Home > Libri > “Il punto d’appoggio” è il romanzo di Giuseppina Danese.

“Il punto d’appoggio” è il romanzo di Giuseppina Danese.

scritto da: EdizioniLeucotea | segnala un abuso

“Il punto d’appoggio” è il romanzo di Giuseppina Danese.

Nessuno decide di nascere. La chiamata all’esistenza arriva come un dono, ma è difficile percepire la gratuità del dono della vita se il mondo appare ai più per quello che effettivamente esso è: una giungla.


Chi sono i veri invisibili oggi? Quelli che non possono essere visti perché sono fuori dal campo visivo dei modelli umani imperanti, quei “modi giusti di stare al mondo” che anche una società come la nostra, così apparentemente tollerante verso ogni diversità, propone.

E zia Marta, la protagonista del romanzo è una mite, nel senso evangelico del termine, e come tale è invisibile, perché la mitezza evangelica non rientra nelle categorie esistenziali odierne, non evoca modelli umani vincenti. Lei è ancorata a un saldo punto d’appoggio, l’amore di Dio, da cui si sente avvolta e sostenuta, e che le permette di vivere la sua condizione di vedova poverissima con un figlio down, senza vittimismo, ma anzi con la grande dignità di chi entra nella realtà con gli occhi limpidi e l’accetta senza travestirla.

Gli altri personaggi invece si percepiscono come prodotti sociali che consumano nell’insignificanza la loro ordinaria quotidianità, privi di vita interiore, nel tentativo di sfuggire allo squallore di una realtà privata di ogni forma di trascendenza.

Le vicende si svolgono in un paese indeterminato dell’hinterland milanese, ma l’antecedente che le ha generate è un nodo oscuro di barbara e arrogante sopraffazione, avvenuto molti anni prima in un paese del Salento.

La scrittura registra i vissuti dei personaggi rappresentandone al vivo i percorsi mentali attraverso i quali emergono sommessamente, quasi oltre la consapevolezza degli stessi personaggi, i grandi temi della condizione umana: la morte e la domanda sulla sopravvivenza, l’inganno, i rapporti di potere nelle relazioni, la follia innominabile.

Giuseppina Danese è insegnante e formatrice, ama scrivere anche se mantiene — a suo dire — un rapporto conflittuale con la scrittura letteraria se è lontana dalla ricerca della verità sulla condizione umana.

Danese | Giuseppina Danese | rinascita | leucotea | autoaffermazione | Punto appoggio | appoggio | realizzazione |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Intervista di Alessia Mocci a Marco Incardona ed al suo Domande al silenzio


Intervista di Alessia Mocci a Giancorrado Barozzi: vi presentiamo “Utopia Selvaggia”


Darcy Ribeiro e il romanzo utopico: la prefazione di Giancorrado Barozzi del romanzo Utopia selvaggia


Un romanzo femminista del primo Novecento


Intervista di Alessia Mocci a Giancorrado Barozzi: vi presentiamo Altruismo e cooperazione in Pëtr A. Kropotkin


Intervista di Alessia Mocci a Sara Albanese, autrice del romanzo All’ombra della Luna Nuova


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

BLU FIORDALISO

BLU FIORDALISO
Il romanzo di Angela Chirone sarà disponibile in tutti gli scaffali Per preparare la tesi di laurea, Giulia si reca in campagna a casa della zia e ne approfitta per interrompere una relazione sentimentale che ormai si è logorata.Inizia a frequentare il castello dove il conte, vecchio e galante, le mette a disposizione la sua biblioteca. Qui la ragazza avverte una presenza soprannaturale che sembra volersi mettere in contatto con lei. Le sue ricerche la portan (continua)

Il mondo di Obrez

Il mondo di Obrez
Una favola che parla dell'essenza della vita, dell'importanza dell'amicizia e soprattutto dell'amore. Il mondo di Obrez Una favola che parla dell'essenza della vita, dell'importanza dell'amicizia e soprattutto dell'amore. Nel 1920 in un luogo incantevole di un paese chiamato Tierra de Luna, due giovani innamorati, Thomas e Isabel, si giurano amore eterno. Nel ritornare a casa, Thomas si accorge di avere perso l'orologio da taschino che gli aveva lasciato in eredità il nonno.In un alt (continua)

Time out: tempo sospeso

Time out: tempo sospeso
“Rappresentano allo stesso tempo un riparo e una gabbia. Mi proteggono quando fuori piove, ma contemporaneamente non riesco a uscire da quelle mura quando c’è il sole.” Andrea ha ventitré anni, un lavoro precario e arrotonda lo stipendio con un’attività non proprio edificante. Trascorre le giornate, tutte uguali, al campetto di basket del paese, giocando a pallacanestro con gli amici, bevendo birre, fumando e azzuffandosi con la banda rivale. Anni di prepotenze e ribellione che sono valsi, a lui e i suoi compagni di sventura, l’etichetta di “cattiva com (continua)

Né alcuna traccia di te

Né alcuna traccia di te
Il secondo romanzo di Marco Dorati sarà disponibile a partire da oggi sul sito dell’editore. Più luce! non fu l’ultima frase di Goethe; le sue vere ultime parole furono in realtà raccolte da un ragazzino che divenne così l’ultimo frammento vivente del poeta. Tale il punto di partenza di Né alcuna traccia di te. Dalla Weimar di Goethe fino alla Berlino degli anni Novanta del secolo scorso, il romanzo segue di generazione in generazione le vicissitudini delle parole-feticcio e dei loro (continua)

“I silenzi di Medea” è il nuovo romanzo di Antonella Cosentino

“I silenzi di Medea” è il nuovo romanzo di Antonella Cosentino
Si può veramente stare dalla parte di Medea, dalla parte di una donna che uccide i propri figli? Forse, a patto che il motivo dell’uccisione non sia quello di vendicarsi di un uomo che non ci ama più e che ci ha tradite, e che per questo si vuole colpire in quello che di più caro lui ha: la speranza di una discendenza che perpetui il proprio nome. Paolo non è un uomo così. Lui ama i suoi figli, ha amato Francesca disperatamente e forse vorrebbe avere la possibilità di amarla ancora. Solo che in lei qualcosa si è rotto all’improvviso: proprio nel momento in cui è diventata madre. Francesca ama Paolo, ma questo non le impedisce di permettere che lui si allontani da lei, che cerchi in un’altra donna quello che lei non riesce più a dargli. (continua)