Home > Cultura > Peppe Morra - appuntamento con Augusto De Luca

Peppe Morra - appuntamento con Augusto De Luca

scritto da: Valerianapoli | segnala un abuso

Peppe Morra - appuntamento con Augusto De Luca


Ho iniziato a frequentare assiduamente le esposizioni di Giuseppe Morra, noto come Peppe, dall'inizio della mia carriera di fotografo negli anni 70. Gallerista raffinato e colto, collezionista, mecenate, squisito ricercatore e valorizzatore della cultura delle comunicazioni visive, senza fermarsi alla prima impressione e scavando nel profondo, si è distinto dagli altri proponendo artisti importanti ma che operano al di fuori di schemi tradizionali e commerciali, come quelli dell'Azionismo Viennese della Body Art. A seguito di molteplici contatti con Lucio Amelio, su cui mi sono soffermato in precedenza, ne è diventato presto amico e, dopo aver creato al Vomero il Centro d’Arte Europa, con Luigi Mainolfi, Giuseppe Maraniello, Errico Ruotolo, ha accolto con gioia il suo prezioso suggerimento di inaugurare uno spazio al centro di Napoli, per poi andare oltre e diventare un promotore culturale, dando vita al Museo Nitsch e, con alcuni amici, al Quartiere dell’Arte. Convinto assertore dell’individuale capacità di concepire l’esistenza senza legarsi a schemi mentali precostituiti o alle mode del momento, ha fatto del suo interesse per la filosofia la molla propulsiva della sua indagine sulla Bellezza, compiendo, di continuo, scelte molto singolari ma sempre vincenti. Per citarne una: nella sua vecchia galleria Studio Morra, sita in un antico palazzo di via Calabritto a Napoli, Marina Abramović realizzò, nel 1974, la famosissima performance, la Rythm 0, restando passivamente immobile per sei ore, dalle 20:00 alle 2:00 del mattino, a completa disposizione del pubblico. Su di un tavolo c'erano fiori, strumenti di tortura e persino una pistola con un colpo. Chiunque, in questo lasso di tempo, dopo aver letto le istruzioni riportate a corredo dei 72 oggetti forniti, le avrebbe potuto fare tutto ciò che voleva: ferirla, muoverla, denudarla. Insomma, si trattava di un esperimento nell’esperimento per indagare le tensioni del genere umano tra abbandono e controllo. E solo un innovatore come Peppe avrebbe potuto intuire le potenzialità di questa pièce. Per fargli un ritratto andai a trovarlo nel suo suggestivo Museo in vico Lungo Pontecorvo, nel cuore di Napoli, un’ex centrale elettrica dedicata dal 2008 al grande artista viennese Hermann Nitsch, di cui ho trattato in un precedente articolo. Come sempre, Peppe si fece trovare vestito di nero, fatico a ricordarlo con indosso abiti di colore diverso. Mi accolse con grande affetto, mettendosi a mia completa disposizione. Girammo un po’ tutte le stanze del Nitsch, alla ricerca di un luogo che gli facesse da sfondo. In verità gli spazi erano tutti bellissimi ed io feci diversi scatti, ma alla fine scelsi le due immagini che pubblico qui. La prima realizzata su di una scaletta che porta ad alcune stanze di sotto, perché mi piaceva il movimento di quei muri alle sue spalle, e la seconda, più essenziale e minimalista, sul magnifico belvedere all'ingresso dell'edificio, con il dettaglio del Vesuvio sullo sfondo alle sue spalle e una tenda bianca a sinistra, che bilanciava il ritratto a destra. Prima di andar via gli chiesi di farmi incontrare Nitsch per realizzargli un ritratto, cosa alquanto difficile data l'età e la riservatezza del personaggio. Ne fu entusiasta e mi promise che appena il performance artist austriaco sarebbe venuto nuovamente in città, lo avrebbe convinto organizzando l'incontro… cosa che puntualmente fece, mostrandomi, ancora una volta, la sua serietà e affidabilità come amico e come uomo.

Augusto De Luca

Peppe Morra | Augusto De Luca | Fondazione Morra |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

AUGUSTO RE “CI SI PERDE DI VISTA” è il nuovo singolo del cantautore urban contemporaneo


BRUSCIANO RICORDA IL CANTORE POPOLARE PEPPE CAROSONE CON UNA SERATA ARTISTICA PROMOSSA DALLA PRO LOCO CON IL PATROCINIO DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNALE. di Antonio Castaldo


È online la mostra “Energia universale” dedicata alla produzione pittorica di Peppe Postorino


Due grandi si incontrano: Hermann Nitsch e Augusto De Luca


L’istinto altrove & Dossier Isabella Morra al Teatro Belli


AUGUSTO RE “TORNARE A VOLARE” è il nuovo singolo del cantautore ravennate


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Carte telefoniche delle capitali europee - appuntamento con Augusto De Luca

Carte telefoniche delle capitali europee - appuntamento con Augusto De Luca
Dopo le mie tre immagini di Napoli sulle schede telefoniche, il cui lavoro ho descritto dettagliatamente in un precedente articolo, la Telecom mi contattò per un nuovo incarico: realizzare le foto per quattro schede su altrettante capitali europee: Parigi, Dublino, Bruxelles e Berlino. Le immagini dovevano contenere un monumento riconoscibile del luogo con un prodotto tipico, su cui la Telecom poi (continua)

La dimensione metafisica del fotografo Augusto De Luca

La dimensione metafisica del fotografo Augusto De Luca
Una fotografia che restituisce nuova vita ad ogni soggetto. Un’immagine che trascende dalla semplice rappresentazione del reale. Il fotografo partenopeo Augusto De Luca con il suo personalissimo punto di vista, dalla metà degli anni ’70, ha segnato in maniera indelebile il panorama della fotografia italiana e internazionale, apre le porte del suo mondo e ci lascia sbi (continua)

Ritratti a Ischia - appuntamento con Augusto De Luca

Ritratti a Ischia - appuntamento con Augusto De Luca
Era la metà degli anni Settanta quando cominciava la mia avventura nel mondo della fotografia. L'inizio è sempre caratterizzato da una forte attrazione verso quello che è lo strumento, la macchina fotografica, che diventa quasi un feticcio e quindi, di solito, è mantenuta e conservata come una preziosa reliquia, lucidata e custodita con sacralità. Spesso, questa maniacale attenzione, limita la pos (continua)

Tony Cercola - appuntamento con Augusto De Luca

Tony Cercola - appuntamento con Augusto De Luca
Se c'è un elemento che accomuna tutti i napoletani ed è contenuto nel loro DNA è la musica; in Tony Cercola, nome d'arte di Antonio Esposito scelto in omaggio alla cittadina alle falde del Vesuvio in cui ha vissuto da bambino e da cui ha assorbito vibrazioni, fermenti popolari ed energia vulcanica, questa caratteristica si manifesta all'ennesima potenza. Ha l’innata capacità di far diventare strum (continua)

Pietro De Vico - appuntamento con Augusto De Luca

Pietro De Vico - appuntamento con Augusto De Luca
Nel 1993 cominciai a lavorare al progetto fotografico di un libro ‘Trentuno napoletani di fine secolo’, pubblicato da Electa Napoli nel 1995, di cui ho parlato in precedenza, incentrato su importanti uomini partenopei; io mi sarei occupato appunto delle immagini, la giornalista Giuliana Gargiulo, invece, si sarebbe dedicata alle interviste. Uno degli artisti su cui focalizzammo l’attenzione era il (continua)