Home > Economia e Finanza > Il laboratorio di Riva Acciaio ed il sistema di simulazione per la fabbricazione dell’acciaio

Il laboratorio di Riva Acciaio ed il sistema di simulazione per la fabbricazione dell’acciaio

scritto da: Articolinews | segnala un abuso

Il laboratorio di Riva Acciaio ed il sistema di simulazione per la fabbricazione dell’acciaio

Nello stabilimento siderurgico Riva Acciaio di Lesegno il rottame viene trasformato in un’infinità di nuovi prodotti, grazie anche all’aiuto del sofisticato sistema Gleeble 3800


Lo stabilimento Riva Acciaio di Lesegno è l'unico in Italia ad avere un sistema di simulazione della fabbricazione dell'acciaio che permette di riprodurre tutte le varie fasi del processo.

Riva Acciaio di Lesegno: nuova vita ai rottami

L'acciaio è un elemento estremamente versatile che può assumere diverse forme ed essere utilizzato in qualsiasi campo. Inoltre, date le sue caratteristiche, si adatta perfettamente al concetto di economia circolare. Il Presidente del CdA di Riva Acciaio, nonché ex direttore dello stabilimento di Lesegno, Valerio Bisio, spiega infatti che "l'acciaio è il materiale metallico più diffuso al mondo e può essere riciclato al 100% praticamente all'infinito. Quello prodotto a Lesegno ha come punto di partenza proprio la fusione di rottami di acciaio preparati secondo la direttiva europea 333 del 2011". Nella fabbrica i nuovi prodotti prendono di fatto vita a partire dal rottame, che viene fuso con il calore generato da un connubio di energia elettrica, gas metano ed ossigeno.

Il punto di forza di Riva Acciaio

Ciò che distingue lo stabilimento siderurgico Riva Acciaio dai concorrenti è il fatto di essere l'unico in Italia a possedere un sistema di simulazione molto sofisticato, il Gleebe 3800. Si tratta di un simulatore termomeccanico prodotto dalla società americana DSI che è in grado di simulare tutte le fasi di fabbricazione dell'acciaio e di ogni tipo di lega. In aggiunta, come ricorda Valerio Bisio, "nel laboratorio di Lesegno, che è integrato nello stabilimento e che collabora con varie Università e centri di ricerca come il Politecnico di Torino e l'Università di Pisa, vengono realizzate le attività di ricerca e sviluppo del Gruppo Riva Forni Elettrici, di cui Riva Acciaio fa parte". Proprio al suo interno sono stati condotti diversi studi importanti, come quello sui super acciai al nichel per il progetto "Virgo" e quello sugli acciai maraging utilizzati dai team di Formula Uno.


Fonte notizia: http://www.provinciagranda.it/home/2021/03/04/news/il-laboratorio-della-riva-di-lesegno-unico-in-italia-con-il-sistema-di-simulazione-dellacciaio-4520/


Riva Acciaio |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Siderurgia e made in Italy: la realtà produttiva di Riva Acciaio


Settore siderurgico: focus su Riva Acciaio, azienda leader in Italia


Lesegno: il Sindaco soddisfatto per la riapertura in sicurezza di Riva Acciaio


Riva Acciaio: qualità e innovazione pilastri del successo


Riva Acciaio, pronto il nuovo piano che porterà 100 MV allo stabilimento di Lesegno


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Esaltare l’importanza della cultura: FME Education promuove la diffusione del sapere

Esaltare l’importanza della cultura: FME Education promuove la diffusione del sapere
Il ruolo primario del settore culturale italiano: la Casa Editrice FME Education promuove il sapere e la cultura Riconoscere e attribuire il giusto valore alla ricchezza culturale del nostro Paese può contribuire alla ripartenza nazionale: la Casa Editrice FME Education è impegnata nella diffusione del sapere.Valorizzare l'ecosistema culturale: la visione di FME EducationA seguito di un anno particolarmente difficile, la ripartenza nazionale deve puntare anche sulla valorizzazione dell'intero ecosi (continua)

Fondazione Cariplo, l’appello di Andrea Mascetti: “Italia uno dei Paesi in cui si legge di meno”

Fondazione Cariplo, l’appello di Andrea Mascetti: “Italia uno dei Paesi in cui si legge di meno”
Andrea Mascetti evidenzia come l’Italia risulti essere uno dei Paesi con meno lettori: per il Coordinatore della commissione Arte e Cultura della Fondazione Cariplo una delle cause è la presenza di una tecnologia sempre più invadente Una delle ultime iniziative di Fondazione Cariplo è stata dedicata alla promozione della lettura. Per gli italiani un'attività sempre meno importante, ha sottolineato Andrea Mascetti, a capo della Commissione Arte e Cultura della Fondazione.Andrea Mascetti: "Anno dopo anno si continuano a perdere lettori"Nell'ultimo anno e mezzo, tra pandemia e crisi economica, pochi in Italia si sono accorti (continua)

Un successo il progetto di T2i admin4D sullo Smart manifacturing

Il 30 aprile si è ufficialmente concluso il progetto ADMIN4D additive manufactoring & industry 4.0 as innovation driver, promosso dalla rete IMPROVENET, di cui t2i è partner attivo. La mission della rete IMPROVENET consiste nell’aumentare la diffusione delle tecnologie ICT nel tessuto industriale regionale, al fine di rendere le aziende più competitive, produttive e reattive alle necessità del (continua)

Ancora incertezze sulla Riforma della Riscossione: Massimo Rizza chiarisce alcuni dubbi

Ancora incertezze sulla Riforma della Riscossione: Massimo Rizza chiarisce alcuni dubbi
Si fa sempre più evidente la necessità di una Riforma della Riscossione: Massimo Rizza prova a fare chiarezza sui dubbi e sulle incertezze Mentre il Governo si prepara a decidere sulla Riforma della Riscossione, Massimo Rizza prova a fare il punto della situazione sulla riforma fiscale che potrebbe interessare parecchi contribuenti.Massimo Rizza spiega perché è importante una Riforma della RiscossioneUltimamente si sente parlare sempre con maggiore insistenza della cosiddetta Riforma della Riscossione, che di fatto rapprese (continua)

Massimo Malvestio: il Veneto che cambia, l’editoriale del 2005 sulla Coldiretti

Massimo Malvestio: il Veneto che cambia, l’editoriale del 2005 sulla Coldiretti
Massimo Malvestio: su “Venezie Post” l’editoriale del 2005 in cui l’avvocato ed editorialista ripercorre la storia della Coldiretti in Veneto, analizzandone le ragioni del progressivo indebolimento La Coldiretti che fu: il focus dell'avvocato Massimo Malvestio nell'editoriale scritto a gennaio 2005 per "Nordesteuropa" in seguito alla sconfitta dell'associazione nelle elezioni dei consorzi di bonifica.C'era una volta la Coldiretti: l'editoriale del 2005 di Massimo MalvestioEra la più potente, la più numerosa e la più disciplinata organizzazione collaterale alla Democrazia Cristiana: (continua)