Home > Economia e Finanza > I social come opportunità, a Digitale Italia gli interventi della Commissione Europea

I social come opportunità, a Digitale Italia gli interventi della Commissione Europea

scritto da: AIDR | segnala un abuso

I social come opportunità, a Digitale Italia gli interventi della Commissione Europea

In Italia sono circa 41 milioni gli utenti attivi sui social network, eppure nonostante la massiccia diffusione, manca ancora una consapevolezza sulle potenzialità e i rischi legati ai nuovi mezzi di comunicazione.


Linee guida e buone pratiche nell’approfondimento del format web di Aidr

Sono uno strumento fondamentale per restare in contatto, aggiornarsi e informarsi. In Italia sono circa 41 milioni gli utenti attivi sui social network, eppure nonostante la massiccia diffusione, manca ancora una consapevolezza sulle potenzialità e i rischi legati ai nuovi mezzi di comunicazione. Quali sono gli strumenti per difendersi e in che modo possiamo educare i ragazzi ad uso corretto dei social? Questi i temi al centro della puntata Digitale Italia. Ospiti del format web di Aidr, Stefano Castellacci, Digital Leader della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea e Paolo Tedeschi  Corporate Communication & Marketing Senior Manager di Canon Italia. “L’Europa è molto attenta a questa tematica – ha sottolineato nel corso del suo intervento Stefano Castellacci Digital Leader della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea. Attraverso una serie di interventi di formazione e sensibilizzazione, come il progetto Re- Educo promosso dalla Commissione Europea e dedicato alla formazione delle competenze digitali, abbiamo approfondito insieme agli studenti delle scuole aderenti all’iniziativa, tematiche di grandissima attualità: come il cyberbullismo, la lotta alle fake news e la tutela della privacy sui social.” “Anche le aziende hanno in questo momento una grandissima responsabilità sui social – ha sottolineato nel corso del suo intervento Paolo Tedeschi Corporate Communication & Marketing Senior Manager di Canon Italia. Essere presenti sui social, vuol dire in primis mettersi in ascolto delle esigenze dell’utente, utilizzando un linguaggio appropriato e rispettando sensibilità e spazi della rete.”

 Vedi la puntata qui https://www.aidr.it/i-social-come-opportunita-il-ruolo-del-progetto-re-educo/

 Ascolta la puntata qui https://www.aidr.it/i-social-come-opportunita-il-ruolo-del-progetto-re-educo-2/

 

 


Fonte notizia: https://www.aidr.it/i-social-come-opportunita-a-digitale-italia-gli-interventi-della-commissione-europea/


social network | digitale italia |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

C-LDL: La Commissione Europea approva acido bempedoico ezetimibe


Agricoltura Europea: dal sostegno al biologico alla promozione dei prodotti tipici, la strategia è il digitale


“BRAIN AT WORK” – FESTIVAL DEL LAVORO E DELLE NUOVE PROFESSIONI


La missione 6 del PNRR: Il Gusto del Futuro della Nuova Sanità


Andrea Michelozzi parla di Lucca 2016 (Social Media Press)


Quale futuro per l’istruzione e la ricerca: dalla trasformazione digitale al PNRR


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Logistica, digitale e territorio nel settore agroalimentare: le Langhe

Logistica, digitale e territorio nel settore agroalimentare: le Langhe
Il progetto parte dalla creazione di una piattaforma digitale con cui viene creato un “hub virtuale” che raccoglie gli ordini inseriti dalle cantine aderenti, attraverso il quale le stesse organizzano il ritiro della merce. L’hub virtuale permette alle aziende di trasporto di coordinare il ritiro del vino presso i produttori in modo da viaggiare sempre a pieno carico. di Filippo Moreschi, avvocato e Responsabile Osservatorio AIDR “Digital Agrifood” Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza dedica particolare attenzione e significative risorse allo sviluppo della logistica per il settore agroalimentare. È dei primi giorni di maggio l’avvio dell’iniziativa “Ecolog”, un progetto di logistica green del settore vitivinicolo lanciato dall’Unione dei Comuni (continua)

Sull’intelligenza artificiale

Sull’intelligenza artificiale
A livello globale, si stima che l'applicazione dell'Intelligenza artificiale possa raddoppiare la crescita economica entro il 2035. L'Intelligenza artificiale è usata anche per risolvere complesse problematiche sociali, co-me il cambiamento climatico, l'assistenza sanitaria e la povertà alimentare. di Rosangela Cesareo, Responsabile Relazioni Istituzionali AIDRPer imparare a formulare una diagnosi medica sono tradizionalmente necessari anni. Anche per i professionisti datati, l’elaborazione di una diagnosi è spesso un processo lungo e complicato. Tuttavia, laddove è possibile digitalizzare le informazioni diagnostiche, le macchine possono contribuire ad alleviarne l'onere. Il vantaggio (continua)

La scuola tra metodo e innovazione, approfondimento a Digitale Italia

La scuola tra metodo e innovazione, approfondimento a Digitale Italia
Ospiti del format: Manuela Conte, Capo Team Media Rappresentanza Italiana Commissione Europea e Giovanni Vicari, Direttore Generale Scuole Cefa. L’esempio del progetto Re-Educo nel format web di AidrCome sta cambiando la scuola negli ultimi anni, in che modo l’uso delle nuove tecnologie può contribuire a sostenere il percorso formativo degli studenti? Come possono essere integrati gli strumenti digitali in classe? Questi i temi della puntata di Digitale Italia, il format web di Aidr. Ospiti del format: Manuela Conte, Capo Team Media (continua)

Concorsi pubblici, si cambia!

Concorsi pubblici, si cambia!
Il problema che affligge da sempre il sistema pubblico è il “public divide”, una sorta di muro invisibile, costituito da regole, burocrazia e formalismi di diverso tipo, che crea una linea di confine tra la vita reale e la vita all’interno dell’apparato pubblico. Non ci sono vie di mezzo: chi sta da una parte non può stare dall’altra. di Alessandro Capezzuoli, funzionario ISTAT e responsabile osservatorio dati professioni e competenze Aidr Non ci può essere una riforma della pubblica amministrazione senza un cambiamento profondo del sistema di reclutamento e dell’erogazione dei concorsi pubblici. Il modello di reclutamento adottato finora dalle PPAA era tutt’altro che vicino ai cittadini: non esisteva un sistema (continua)

Quale cyber security con il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza?

Quale cyber security con il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza?
Tra i vari aspetti affrontati nel capitolo digitalizzazione, però, quello della cyber security sconta un’indeterminatezza che, per molti esperti del settore, porta con sé il concreto rischio di lasciare “scoperte” le nuove infrastrutture. di Francesco Pagano, Consigliere Aidr e Responsabile servizi informatici Ales spa e Scuderie del Quirinale Grande attenzione per la digitalizzazione del paese con investimenti per circa 35 miliardi e l’obiettivo dichiarato di imprimere una decisa accelerazione in tema di innovazione sia a livello industriale, sia a livello della Pubblica Amministrazione. Il Piano Nazionale di Ripresa e (continua)