Home > Lavoro e Formazione > La pausa pranzo post Covid? È a lavoro con i colleghi e in totale sicurezza

La pausa pranzo post Covid? È a lavoro con i colleghi e in totale sicurezza

scritto da: Articolinews | segnala un abuso

La pausa pranzo post Covid? È a lavoro con i colleghi e in totale sicurezza


Dalla collaborazione tra Serenissima Ristorazione e Calligaris è nato un modello efficace che ha permesso ai dipendenti dell’azienda di design di mantenere (quasi) invariate le abitudini pre-pandemia

È possibile oggi passare la pausa pranzo insieme ai colleghi davanti a un piatto di pasta caldo e in totale sicurezza?

Questa è la domanda che si è posto Riccardo Santarossa, Responsabile Commerciale Area Friuli Venezia Giulia di Serenissima Ristorazione, tra le realtà italiane più importanti nel campo della ristorazione commerciale e collettiva, con una produzione di oltre 50 milioni di pasti annui e oltre 9.500 dipendenti in Italia e all’estero. Di processi di produzione e piani di gestione ne ha visti tanti in questi anni di lavoro. Non è sempre facile coordinare le fasi di preparazione e le consegne in modo tale da garantire sempre che ogni singola pietanza soddisfi i dipendenti delle oltre 1.500 aziende clienti servite solo in Italia. Ma nessun evento aveva mai obbligato a rivoluzionare in pochissimo tempo ogni fase della catena di lavoro e ogni modalità di consumazione come è accaduto in quest’ultimo anno di pandemia.

Tra gli esempi di maggior interesse sul fronte della riorganizzazione delle fasi di preparazione e per consegna, è interessante vedere i cambiamenti che abbiamo attuato con Calligaris, brand internazionale di design living famoso in tutto il mondo e fiore all’occhiello del Made in Italy, per il quale serviamo circa 150 pasti al giorno nei 3 siti produttivi del Friuli Venezia Giulia – racconta Santarossa. “Prima del Covid consegnavamo alla mensa aziendale le pietanze in multi porzione con una nostra addetta che porzionava i piatti direttamente in loco. Oggi tutto ciò non è ovviamente possibile, ma in pochissimo tempo ci siamo organizzati per servire tutti i piatti in formato monoporzione creando un nuovo modello che garantisce la massima sicurezza evitando qualsiasi contaminazione”.

In un periodo di forte diffusione dello smart working e di difficile organizzazione delle modalità di lavoro a causa delle restrizioni e del distanziamento sociale, i dipendenti di Calligaris hanno dunque potuto continuare a consumare il pasto nella mensa aziendale (che ha però visto un adattamento del layout e una rimodulazione dei turni di accesso nel pieno rispetto delle norme di sicurezza, ma senza per questo dover rinunciare ad una chiacchierata con i colleghi in pausa pranzo. Un aspetto fondamentale, reso possibile grazie all’intenso lavoro dello staff nel centro cottura di Serenissima Ristorazione, degli addetti in loco, che hanno partecipato ad appositi corsi di formazione sulla sicurezza, e degli stessi lavoratori di Calligaris, che si sono dimostrati estremante disponibili e felici di poter ritrovare un po’ di normalità nell’ambiente di lavoro.

Il grande lavoro di Serenissima Ristorazione ha anche permesso di gestire i servizi di catering, come in occasione della visita del Presidente del Friuli Venezia Giulia Fedriga per l’inaugurazione a Manzano del museo dedicato alla storia dell’azienda e del distretto della sedia avvenuta lo scorso settembre. In totale sicurezza e nel pieno rispetto delle misure di distanziamento sociale, con personale dedicato, sono state servite pietanze in finger food e piatti direttamente agli ospiti, in modo da evitare assembramenti.

Francesca Pozzi Responsabile HR di Calligaris Group è stata testimone delle grandi trasformazioni avvenute in azienda: “Pensiamo per un attimo a quanto la nostra vita è cambiata soltanto rispetto a un anno fa. Oggi dobbiamo organizzarci anche soltanto per prendere un caffè insieme a un collega o per condividere la pausa pranzo. Con Serenissima Ristorazione abbiamo cercato fin da subito di mantenere, per quanto possibile, inalterato il servizio seppur tra tutte le difficoltà a livello pratico e organizzativo che abbiamo incontrato. In questi mesi abbiamo mantenuto contatti continui e si è creato una bellissima collaborazione che va anche al di là del semplice rapporto di lavoro. Insomma, siamo riusciti a creare un modello che permette ai dipendenti di vivere ancora alcuni momenti di socialità e scambio davanti ad un piatto caldo e nel pieno rispetto di tutte le misure di distanziamento sociale e di sicurezza”.   

Oggi i piatti serviti vengono preparati esclusivamente nei centri cottura di Serenissima Ristorazione, luoghi sicuri e all’avanguardia dove personale altamente qualificato e appositamente formato opera in piena sicurezza. Anche le modalità di trasporto dei piatti, oltre a garantire il mantenimento della temperatura attraverso la catena fresco-caldo, sono state pensate per servire i pasti direttamente nelle aziende e in ogni area predisposta.

Serenissima Ristorazione |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

L'intervista a Erno Rossi per i suoi 40 anni di professione...


Ixè dieta mediterranea: abitudini dei consumatori nella ristorazione collettiva


Gustitaliano e la Pausa Pranzo


LA PAUSA PRANZO NEL MONDO


Gli effetti a breve e lungo termine del Covid-19: dolore, alterazione del sonno, ansia, paura


COVID e Cuore: nuovo portale web per supportare gli specialisti


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Esaltare l’importanza della cultura: FME Education promuove la diffusione del sapere

Esaltare l’importanza della cultura: FME Education promuove la diffusione del sapere
Il ruolo primario del settore culturale italiano: la Casa Editrice FME Education promuove il sapere e la cultura Riconoscere e attribuire il giusto valore alla ricchezza culturale del nostro Paese può contribuire alla ripartenza nazionale: la Casa Editrice FME Education è impegnata nella diffusione del sapere.Valorizzare l'ecosistema culturale: la visione di FME EducationA seguito di un anno particolarmente difficile, la ripartenza nazionale deve puntare anche sulla valorizzazione dell'intero ecosi (continua)

Fondazione Cariplo, l’appello di Andrea Mascetti: “Italia uno dei Paesi in cui si legge di meno”

Fondazione Cariplo, l’appello di Andrea Mascetti: “Italia uno dei Paesi in cui si legge di meno”
Andrea Mascetti evidenzia come l’Italia risulti essere uno dei Paesi con meno lettori: per il Coordinatore della commissione Arte e Cultura della Fondazione Cariplo una delle cause è la presenza di una tecnologia sempre più invadente Una delle ultime iniziative di Fondazione Cariplo è stata dedicata alla promozione della lettura. Per gli italiani un'attività sempre meno importante, ha sottolineato Andrea Mascetti, a capo della Commissione Arte e Cultura della Fondazione.Andrea Mascetti: "Anno dopo anno si continuano a perdere lettori"Nell'ultimo anno e mezzo, tra pandemia e crisi economica, pochi in Italia si sono accorti (continua)

Un successo il progetto di T2i admin4D sullo Smart manifacturing

Il 30 aprile si è ufficialmente concluso il progetto ADMIN4D additive manufactoring & industry 4.0 as innovation driver, promosso dalla rete IMPROVENET, di cui t2i è partner attivo. La mission della rete IMPROVENET consiste nell’aumentare la diffusione delle tecnologie ICT nel tessuto industriale regionale, al fine di rendere le aziende più competitive, produttive e reattive alle necessità del (continua)

Ancora incertezze sulla Riforma della Riscossione: Massimo Rizza chiarisce alcuni dubbi

Ancora incertezze sulla Riforma della Riscossione: Massimo Rizza chiarisce alcuni dubbi
Si fa sempre più evidente la necessità di una Riforma della Riscossione: Massimo Rizza prova a fare chiarezza sui dubbi e sulle incertezze Mentre il Governo si prepara a decidere sulla Riforma della Riscossione, Massimo Rizza prova a fare il punto della situazione sulla riforma fiscale che potrebbe interessare parecchi contribuenti.Massimo Rizza spiega perché è importante una Riforma della RiscossioneUltimamente si sente parlare sempre con maggiore insistenza della cosiddetta Riforma della Riscossione, che di fatto rapprese (continua)

Massimo Malvestio: il Veneto che cambia, l’editoriale del 2005 sulla Coldiretti

Massimo Malvestio: il Veneto che cambia, l’editoriale del 2005 sulla Coldiretti
Massimo Malvestio: su “Venezie Post” l’editoriale del 2005 in cui l’avvocato ed editorialista ripercorre la storia della Coldiretti in Veneto, analizzandone le ragioni del progressivo indebolimento La Coldiretti che fu: il focus dell'avvocato Massimo Malvestio nell'editoriale scritto a gennaio 2005 per "Nordesteuropa" in seguito alla sconfitta dell'associazione nelle elezioni dei consorzi di bonifica.C'era una volta la Coldiretti: l'editoriale del 2005 di Massimo MalvestioEra la più potente, la più numerosa e la più disciplinata organizzazione collaterale alla Democrazia Cristiana: (continua)