Home > Lavoro e Formazione > La pausa pranzo post Covid? È a lavoro con i colleghi e in totale sicurezza

La pausa pranzo post Covid? È a lavoro con i colleghi e in totale sicurezza

scritto da: Articolinews | segnala un abuso

La pausa pranzo post Covid? È a lavoro con i colleghi e in totale sicurezza


Dalla collaborazione tra Serenissima Ristorazione e Calligaris è nato un modello efficace che ha permesso ai dipendenti dell’azienda di design di mantenere (quasi) invariate le abitudini pre-pandemia

È possibile oggi passare la pausa pranzo insieme ai colleghi davanti a un piatto di pasta caldo e in totale sicurezza?

Questa è la domanda che si è posto Riccardo Santarossa, Responsabile Commerciale Area Friuli Venezia Giulia di Serenissima Ristorazione, tra le realtà italiane più importanti nel campo della ristorazione commerciale e collettiva, con una produzione di oltre 50 milioni di pasti annui e oltre 9.500 dipendenti in Italia e all’estero. Di processi di produzione e piani di gestione ne ha visti tanti in questi anni di lavoro. Non è sempre facile coordinare le fasi di preparazione e le consegne in modo tale da garantire sempre che ogni singola pietanza soddisfi i dipendenti delle oltre 1.500 aziende clienti servite solo in Italia. Ma nessun evento aveva mai obbligato a rivoluzionare in pochissimo tempo ogni fase della catena di lavoro e ogni modalità di consumazione come è accaduto in quest’ultimo anno di pandemia.

Tra gli esempi di maggior interesse sul fronte della riorganizzazione delle fasi di preparazione e per consegna, è interessante vedere i cambiamenti che abbiamo attuato con Calligaris, brand internazionale di design living famoso in tutto il mondo e fiore all’occhiello del Made in Italy, per il quale serviamo circa 150 pasti al giorno nei 3 siti produttivi del Friuli Venezia Giulia – racconta Santarossa. “Prima del Covid consegnavamo alla mensa aziendale le pietanze in multi porzione con una nostra addetta che porzionava i piatti direttamente in loco. Oggi tutto ciò non è ovviamente possibile, ma in pochissimo tempo ci siamo organizzati per servire tutti i piatti in formato monoporzione creando un nuovo modello che garantisce la massima sicurezza evitando qualsiasi contaminazione”.

In un periodo di forte diffusione dello smart working e di difficile organizzazione delle modalità di lavoro a causa delle restrizioni e del distanziamento sociale, i dipendenti di Calligaris hanno dunque potuto continuare a consumare il pasto nella mensa aziendale (che ha però visto un adattamento del layout e una rimodulazione dei turni di accesso nel pieno rispetto delle norme di sicurezza, ma senza per questo dover rinunciare ad una chiacchierata con i colleghi in pausa pranzo. Un aspetto fondamentale, reso possibile grazie all’intenso lavoro dello staff nel centro cottura di Serenissima Ristorazione, degli addetti in loco, che hanno partecipato ad appositi corsi di formazione sulla sicurezza, e degli stessi lavoratori di Calligaris, che si sono dimostrati estremante disponibili e felici di poter ritrovare un po’ di normalità nell’ambiente di lavoro.

Il grande lavoro di Serenissima Ristorazione ha anche permesso di gestire i servizi di catering, come in occasione della visita del Presidente del Friuli Venezia Giulia Fedriga per l’inaugurazione a Manzano del museo dedicato alla storia dell’azienda e del distretto della sedia avvenuta lo scorso settembre. In totale sicurezza e nel pieno rispetto delle misure di distanziamento sociale, con personale dedicato, sono state servite pietanze in finger food e piatti direttamente agli ospiti, in modo da evitare assembramenti.

Francesca Pozzi Responsabile HR di Calligaris Group è stata testimone delle grandi trasformazioni avvenute in azienda: “Pensiamo per un attimo a quanto la nostra vita è cambiata soltanto rispetto a un anno fa. Oggi dobbiamo organizzarci anche soltanto per prendere un caffè insieme a un collega o per condividere la pausa pranzo. Con Serenissima Ristorazione abbiamo cercato fin da subito di mantenere, per quanto possibile, inalterato il servizio seppur tra tutte le difficoltà a livello pratico e organizzativo che abbiamo incontrato. In questi mesi abbiamo mantenuto contatti continui e si è creato una bellissima collaborazione che va anche al di là del semplice rapporto di lavoro. Insomma, siamo riusciti a creare un modello che permette ai dipendenti di vivere ancora alcuni momenti di socialità e scambio davanti ad un piatto caldo e nel pieno rispetto di tutte le misure di distanziamento sociale e di sicurezza”.   

Oggi i piatti serviti vengono preparati esclusivamente nei centri cottura di Serenissima Ristorazione, luoghi sicuri e all’avanguardia dove personale altamente qualificato e appositamente formato opera in piena sicurezza. Anche le modalità di trasporto dei piatti, oltre a garantire il mantenimento della temperatura attraverso la catena fresco-caldo, sono state pensate per servire i pasti direttamente nelle aziende e in ogni area predisposta.

Serenissima Ristorazione |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

L'intervista a Erno Rossi per i suoi 40 anni di professione...


Ixè dieta mediterranea: abitudini dei consumatori nella ristorazione collettiva


Gustitaliano e la Pausa Pranzo


LA PAUSA PRANZO NEL MONDO


Gli effetti a breve e lungo termine del Covid-19: dolore, alterazione del sonno, ansia, paura


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Pietro Vignali, per l’ex Sindaco di Parma un calvario giudiziario durato 10 anni

Pietro Vignali, per l’ex Sindaco di Parma un calvario giudiziario durato 10 anni
Dopo 10 anni di vicende giudiziarie, lo scorso inverno Pietro Vignali ha ottenuto la completa assoluzione dall’accusa di assunzioni clientelari durante il suo mandato come Sindaco di Parma Un'inchiesta partita nel 2011 e che si è conclusa solo nel 2020 con l'assoluzione e la riabilitazione. Per Pietro Vignali, ex primo cittadino di Parma, la battaglia non è ancora finita.Pietro Vignali: sul presunto caso 'dirigentopoli' accuse tanto infamanti quanto inconsistenti"A fine 2010 ero il quarto sindaco più amato d'Italia ed erano gli anni dei grandi progetti. Parma, inoltre, guidava (continua)

Alessandro Fioretto, AD di Italchimica, commenta il successo dell’attività

Alessandro Fioretto, AD di Italchimica, commenta il successo dell’attività
Alessandro Fioretto (Italchimica): “Tutti i prodotti sono stati adeguati in base alle informazioni fornite dagli enti competenti in materia di salute pubblica per il contenimento della pandemia” Italchimica al fianco di turismo e ristorazione, per la sicurezza di studenti e famiglie, come azienda leader in Italia nell'ambito della sanificazione e dei prodotti detergenti. L'AD Alessandro Fioretto spiega l'origine di questo successo e gli obiettivi per il futuro.Alessandro Fioretto: il successo di Italchimica"Con i nostri prodotti siamo in 18mila scuole. E se a settembre abbiamo lavora (continua)

Giampiero Catone: “Occorre riflessione seria sul lavoro, Rdc errore clamoroso”

Giampiero Catone: “Occorre riflessione seria sul lavoro, Rdc errore clamoroso”
Sul quotidiano “La Discussione” Giampiero Catone commenta i numeri del reddito di cittadinanza: “Sprecati 7,2 miliardi” Non ha dubbi Giampiero Catone: il Reddito di Cittadinanza è una misura fallimentare. In un articolo pubblicato sul quotidiano "La Discussione", il giornalista spinge per un utilizzo delle risorse mirato a politiche del lavoro e welfare.Giampiero Catone: "Ogni posto creato con il Rdc costa allo Stato 52mila euro"Sotto il punto di vista dell'occupazione, il sussidio introdotto dal Governo si è (continua)

House to House: innovazione e sostenibilità per crescere e ripartire dopo la pandemia

House to House: innovazione e sostenibilità per crescere e ripartire dopo la pandemia
Un’opportunità unica, quella di diventare Laundry Specialist, e fare carriera: l’impegno di House to House per formare e valorizzare i futuri professionisti del settore Nata nel 2006, House to House, specializzata in elettrodomestici e prodotti naturali per il bucato, continua ad espandersi in tutta Italia aprendo le porte a nuovi collaboratori: la crescita dell'azienda guidata da Nicola Lunardon.House to House: traguardi e riconoscimenti internazionaliFor a better life. House to House nasce nel 2006 per migliorare la quotidianità delle famiglie it (continua)

Sicurezza in Azione: il progetto di Riva Acciaio vince il Premio AIM Sicurezza

Sicurezza in Azione: il progetto di Riva Acciaio vince il Premio AIM Sicurezza
Il progetto “Sicurezza in Azione” di Riva Acciaio ha coinvolto alcuni lavoratori degli stabilimenti di Cerveno e Sellero, vincendo il Premio Sicurezza indetto dall’AIM Il progetto di Riva Acciaio dedicato alla salute e sicurezza sul lavoro ha coinvolto i dipendenti di due stabilimenti. I dettagli e gli obiettivi di "Sicurezza in Azione"."Sicurezza in Azione": il progetto di Riva AcciaioGrazie al progetto "Sicurezza in Azione" realizzato per gli anni 2018 - 2019, Riva Acciaio si è aggiudicato il Premio Sicurezza promosso dall'Associazione Ital (continua)