Home > Primo Piano > Roberto Mancini modello da imitare nella lotta contro la criminalità

Roberto Mancini modello da imitare nella lotta contro la criminalità

scritto da: Marcofrancescoeramo | segnala un abuso

Roberto Mancini modello da imitare nella lotta contro la criminalità

Eramo: é doveroso ricordare nella giornata della legalità il sostituto commissario Roberto Mancini che ha scoperto lo scempio della "terra dei fuochi" .


La legalità in Campania porta il nome di Roberto Mancini che non è solo un’omonimia del CT della Nazionale, ma è anche espressione di coraggio e di dovere.

Roberto Mancini è stato il poliziotto che ha scoperto il traffico illecito dei rifiuti tossici tra la Campania ed il Lazio ed ha rivelato il volto di quella che da anni è conosciuta come “Terra dei fuochi”.

Ha reso un grande servizio allo Stato ed alla società, indagando sugli interessi della malavita organizzata a costo della sua stessa vita. Per queste ragioni sembra opportuno rammentare, nel giorno in cui si fa memoria delle stragi di Mafie, anche le sue gesta eroiche.

Il sostituto commissario Roberto Mancini infatti ha incentrato la sua principale attività investigativa  sugli affari illeciti della camorra ed in particolar modo sul traffico dei rifiuti. A partire dal 1994, insieme alla sua squadra, comincia a svolgere delicate indagini sul clan dei casalesi, arrivando a produrre una preziosa informativa che nel 1996 consegna alla Direzione Distrettuale Antimafia . L’informativa riguarda proprio lo smaltimento illecito dei rifiuti pericolosi nelle discariche abusive tra Caserta e Napoli.

Roberto ha svolto il suo lavoro sempre con coraggio e tenacia; davanti al pericolo, consapevole di mettere a rischio la sua stessa vita non ha mai esitato. Ha avvertito sempre il senso del dovere ed ogni volta che prendeva in carico una indagine, dava sempre tutto se stesso, come ha fatto nel campo delle ecomafie, il settore dove particolarmente si è impegnato, andando a fare personalmente  delle perlustrazioni sul luogo fino ad ammalarsi.

Per scoprire quello che stava succedendo  e per dare dimostrazione che le sue non fossero delle supposizioni fasulle arrivò a scavare con le sue stesse mani nei terreni in cui, secondo le dichiarazioni di alcuni pentiti, erano stati interrati dei fusti contenenti materiali tossici. Prelevò personalmente uno dei fusti rinvenuti, lo caricò nel sedile posteriore della sua auto e lo portò a Roma.

Purtroppo il contatto diretto con i rifiuti radioattivi lo ha portato a contrarre una brutta malattia, il linfoma non Hodgkin di tipo follicolare, che lo condurrà alla morte il 30 aprile del 2014.

Per l’allora Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano il sostituto commissario Mancini è stato un servitore delle Istituzioni che si è prodigato nell’attività investigativa per l’individuazione su alcune aree della Campania dei siti inquinati dai rifiuti tossici illegalmente smaltiti.

Roberto Mancini è un esempio da imitare nella lotta per la legalità. Fin da subito è stata chiara a tutti la sua passione per il  lavoro, il coraggio di non arrendersi mai, nemmeno dinanzi alla malattia, e l’onestà che lo condurrà a sfidare più volte  e ripetutamente i poteri forti per tutelare i diritti dei cittadini.

La terra dei fuochi portata cosi allo scoperto  si presenta come la più esecrabile delle attività malavitose di stampo camorristico dell’ultimo ventennio. A distanza di alcuni anni dalla morte dello stesso Mancini nulla però sembra sia cambiato: molti terreni sono ancora in attesa di bonifiche e per strada continuano a verificarsi incendi di rifiuti che immettono nell’aria quantitativi intollerabili di tossine che recano non pochi danni alla salute.

L’eccidio perpetrato dalla criminalità, che quotidianamente si presenta con un elevato tasso di morti per malattie tumorali e che ormai non si contano più, tra giovani ed adulti, è destinato a non scomparire se si rimane inerti. Bisogna fare proprie le gesta eroiche di Roberto Mancini e sul suo esempio  imparare ad agire a testa alta contro ogni forma di illegalità con la speranza d poter garantire un futuro migliore alle prossime generazioni.

 

 



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Io, morto per dovere. La vera storia di Roberto Mancini, il poliziotto che ha scoperto la Terra dei fuochi


È ora di vivere meglio! Il dottore in chiropratica Fabrizio Mancini svela il suo innovativo metodo di autoguarigione


L’importanza dello sciopero del 23 marzo in FIAT-FCA


GIORNATA MONDIALE DELL’ALIMENTAZIONE, TUTTI I RISCHI DELLE DIETE FAI DA TE


Eni: specializzazioni professionali di Roberto Casula


Tamponi, la denuncia di Cicchitto a 'Il Tempo': "I calciatori di serie A hanno la possibilità di farli sempre, alcuni medici e infermieri no"


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La comunità di Carinaro in festa per celebrare il culto in onore della sua santa Patrona Eufemia

La comunità di Carinaro in festa per celebrare il culto in onore della sua santa Patrona Eufemia
Il 16 settembre, nel giorno della salita al cielo della gloriosa santa di Calcedonia, la comunità dei fedeli di Carinaro si prepara a celebrare la solenne festa liturgica con la partecipazione del Cardinale Crescenzio Sepe. La comunità di Carinaro si prepara a celebrare la festa liturgica in onore della santa patrona Eufemia.Ormai sono già  due anni che in seguito alle misure restrittive dovute al diffondersi della pandemia da Covid19, i festeggiamenti patronali, quelli legati alle tradizioni civili con luminarie e serate canore, non si svolgono; ma la comunità dei fedeli  si prepara comunque a celebrare l' (continua)

A più di un anno dal lockdown: la salute psicofisica dei bambini va peggiorando.

A più di un anno dal lockdown: la salute psicofisica dei bambini va peggiorando.
I dati emergenti nell'ambito della salute mentale dei bambini non sono confortevoli; a più di un anno dal lockdown che ha costretto i bambini a chiudersi in casa, ad evitare rapporti sociali con altre persone, privandoli del gioco e della libertà, ha progressivamente comportato un peggioramento del loro benessere psicofisico. COVID: BAMBINI E LOCKDOWN UN ANNO DOPO, DALLA RESILIENZA ALLA RESISTENZAPossesso e uso di device digitali sempre in aumento e in età più precoce, con conseguente pervasività di questi strumenti nella vita dei bambini in età scolare.Questo é quanto viene fuori da una ricerca di Milano-Bicocca.Stando ai dati “alimentazione e sonno - continuano a essere messi a dura prova.Rispetto ai dati del 2020 si (continua)

I problemi di salute mentale possono essere curati a partire dall'intestino

I problemi di salute mentale possono essere curati a partire dall'intestino
L'intestino ha un sistema nervoso enterico che, come quello autonomo, invia dei propri messaggi al cervello determinandone la funzionalità. Gli indizi sulla salute del cervello possono trovarsi nell'intestino. È importante quindi tenere sotto osservazione il ruolo dell'asse intestino-cervello in relazione alle condizioni di salute e decidere poi il tipo di interventi sull'intestino per fornire sollievo in alcuni disturbi di salute mentale.Odore di brownies in forno.  Ascoltare una pubblicità per una patatina salata.  Ve (continua)

I docenti e la loro realtà emotiva: una condizione stressante continua può avere ripercussioni negative anche sugli alunni.

I docenti e la loro realtà emotiva: una condizione stressante continua può avere ripercussioni negative anche sugli alunni.
L'insegnamento é uno dei mestieri più belli e al tempo stesso anche più complicato. I docenti hanno bisogno di innumerevoli risorse personali e materiali per contrastare il difficile problema del burnout. Se I docenti stanno bene psicologicamente altrettanto lo saranno anche gli studenti. Diversi studi hanno analizzato la realtà emotiva dei docenti e le percezioni del proprio lavoro quotidiano a scuola. Quando viene chiesto agli insegnanti di descrivere le tre emozioni che provano più frequentemente nella quotidianità scolastica, le più ricorrenti sono: la sopraffazione, la frustrazione e lo stress. Delle tre la più lunga emozione citata é la frustrazione. Se invece ai docenti vien (continua)

Giornata Internazionale del cane. Un amico di fiducia per cui vivere bene ed in maniera sana.

Giornata Internazionale del cane. Un amico di fiducia per cui vivere bene ed in maniera sana.
Gli studi hanno accertato che oltre alla compagnia il cane trasmette empatia e fa bene al cuore. Ecco il decalogo per averne cura. In occasione della Giornata internazionale del cane ricordiamo i benefici di un pet, ma anche i comportamenti che chi decide di avere con sè un animale dovrebbe adottare ogni giornoNegli studi scientifici viene chiamato «pet effect». Si tratta dell’effetto che un animale d’affezione ha sul suo padrone, specialmente se quest’ultimo è malato o sta affrontando un periodo difficile, fisicamente o psic (continua)