Home > Cultura > Il passaggio dalla marijuana all’abuso di farmaci

Il passaggio dalla marijuana all’abuso di farmaci

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Il passaggio dalla marijuana all’abuso di farmaci

È noto che la grande maggioranza dei tossicodipendenti ha cominciato con la marijuana; un recente studio ha evidenziato il legame tra abuso di marijuana e futuro abuso di farmaci antidolorifici.


Un recente studio dell’Università di Yale, pubblicato sul Journal of Adolescent Health, ha concluso che la marijuana è una droga di passaggio, ovvero che il suo consumo favorisce la transizione verso droghe più potenti e pericolose.

Lo studio si è concentrato sui dati del National Survey on Drug Use and Health degli anni tra il 2006 e il 2008 di giovani tra i 18 e 25 anni. Il risultato dell’indagine ha evidenziato che, tra chi abusava correntemente di antidolorifici, il 34% aveva un passato di abuso di marijuana. Leggendo il dato in maniera diversa, lo studio afferma che chi abusa di marijuana ha una probabilità 2.5 volte superiore di abusare di farmaci antidolorifici in futuro.

Un altro problema legato alla marijuana è che, decennio dopo decennio, diventa sempre più potente, e quindi “meno leggera”.

Il progetto di monitoraggio della potenza della marijuana dell'Università del Mississippi ha testato migliaia di campioni di piante di cannabis sequestrate. I ricercatori hanno scoperto che nella maggior parte dei campioni il livello di THC (la sostanza chimica nella marijuana che produce lo sballo) raggiungeva il 15 o il 16 percento, ma alcuni campioni avevano livelli superiori al 30 percento. Si tratta di un enorme aumento rispetto al 4% di THC che si trovava nella marijuana negli anni ‘80. Poiché la marijuana è una delle prime droghe comunemente sperimentate dagli, non c'è da meravigliarsi del perché molti decidono di passare ad altre droghe più pesanti: una volta sperimentato uno sballo già così forte, la transizione verso altre droghe più forti non è così difficile o temuto.

Ci sono molti segnali da tenere d'occhio se temi che un amico o una persona cara stia usando marijuana: possono comportarsi in modo ridicolo o sciocco senza una ragione apparente, possono apparire storditi e avere difficoltà a mantenere l'equilibrio, molto probabilmente avranno occhi rossi e iniettati di sangue, pupille dilatate, potrebbero sentirsi molto affamati o assonnati. Potresti anche trovare prove concrete dell'uso della droga, come pipe e cartine o persino l’erba stesa.

Alcuni cambiamenti nel comportamento di chi abusa di marijuana: allontanamento da amici e familiari, stanchezza costante, depressione, mancanza di igiene personale, ostilità verso persone, cambiamenti nel rendimento scolastico, perdita di interesse per le attività preferite, cambiamenti nelle abitudini alimentari o del sonno, ansia, deterioramento nell'aspetto.

Chi fuma marijuana quotidianamente può sviluppare forte dipendenza da questa droga: quando ciò accade, si ha un bisogno spasmodico di fumare solo per sentirsi normali e passare la giornata.

L'uso a lungo termine può causare molti problemi ed effetti negativi, tra cui la perdita di memoria e altri decadimenti cognitivi come la capacità di apprendere e risolvere i problemi.

“Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga e l’alcool non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o si abusi di alcool.

Le attività di “Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”

Giovanni Trambusti

“Un Mondo Libero dalla Droga” Toscana


Fonte notizia: https://www.noalladroga.it/


Scientology | Droga | L Ron Hubbard | Un mondo libero dalla droga | marijuana | cannabis | droga di passaggio |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Abuso di farmaci prescritti per sballarsi o auto-curarsi


La verità sull’abuso di FARMACI PRESCRITTI


RIMINI: INFORMARE I GIOVANI SUGLI DEVASTANTI EFFETTI DELLA MARIJUANA


Cosa crea l'abuso di FARMACI?


L’ABUSO DI FARMACI


L'abuso di farmaci delle persone anziane


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il Motogiro Nazionale di “Dico no alla droga” fa tappa a Firenze e Pisa

Il Motogiro Nazionale di “Dico no alla droga” fa tappa a Firenze e Pisa
Firenze e Pisa saranno le prime tappe del Primo Motogiro Nazionale “Mettiamoci in moto per un Italia Libera dalla Droga” organizzato dall’associazione Dico No alla Droga. A Firenze il Motogiro si fermerà a Piazzale Michelangelo, lunedì 30 agosto alle 16:30 circa, dove riceverà il saluto del Consigliere Comunale Federico Bussolin. La tappa di Pisa sarà effettuata in collaborazione con l’associazione Gruppo Il Ponte San Patrignano, e con la Pubblica Assistenza Litorale Pisano che hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa.Nel dettaglio il Motogiro passerà da Pia (continua)

Reggere bene l’alcool è una predisposizione all’alcolismo

Reggere bene l’alcool è una predisposizione all’alcolismo
Molti si vantano di “reggere bene l’alcool”, ma questa capacità porta a bere di più e quindi a maggiori rischi per salute, incidenti e alcolismo. Le persone che bevono alcolici regolarmente, alle feste, al bar o a casa, spesso si vantano della loro capacità di “reggere l’acool”. Sia che facciano per “essere dei duri” o che siano orgogliosi reggerlo più dei loro amici, queste persone spesso faranno sfoggio del fatto gli ci vogliono più drink per ubriacarsi, o che sono in grado di consumare abbondanti quantità di alcol senza soffrire di (continua)

Bambini nati tossicodipendenti da madri inconsapevoli

Bambini nati tossicodipendenti da madri inconsapevoli
Bambini nati tossicodipendenti da madri inconsapevoli Un numero crescente di bambini nasce già dipendenti dalle droghe, e non sempre la causa è una madre tossicodipendente. Il quotidiano di Nashville “The Tennessean” ha recentemente pubblicato un rapporto su una preoccupante tendenza: sempre più bambini nascono nell'inferno della “sindrome da astinenza neonatale”, una condizione che si verifica quando una madre usa antidolorifici oppiacei (farmaci legali prescritti ma simili all’eroina e alla morfina) durante il corso della gravidanza. Il bambino diventa dipende (continua)

Prevenzione alla droga negli stabilimenti balneari

Prevenzione alla droga negli stabilimenti balneari
I volontari dell’associazione Mondo Libero dalla Droga hanno visitato 14 bagni del litorale di Tirrenia e Marina di Pisa distribuendo materiale informativo sui pericoli delle droghe. La droga non va in vacanza e chi ne abusa continua a cercarla anche durante il soggiorno nelle località balneari. Gli spacciatori lo sanno, e durante l’estate si spostano sulla costa per rifornire i vacanzieri che cercano lo ‘sballo’ a tutti i costi o che altrimenti andrebbero in crisi di astinenza. I volontari dell’associazione internazionale “Mondo Libero dalla Droga” si sono mobilitati (continua)

L'abuso di farmaci è secondo solo alla marijuana

L'abuso di farmaci è secondo solo alla marijuana
Nel mondo della tossicodipendenza, l’abuso di farmaci è ormai come diffusione al secondo posto dietro alla marijuana I farmaci prescritti fanno parte della vita di milioni di persone, negli Stati Uniti il 48% delle persone assume almeno un farmaco con regolarità, mentre l'11% assume cinque o più farmaci ogni mese. Particolarmente comune tra questi farmaci è il Vicodin, un antidolorifico oppiaceo che ora è il farmaco più comunemente prescritto negli Stati Uniti. Solo nel 2010 sono state scritte più di 130 mi (continua)