Home > Primo Piano > Ansia da Covid-19: per molte persone é difficile un ritorno alla normalità

Ansia da Covid-19: per molte persone é difficile un ritorno alla normalità

scritto da: Marcofrancescoeramo | segnala un abuso

Ansia da Covid-19: per molte persone é difficile un ritorno alla normalità

Eramo: il covid lascia strascichi non soltanto fisicamente ma anche psicologicamente. I continui periodi di isolamento e di lockdown hanno accentuato casi di "sindrome da ansia post-Covid"


La curva epidemica decresce, l'indice di contagio RT nell'ultimo periodo é abbastanza rassicurante e nelle prossime settimane nuove aperture segneranno l'inizio di un graduale, seppur lento, ritorno alla normalità. Ma nonostante ció molte persone sono in preda a forti stati di ansia e di frustrazione psicologica. Abituate a vivere per molto tempo in isolamento come forma pre eventi a e protettiva anticovid, il ritorno alla normalità é considerato come una minaccia, una condizione di rischio per la propria salute.
Secondo un nuovo studio, a causa di una sindrome ansiosa legata a Covid-19 un numero significativo di persone potrebbe faticare a reintegrarsi nella vita quotidiana man mano che la società ritorna alla normalità. Qualcuno addirittura fa anche fatica a togliersi la mascherina, seppur in luoghi all'aperto, e convincersi dell'idea che prima o poi ne dovrà fare a meno. Tutto ció é noto come "sindrome da ansia da Covid-19" che si presenta con una costante e vigile  attenzione contro una minaccia ( in questo caso contro il pericolo dell'infezione da Sars-CoV-2) con una allarmante preoccupazione, evitamento e controllo eccessivo, ovvero comportamenti che possono far sì che le persone rimangano bloccate in uno stato di ansia continua e paura di contrarre il virus. Questa condizione purtroppo rende fragile la persona ed incapace ad un normale equilibrio psicofisico. 
«I risultati della  ricerca hanno mostrato che, una persona su cinque presenta una tendenza ad un atteggiamento ansioso depressivo all'idea di un ritorno alla normale quotidianità priva di misure restrittive. I risultati principali della ricerca mostrano che il 54% delle persone che ha risposto al questionario ha cercato di evitare i trasporti pubblici a causa del timore di contrarre il virus, mentre il 49% ha tentato di non toccare oggetti negli spazi pubblici, il 38% di evitare di frequentare luoghi pubblici, il 14% di prestare molta attenzione a persone che mostravano possibili sintomi del virus. Per il 9% degli intervistati, la lettura delle notizie relative al virus è andata a discapito dell'impegno lavorativo. Le persone ad alto rischio, ad esempio quelle affette da diabete, asma e altre patologie croniche, hanno ottenuto punteggi significativamente più alti nella scala della sindrome da ansia da Covid-19 rispetto al resto della popolazione. «La sindrome da ansia da Covid-19 si riferisce al modo in cui le persone affrontano la paura di contrarre il virus. La  ricerca evidenzia che alcune forme di coping possono acuire questa paura e far aumentare l'ansia».
Gli esperti osservano che più sono alti i livelli della sindrome da ansia da Covid-19, più è probabile che una persona sia consapevole della minaccia di contrarre il virus. Le persone che soffrono di questo problema trovano anche più complicato liberarsi da queste minacce, che possono rendere più difficile il ritorno alla normale vita quotidiana. «Alla luce dei risultati, si ritiene quindi che ci vorrà del tempo prima che alcune persone tornino alla normale vita quotidiana dopo la pandemia e avranno un incessante bisogno di un sostegno psicologico».


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Cos'è l'ansia, il disturbo e come si cura


Gli effetti a breve e lungo termine del Covid-19: dolore, alterazione del sonno, ansia, paura


Comprendere l Ansia con la Cronogenetica


COVID e Cuore: nuovo portale web per supportare gli specialisti


19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


Covid-19 Le prestazioni dei Poliambulatori Lazio korian


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La Campania prossima alla zona Bianca, ma rimane l'obbligo della mascherina in estate

La Campania prossima alla zona Bianca, ma rimane l'obbligo della mascherina in estate
Lunedì prossimo la Campania entrerà ufficialmente in zona Bianca, ma se non si agisce con responsabilità, si corre il rischio di ritorno alle cure in terapia intensiva. Anche per la  Campania é arrivato il tanto atteso momento  dell'entrata  in zona Bianca. Lunedì prossimo infatti i cittadini Campani avranno modo di liberarsi dai tanti provvedimenti restrittivi messi in atto dal governo per il contenimento del coronavirus. Un momento dunque davvero peculiare:  ragazzi, giovani, adulti ma soprattutto  commercianti ed operatori del turismo, (continua)

Collaborare non significa pentirsi; per un mafioso sarebbe indegno di qualsiasi onore e rispetto

Collaborare non significa pentirsi; per un mafioso sarebbe indegno di qualsiasi onore e rispetto
Eramo: se la legge voluta dallo stesso giudice Falcone prevede la riduzione della pena per i collaboratori della giustizia c'é da chiedersi se, nel rispetto delle povere ed innocenti vittime della mafia sia moralmente ammissibile una cosa del genere! «Ho ucciso Giovanni Falcone. Ma non era la prima volta: avevo già adoperato l'auto bomba per uccidere il giudice Rocco Chinnici e gli uomini della sua scorta. Sono responsabile del sequestro e della morte del piccolo Giuseppe Di Matteo, che aveva tredici anni quando fu rapito e quindici quando fu ammazzato. Ho commesso e ordinato personalmente oltre centocinquanta delitti. Ancora oggi non riesco a (continua)

Roberto Mancini modello da imitare nella lotta contro la criminalità

Roberto Mancini modello da imitare nella lotta contro la criminalità
Eramo: é doveroso ricordare nella giornata della legalità il sostituto commissario Roberto Mancini che ha scoperto lo scempio della "terra dei fuochi" . La legalità in Campania porta il nome di Roberto Mancini che non è solo un’omonimia del CT della Nazionale, ma è anche espressione di coraggio e di dovere.Roberto Mancini è stato il poliziotto che ha scoperto il traffico illecito dei rifiuti tossici tra la Campania ed il Lazio ed ha rivelato il volto di quella che da anni è conosciuta come “Terra dei fuochi”.Ha reso un grande servizio allo Sta (continua)

La mafia semina nel suo funereo campo fiori di santità: Rosario Livatino proclamato beato

La mafia semina nel suo funereo campo fiori di santità: Rosario Livatino proclamato beato
Eramo: La sua vita é stata sempre contesa tra il Vangelo e la Costituzione; durante la sua breve esistenza terrena é stato un modello esemplare di lotta alla criminalità. Inizialmente avrebbero voluto ucciderlo davanti alla Chiesa dove andava a pregare in spregio al suo comportamento da "santocchio" che, unito alle sue capacità investigative, infastidiva non poco i mafiosi.Bastano queste parole dette da Giuseppe Di Caro, capo provinciale di Cosa Nostra, per avere una idea chiara di che personalità fosse Rosario Livatino.Nella giornata del 9 maggio, giorno in cui si (continua)

Eramo: é una sindrome alquanto strana, colpisce principalmente i bambini ed i ragazzi stranieri.

Eramo: é una sindrome alquanto strana, colpisce principalmente i bambini ed i ragazzi stranieri.
Il cervello funziona regolarmente, ma il corpo non reagisce agli stimoli esterni; é la sindrome della bella addormentata o della rassegnazione. Ha dell'incredibile quello che succede in alcuni ragazzi della Svezia: davanti a situazioni percepite come forti traumi cadono in uno stato simil comatoso, privi di reazioni a stimoli esterni. È la sindrome della bella addormentata o della rassegnazione. Ad esserne colpiti quindi non sono giovani qualunque, ma figli di rifugiati che, davanti a situazioni percepite traumatiche, come il rifiuto di u (continua)