Home > Economia e Finanza > Federal Reserve sotto pressione malgrado continui a dire che l'inflazione è solo temporanea

Federal Reserve sotto pressione malgrado continui a dire che l'inflazione è solo temporanea

scritto da: Elleny | segnala un abuso


L'inflazione negli Stati Uniti è salita ancora, arrivando al 5% a maggio. Sopra le attese, e sui livelli massimi dal 2008. Eppure la Federal Reserve continua a ribadire che si tratta di una fiammata temporanea, e che per questo motivo non intende modificare la propria politica monetaria.
Wall Street sembra dar credito a queste rassicurazioni, e corre ancora. Anche il rendimento del decennale Usa, che viaggiava nei giorni scorsi verso i minimi da marzo all'1,43%, ha tenuto le sue posizioni. Mentre il dollaro rimane stabile, ma debole.

La spina nel fianco della Federal Reserve

federal reserve usaResta comunque il fatto che il balzo dell'inflazione mette un po' di pressione sulla riunione Federal Reserve del prossimo 16 giugno. Soprattutto perché l'indice "core" (che non tiene conto dei beni 'volatili' come energia ed alimentari), è schizzato ad un tasso annuo del 3,8%, ossia al record in quasi 30 anni.
Ed è proprio questo il valore maggiormente attenzionato dalla banca centrale americana, quando si tratta di decidere della politica monetaria. E gli operatori di trading sui mercati otc lo sanno.

Quanti dubbi

Sembrano quindi leciti i dubbi di coloro ritengono poco credibili le affermazioni della Federal Reserve, secondo cui tutto questo sarebbe transitorio. Ancora meno credibili sarebbero quelle che pronosticano una politica monetaria ultra-accomodante per altri tre anni. E' vero tuttavia che la ripresa del mercato del lavoro è lungi dall'essere completa, visto che le richieste di disoccupazione iniziali sono arrivate a 376K più del previsto.

Esiste quindi la prospettiva che ci siano rialzi dei tassi prima di quanto previsto, anche se nel prossimi meeting di sicuro la FED continuerà a parlare inflazione temporanea.

Il dollaro non si scuote

Nel frattempo, il dollaro è salito sull'onda dell'inflazione USA, salvo poi scivolare seguendo il calo dei rendimenti dei Treasury, abbozzando una inverted hammer.
Il rendimento dei titoli del Tesoro di riferimento a 10 anni ha esteso le perdite a un nuovo minimo di 3 mesi dell'1,43%.

Anche per il biglietto verde il test chiave sarà il Fomc di mercoledì prossimo, e sul messaggio che la Federal Reserve riuscirà a veicolare in quella circostanza.
Va detto però che secondo molti il simposio di Jackon Hole, in programma a fine agosto, sarà l'evento più interessante, perché è lì che qualcuno si aspetta un cambiamento nel linguaggio che davvero potrebbe aprire la porta all’annuncio di un tapering del Quantitative easing nel mese di dicembre.

 

fed | federal reserve | inflazione | mercati otc | inverted hammer |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Mercato delle valute, dopo il meeting FED la sterlina scatta verso 1,40

Il meeting della Federal Reserve non riguardava soltanto gli USA, ma ha avuto impatto sull'intero sistema finanziario globale. E chiaramente ha avuto anche delle ripercussioni sul mercato delle valute. Dove la sterlina corre, tanto da arrivare ai massimi di oltre un mese rispetto al biglietto verde.Dollaro, sterlina e mercato delle valuteIl cambio GBP/USD infatti è cresciuto dopo la riunione del F (continua)

Produzione di petrolio, l'accordo OPEC+ rassicura il mercato

Dopo due settimane di grande attività diplomatica, lo strappo tra OPEC+ ed Emirati Arabi è stato ricucito. Nella giornata di domenica, il cartello ha finalmente raggiunto un accordo sui prossimi tagli alla produzione di petrolio.Sviluppi della produzione di petrolioDal mese di agosto ci sarà quindi un aumento di 400mila di barili al giorno nella produzione di petrolio. Il cartello quindi immetterà (continua)

Valore della sterlina britannica chiuse un mese di giugno fiacco, dopo il meeting Boe

Gli ultimi giorni sono stati relativamente tranquilli per il valore della sterlina britannica, nonostante l'importantissimo appuntamento con il meeting della Bank of England. Niente di paragonabile, quindi, rispetto alle fluttuazioni sperimentate dal dollaro dopo l'ultimo meeting della Federal Reserve.Come si evolve il valore della sterlina britannicaEppure c'era molta attesa attorno all'esito del (continua)

Prezzi delle materie prime, l'effetto domino dei rincari manda le imprese in difficoltà

L'aumento dei prezzi delle materie prime che si è verificato negli ultimi mesi, si è esteso con un effetto domino da un settore produttivo all'altro. E questo meccanismo sta creando problemi di gestione a molte aziende, alle prese con costi elevatissimi che finiscono per acuire il rischio di impresa.Problemi per l'aumento dei prezzi delle materie primeSoprattutto le aziende che si trovano più a mo (continua)

Investire sull'oro, dopo un periodo nero chi l'ha fatto adesso spera

Cosa ha pesato sul metallo giallo nel Q1? Questa prima parte del 2021 non ha regalato grandi soddisfazioni a chi ha deciso di investire sull'oro. Dopo aver perso già nel 2020 la soglia dei 2mila dollari, il prezzo è calato da 1944 a 1677 in soli due mesi. Eppure, delle schiarite forti sono giunte nell'ultimo periodo.Cosa sta vivendo chi ha deciso di investire sull'oroMa andiamo con ordine. La (continua)