Home > Altro > Ricarica alla spina! GASGAS, inaugura una nuova stazione di ricarica e stringe un accordo con NEXTCHARGE

Ricarica alla spina! GASGAS, inaugura una nuova stazione di ricarica e stringe un accordo con NEXTCHARGE

scritto da: Giorgio Bellucci | segnala un abuso

Ricarica alla spina! GASGAS, inaugura una nuova stazione di ricarica e stringe un accordo con NEXTCHARGE

«Dopo questa installazione siamo lanciati a tutta velocità verso il crowdfunding. La community cresce rapidamente, oltre 200 nuovi membri in una settimana» Alessandro Vigilanti, Ceo GASGAS


Le “auto alla spina” (Plug-in Electric Vehicle, somma di BEV e PHEV) lo scorso maggio hanno toccato la quota di mercato più alta di sempre su base mensile, sfiorando il 9% dell’immatricolato totale. I dati di MOTUS-E, l’associazione italiana costituita dai principali operatori della mobilità elettrica, confermano l’esplosivo trend di crescita del settore.

 

«GASGAS è pronta ad affrontare le sfide che la attendono. Stiamo stringendo nuovi accordi con i principali operatori che possono aiutarci a realizzare il nostro obiettivo: rendere facile e accessibile la ricarica di qualunque auto elettrica o ibrida – spiega Alessandro Vigilantico-founder e Ceo di GASGAS. Abbiamo messo a punto la soluzione che garantisce agli e-driver non solo di trovare le colonnine quando ne hanno bisogno, ma anche nelle vicinanze di attività commerciali in grado di valorizzare il tempo necessario a ricaricare il veicolo. A inizio giugno abbiamo inaugurato il punto di ricarica personalizzato GASGAS presso il Birrificio 620 Passi, a due passi dalle spiagge di Lignano. È importante fare rete con le realtà del territorio, per scalare rapidamente il mercato. Chi ha bisogno di ricaricare l’auto può visitare il birrificio e portarsi a casa una cassa di birra artigianale acquistata nell’attesa, mentre i clienti abituali del Birrificio 620 Passi possono conoscere a fondo il settore della mobilità elettrica».

 

Per i futuri e-driver è disponibile l’Ecobonus auto e in attesa di definizione il Bonus auto elettriche (in base al proprio ISEE) per risparmiare fino al 40% sulle spese di acquisto, direttamente in concessionaria. Si profila inoltre un nuovo incentivo per i possessori di veicoli elettrici: dal 2023 sulle autostrade europee i pedaggi saranno basati sulle emissioni di Co2 dei veicoli.

 

La partnership con NEXTCHARGE

GASGAS ha stretto un accordo con NEXTCHARGE, la prima app in Italia per numero di stazioni interoperabili e utenti iscritti, con più di 400.000 download250.000 punti di ricarica e oltre 150 accordi di roaming in tutta Europa. La maggioranza dei proprietari di veicoli elettrici, per ricaricare il proprio mezzo, ha un contratto con un provider di servizi di ricarica. Capita spesso, però, che la colonnina più vicina appartenga a un operatore diverso da quelli a cui si è già abbonati. L’alternativa è quella di affidarsi ai punti di ricarica abilitati al roaming. Così gli e-driver possono utilizzare il proprio contratto esistente senza pensieri: la transazione economica viene regolata in un secondo momento tra operatori. «Riteniamo strategico, per il nostro progetto, entrare fin da subito nel primo network italiano di punti di ricarica interoperabili. In questo modo diamo ampia visibilità alle stazioni GASGAS, garantendo un maggior afflusso di utenti e offriamo ai membri della community l’opportunità di ricaricare in modo accessibile, usando uno strumento che già conoscono, in attesa del lancio del servizio GASGAS in membership» sottolinea Vigilanti.

 

La community di e-drive e stazioni di ricarica cresce giorno dopo giorno

GASGAS, la startup delle ricariche elettriche accessibili e sostenibili, sta viaggiando a tutta velocità verso i prossimi step di sviluppo del suo progetto. A breve sarà online la campagna di equity crowdfunding sulla piattaforma crowdfundme.it.

La community sta prendendo forma coinvolgendo sempre più e-driver (oltre 200 solo nell’ultima settimana) e nuovi proprietari di attività commerciali interessati all’installazione di stazioni: si tratta di almeno un centinaio di realtà tra strutture ricettive, distributori, centri commerciali, comuni e concessionarie. Le adesioni alla priority list dei primi utenti interessati chiuderanno a breve. A questi soggetti saranno riservate condizioni esclusive per il lancio del progetto GASGAS sul territorio nazionale.

Per entrare nella priority list è necessario lasciare i propri dati su:

https://www.gasgas.fun/landing/e-drivers



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Repower ti offre nuove soluzioni per la mobilità elettrica


A That’s Mobility 2019 I dati aggiornati sulla Mobilita’ Elettrica in Italia e tante altre novita’


"Open Colonna Bistrò" - Nuova apertura alla Stazione Termini di Roma


-Brusciano si congratula con Lgt. Raffaele Di Donato Comandante di Stazione dei Carabinieri di Marigliano premiato al 205esimo Anniversario dell'Arma. (Scritto da Antonio Castaldo)


Wallbox, la centralina di ricarica programmabile per la tua auto elettrica


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

NL Comp, la startup che realizza imbarcazioni riciclabili fatte di lino

NL Comp, la startup che realizza imbarcazioni riciclabili fatte di lino
Fa male vedere relitti abbandonati nei porti, nei cantieri o affondati perché il loro smaltimento è troppo oneroso. Per questo abbiamo studiato una soluzione». Andrea Paduano, CTO Northern Light Composites. Dalla passione per la vela e per le tecnologie dei materiali deriva la determinazione dei tre giovani fondatori di Northern Light Composites, la startup giuliana che ha deciso di impegnarsi per la salvaguardia del mare, che hanno finalmente trovato una soluzione definitiva al problema vetroresina. Giunte a fine vita, le imbarcazioni realizzate con questi materiali vengono spesso abbandonate nei ca (continua)

Motus Operandi la startup dal cuore italiano che grazie all’IA pilota i robot nelle fabbriche di mezzo mondo

Motus Operandi la startup dal cuore italiano che grazie all’IA pilota i robot nelle fabbriche di mezzo mondo
Fondata a Hong Kong nel 2017, Motus Operandi è uno di quegli esempi di genio italiano che varca i confini dello stivale e approda in Cina per mettere insieme un team internazionale basato su un progetto che per sua natura non può avere barriere geografiche di alcun tipo. La tecnologia alla base di Motus Operandi è stata sviluppata da un team italiano capitanato dall’ingegnere Vincenzo Cartelli che (continua)

Arriva il turismo esperienziale smart di YOOKYE

Arriva il turismo esperienziale smart di YOOKYE
Secondo il Rapporto sul Turismo Enogastronomico 2020, il 50% dei turisti desidera vivere un insieme variegato di esperienze multisensoriali ed emozionali. L’ampia offerta che si trova facendo una semplice ricerca sul Web, però, può lasciare disorientati. «Noi di Yookye abbiamo pensato di sfruttare l’esperienza di chi conosce in prima persona un territorio, che a breve combineremo con le capac (continua)

La ristorazione riparte ed è boom di recensioni! Aumentano le riaperture rispetto al 2020

La ristorazione riparte ed è boom di recensioni! Aumentano le riaperture rispetto al 2020
La voglia di commentare su Google e TripAdvisor è irrefrenabile. Umbria, Lazio e Liguria le regioni con più riaperture. In coda Sardegna, Calabria e Sicilia. La voglia degli italiani di ritornare a sedersi nei propri locali preferiti è stata finalmente soddisfatta. Si riapre con la consapevolezza che la campagna vaccinale, le zone bianche e l’estate portino nuova linfa a questo settore così martoriato dall’emergenza Covid-19.«Dobbiamo essere positivi. Non possiamo pensare a un’Italia priva dei suoi ristoranti, dei suoi bar, delle trattorie, della sua s (continua)

L’ospitalità riparte! Ma adesso bisogna fare squadra, perché da soli non si va da nessuna parte

L’ospitalità riparte! Ma adesso bisogna fare squadra, perché da soli non si va da nessuna parte
Secondo una recente indagine condotta dall’OTA Booking.com, il 71% degli intervistati a livello mondiale quest’anno preferirebbe andare in vacanza piuttosto che trovare l’amore. L’emergenza coronavirus sembra essere finalmente sotto controllo anche in Italia e le condizioni per sfruttare al meglio i mesi centrali della stagione turistica ci sono tutte. A inizio giugno il 4 (continua)