Home > Altro > Diagnosi mancante o tardiva: quando il medico è responsabile

Diagnosi mancante o tardiva: quando il medico è responsabile

scritto da: Avv. Angelo Ascanio Benevento | segnala un abuso

Diagnosi mancante o tardiva: quando il medico è responsabile

Un male incurabile non lo assolve dall'obbligo di una valutazione appropriata.


Il medico può rispondere dei danni conseguenti all’omessa o tardiva diagnosi anche nel caso in cui la patologia sia incurabile. 

È quanto si ricava dalla sentenza della Corte di Cassazione numero 16993, datata 20 agosto 2015.
Il Collegio si è pronunciato sul caso di una signora, poi deceduta, che aveva patito dei danni in conseguenza di un’omessa diagnosi per un carcinoma all’utero.

La Corte d’Appello aveva in un primo tempo negato che la condotta del medico potesse essere stata causa dei sintomi sofferti dalla paziente. Ma la Cassazione ha rilevato una violazione dei principi che regolano il campo della responsabilità per i danni conseguenti alla perdita della possibilità di vivere per un periodo di tempo in più (anche breve) rispetto a quello poi effettivamente vissuto. Un campo in cui rientrano la perdita di chance di conservare una ‘migliore qualità della vita’ o integrità psico-fisica durante il decorso della malattia (e di alleviare quindi le sofferenze e il dolore), e anche la mera facoltà di scegliere, alla stregua delle conoscenze mediche del tempo, ‘cosa fare’ per fruire della salute residua fino all’esito infausto.

Nel merito, la Cassazione ha appurato che il comportamento assunto dal medico in questione non era stato improntato alla dovuta diligenza, essendosi ‘con certezza’ accertato che il carcinoma era già presente al momento delle visite. L’approccio diagnostico del camice bianco fu quindi ‘insufficiente’ tenuto conto che, quantomeno in occasione del terzo controllo o del quarto, il quadro patologico della paziente andava approfondito (con l’effettuazione di esami diagnostici quali il pap test, la colposcopia e la biopsia della cervice uterina).

La Cassazione ha così affermato che non è possibile negare un risarcimento per la sofferenza patita dalla paziente durante l’agonia prima di morire, sostenendo che “poco o nulla sarebbe cambiato circa il decorso clinico, con specifico riferimento alla forma tumorale, particolarmente maligna e aggressiva”. In altre parole, anche in presenza di una grave patologia dalla progressione particolarmente rapida e tumultuosa e destinata a sfociare in un ineluttabile decesso del paziente, la tempestività della diagnosi è ritenuta ‘utile’ in termini di interventi palliativi o altro.

Avv. Angelo Ascanio Benevento

Elenco Speciale 

Affari Legali ENPAM 

Socio AGI Avvocati Giuslavoristi Italiani 

diagnosi | medico | responsabilità | sentenza |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

fecondazione eterologa Roma | Nuova Villa Claudia


Diagnosi prenatale Roma - tutti gli esami da effettuare per seguire una corretta gravidanza


Farmaco brevetto scaduto: la responsabilità del medico prescrittore


Pandemia diabete: è emergenza. I pazienti non possono più aspettare


Senologia Poliambulatori Lazio korian


Ginecologia ed Ostetricia a Nuova Villa Claudia


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Niente protezione secondo rischio per la clinica disorganizzata

Niente protezione secondo rischio per la clinica disorganizzata
La Cassazione dalla parte delle assicurazioni: struttura sanitaria costretta a pagare se si verifica un rischio non coperto. La polizza ‘a secondo rischio’, stipulata dall’ospedale come indennizzo per la parte di danno non coperta dall’assicurazione dei medici che vi lavorano, non scatta per i danni direttamente imputabili alla struttura sanitaria.È quanto stabilisce la sentenza n. 8401 del 24 aprile 2015 della terza sezione civile della Cassazione. La Corte si è pronunciata sul caso di una paziente che, (continua)

Se il primario è in ferie, non ha responsabilità

Se il primario è in ferie, non ha responsabilità
Una sentenza della Cassazione boccia la responsabilità oggettiva del medico in caso di obiettiva impossibilità di verificare lo stato di salute di un paziente. Il primario che si trova in ferie non può essere ritenuto responsabile della condotta altrui. È quanto si ricava dalla sentenza n. 6438 del 31 marzo 2015 emessa dalla terza Sezione della Cassazione. Insieme alla sua azienda ospedaliera, il medico primario era stato chiamato a risarcire i danni per le lesioni gravi (amputazione della gamba sinistra) patite da un pazien (continua)