Home > Musica > Esce “Dicive vita mia”, il primo singolo del cantante napoletano Raffaele Orabona

Esce “Dicive vita mia”, il primo singolo del cantante napoletano Raffaele Orabona

scritto da: OrbisComunication2020 | segnala un abuso

Esce “Dicive vita mia”, il primo singolo del cantante napoletano Raffaele Orabona


NAPOLI.Cantare significa esprimersi, trasmettete, emozionare. Io ritengo che il canto sia il suono del amore; non importa ciò che ascolti, ma importa ciò che senti”. Sono queste le parole del cantautore napoletano Raffaele Orabona che oggi debutta nel mondo della musica con il suo primo singolo “Dicive vita mia”. Il brano, già disponibile su tutti i digital store, vede come autori Gianni Renzi e Marco Trovato, mentre il videoclip ufficiale (disponibile su YouTube) è stato prodotto da DI&GI studio, recording di Domenico Baldini e Wave Studio di Francesco Di Tulllio per la sala di registrazione. Il testo, che già sta facendo impazzire il pubblico, è un grido dell’anima all’amore, un invito a ricordare e a scorgere sempre la bellezza; un turbinio di emozioni che si svela attraverso note così avvolgenti da far immedesimare subito chi l’ascolta. 

Se puoi sognarlo, puoi farlo. Walt Disney scriveva così, ed infatti, “Dicive vita mia” rappresenta un grande passo in avanti per il giovane Raffaele che, dopo anni di studio e sacrifici, è riuscito a realizzare il suo più grande sogno: pubblicare un singolo tutto suo, riscuotendo già un notevole successo sui social. A contribuire alla realizzazione di questo sogno sono stati anche i diversi sponsor: Pagano Costruzioni di Giuseppe Pagano; Giovanni Cerino Barber Shop; ym_cosmetology di Yana Melnychuk; Valla Kafrasè e Rio Custom Paint (Napoli) di Mario Fenderico. Quello di Raffaele non è solo una sua realizzazione, ma un traguardo che speranza nei giovani, invitandoli a credere sempre nei loro progetti, senza arrendersi mai. Proprio per questo motivo, abbiamo deciso di scambiare quattro chiacchiere con lui.

  

INTERVISTA AL CANTANTE RAFFAELE ORABONA

Come nasce la tua passione per il canto?

Be’, una bella domanda. Diciamo che canto da 23 anni, quindi per me è una cosa naturale; non saprei dire bene quando e come nasce, forse perché il contatto tra musica e me è stato così travolgente da creare un unico legame. Non so immaginarmi senza musica. 

Dicive vita mia: questo è il tuo primo singolo. Cosa prova in questo momento?

Sono molto emozionato ed essendo il mio primo lavoro che condivido con il pubblico, posso dire che sono soddisfatto. Inoltre, ciò che mi commuove è sapere che alle persone sta piacendo; per me, questa, è già una grande vittoria.

Una canzone che parla d’amore, di una storia finita ma che ha lasciato nell’anima un’emozione profonda. Quanto è importante il ricordo?

Credo che il ricordo non sia fondamentale; è importante innamorarsi anche quando ci si sente persi. 

Cosa ti aspetta da questa nuova avventura? Ha programmi in merito?

Posso dire che punto in alto, sperando di arrivare al cuore di tutti. Inoltre, presto ci saranno nuove emozioni, ma intanto parteciperò ad alcuni programmi televisivi campani; poi, chissà, confido di raggiungere anche vette che non immagino nemmeno!

C’è qualche altro progetto che bolle in pentola? Un album?

Non posso dire molto in merito, però posso dire che non è finta qui. 

Qual è il messaggio che vuoi lanciare con il suo singolo?

Il messaggio che voglio lanciare, specialmente ai giovani, è quello di credere sempre in ciò che si ama, nei propri sogni. Non bisogna arrendersi mai, nemmeno dinanzi alla difficoltà più ardua. Se il cuore vuole una cosa e se quella cosa è destinata a te, come recita un famoso aforisma, prima o poi troverà sempre il modo di raggiungerti.


Fonte notizia: https://notizia24ore.blogspot.com/2021/06/esce-dicive-vita-mia-il-primo-singolo.html


orabona |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Sono online siti e profili social di Raffaele Vrenna


Luisa Corna e Maria Cuono a Noi per Napoli Show


Raffaele Esposito, competenze in ambito amministrativo, contabile, controllo qualità e gestione paghe e contributi


BIOGRAFIA DEL VENERABILE BAGDRO - MONACO BUDDISTA TIBETANO


MATRIOSKA “STORIA DI UNA STORIA MAI NATA” È IL TERZO SINGOLO ESTRATTO DALL’ALBUM “OCCHI MOSSI” PUBBLICATO NEL 2016


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

FUORI ORA “MARE” di ELLE by HYDRA MUSIC

FUORI ORA “MARE” di ELLE by HYDRA MUSIC
FUORI ORA “MARE” di ELLE by HYDRA MUSICÈ fuori ora su tutti i digital store “MARE” di ELLE. Pubblicato per HYDRA MUSIC, il nuovo singolo rappresenta l’esordio del giovanissimo rapper Luca Martella, il quale a soli 16 anni, grazie al suo talento e alla sua penna, è riuscito ad aggiudicarsi la pubblicazione del suo inedito. Insomma, ELLE è la dimostrazione che – come scriveva Walt Disney - “se puoi (continua)

Giovani per cambiare Sant’Arpino, nascerà in via Virgilio primo sportello di pubblica utilità

Giovani per cambiare Sant’Arpino, nascerà in via Virgilio primo sportello di pubblica utilità
SANT’ARPINO. Sorgerà, in zona “Castellone”, il primo sportello di pubblica utilità targato “Giovani per Cambiare Sant’Arpino”. L’iniziativa è scaturita dalla forte sinergia instauratasi tra il gruppo guidato da Aniello Di Santillo ed i giuristi appartamenti al CAF Patronato ACAI di via Virgilio, 15. Lo sportello sarà operativo in determinati giorni della settimana e, nell’occasione, i cittadi (continua)

I volti della pizza dopo la pandemia, Gianfranco Ciaramella è innovazione a Pinetamare

I volti della pizza dopo la pandemia, Gianfranco Ciaramella è innovazione a Pinetamare
CASTEL VOLTURNO. I nuovi volti della pizza dopo la pandemia da “Anema e Core”, presso Pinetamare, dove si ritorna al sapore tradizionale di un piatto tipico del luogo, invidiato in tutta Italia e nel mondo. Gianfranco Ciaramella, proprietario della Ristopizzeria, ha coltivato questa passione fin dall’età di dieci anni, quasi come un gioco, per puro piacere presso il ristorante degli zii. Da lì è nato l’amore per questa attività: non un semplice lavoro, ma una passione prima di tutto. Un vero e proprio sogno per tutti quelli che vogliono svolgere nella vita ciò che amano e, naturalmente, la conseguenz (continua)

29 anni dalla strage in via D'Amelio, il filosofo Marco Francesco Eramo: "Borsellino ci ha insegnato che, nonostante i rischi, bisogna sempre fare il proprio dovere"

29 anni dalla strage in via D'Amelio, il filosofo Marco Francesco Eramo:
ROMA. 29 anni fa, il 19 luglio del 1992, si consumava la strage di via D'Amelio, in cui perse la vita il magistrato Paolo Borsellino. A ricordare l'accaduto ed affrontare i punti ancora non chiari della vicenda, è il docente di Scienze Umane e filosofo, Marco Francesco Eramo. A seguire il testo integrale. “Sai Diego, quando subisci la perdita di un parente caro, tu vai al suo funerale e piangi non solo perché ti è morto il parente o l'amico, ma perché sai che la tua fine è vicina". Queste sono le parole che il magistrato Paolo Borsellino ha riferito a Diego Cavaliero, un suo giovane collaboratore e primo sostituto procuratore a Marsala, prima di morire. Non un presagio astratto, ma una certezza.&nb (continua)

Museo Barca Lariana nel progetto MAKE COMO

Museo Barca Lariana nel progetto MAKE COMO
Il progetto Make Como vuole essere la prima esperienza innovativa di museo diffuso della cultura d’impresa comasca. Un percorso di rigenerazione di aree urbane ed extra-urbane a forte connotazione produttiva per valorizzare luoghi, prodotti e persone tra i due volti del territorio: luoghi del bello e i luoghi del fare COMO. Giovedì 8 luglio l’iniziativa “Make Como – Saper fare Far sapere” è stata presentata al Museo Barca Lariana di Pianello del Lario. L’obiettivo del progetto è la rigenerazione delle aree storiche delle imprese manifatturiere del territorio del Lario che aspira a valorizzarne, in maniera sinergica, anche il patrimonio turistico.A sostegno del progetto Fondazione Cariplo, con 2.800.000 euro sta (continua)