Home > News > La soluzione di Luciano Castiglione per l’ammodernamento degli impianti elettrici nei condomini

La soluzione di Luciano Castiglione per l’ammodernamento degli impianti elettrici nei condomini

scritto da: Articolinews | segnala un abuso

La soluzione di Luciano Castiglione per l’ammodernamento degli impianti elettrici nei condomini

Uno degli obiettivi della transizione energetica è l’ammodernamento degli edifici, adeguandoli a nuovi standard e necessità: la soluzione di Luciano Castiglione è coinvolgere il settore privato


Luciano Castiglione esprime il suo pensiero sul ruolo che il settore privato potrebbe avere nel processo di transizione energetica, con focus sul campo dell'edilizia.

Luciano Castiglione: transizione energetica nell'edilizia attraverso il settore privato

Le iniziative per favorire e velocizzare la transizione energetica non sono mai troppe e, secondo Luciano Castiglione, il settore privato potrebbe rivelarsi la chiave di svolta o, come lui stesso lo ha definito, "il vero protagonista", dato che avrebbe la "capacità di contribuire a raggiungere questi obiettivi estremamente ambiziosi". Nello specifico, l'esperto nel settore dell'efficientamento energetico pensa a come rendere più valido il patrimonio edilizio. Concentrandosi sull'esempio dell'aggregato del condominio, Luciano Castiglione spiega che "gli edifici condominiali costruiti ante il 1970, ed in alcuni casi fino al 1985, sono caratterizzati da impianti elettrici interni (quelli cioè che vanno dal confine del condominio al contatore)" datati, "progettati e tarati sulla base di esigenze di carico elettrico molto diverse rispetto alle attuali" e quindi non idonei a rispondere alle necessità di oggi. Partendo dalle possibilità date da iniziative come l'ecobonus, il superbonus e il sismabonus si possono apportare una serie di interventi di ammodernamento.

Luciano Castiglione spiega qual è l'iter da seguire secondo l'ARERA

L'ARERA, ovvero l'Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente, ha definito quale sia la prassi da rispettare, attraverso la delibera 467/2019/R/eel. L'Autorità ha deciso che i Distributori Locali, o le loro associazioni, e le associazioni degli Amministratori di Condominio siano tenuti a definire "un 'contratto standard' che ne regolamenti i rapporti fornendo le istruzioni operative e valutando anche l'opportunità di escludere il Distributore dalle responsabilità nel caso di interruzioni dell'energia elettrica se questi lavori di adeguamento non verranno fatti". Gli interventi, che dovranno garantire ai condomini la possibilità di contrattualizzare una potenza fino a 6,6 kW, potranno essere effettuati sia con la "centralizzazione dei contatori in apposito vano condominiale" che "senza centralizzazione". Alla fine dei lavori, spiega Luciano Castiglione, il Distributore Locale rimborserà le spese ai proprietari.

Luciano Castiglione |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Come attuare una gestione attenta ed ottimale del condominio


Il D.Lgs. 81/2008 e gli impianti elettrici nei luoghi di lavoro


Luciano Castiglione spiega perché l’idrogeno rappresenterebbe una svolta nel settore energetico


Impianti elettrici civili l’impianto alla regola d’arte


L’assemblea condominiale in videoconferenza: opportunità o problema?


Castrol annuncia partnership con XING Mobility per lo sviluppo di fluidi per EV


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Antonio Franchi: il progetto di The Residenze per Palazzo Ravasio

Antonio Franchi: il progetto di The Residenze per Palazzo Ravasio
Antonio Franchi, alla guida di The Residenze, si sta occupando di Palazzo Ravasio per rendere il complesso confortevole, sostenibile e all’avanguardia Antonio Franchi è da oltre 20 anni nel settore immobiliare. Si occupa di valorizzazione di immobili e di trading. Con la società da lui guidata, The Residenze, sostiene il progetto per Palazzo Ravasio a Verona, un edificio storico da preservare, modernizzare e valorizzare con tutte le sue potenzialità a livello di servizi e tecnologia.Antonio Franchi: il progetto Palazzo RavasioThe Residenze, (continua)

“Together is Better”: il progetto di Italchimica vincitore degli AIDP Award 2021

“Together is Better”: il progetto di Italchimica vincitore degli AIDP Award 2021
Italchimica: la realtà guidata da Alessandro Fioretto si è classificata seconda agli AIDP Award 2021, concorso nazionale sui progetti in ambito HR Dal 2003 attiva nel settore della pulizia professionale I&I e Horeca, Italchimica ha ricevuto il riconoscimento durante il 50° Congresso Nazionale di AIDP.Italchimica: i dettagli della premiazioneValorizzare i progetti delle aziende che in questo particolare momento storico hanno dimostrato un forte impegno nell'ambito delle Risorse Umane. È l'obiettivo degli AIDP Award 2021, concors (continua)

L’impegno di Massimo Rizza nell’ODCEC della città di Milano

L’impegno di Massimo Rizza nell’ODCEC della città di Milano
Commercialista, revisore legale e conciliatore societario, Massimo Rizza, dopo aver fondato l’omonimo Studio, entra a far parte della Cassa Nazionale dei Ragionieri e successivamente dell’ODCEC di Milano Laureato in Scienze Economiche e co-fondatore dello Studio avviato insieme al fratello, Massimo Rizza prosegue la propria carriera professionale sia presso la Cassa Nazionale dei Ragionieri in qualità di delegato sia presso l'ODCEC di Milano.Formazione e carriera professionale di Massimo RizzaDopo aver conseguito il diploma in ragioneria, Massimo Rizza - commercialista, revisor (continua)

Green Change Matters: l’impegno di Alessandro Fioretto per la sostenibilità nel settore chimico

Green Change Matters: l’impegno di Alessandro Fioretto per la sostenibilità nel settore chimico
Alessandro Fioretto è un manager e investitore italiano con oltre 20 anni di esperienza nel settore chimico della pulizia professionale Alessandro Fioretto ha co-fondato Italchimica nel 2003 e tuttora guida la società in qualità di Amministratore Delegato e Presidente. Da sempre sostenitore della responsabilità sociale d'impresa, è fautore del progetto sostenibile "Green Change Matters".Imprese Made in Italy: focus sulle attività professionali di Alessandro FiorettoProject management, capacità d'impresa e leadership orientata (continua)

Superbonus 110% per l’efficientamento energetico: l’esperienza di Gruppo Green Power

Superbonus 110% per l’efficientamento energetico: l’esperienza di Gruppo Green Power
Efficientamento energetico: i professionisti di Gruppo Green Power a supporto dei clienti per beneficiare delle incentivazioni previste dal Superbonus 110% Introdotto dal Governo Italiano nel D.L. "Rilancio" 19 maggio 2020, n. 34, il Superbonus 110% mira a incentivare la riqualificazione energetica degli edifici a livello nazionale. Gruppo Green Power, leader nelle soluzioni di efficientamento energetico, è in prima linea per supportare i clienti in tale ambito.Gruppo Green Power: le specifiche del Superbonus 110%La misura di incentivazione del (continua)