Home > Economia e Finanza > Ancora incertezze sulla Riforma della Riscossione: Massimo Rizza chiarisce alcuni dubbi

Ancora incertezze sulla Riforma della Riscossione: Massimo Rizza chiarisce alcuni dubbi

scritto da: Articolinews | segnala un abuso

Ancora incertezze sulla Riforma della Riscossione: Massimo Rizza chiarisce alcuni dubbi

Si fa sempre più evidente la necessità di una Riforma della Riscossione: Massimo Rizza prova a fare chiarezza sui dubbi e sulle incertezze


Mentre il Governo si prepara a decidere sulla Riforma della Riscossione, Massimo Rizza prova a fare il punto della situazione sulla riforma fiscale che potrebbe interessare parecchi contribuenti.

Massimo Rizza spiega perché è importante una Riforma della Riscossione

Ultimamente si sente parlare sempre con maggiore insistenza della cosiddetta Riforma della Riscossione, che di fatto rappresenta una delle priorità attualmente sul tavolo del Governo. Professionisti come Massimo Rizza, commercialista e fondatore dello Studio Rizza, sottolineano da tempo la necessità di riformare la riscossione fiscale per migliorare l'operazione di recupero crediti. Gli obiettivi principali sarebbero: smaltire le tantissime cartelle giacenti e inesigibili e concentrarsi su quei recuperi crediti con importi più cospicui e maggiori probabilità di successo. Ciò che si sta ipotizzando è di far rientrare nella riforma la misura sul condono delle cartelle esattoriali entro una certa somma e al termine di un determinato arco temporale. Tale nuova pace fiscale servirebbe quindi ad alleggerire il magazzino della Riscossione.

Chi dovrebbe interessare la Riforma? L'analisi di Massimo Rizza

Massimo Rizza espone i dati riportati nell'audizione del Direttore dell'Agenzia delle Entrate dello scorso mese di settembre davanti alla Commissione delle Finanze, da cui emergeva che "i contribuenti con debiti residui da riscuotere sono circa 17.9 milioni, di cui 3 milioni sono società, enti, associazioni ecc. e i restanti 14.9 milioni sono di persone fisiche, di cui 2.5 milioni con una attività economica (artigiani, commercianti, liberi professionisti)". A differenza di quanto possano pensare in molti, a pagare le tasse non sono solo i dipendenti e i pensionati: una buona porzione di contribuenti è costituita da persone che pagano le tasse da sé. Saranno proprio questi ultimi ad essere interessati dalla Riforma. Massimo Rizza riporta infatti che su 17.9 milioni di contribuenti che hanno cartelle in sospeso, 5.5 milioni sono società, enti, associazioni, artigiani, commercianti, liberi professionisti. 12.4 milioni sono quelli che "le tasse le pagano solo loro".


Fonte notizia: https://www.economiafinanza.eu/la-riforma-della-riscossione-il-pensiero-di-massimo-rizza/


Massimo Rizza |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

L’impegno di Massimo Rizza nell’ODCEC della città di Milano


I requisiti della rivalutazione dei beni d’impresa illustrati da Massimo Rizza


CATAPANO GIUSEPPE: Un fisco meno oppressivo


LA RIFORMA DELLE RETI COMMERCIALI E’ PROGETTO DI LEGGE


Riforma catasto: più di 1 proprietario su 2 è favorevole


Pasqualino Monti: “Importante vittoria per l’intero cluster marittimo”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Intermediazione rifiuti e gestione impianti: il modello Ares Ambiente

Intermediazione rifiuti e gestione impianti: il modello Ares Ambiente
La gestione dei rifiuti è una responsabilità verso le persone e verso l’ambiente: la filosofia di Ares Ambiente, l’azienda guidata da Marco Domizio leader nel settore dell’intermediazione dei rifiuti Efficienza, economicità e trasparenza sono i principi intorno a cui Ares Ambiente orienta da sempre le proprie attività: l'azienda guidata da Marco Domizio gestisce in tutto il Paese lo smaltimento, il recupero e il trasporto di rifiuti speciali, pericolosi e non pericolosi.Ares Ambiente: focus su attività e serviziIscritta presso l'Albo Nazionale Gestori Ambientali - Sezione Regionale d (continua)

Pietro Colucci: Innovatec, Sostenya diventa azionista di riferimento con il 45,68%

Pietro Colucci: Innovatec, Sostenya diventa azionista di riferimento con il 45,68%
Innovatec: l’azionista di maggioranza Pietro Colucci ha ceduto le proprie azioni alla holding di famiglia Sostenya L'azionariato di Innovatec ha come azionista di riferimento il Gruppo Sostenya, la controllata di Pietro Colucci detiene la maggioranza relativa e il restante delle azioni resta sul mercato.Pietro Colucci: operazione Innovatec, i numeri della cessionePietro Colucci ha ceduto lo scorso 27 dicembre le azioni di Innovatec S.p.A. al Gruppo Sostenya, la holding di famiglia fondata nel 20 (continua)

Andrea Mascetti: la strategia di Fondazione Cariplo per il 2022 tra aumento di risorse e nuovi progetti

Andrea Mascetti: la strategia di Fondazione Cariplo per il 2022 tra aumento di risorse e nuovi progetti
Andrea Mascetti spiega le motivazioni che hanno portato Fondazione Cariplo ad aumentare per il 2022 le risorse destinate alle attività filantropiche Andrea Mascetti: per "l'anno della ripartenza" Fondazione Cariplo punta su giovani, salute e clima.Andrea Mascetti: "Bisogna lavorare insieme per evitare di vanificare gli sforzi"Contrasto alle povertà, benessere dei giovani, cambiamenti climatici, economia circolare, ricerca multidisciplinare: sono alcuni degli obiettivi chiave di Fondazione Cariplo per il 2022. Un impegno testimoniato dall'aumen (continua)

Ideal Standard: i.life, il nuovo programma completo di soluzioni bagno

Ideal Standard: i.life, il nuovo programma completo di soluzioni bagno
Ideal Standard: la collezione bagno i.life offre semplicità e linee pure per dare forma a un ambiente bagno sempre più rilassante e funzionale In i.life l'impegno di Ideal Standard nel migliorare la vita dei propri clienti attraverso un'offerta di prodotti innovativi e funzionali anche in termini di design.i.life: Ideal Standard lancia un nuovo programma di soluzioni bagnoi.life è il nuovo programma completo di soluzioni bagno proposto da Ideal Standard, da oltre cento anni impegnata nel migliorare la vita delle persone. N (continua)

Salute e benessere: l’impegno di House to House

Salute e benessere: l’impegno di House to House
House to House, l’azienda che ha rivoluzionato il mondo del bucato grazie a elettrodomestici e detergenti di alta qualità: focus sulle attività Dietro la crescita di House to House anche analisi di mercato accurate e studi tecnologici all'avanguardia: il valore dell'innovazione tecnologica e della sostenibilità nel perseguire la mission che l'azienda si pone da quando è nata, migliorare la vita e il benessere delle persone.House to House: l'attenzione per il benessere dei propri clientiHouse to House punta a garantire un mi (continua)