Home > News > Nasce il movimento “Giovani per cambiare”, Di Santillo: “È tempo di far sentire la nostra voce”

Nasce il movimento “Giovani per cambiare”, Di Santillo: “È tempo di far sentire la nostra voce”

scritto da: OrbisComunication2020 | segnala un abuso

Nasce il movimento  “Giovani per cambiare”, Di  Santillo: “È tempo di far sentire la nostra voce”


SANT’ARPINO. Un nuovo mood gira in città. Nasce  il movimento “Giovani per cambiare”; un nome, una sigla che preannuncia palpabilmente qual è il suo intento. Il gruppo, presieduto da Aniello Di Santillo, ha come scopo principale quello di dare sostegno ai giovani e alle associazioni del territorio, portando una ventata di innovazione a Sant’Arpino. I volti del team sono: il vicepresidente Gianluca Esposito, segretario generale Michele Migliaccio, vicesegretario Raffaele Mitrano, responsabile social Fabio Fiorillo, il vice addetto all’area social e media, Luigi De Santis, Donata Chianese e il responsabile comunicazione e tesoriere, Nicola Romano. Oltre a tali cariche, a dare man forte al neo gruppo sono altri quattordici ragazzi/e del territorio santarpinese. Giovani per cambiare, inoltre, ha già le idee chiare: supporterà l’imprenditore  Eugenio Di Santo, candidato a sindaco alle prossime amministrative. 

“Spesso – afferma Di Santillo - noi giovani veniamo messi da parte, ma è proprio sui giovani che bisogna puntare; sul nostro potenziale e sulle nostre idee. Vogliamo far sì che i ragazzi credano nel nostro territorio, dando vita a progetti innovativi e concreti. Uno dei nostri intenti è quello di fare qualcosa di concreto per le famiglie più bisognose, per le fasce deboli e per i bambini. Vogliamo portare luce e novità, specie in un momento difficile come quello che tutti noi stiamo attraversando a causa del Covid. Queste sono le idee cardine del nostro ‘movimento’. Intendiamo dare un cambiamento radicale a livello culturale e sociale, rendere Sant’Arpino un paese più moderno a partite dalle piccole cose. Sarà importante fare anche rete tra le varie realtà non solo del territorio, ma anche dei paesi limitrofi. Il messaggio– conclude il presidente - è chiaro: giovani per cambiare, giovani per migliorare quello che già c’è, per avere più voce in capitolo, dimostrando il proprio potenziale”. 


Fonte notizia: https://notizia24ore.blogspot.com/2021/05/nasce-il-movimento-giovani-per-cambiare.html


Giovani |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Sant’Arpino, il quarto appuntamento di Culture Break: “Insieme contro ogni forma di bullismo”


Come smettere di essere pigri


Culture break: La salute a 360•


Massimo Paracchini partecipa al Tour Italia Russia


Massimo Paracchini espone a Mosca e a Torino


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Partita del Cuore - Una notte per ricordare Diego, Antonio Luise ed Hugo Maradona mostrano i cimeli del Pibe de Oro

Partita del Cuore - Una notte per ricordare Diego, Antonio Luise ed Hugo Maradona mostrano i cimeli del Pibe de Oro
NAPOLI. “Varcare il tunnel che porta all’ingresso sul campo dello stadio Maradona di Napoli con i cimeli del grande Diego che ho ereditato da papà Salvatore, è stata un’emozione che mai dimenticherò nella vita”. A parlare è Antonio Luise, il più grande collezionista al mondo dei cimeli di Diego Armando Maradona, scomparso il 25 novembre del 2020, in Dique Lujan (Argentina), per un infarto. Il cast (continua)

Museo sui cimeli di Maradona, pronto a partire un progetto destinato a restare nella storia

Museo sui cimeli di Maradona, pronto a partire un progetto destinato a restare nella storia
NAPOLI. Diego Armando Maradona continua a lasciare il segno. Sono trascorsi ormai sei mesi dalla scomparsa del Pibe de Oro, avvenuta nella città di Dique Lujan, in Argentina, il 25 novembre del 2020, ma il ricordo del campione, che con le sue magie ha incantato Napoli, sta per tramutarsi in un progetto tanto ambizioso quanto destinato a restare nella storia. I circa 450 cimeli di Diego Armand (continua)

Ninaì, una cantante “attivatrice di processi” e progetti che non si fermano alla sola musica

Ninaì, una cantante “attivatrice di processi” e progetti che non si fermano alla sola musica
Dare voce e visibilità al suo territorio, il biellese, e all’intera Italia, con uno sguardo attento alle realtà piccole e artigiane con le quali condividere messaggi, valori e costruire sinergie ROMA. Ninaì, cantante, pianista e compositrice, ha all’attivo un primo Ep “Musica in testa”, uscito nel 2020 e prodotto dalla “Maninalto Records”, dal quale sono stati estratti tre singoli e i relativi video: “Musica in testa”, “Feel it” e “Senza di te”. Nella sua musica convergono molteplici influenze, che l’hanno portata ad esibirsi con le crew di DJ e rappers hip hop, fino alla musica popolare (continua)

Vittime della strada. “N’ergastolo e dulore”: la canzone dedicata da Agatino Crisafulli al fratello Mimmo

Vittime della strada. “N’ergastolo e dulore”: la canzone dedicata da Agatino Crisafulli al fratello Mimmo
CATANIA. Un ergastolo di dolore. E’ questo il titolo della canzone che Agatino Crisafulli ha cantato per il fratello Mimmo, scomparso il 6 marzo del 2017 (ore 22:43) in un incidente stradale avvenuto all’altezza dell’incrocio da via Del Bosco e via De Logu, nel quartiere Barriera di Catania. Per il giovane 25enne, padre di due bambini ed in sella al suo scooter Honda SH, fu fatale l’impatto con una Smart Fortwo. A distanza di poco più di quattro anni, continua la battaglia della famiglia, contrariata per la sentenza pronunciata contro l’imputata Anastasia Conti dal Giudice dell’udienza Preliminare. La conducente della Smart Fortwo, a seguito di richiesta di patteggiamento accordata dal PM, fu condannata a 5 mesi e 10 giorni di reclusione, con la condizionale, per omicidio stradale. A fronte del rifiuto de (continua)

Giovanni Improta karateka, Fiamme Gialle per un giorno

Giovanni Improta karateka, Fiamme Gialle per un giorno
TEVEROLA. Era il 15 febbraio del 2015 quando Giovanni Improta, reduce dalla conquista della terza cintura di campione del mondo professionista di Kick Boxing, fu ospite presso il centro sportivo della Finanza. Un evento possibile grazie alla sensibilità del colonnello Pariniello, comandante del centro sportivo “Fiamme Gialle” di Monte Porzio Catone, in provincia di Roma. Nell’occasione fu pre (continua)