Home > Primo Piano > Giorgio Calcaterra testimonial della “La Sei Ore del Parco Nord” Milano

Giorgio Calcaterra testimonial della “La Sei Ore del Parco Nord” Milano

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

Giorgio Calcaterra testimonial della “La Sei Ore del Parco Nord” Milano

Domenica 09.05.2021 si è svolta a Cinisello Balsamo (MI) la seconda edizione della “La Sei Ore del Parco Nord” Milano, su un anello di circa 1600 metri quasi completamente asfaltato, organizzata dal Centro Provinciale Libertas Milano in collaborazione con ASD Sport club Atletica Libertas Sesto. http://www.seioreparconord.com/ Il vincitore è stato Marco Menegardi con 88.349 km precedendo Giorgio Calcaterra 86.084 km e Mauro Gagliardini 78.848 km. Tra le donne la vittoria è andata a Chiara Milanesi con 75.713 km precedendo Lorena Brusamento 74.647 km e Annalisa Campagna 69.783 km. Di seguito approfondiamo la conoscenza di Giorgio attraverso risposte ad alcune mie domande.


Ero concentrato, pensavo ad arrivare a 80 km e per fortuna li ho superati

Matteo SIMONE

http://www.unilibro.it/libri/f/autore/simone_matteo

 

Domenica 09.05.2021 si è svolta a Cinisello Balsamo (MI) la seconda edizione della “La Sei Ore del Parco Nord” Milano, su un anello di circa 1600 metri quasi completamente asfaltato, organizzata dal Centro Provinciale Libertas Milano in collaborazione con ASD Sport club Atletica Libertas Sesto.

http://www.seioreparconord.com/

Il vincitore è stato Marco Menegardicon 88.349 km precedendo Giorgio Calcaterra 86.084 km e Mauro Gagliardini 78.848 km. Tra le donne la vittoria è andata a Chiara Milanesi con 75.713 km precedendo Lorena Brusamento 74.647 km e Annalisa Campagna 69.783 km.

Di seguito approfondiamo la conoscenza di Giorgio attraverso risposte ad alcune mie domande.

Ciao Giorgio, come ti sei preparato?Facendo per 21 giorni consecutivi 30 km senza forzare e poi tre giorni di scarico”.

 

30 km al giorno per Giorgio è come il pane quotidiano, lui che è abituato a macinare chilometri in giro per Roma, soprattutto a Villa Pamphili in compagnia di tutti, un sorriso e un consiglio per tutti, un selfie per chi lo richiede.

Cosa dice la tua squadra di te?Per fortuna, almeno in faccia 😊 mi dicono che sono orgogliosi di me”.

 

Giorgio è un riferimento per tanti, ha una sua squadra “Calcaterra Sport ASD – Team”, ha un suo negozio, ha scritto dei libri, ha seguito il suo intuito di correre con libero dalle pressioni degli altri che lo volevano maratoneta della nazionale a tutti i costi cercando di deviarlo dalla su libertà di gareggiare ovunque e con chiunque ottenendo risultati prestigiosi nelle ultramaratone.

Hai sofferto il caldo o cos'altro?Ho avuto un po' di crampi dopo 5 h e 20 e forse una crisi energetica subito dopo”.

Hai avuto tutto sotto controllo?Solo fino a 5 h e 20 minuti, gli ultimi 40 minuti no”.

 

Le ultramaratone mettono a dura prova anche i campioni, si mettono in conto crisi e criticità ma Giorgio è uno che non molla se può porta comunque a termine la gara nel miglior modo possibile attingendo dalle risorse interne residue e avvalendosi dalla tantissima esperienza in ambito internazionale. Nonostante tutto, Giorgio è arrivato 2° assoluto con un ottimo chilometraggio e quindi si può pensare che ancora ha da dire la sua, non dico che il meglio deve ancora venire ma comunque che continua la sua voglia di esprimersi ad alti livelli.

Ti ha aiutato qualcuno o qualcosa?Mi ha aiutato l'entusiasmo e la voglia di fare”.

 

Giorgio sembra nutrirsi della sua stessa passione per lo sport in particolare della corsa in compagnia di tanti fa, senza temere avversari, ma con umiltà e onesta e la consapevolezza che la performance non è per sempre ma si può continuare a cavarsela e ottenere comunque prestazioni eccellenti con l’impegno e l’entusiasmo.

In che modo ti sei focalizzato per la gara?Ero concentrato, pensavo ad arrivare a 80 km e per fortuna li ho superati”.

 

Giorgio è abituato a macinare chilometri, a prestazioni notevoli ed è difficile ostacolarlo nelle sue imprese che possono avere una deflessione ma comunque restano di rilievo.

Parteciperai al Campionato 100km a Imola per il titolo e per un under 7 ore?Correrò per finire bene, per arrivare con il sorriso, per quanto sia possibile 😊”.

 

Quello che sembra contraddistinguere Giorgio è proprio la sua serenità, il suo sorriso nonostante la fatica, la sua propensione a esserci sempre a non evitare l’esperienza, cercare di dare il suo contributo.

Quali sono gli ingredienti del successo?Non saprei. Gli ingredienti dei miei risultati sono la passione e la tenacia”.

 

Vero, sembra essere tutto facile per Giorgio, grazie al suo talento, alla sua passione fin da ragazzo, alla sua tenacia a resistere e persistere fino a che può, possibilmente fino alla fine con grande fiducia in se stesso, nei suoi mezzi, grazie a tanta esperienza.

Giorgio Calcaterra si è aggiudicato per tre volte il titolo di campione del mondo nella 100 km di ultramaratona e ha vinto per 12 volte consecutive la 100 km del Passatore.

https://ilsentieroalternativo.blogspot.com/2017/05/giorgio-calcaterra-vince-la-100km-del.html

Nel 1990, a 18 anni, partecipa alla Maratona di Roma completandola in 3:29. Nel 2000 oltre a stabilire il suo personale sulla distanza (2:13:15), stabilisce il Record Mondiale di Maratone corse in un anno sotto le 2:20:00 (16), ricevendo per questo un prestigioso riconoscimento dalla rivista specializzata americana Runner's World. Nel 2006 Calcaterra partecipa per la prima volta alla 100 km del Passatore Firenze - Faenza vincendo in 06:45 conquistando il titolo italiano di 100 km. Nello stesso anno entra nel giro della Nazionale di Ultramaratona con la quale partecipa ai Campionati Mondiali ed Europei del 2006, 2007, 2008 e 2009. L'8 novembre del 2008 vince la terza edizione dell'Ultramaratona degli Etruschi a Tarquinia e si laurea Campione del Mondo e d'Europa sui 100 km.

Il 10 settembre 2011, in Olanda, conquista il suo secondo titolo mondiale ed europeo vincendo la 100 km di Winschoten con il tempo di 6:27:32, mentre il 22 aprile 2012 conquista nuovamente i due titoli a Seregno, stabilendo il nuovo personale di 6:23:21.

Personali: 5000m: 14’35”; 10000m: 30’00”00 (2000); Mezza Maratona: 1h05’00” (2000); Maratona: 2h13’15” (2000); 100 km: 6h23’21” (2012 Titolo Mondiale Seregno).

http://www.giorgiocalcaterra.com/personali/

Il 12 settembre 2015, si sono disputati a Winschoten in Olanda, i Campionati Mondiali ed Europei di 100km di corsa a piedi su strada e la Nazionale Italiana ha ben figurato conseguendo la medaglia di Bronzo individuale grazie al 43enne Giorgio Calcaterra e la medaglia d’argento di squadra Maschile grazie agli altri due atleti Italiani: l'altoatesino Hermann Achmuller arrivato quattordicesimo in 6h54:50 ed Andrea Zambelli 23° in 7h00:51.

https://ilsentieroalternativo.blogspot.com/2015/09/mondiali-ed-europei-100km-calcaterra.html

L’8 settembre 2018 a Sveti Martin na Muri, in Croazia, si è disputata la trentesima edizione dei Campionati Mondiali della 100 km su strada. Il primo europeo è stato Giorgio Calcaterra che ripete la settima posizione individuale dei due anni precedenti.

https://ilsentieroalternativo.blogspot.com/2018/09/giorgio-calcaterra-7-ai-mondiali-100km.html

 

Un’intervista a Giorgio è riportata nel mio libro Ultramaratoneti e gare estreme, Prospettiva editrice, Civitavecchia, 2016.

http://www.prospettivaeditrice.it/index.php?id_product=357&controller=product

Giorgio è menzionato nei seguenti libri:

 

L’ultramaratoneta di Corato. Esperienze, sensazioni, emozioni e aspetti psicologici di un atleta di corsa delle lunghe distanze, Arduino Sacco Editore, Roma, 2017

https://www.arduinosaccoeditore.eu/products/l-ultramaratoneta-di-corato/

Maratoneti e ultrarunner. Aspetti psicologici di una sfida, Edizioni Psiconline, Francavilla al Mare (CH), giugno 2019

https://www.edizioni-psiconline.it/catalogo/punti-di-vista/maratoneti-e-ultrarunner-aspetti-psicologici-di-una-sfida.html

Cosa spinge le persone a fare sport?, edito da Aracne Editrice 2020

http://www.aracneeditrice.it/aracneweb/index.php/pubblicazione.html?item=9788825528275

 

Matteo SIMONE

http://www.unilibro.it/libri/f/autore/simone_matteo


Fonte notizia: http://www.unilibro.it/libri/f/autore/simone_matteo




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Stefano Velatta, 40 miglia: Paura sia mia che di Giorgio di aver sbagliato strada


A Los Alcazares, in Spagna, il Campionato Mondiale IAU della 100 km


L’Itinerario delle Rocche nella provincia di Pesaro Urbino: viaggio tra i capolavori di Francesco di Giorgio Martini


Intervista doppia agli ultramaratoneti Giorgio Calcaterra e Marco Menegardi


19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


PROGRAMMA RIDE MILANO DAL 4 AL 20 GIUGNO


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Mattia Pisanello, arbitro di calcio: Il sogno è arrivare in serie A

Mattia Pisanello, arbitro di calcio: Il sogno è arrivare in serie A
Lo sport è un’opportunità per conoscere se stesso, conoscere l’altro, conoscere regole, apprendere dall’esperienza. A volte non basta praticare sport ma si vuol anche cambiare ruolo come per esempio diventare allenatore, dirigente, arbitro. Di seguito Mattia racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande. Quando ti sei sentito campione nello sport? “Mi sono sentito campione nello sport all'esordio in ogni nuova categoria, dai giovanissimi provinciali alla prima categoria (attuale categoria di appartenenza). L'esperienza più soddisfacente è stata arbitrare la finale di giovanissimi provinciali nel 2019, dopo solo 1 anno di arbitraggio effettivo, la partita più bella invece è stata arbitrare uno scontro diretto per la qualificazione ai play-off di Prima Categoria con sugli spalti circa 1500 spettatori”. Dal 2018 la mia passione si è consolidata nel calcioMatteo SIMONE380-4337230 - 21163@tiscali.it Lo sport è un’opportunità per conoscere se stesso, conoscere l’altro, conoscere regole, apprendere dall’esperienza. A volte non basta praticare sport ma si vuol anche cambiare ruolo come per esempio diventare allenatore, dirigente, arbitro. Di seguito Mattia racconta la sua esperienza rispond (continua)

Giovanni De Gennaro, canoista: Ringrazio di cuore chi mi tifa e chi sostiene

Giovanni De Gennaro, canoista: Ringrazio di cuore chi mi tifa e chi sostiene
Giovanni De Gennaro, Gruppo Sportivo dei Carabinieri (ex Corpo Forestale dello Stato), vince il titolo europeo Junior a squadre nel 2009 a Liptosky (SVK) e nel 2010 a 18 anni si laurea Campione del Mondo Junior a Foix (FRA). Nel 2011 a 19 anni al Mondiale Senior di Bratislava (SVK) vince il bronzo a squadre. Giovanni nel 2012, vince l'oro del mondiale under 23 a squadre di Wasau (USA). Nel 2013 conquista la medaglia di bronzo ai mondiali U23. L’anno successivo conquista l'argento al mondiale U23 australiano. Ha rappresentato l'Italia ai Giochi olimpici di Rio de Janeiro 2016 con un 7º posto. Nel 2017 vince l'oro alla Coppa del Mondo K1 di Markleeberg (Germania) e l'oro dello slalom K1 dell'ICF Ranking di Ivrea. Nel 2018 vince l'oro alla Coppa del Mondo di La Seu d'Urgeil in Spagna. Il 2019 ancora oro alla gara di Coppa del Mondo K1 di Tacen (Slovenia) e oro al K1 slalom dell'ICF Ranking di Tacen (Slovenia). Nel 2020 vince il suo 4º titolo di Campione Italiano a Ivrea. Nel 2021 conquista il pass per i Giochi della XXXII Olimpiade di Tokyo. Di seguito approfondiamo la conoscenza di Giovanni attraverso risposte ad alcune mie domande. Complimenti, il significato di questa qualificazione olimpica? La qualifica olimpica è una tappa importante nel mio percorso, sono felice di poter continuare a lavorare per una medaglia olimpica. Matteo SIMONE  Giovanni De Gennaro, Gruppo Sportivo dei Carabinieri (ex Corpo Forestale dello Stato), vince il titolo europeo Junior a squadre nel 2009 a Liptosky (SVK) e nel 2010 a 18 anni si laurea Campione del Mondo Junior a Foix (FRA). Nel 2011 a 19 anni al Mondiale Senior di Bratislava (SVK) vince il bronzo a squadre.  Giovanni nel 2012, vince l'oro del mond (continua)

Lilli Gelmini vince Ledroman Triathlon Sprint 1h06’32”, record femminile gara

Lilli Gelmini vince Ledroman Triathlon Sprint 1h06’32”, record femminile gara
Domenica pomeriggio 11 luglio 2021 ha avuto luogo la 8^ edizione del triathlon sprint Ledroman. Tra le donne Lilli Gelmini (707 Team Minini) ha vinto la prova femminile in 1:06:32 nuovo record femminile sulla gara, precedendo Francesca Crestani (CY Laser Tri Schio) 1h08’57” e Chiara Cavalli (Cus Parma). Fortissima Gelmini nelle tre frazioni, soprattutto nuoto e bici, e ottime le transizioni. Tra gli uomini il vincitore è stato Davide Uccellari (Fiamme Oro) in 58’43 precedendo Jacopo Butturini (CUS Verona) 1h00’04” e Mattia Zontini (Raschiani Triathlon) 1h01’44”. Ottima la frazione di corsa di Uccellari in 15’47”. Di seguito approfondiamo la conoscenza di Lilli attraverso risposte ad alcune mie domande post gara. Ciao Lilli, complimenti per la vittoria, te l'aspettavi? Ci hai lavorato e come? Non mi aspettavo di vincere perché ho deciso all'ultimo momento di partecipare alla gara solo per fare un po' di ritmo gara prima delle prossime competizioni, però una volta fischiata la partenza mi sono sentita subito bene e ci ho creduto fino al traguardo. Mio papà è praticamente sempre presente alle gare e il suo supporto è fondamentaleMatteo SIMONE Domenica pomeriggio 11 luglio 2021 ha avuto luogo la 8^ edizione del triathlon sprint Ledroman. Tra le donne Lilli Gelmini (707 Team Minini) ha vinto la prova femminile in 1:06:32 nuovo record femminile sulla gara, precedendo Francesca Crestani (CY Laser Tri Schio) 1h08’57” e Chiara Cavalli (C (continua)

Anna Arnaudo, 10.000m Europei U23, argento e record nazionale U23

Anna Arnaudo, 10.000m Europei U23, argento e record nazionale U23
Il 9 luglio 2021, Anna Arnaudo ha conquistato la medaglia d’argento sui 10.000 metri ai Campionati Europei under 23 a Tallinn (Estonia). La vincitrice è stata Jasmijn Lau in 32’30”49 seguita da Anna Arnaudo che ottiene il suo Personal Best e record Under 23 in 32’36”98 (il precedente di 32:38.96 era di Allison Rabour del 1989) al terzo posto si classifica Lisa Oed 33’35”99, sfiora il podio Gaia Colli che comunque ottiene il suo Personal Best 33’44”90. Di seguito approfondiamo la conoscenza di Anna attraverso risposte ad alcune mie domande, la mattina prima della gara. Complimenti per la convocazione in nazionale, ti senti pronta? Assolutamente sì. Sono tranquilla ed è una bellissima sensazione perché so che ho la possibilità di onorare la maglia azzurra. È l'ultima gara di una stagione che è andata molto beneMatteo SIMONEPsicologo, Psicoterapeuta Il 9 luglio 2021, Anna Arnaudo ha conquistato la medaglia d’argento sui 10.000 metri ai Campionati Europei under 23 a Tallinn (Estonia). La vincitrice è stata Jasmijn Lau in 32’30”49 seguita da Anna Arnaudo che ottiene il suo Personal Best e record Under 23 in 32’36”98 (il precedente di 32:38.96 (continua)

Sandro: Grazie alla generosità degli atleti dell'Atletica La Sbarra ho iniziato a correre

Sandro: Grazie alla generosità degli atleti dell'Atletica La Sbarra ho iniziato a correre
Prossimi obiettivi a breve, medio, lungo termine? Sogni da realizzare e realizzati? “Nel breve: percorrere 1 km lanciato in 4:00/4:15. Nel medio: migliorare notevolmente le prestazioni che ho ottenuto nelle mie 2 gare. Nel lungo: vincere una gara. Sogni da realizzare: insidiare i record sui 5.000 e 10.000 di Salvatore Antibo. Sogni realizzati: per me il semplice fatto di aver corso in gara è già un sogno realizzato. Vorrei ringraziare tutti gli atleti che mi hanno aiutato a raggiungere questo sogno. Grazie amici ve ne sono riconoscente. Sandro M.". Un’intervista a Sandro è riportata nel mio libro “Sport benessere e performance. Aspetti psicologici che influiscono sul benessere e performance dell’atleta”, edito da Prospettiva Editrice. Sandro: Essendo io un ipovedente era impensabile correre per meMatteo SIMONE380.4337230 - 21163@tiscali.it Ti sei sentito campione nello sport almeno un giorno della tua vita? “Io sono un neo sportivo, ho iniziato a correre da 2 mesi, ma in 2 occasioni mi sono sentito un campione: 1 metro dopo il traguardo delle mie 2 uniche prime gare (Staffetta 12x30 e maratonina 10km). Non avevo mai p (continua)