Home > Economia e Finanza > Poste Italiane supporta le PMI nell’e-commerce

Poste Italiane supporta le PMI nell’e-commerce

scritto da: AIDR | segnala un abuso

Poste Italiane supporta le PMI nell’e-commerce

Per le aziende operanti nel settore del commercio elettronico e per le imprese manifatturiere che hanno scelto di vendere online i propri prodotti, Poste Italiane ha strutturato servizi dedicati per la gestione degli incassi e per la spedizione in Italia ed all’estero delle merci dei propri clienti, servizi finanziari su misura targettizzati e servizi evoluti di gestione dati.


di Alessandro Alfano – Commercialista e Socio fondatore AIDR

Poste Italiane conferma la propria attenzione per le PMI Italiane prevedendo soluzioni su misura per lo sviluppo dell’e-commerce.

Per le aziende operanti nel settore del commercio elettronico e per le imprese manifatturiere che hanno scelto di vendere online i propri prodotti, Poste Italiane ha strutturato servizi dedicati per la gestione degli incassi e per la spedizione in Italia ed all’estero delle merci dei propri clienti, servizi finanziari  su misura targettizzati e servizi evoluti di gestione dati.

I servizi di Gestione dati erogati da Postel del Gruppo Poste Italiane si suddividono in:

  • analisi puntuali del database cliente per validare, correggere e georeferenziare le varie componenti dell’indirizzo e rimuovere indirizzi non validi (DataQuality);
  • studio di dati non strutturati per organizzare e comprendere fenomeni complessi, abitudini e preferenze della propria clientela attraverso analisi statistiche e l’utilizzo di metodi predittivi (DataMining);
  • analisi del business tramite una maggiore comprensione del territorio, sfruttando la componente geografica delle informazioni (GeoMarketing) altresì ottenibili attraverso l’acquisto delle Banche Dati Territoriali di Poste Italiane;
  • selezione di un’audience di utenti profilata e geolocalizzata su Facebook su cui effettuare campagne di marketing mirate e diversificate per raggiungere il target potenziale (Custom Audience e Lookalike);
  • selezione di destinatari per mirare l’attività SEM su Google, sfruttando la componente geografica e demografica per sponsorizzare i propri annunci e generare traffico sul sito (Google Adwords)
  • attività di comunicazione mobile sfruttando la componente geografica di prossimità al punto vendita per promuovere la propria attività in modo visuale cartografico (WAZE).

Particolarmente innovativo anche il recente servizio che sfrutta le potenzialità di WhatsApp; infatti la consegna e-commerce di Poste Italiane si arricchisce di nuovi servizi che utilizzano le potenzialità dell’intelligenza artificiale. Sarà infatti possibile consultare lo stato della spedizione direttamente via WhatsApp. Con il servizio di tracciatura online, già disponibile su web ed APP, è possibile tracciare lo stato della spedizione in modo semplice e veloce, per qualsiasi tipo di prodotto di Poste Italiane. Inviando un messaggio WhatsApp contenente il codice invio fornito dal venditore ad un numero dedicato, si entra in contatto con l’Assistente Digitale Poste, che restituisce un apposito link alle informazioni richieste per verificare lo stato della spedizione.

Durante la recente edizione, tenutasi la scorsa settimana, del Netcomm Forum Extended, la più importante manifestazione italiana dedicata al commercio elettronico, Poste Italiane ha presentato le più recenti soluzioni a valore aggiunto per chi vende e acquista online. In linea con l’evoluzione digitale dell’Azienda, i nuovi servizi proposti da Poste Italiane garantiscono una user experience smart per la consegna e un modo semplice per la gestione dei resi, con una particolare attenzione alla sostenibilità ambientale grazie all’impiego di veicoli elettrici per il trasporto delle merci. Inoltre, grazie alla Joint Venture MLK Deliveries, Poste Italiane offre un insieme di servizi accessori che dà la possibilità al destinatario di decidere con precisione quando ricevere la propria spedizione e di personalizzare e ripianificare in corsa tutti gli aspetti della consegna. Inoltre, gli e-shopper possono scegliere dove consegnare i resi tra 20.000 punti di prossimità in tutta Italia o, in alternativa, chiedere un ritiro a domicilio, e con la modalità “senza carta” l’e-shopper non deve neanche preoccuparsi di stampare il documento di trasporto.

Servizi che rendono Poste Italiane il riferimento per gli addetti ai lavori del mondo e-commerce grazie ai nuovi contenuti indispensabili per chi vuol far crescere il proprio business.


Fonte notizia: https://www.aidr.it/aidr-digitale-alessandro-alfano-poste-italiane/


Poste | PMI | e-commerce |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Nasce Poste e-commerce, la soluzione di Poste Italiane per l'e-commerce delle PMI italiane


Poste Italiane: collaborazione strategica con Egypt Post


Nuova home page per poste.it, più semplice la navigazione con tablet e smartphone


Previsioni e-commerce 2019: non possiamo far altro che crescere!


Aliexpress e dogana: come comportarsi.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il Manifesto della digitalizzazione

Il Manifesto della digitalizzazione
In pochi sanno che, nel tempo libero, tra un esercizio sulle punte e la cura maniacale delle unghie dei piedi, Marx si è occupato anche di filosofia. Sociale, politica ed economica, per l’esattezza. Si potrebbe dire che sia stato un filosofo globale, un osservatore privilegiato che ha analizzato la società a tutto tondo, da diverse prospettive. So che, a questo punto, risalire la china e dare un'immagine di Marx diversa dall’avvocato svitato, interpretato da Alberto Sordi nel film Troppo forte, sia difficile. Ci proverò, parlando della realtà che ci circonda e provando a contestualizzare alcuni aspetti della filosofia marxista alla digitalizzazione e ai giorni nostri. Il Manifesto della digitalizzazionedi Alessandro Capezzuoli funzionario ISTAT e responsabile osservatorio dati professioni e competenze Aidr Alzi la mano chi non ha mai sentito parlare di Marx. Marx, proprio lui, il celebre ballerino prussiano passato alla storia per l’interpretazione acrobatica dello schiaccianoci del Bolshoi, terminata con un dolorosissimo atterraggio e una conseguente fran (continua)

Pianeta Terra – Ultima chiamata per salvare l’ambiente?

Pianeta Terra – Ultima chiamata per salvare l’ambiente?
Nei lontani anni ‘30 del secolo scorso, il 32° Presidente degli Stati Uniti d’America, Franklin Delano Roosevelt, pronunciò durante un suo discorso questa frase: “Una nazione che distrugge il proprio suolo si distrugge. Le foreste sono i polmoni della nostra terra, purificano l’aria e danno nuova forza alla nostra gente ”. Nei lontani anni ‘30  del  secolo scorso,  il 32° Presidente degli Stati Uniti d’America, Franklin Delano Roosevelt, pronunciò  durante un suo discorso  questa frase: “Una nazione che distrugge il proprio suolo si distrugge. Le foreste sono i polmoni della nostra terra, purificano l’aria e danno nuova forza alla nostra gente ”.Oggi a distanza di ol (continua)

L’innovazione come leva dello sviluppo sostenibile

L’innovazione come leva dello sviluppo sostenibile
La cultura dell’innovazione, per tradursi in risultati concreti, necessita di un coinvolgimento a tutto tondo, che trasformi la struttura interna delle organizzazioni e tenga conto, come leva fondamentale, dell’approccio multi-stakeholder. Occorre incoraggiare lo spirito creativo e imprenditoriale delle persone, creare nuove skill, investire nei talenti così da favorire la generazione di nuove soluzioni. Stiamo vivendo un momento storico senza precedenti, caratterizzato dalla velocità e dall’imprevedibilità con cui avvengono i cambiamenti. D’altra parte, è anche un tempo utile in cui cogliere l’opportunità di realizzare quanto espresso negli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile 2030 delle Nazioni Unite ovvero: “costruire una infrastruttura resiliente e promuovere l’innovazione ed  (continua)

Tutelare l’identità online, approfondimento a Digitale Italia

Tutelare l’identità online, approfondimento a Digitale Italia
“Siamo noi a costruire il nostro IO digitale, condividendo in rete diverse informazioni. Per questo è necessario acquisire una nuova consapevolezza del valore della nostra identità digitale e del ruolo che questa assume tanto nella vita privata, quanto in quella professionale, e monitorarla con attenzione” ha sottolineato Gabriele Gallassi nel corso del suo intervento. “Per far questo, oggi abbiamo a disposizione nuovi innovativi strumenti che permettono, ad esempio la de-indicizzazione di quei contenuti che non ci rispecchiano più”. Galassi (Tutela Digitale): così possiamo difenderci online e tutelare la nostra reputazioneQuale percezione hanno gli altri della nostra identità in rete, in che modo possiamo cancellare le immagini online che non ci rappresentano, è possibile tutelarsi da contenuti lesivi della nostra reputazione? A Digitale Italia nuovo approfondimento legato ai temi della digitalizzazione. Ospiti del format web (continua)

I contenuti di valore: cosa paga davvero sui social

I contenuti di valore: cosa paga davvero sui social
Per una azienda, piccola o grande che sia, non basta la presenza, o almeno non basta più la semplice presenza, sui social bisogna andare oltre, creando contenuti di valore. Non ci sono scorciatoie, l’algoritmo che regola l’ecosistema Facebook, è impietoso: i contenuti in organico (quelli postati sui social senza adv) sono destinati ad ottenere una visibilità sempre più ridotta in favore di contenuti generati da profili privati. Allora come uscire dall’empasse, come emergere dal limbo della poca visibilità e fare davvero la differenza online? di Valentina Palmieri, giornalista – social media manager e socio AidrLa chiave del successo di una buona strategia di social media marketing passa da lì, non ci sono dubbi. Per una azienda, piccola o grande che sia, non basta la presenza, o almeno non basta più la semplice presenza, sui social bisogna andare oltre, creando contenuti di valore. Non ci sono scorciatoie, l’algoritmo che regola l’eco (continua)