo i 21 anni.

“Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga, l’alcool e l’abuso di farmaci non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o abuso di alcool.

Le attività di Mondo Libero dalla Droga consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”

Giovanni Trambusti

“Mondo Libero dalla Droga” Toscana


Fonte notizia: https://www.noalladroga.it/


Scientology | Droga | L Ron Hubbard | Mondo libero dalla droga | alcool |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Adderall: soluzione per passare gli esami, o tossicodipendenza?

Adderall: soluzione per passare gli esami, o tossicodipendenza?
Molti studenti fingono i sintomi dell’ADHD (iperattività e deficit di attenzione) per farsi prescrivere l’Adderall, un anfetamina, allo scopo di sballarsi o rivenderlo. La scuola, l’università possono essere molto stressanti. La pressione degli esami e delle scadenze può risultate eccessiva per alcuni, e a volte fare le ore piccole o passare l’intera notte a studiare può essere necessario per chi cerca di tenere il passo. Gli studenti facevano affidamento sul caffè per rimanere svegli e vigili, ma oggi il termine "stimolante" ha assunto un nuovo significato: (continua)

L’abuso di droga sul posto di lavoro

L’abuso di droga sul posto di lavoro
Nelle aziende l’abuso di droga costituisce un problema serio per imprenditori e colleghi: non solo causa perdite economiche importanti, ma compromette la sicurezza sul lavoro. L'abuso di sostanze non riguarda solo la salute del tossicodipendente, ha anche un verto impatto economico. Infatti, i dipendenti inattivi o improduttivi costringono i datori di lavoro ad affrontare l'abuso di sostanze poiché il problema assume conseguenze finanziarie. I datori di lavoro sempre più spesso si ritrovano tossicodipendenza all’interno della loro impresa. E le conseguenze non so (continua)

L’abuso di farmaci tra gli adolescenti

L’abuso di farmaci tra gli adolescenti
Sempre più studenti fingono sintomi psichiatrici per farsi prescrivere legalmente anfetamine, che vengono poi usate per sballarsi o rivendute. In seguito a diagnosi psichiatriche discutibili, a molti adolescenti vengono prescritti farmaci per l’ADHD, sindrome da iperattività e deficit di attenzione. Tali farmaci appartengono alla famiglia delle anfetamine e hanno effetti simili alla cocaina, i più noti sono Ritalin e Adderall. Uno dei problemi relativi a queste prescrizioni, oltre al fatto che si tratta di vere e proprie droghe, è (continua)

La dipendenza dalle droghe sintetiche

La dipendenza dalle droghe sintetiche
La “marijuana sintetica” non è marijuana, i “Sali da bagno” non sono cristalli colorati per aromatizzare l’acqua: si tratta di nuove e pericolose sostanze tossiche create in laboratorio. È abbastanza ovvio che non esistono "buone dipendenze" quando si tratta di droghe. Non importa se si tratta di alcol, eroina, farmaci prescritti, marijuana o cocaina: ogni dipendenza è distruttiva per la vita, gli obiettivi, la concentrazione, la stabilità mentale e l'integrità personale di una persona. Droghe e alcol sono distruttivi anche per la salute e le relazioni interpersonali. Quan (continua)

La diffusione delle droghe sintetiche tra gli adolescenti

La diffusione delle droghe sintetiche tra gli adolescenti
Negli ultimi hanno le droghe sintetiche hanno avuto un boom di diffusione: marijuana sintetica, herbal ecstasy, sali da bagno. Molte e diverse sono le droghe che vengono abusate dagli adolescenti di oggi. Alcune di queste sostanze hanno avuto un picco di diffusione proprio negli ultimi dieci anni: marijuana, eroina, abuso di farmaci da prescrizione e alcol sono attualmente utilizzati da un numero record di giovani. Ma abbiamo assistito alla nascita di una nuova famiglia di “droghe di razza” che non ha ricevuto l'at (continua)