Home > Economia e Finanza > Ristrutturazione cognitiva: imparare a gestire le emozioni e ottenere la miglior performance di investimento

Ristrutturazione cognitiva: imparare a gestire le emozioni e ottenere la miglior performance di investimento

scritto da: 4passinellafinanza | segnala un abuso

Ristrutturazione cognitiva: imparare a gestire le emozioni e ottenere la miglior performance di investimento

Si chiama ristrutturazione cognitiva e permette di ripristinare tutti quei comportamenti distorti che si attuano nel corso del proprio investimento. Numerosi sono gli errori cognitivi ai quali siamo esposti e che molti di noi commettono quando decidono di investire. Siamo preda dei nostri sentimenti, delle nostre emozioni e – soprattutto – della nostra inesperienza e bassa cultura finanziaria. È possibile combattere tutto questo? Con la giusta determinazione sì. Tutto quello che riguarda gli errori cognitivi, fa parte della disciplina della finanza comportamentale. Quest’ultima fonda le sue radici nel fertile terreno della psicologia. L’individuo (in questo caso l’investitore) tende a esporsi in maniera inconsapevole a molteplici atteggiamenti totalmente errati (dettati da pregresse esperienze negative o dall’aver assimilato una quantità di informazioni sbagliate che hanno distorto la sua idea) e così facendo, a lungo andare, porterà inevitabili ripercussioni negative anche ai suoi investimenti. Tutto questo non fa altro che alimentare il germe della diffidenza. Noi italiani siamo affetti in massa da questa patologia: voler fare tutto da soli per evitare di essere fregati. Così almeno, se le cose dovessero andare male, sappiamo che sarà stata solo colpa nostra e di nessun altro. Figuriamoci poi se è di soldi che si parla!


Si chiama ristrutturazione cognitiva e permette di ripristinare tutti quei comportamenti distorti che si attuano nel corso del proprio investimento.

Numerosi sono gli errori cognitivi ai quali siamo esposti e che molti di noi commettono quando decidono di investire. Siamo preda dei nostri sentimenti, delle nostre emozioni e – soprattutto – della nostra inesperienza e bassa cultura finanziaria.

È possibile combattere tutto questo? Con la giusta determinazione sì.

Tutto quello che riguarda gli errori cognitivi, fa parte della disciplina della finanza comportamentale. Quest’ultima fonda le sue radici nel fertile terreno della psicologia.

L’individuo (in questo caso l’investitore) tende a esporsi in maniera inconsapevole a molteplici atteggiamenti totalmente errati (dettati da pregresse esperienze negative o dall’aver assimilato una quantità di informazioni sbagliate che hanno distorto la sua idea) e così facendo, a lungo andare, porterà inevitabili ripercussioni negative anche ai suoi investimenti.

Tutto questo non fa altro che alimentare il germe della diffidenza. Noi italiani siamo affetti in massa da questa patologia: voler fare tutto da soli per evitare di essere fregati. Così almeno, se le cose dovessero andare male, sappiamo che sarà stata solo colpa nostra e di nessun altro.

Figuriamoci poi se è di soldi che si parla!

 

Come guarire dalle distorsioni cognitive e dare massimo valore ai propri investimenti

Prima di tutto è fondamentale riconoscere che c’è un problema. Che esso sia dovuto da una nostra peculiarità caratteriale, o sia maturato nel tempo, l’importante è sapere che esiste e cercare di partire da qui.

Una volta compreso e accettato che abbiamo un problema determinato da un nostro approccio comportamentale, dobbiamo entrare nell’ottica di una nuova consapevolezza: non possiamo fare tutto da soli. Per certe cose, soprattutto molto tecniche, è necessario farsi aiutare da chi ne sa più di noi.

Il problema, in genere, non è accettare che siamo onnipotenti. Il problema è riconoscere che non siamo capaci di distinguere cosa sia giusto o sbagliato per noi stessi e quindi, per evitare di sbagliare e restare fregati, preferiamo non scegliere.

Questo non è il comportamento giusto che farà di te il nuovo Jeff Bezos, stanne certo.

 

Esiste una vera e propria terapia cognitiva, anche perché, le distorsioni cognitive non riguardano solo i comportamenti legati al mondo della finanza. Essi possono riguardare la nostra vita in ogni sua sfaccettatura. Questo può causare molteplici problemi al nostro spirito di adattamento nella società.

 

Non sono qui per parlartene da terapeuta perché non è ciò che sono. Mi limiterò a osservare e descrivere quest’evento ricordandoti che la soluzione esiste sempre ed è proprio dentro di te, in ogni caso.

 

E se proprio non dovessi trovarla, caro investitore, ascolta un consiglio che va contro i miei stessi interessi: evita di investire. Avere una percezione sbagliata e distorta dei mercati finanziari non ti porterà a nulla di buono. Quindi evita proprio di cominciare.

 

La ristrutturazione cognitiva

È questo il modo per ripristinare dei normali atteggiamenti quando intendi investire consapevolmente e con obiettività.

Esistono delle vere e proprie terapie di ristrutturazione cognitiva. Talvolta, invece, basta fermarsi a riflettere ed esaminare la situazione e poi procedere autonomamente a piccoli passi.

Una delle cose più importanti, come dicevo poco fa, è evitare di fare tutto da solo. Lasciati aiutare da un professionista nei tuoi investimenti.

Anche perché, è bene che te lo dica, questo ti aiuterà ad abbassare l’asticella della diffidenza immotivata, nessun consulente finanziario è interessato a farti investire soldi che potresti perdere. Non coinciderebbe con i suoi interessi.

Il suo obiettivo è far sì che tu possa essere continuamente soddisfatto e tendere a incrementare la quota di portafoglio a lui affidata e, di conseguenza, far sì che tuoi conoscenti possano usufruire degli stessi soddisfacenti servizi. Viceversa, se tu resti insoddisfatto e disinvesti, lui perderà il cliente e il suo profitto scenderà di conseguenza.

Si tratta di un lavoro di squadra che ragiona con la logica del win-win: se lui è soddisfatto lo sei anche tu.

Quando cominci a farti guidare da un professionista, affidi a lui tutte le tue preoccupazioni, dubbi e perplessità. Questo ti permetterà di sentirti più completo nelle informazioni che ti mancano. Comincerai a viaggiare nella giusta direzione.

D’altronde, cosa faresti se ti trovassi a dover risolvere una situazione legale? Faresti tutto da solo o ti rivolgeresti al tuo avvocato?

Quando devi sistemare la fiscalità della tua attività ti rivolgi al tuo commercialista oppure te ne occupi autonomamente?

E invece quando hai un dolore fisico, la ricetta te la scrivi da solo o vai dal tuo medico di fiducia?

 

Insomma, caro investitore, queste piccole domande provocatorie per dirti cosa?

Che non siamo dei supereroi ed è impossibile fare tutto da soli. Così facendo, con la smania sempre più insistente della finanza autogestita e gli inevitabili insuccessi, non faranno altro che alimentare a gran voce il germe della diffidenza.

 

Tu da che parte voi stare e quale giardino vuoi curare? Quello della corretta educazione finanziaria o quello della diffidenza immotivata??

 

Pensaci e solo quando avrai fatto la scelta giusta contattami. Sarò pronto ad essere al tuo fianco per costruire insieme il miglior percorso per i tuoi investimenti.

 

Fabrizio Oliva

Autore del blog e consulente finanziario


Fonte notizia: https://www.4passinellafinanza.it/educazione-finanziaria/come-investire/approfondimenti/ristrutturazione-cognitiva-imparare-a-gestire-le-emozioni/




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Pinalli Novita’ 2019: 3 nuove aperture e 13 ristrutturazioni


Quanto costa ristrutturare un bagno?


L'offerta di Facile Ristrutturare per ristrutturazione completa appartamento a Roma


Fortinet presenta FortiGate 1800F per consentire alle aziende performance elevate e una segmentazione interna dinamica


Ristrutturazione casa Roma


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Consulente finanziario e cliente: l’importanza della relazione

Consulente finanziario e cliente: l’importanza della relazione
Spesso si sente dire la seguente frase: “devi rivolgerti a un consulente finanziario”. Ma chi è il consulente finanziario? Come si riconosce? La finanza non si può improvvisare Spesso si sente dire la seguente frase: “devi rivolgerti a un consulente finanziario”. Ma chi è il consulente finanziario? Come si riconosce?La risposta nel nuovo contesto normativo MIFID è abbastanza articolata. Innanzitutto, una buona notizia per il risparmiatore: la nuova legge europea, attuata anche in Italia, definisce l’attività di consulenza come un v (continua)

Investimenti: hai metodo e disciplina?

Investimenti: hai metodo e disciplina?
Prima di immergerti nel mondo degli investimenti assicurati di avere un metodo e tanta disciplina Gli studi di finanza comportamentale dimostrano che, nelle scelte di investimento, le nostre emozioni e le distorsioni cognitive ci portano a commettere sistematici errori di ragionamento e di preferenze. Di fronte alla scelta, quando ormai le emozioni sono accese e le nostre percezioni sono falsate dall’esperienza recente o dal contesto, è troppo tardi per tornare indietro. Rischiamo di commettere un errore. E allora dobbiamo prepararci adeguatamente. Prima di immergerti nel mondo degli investimenti assicurati di avere un metodo e tanta disciplinaGli studi di finanza comportamentale dimostrano che, nelle scelte di investimento, le nostre emozioni e le distorsioni cognitive ci portano a commettere sistematici errori di ragionamento e di preferenze.Di fronte alla scelta, quando ormai le emozioni sono accese e le nostre percezioni sono f (continua)

3 cose che devi smettere di pensare se vuoi far fruttare i tuoi investimenti

3 cose che devi smettere di pensare se vuoi far fruttare i tuoi investimenti
Generalmente, quando il risparmiatore si lascia trasportare dal proprio flusso di emozioni, giunge a conclusioni sbagliate riguardo il destino dei propri investimenti. Generalmente, quando il risparmiatore si lascia trasportare dal proprio flusso di emozioni, giunge a conclusioni sbagliate riguardo il destino dei propri investimenti.Possiamo trovarci davanti a due situazioni:Overconfidence: l’investitore è talmente sicuro di sé stesso e delle sue azioni che ignora totalmente gli andamenti e tutto ciò che concerne il panorama degli investimenti. Così facendo, si (continua)

Come combattere la diffidenza da investimenti finanziari

Come combattere la diffidenza da investimenti finanziari
Uno dei germi più pericolosi che spesso tendiamo ad alimentare anche inconsapevolmente, è quello della diffidenza. La paura di essere imbrogliati, la preoccupazione di non essere capaci di riconoscere cosa sia giusto e cosa sia sbagliato per noi, ci portano verso un punto di non ritorno: preferiamo non scegliere piuttosto che correre il rischio di scegliere male. Mi tocca svelarti un segreto: anche il non scegliere in realtà è scelta. Restare fermi, inermi, non muoversi, comporta delle ripercussioni esattamente come le porta il rischio di scegliere male. La non scelta, senza che tu riesca a rendertene conto, è una mossa sbagliata. Uno dei germi più pericolosi che spesso tendiamo ad alimentare anche inconsapevolmente, è quello della diffidenza.La paura di essere imbrogliati, la preoccupazione di non essere capaci di riconoscere cosa sia giusto e cosa sia sbagliato per noi, ci portano verso un punto di non ritorno: preferiamo non scegliere piuttosto che correre il rischio di scegliere male.Mi tocca svelarti un segreto: a (continua)

Perché i risparmiatori hanno paura di investire?

Perché i risparmiatori hanno paura di investire?
Impiegare i propri risparmi a scopo di investimento è un argomento ancora considerato un vero e proprio tabù in Italia, perlomeno da alcune categorie di persone. Molti sono i nodi da sciogliere e tantissime le perplessità. E – perché no – anche molte convinzioni errate da rimuovere. Ecco il motivo per il quale molti risparmiatori hanno paura di investire: l’inadeguatezza delle informazioni a loro disposizione.In questo vortice di inconsapevolezza ci sei finito pure tu. Un lavoratore impeccabile che ha anche la fortuna di lavorare nel settore per il quale ha studiato tanto tempo, impiegando numerosi sacrifici. Forse uno dei problemi è proprio questo: gli affanni della vit (continua)