Home > Altro > Il passaggio delle balene a Capo Sant’Andrea

Il passaggio delle balene a Capo Sant’Andrea

scritto da: GlobalTourist | segnala un abuso

Il passaggio delle balene a Capo Sant’Andrea

Quando si pensa a questi mammiferi giganti, si immagina che vivano per lo più nell’oceano, lontano dalle coste europee. In realtà, le balene vivono anche nel Mar Mediterraneo e a Capo Sant’Andrea, nell’estremità nord-ovest dell’Isola d’Elba, c’è un’alta probabilità di avvistarle.


 

Gli occhi più “allenati” le riconoscono subito: le balene, caratterizzate da dorsi grigi o marrone scuro e una pinna dorsale, emergono improvvisamente e galleggiano sulle onde increspate quasi come sottomarini, per poi scomparire altrettanto velocemente nel mare. Quando le balenottere comuni fanno la loro comparsa nella parte settentrionale del Mar Mediterraneo, davanti alle coste della Toscana e della Liguria, significa che nell’emisfero settentrionale sta arrivando l’estate. Infatti le balenottere frequentano l’Alto Tirreno/Mar Ligure in tarda primavera estate fino all’inizio dell’autunno, perché è proprio in questa stagione che masse d’acqua ricche di sali nutritivi risalgono dalle profondità e, grazie alla luce solare, sviluppano grandissime quantità di fitoplancton, delle micro-alghe grazie alle quali aumenta anche il krill, termine utilizzato dai biologi per i minuscoli crostacei somiglianti a gamberetti che si cibano di fitoplancton e di cui le balene vanno ghiotte. Infatti questi piccoli crostacei sono l’alimento principale delle balene: un esemplare adulto necessita di due tonnellate di krill ogni giorno le balene riescono a rintracciarlo anche a più di 100 metri di profondità. Con un’incredibilità agilità, questi mammiferi, che possono raggiungere fino a 20 metri di lunghezza, cominciano a girare intorno alla loro preda e una volta radunato un grosso branco di krill, lo mangiano con la loro enorme bocca.

Ma perché proprio Capo Sant’Andrea?

Che le balenottere comuni vengano avvistate in gran numero davanti all’Isola d’Elba e in particolar modo a Capo Sant’Andrea ha a che fare con la loro migrazione. Quando in primavera si spostano dalle acque del Mediterraneo meridionale dove passano l’inverno, verso nord, seguono una determinata corrente lungo la costa tirrenica. Davanti all’Isola d’Elba questa corrente si divide: un ramo si dirige a est, passando tra l’Elba e la Corsica, mentre un altro si dirige nel Canale di Piombino per piegare poi lungo la costa settentrionale dell’Elba. Sono le balene che seguono questo ramo che, guidate dal movimento del mare, vengono portate fino a Capo Sant’Andrea.

Il più grande mistero del Mar Mediterraneo

D’inverno le balene migrano verso sud e il posto esatto in cui danno alla luce i loro cuccioli è un mistero. Quando arriva l’autunno infatti, la Balaenoptera physalus, nome scientifico della balenottera comune, comincia il suo viaggio di ritorno verso Sud, ripetendo il percorso all’inverso e passando nuovamente davanti alla punta settentrionale dell’Isola d’Elba, un tragitto che, nel corso della loro vita che può arrivare anche fino a 100 anni, la stessa balena può ripercorrere più volte. Quando all’inizio dell’estate faranno nuovamente ritorno verso Nord, le balene hanno con sé i loro piccoli. Tuttavia non è ancora stato scoperto dove esattamente le balene diano alla luce i loro cuccioli, forse, il più grande mistero naturalistico del Mediterraneo.

Come organizzare un’escursione whale watching

Chi volesse ammirare da vicino le affascinanti balenottere comuni, il secondo animale del pianeta per dimensioni dopo la balenottera azzurra, può partecipare a diversi tour di avvistamento organizzati secondo le regole per la tutela della natura e della fauna, tenendo presente che il miglior periodo di avvistamento delle balene a Capo Sant’Andrea è all’inizio o alla fine dell’estate. In particolare, soggiornando all’Hotel Ilio, l’unico Boutique Hotel dell’Isola d’Elba, avrete a vostra disposizione un Elba Personal Consultant, figura che saprà non solo consigliarvi gli angoli e i segreti meglio custoditi dell’Isola, ma anche assistervi nell’organizzazione di un’escursione fornendovi tutte le informazioni utili per organizzare il vostro avvistamento delle balene a poche ore da casa.

turismo | elba | hotel | balene | natura |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Come si scambiano le criptovalute balene e perché non conviene usarle


A un anno dalla sua rinascita, il Consorzio Capo Sant’Andrea tira le fila delle attività svolte


5 ragioni per scegliere Capo Sant’Andrea per la tua estate italiana


Primavera 2020: il Boutique Hotel Ilio all'Isola d'Elba inaugura la stagione con tante novità


IL SONORO RITORNO DELLA FESTA DI SANT'ANTUONO A MACERATA CAMPANIA IN PROVINCIA DI CASERTA: di Antonio Castaldo


SOS - AIUTIAMO LE BALENE! SU COM-UNITY.IT IL CROWDFUNDING PER SOSTENERE TETHYS


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Perù sempre più green: 9 delle 100 migliori destinazioni sostenibili del mondo sono in Perù

Perù sempre più green: 9 delle 100 migliori destinazioni sostenibili del mondo sono in Perù
Nove destinazioni peruviane sono state incluse nella lista delle Top 100 Sustainable Destinations 2021 che premia le destinazioni turistiche più ecologiche e con il minor impatto possibile sull'ambiente e sulle comunità locali. Dopo il riconoscimento di Machupicchu come prima meraviglia del mondo moderno certificata Carbon Neutral, altre 9 destinazioni turistiche del Perù sono state riconosciute tra le più ecologiche del pianeta. Nove luoghi peruviani sono infatti stati inclusi nella lista delle 100 destinazioni più sostenibili al mondo secondo Green Destinations, organizzazione no-profit che opera per lo sviluppo (continua)

Perché scegliere l’isola di Aruba per tornare a viaggiare a lungo raggio

Perché scegliere l’isola di Aruba per tornare a viaggiare a lungo raggio
Vi raccontiamo qualcosa di più su Aruba, piccola isola dei Caraibi del Sud elencata tra i possibili corridoi turistici presi in considerazione dal Governo Italiano Tra le destinazioni elencate dal ministro del Turismo Garavaglia per l’apertura dei corridoi turistici che permetterebbero di avviare la ripresa del turismo outgoing a lungo raggio, viene menzionata anche Aruba, piccola isola conosciuta come la One Happy Island e meta turistica ideale per chi vuole andare ai Caraibi. Ma dove si trova Aruba e perché sceglierla per il primo viaggio a lungo ragg (continua)

Natale in Vaticano: il presepe peruviano che mostrerà la ricchezza culturale del paese sudamericano

Natale in Vaticano: il presepe peruviano che mostrerà la ricchezza culturale del paese sudamericano
A partire dal 15 dicembre e per tutte le festività di Natale 2021, l'artigianato e l’arte peruviani saranno le protagoniste in Piazza San Pietro Il tradizionale presepe della comunità della regione Huancavelica di Chopcca, situata nel sud del Perù, sarà esposto in Piazza San Pietro a Città del Vaticano durante le prossime festività natalizie. A partire dal 15 dicembre, per 45 giorni, i devoti e i turisti di tutto il mondo assisteranno a questa rappresentazione senza precedenti che metterà il Perù in prima linea tra i fedeli.Si tratta (continua)

Trova il tuo angolo di paradiso privato ai Caraibi

Trova il tuo angolo di paradiso privato ai Caraibi
Calette appartate, spiagge nascoste e pittoreschi ritiri in mezzo alla natura: svelati i migliori angoli di Aruba per ritrovare sé stessi L’Isola di Aruba viene solitamente scelta per le sue spiagge pluripremiate, per il suo clima ideale tutto l’anno e per la variegata offerta di attività, che permette di vivere una vacanza rilassante ma anche ricca di esperienze e cose da fare. Tuttavia, dopo un periodo così complicato per tutti, molti viaggiatori sono soprattutto alla ricerca di una connessione più profonda con la natura e co (continua)

Machupicchu è la prima attrazione turistica al mondo a emissioni zero

Machupicchu è la prima attrazione turistica al mondo a emissioni zero
Il Perù ospita la prima meraviglia del mondo moderno certificata come Carbon Neutral, offrendo a tutti i suoi visitatori un'esperienza climaticamente responsabile e coerente con le grandi sfide del settore turistico e del pianeta Dichiarato Patrimonio Mondiale dell'Umanità nel 1983 e considerato una delle sette meraviglie del mondo moderno, Machupicchu è il sogno di molti viaggiatori. Questo magico Santuario Storico, testimonianza unica della civiltà Inca ed esempio di armonica interazione tra uomo e ambiente naturale, ha ottenuto la certificazione dalla Green Initiative come prima destinazione turistica al mondo a ze (continua)