Home > Informatica > Trovare un equilibrio tra innovazione e protezione dei cittadini: la soluzione proposta da Pompeo Pontone

Trovare un equilibrio tra innovazione e protezione dei cittadini: la soluzione proposta da Pompeo Pontone

scritto da: Articolinews | segnala un abuso

Un recente articolo di “EUreporter” riaccende il dibattito sulla gestione dell’intelligenza artificiale da parte di persone e imprese dell’Unione Europea: l’esperto Pompeo Pontone si esprime sull’argomento


Pompeo Pontone, Investor e Investment specialist, con all'attivo diversi progetti di Fintech e Data Science, fornisce la sua analisi sul complesso equilibrio tra benefici e rischi legati all'intelligenza artificiale.

L'AI nella vita di tutti i giorni: le riflessioni di Pompeo Pontone

L'intelligenza artificiale è riuscita, oltre che a farsi sempre più sofisticata, a divenire parte integrante delle piccole azioni che le persone compiono nella loro vita quotidiana. Si parla di una vera e propria rivoluzione del modo di vivere che si va modellando man mano che l'AI avanza. L'esperto evidenzia infatti come stia "modificando anche la vita delle persone comuni, ad un livello che va al di là di quanto si possa comprendere". Se un tempo tale tecnologia era utilizzata solo in alcuni campi, sono già diversi anni che è "impiegata in quasi tutti i settori dell'economia": dalle infrastrutture all'agroalimentare, dal manifatturiero alla pubblica amministrazione. Insomma, nessun ambito è escluso. Ed il fatto che oggigiorno l'intelligenza artificiale venga ormai adoperata nella maggior parte dei settori, per Pompeo Pontone indica chiaramente che sia arrivato il momento di "individuare un giusto equilibrio tra i vantaggi che derivano dall'innovazione e la protezione dei cittadini".

Pompeo Pontone: la necessità di un quadro normativo che protegga i cittadini

Recentemente è stato pubblicato un articolo sul magazine digitale "EUreporter" con un focus sulla gestione dell'intelligenza artificiale all'interno dell'Unione Europea, in modo da garantire la sicurezza dei cittadini senza frenare l'avanzamento dell'AI e precludersi quindi i benefici che ne derivano. L'unica soluzione affinché questo avvenga consisterebbe nell'elaborazione di una serie di norme ad hoc che regolino le modalità in cui persone e imprese si approcciano a tale tecnologia e il rapporto con la protezione dei dati. Pompeo Pontone ritiene infatti che sia fondamentale "sviluppare quanto prima un quadro normativo completo e chiaro sull'intelligenza artificiale", in particolar modo "nelle cosiddette applicazioni dell'intelligenza artificiale ad alto rischio". L'anno scorso, il dibattito sulla questione ha spinto la Commissione Europea a elaborare un White Paper, nel quale sono state inserite proposte di regolamentazione avanzate da tutte le parti interessate, per fornire una base al quadro normativo.


Fonte notizia: https://www.tecnologia-web.info/2021/04/23/intelligenza-artificiale-tra-benefici-e-protezione-dei-cittadini-lanalisi-di-pompeo-pontone/


Pompeo Pontone |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Dati del contagio, Pompeo Pontone illustra la ricerca di Singapore


Politica monetaria, focus di Pompeo Pontone sugli strumenti della Fed


Unicredit, Fineco e Mps: l’esperienza professionale di Pompeo Pontone


Pompeo Pontone: “L’attuale pandemia potrebbe costare oltre 3 trilioni di dollari”


ADORABILE è il singolo che anticipa il nuovo album di DANTE PONTONE


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Fondazione Cariplo, l’appello di Andrea Mascetti: “Italia uno dei Paesi in cui si legge di meno”

Fondazione Cariplo, l’appello di Andrea Mascetti: “Italia uno dei Paesi in cui si legge di meno”
Andrea Mascetti evidenzia come l’Italia risulti essere uno dei Paesi con meno lettori: per il Coordinatore della commissione Arte e Cultura della Fondazione Cariplo una delle cause è la presenza di una tecnologia sempre più invadente Una delle ultime iniziative di Fondazione Cariplo è stata dedicata alla promozione della lettura. Per gli italiani un'attività sempre meno importante, ha sottolineato Andrea Mascetti, a capo della Commissione Arte e Cultura della Fondazione.Andrea Mascetti: "Anno dopo anno si continuano a perdere lettori"Nell'ultimo anno e mezzo, tra pandemia e crisi economica, pochi in Italia si sono accorti (continua)

Un successo il progetto di T2i admin4D sullo Smart manifacturing

Il 30 aprile si è ufficialmente concluso il progetto ADMIN4D additive manufactoring & industry 4.0 as innovation driver, promosso dalla rete IMPROVENET, di cui t2i è partner attivo. La mission della rete IMPROVENET consiste nell’aumentare la diffusione delle tecnologie ICT nel tessuto industriale regionale, al fine di rendere le aziende più competitive, produttive e reattive alle necessità del (continua)

Ancora incertezze sulla Riforma della Riscossione: Massimo Rizza chiarisce alcuni dubbi

Ancora incertezze sulla Riforma della Riscossione: Massimo Rizza chiarisce alcuni dubbi
Si fa sempre più evidente la necessità di una Riforma della Riscossione: Massimo Rizza prova a fare chiarezza sui dubbi e sulle incertezze Mentre il Governo si prepara a decidere sulla Riforma della Riscossione, Massimo Rizza prova a fare il punto della situazione sulla riforma fiscale che potrebbe interessare parecchi contribuenti.Massimo Rizza spiega perché è importante una Riforma della RiscossioneUltimamente si sente parlare sempre con maggiore insistenza della cosiddetta Riforma della Riscossione, che di fatto rapprese (continua)

Massimo Malvestio: il Veneto che cambia, l’editoriale del 2005 sulla Coldiretti

Massimo Malvestio: il Veneto che cambia, l’editoriale del 2005 sulla Coldiretti
Massimo Malvestio: su “Venezie Post” l’editoriale del 2005 in cui l’avvocato ed editorialista ripercorre la storia della Coldiretti in Veneto, analizzandone le ragioni del progressivo indebolimento La Coldiretti che fu: il focus dell'avvocato Massimo Malvestio nell'editoriale scritto a gennaio 2005 per "Nordesteuropa" in seguito alla sconfitta dell'associazione nelle elezioni dei consorzi di bonifica.C'era una volta la Coldiretti: l'editoriale del 2005 di Massimo MalvestioEra la più potente, la più numerosa e la più disciplinata organizzazione collaterale alla Democrazia Cristiana: (continua)

Gruppo Green Power: i servizi attivi per Superbonus ed Ecobonus 65% e 50%

Gruppo Green Power: i servizi attivi per Superbonus ed Ecobonus 65% e 50%
Gruppo Green Power è attiva nell’efficientamento energetico: per Ecobonus e Superbonus l’azienda ha scelto di offrire un supporto dedicato a chi vuole ottenere tali agevolazioni Il Governo italiano ha deciso di estendere la durata delle due agevolazioni: Gruppo Green Power è in grado di soddisfare le esigenze di chi intende ancora approfittare delle detrazioni in tema di efficienza e consumi energetici.Gruppo Green Power: i dettagli per ottenere il Superbonus 110%Tra requisiti, verifiche e autorizzazioni, spesso risulta complesso accedere alle agevolazioni previ (continua)