Home > Sport > IN VALLE D’AOSTA DOPO IL SOLE… LA NEVE. A COURMAYEUR AZZOLA E THOULE IN COPPA EUROPA

IN VALLE D’AOSTA DOPO IL SOLE… LA NEVE. A COURMAYEUR AZZOLA E THOULE IN COPPA EUROPA

articolo pubblicato da: newspower | segnala un abuso

IN VALLE D’AOSTA DOPO IL SOLE… LA NEVE. A COURMAYEUR AZZOLA E THOULE IN COPPA EUROPA

Chiuse oggi le Finali di Coppa Europa in Valle d’Aosta con la neve

Nello slalom brilla la bergamasca Michela Azzola, coppetta a Veronika Zuzulova (SVK)

Nicolas Thoule (FRA) vince lo slalom, al connazionale Muffat la coppetta di specialità

L’Italia vince la classifica per nazioni della Coppa Europa

 

 

Dopo una lunga stagione di gare, sulla pista Checrouit di Courmayeur (AO) oggi è calato il sipario sulla Coppa Europa di sci alpino. A chiudere la stagione è stato lo slalom che, nell’ultima giornata delle Finali in Valle d’Aosta, ha regalato belle soddisfazioni all’Italia grazie alla bergamasca Michela Azzola (1’42’’13), 7.a dopo la prima manche e poi autrice di un ottimo recupero, che le ha consentito di salire per la prima volta sul podio di Coppa Europa.

“Ho chiuso alla grande questa stagione, che con le ultime gare FIS mi ha regalato molte soddisfazioni”, ha commentato l’azzurra, “questo risultato mi dà grande fiducia, soprattutto in questa stagione di rientro dopo l’infortunio al ginocchio dello scorso anno”. Al maschile, il successo ha arriso al francese Nicolas Thoule, che aveva ipotecato la vittoria con una prima manche chiusa al 2° posto.

Dopo una settimana di sole e temperature tiepide, oggi il tempo ha fatto le bizze con nebbia, pioggia e poi neve, ma le pessime condizioni meteo non hanno vanificato il gran lavoro dello Sci Club Courmayeur Monte Bianco, la gara si è disputata comunque con i due slalom, maschile e femminile, su due tracciati paralleli. Dopo la prima manche femminile era in testa la trentina Chiara Costazza, seguita dalla francese Sandrine Aubert e dalla svedese Nathalie Eklund. Nella seconda, con una visibilità migliore e un tracciato veloce, la bergamasca Michela Azzola è riuscita a segnare il miglior tempo balzando saldamente al comando. La transalpina Aubert si sarebbe piazzata seconda, ma un errore alla quarta porta è stato fatale e così al secondo posto si è ritrovata la svedese Nathalie Eklund a 25/100 dalla Azzola, sul podio è salita pure la tedesca Fanny Chmelar, terza a 85/100.

La seconda manche non ha premiato invece la Costazza, quarta con 93/100 di ritardo, proprio sulla pista che un anno fa la vide vincere il tricolore di slalom. Tra le prime trenta anche Marta Benzoni (11.a), Michela Borgis (26.a) ed Enrica Cipriani (30.a).

La gara non ha influenzato la classifica per la coppetta di specialità, andata alla slovacca Veronika Zuzulova assente per le finali di Schladming dove è arrivata 2.a nello slalom di ieri, né tantomeno quella generale che matematicamente era già stata vinta dall’altoatesina Lisa Magdalena Agerer, prima con 1.029 punti davanti alle altre due azzurre Enrica Cipriani (661 p) e Sofia Goggia (515 p). Oggi la Agerer non era in gara per gli impegni di Coppa del Mondo a Schladming, dove proprio stamattina ha chiuso al 20° posto l’ultimo gigante di stagione: alla ventenne venostana (di sangue austriaco) va il merito di aver riportato in Italia la Coppa Europa 20 anni dopo il successo di Lara Magoni, tra l’altro presente oggi nel parterre di Courmayeur.

Al maschile, la danza tra i paletti snodati è andata più o meno come da copione, a dominare sono stati i francesi che hanno piazzato sui due gradini più alti del podio Nicolas Thoule e Victor Muffat Jeandet. Per Thoule si tratta del terzo podio stagionale dopo i due secondi posti centrati a gennaio in terra austriaca, così come per l’altro francese Muffat Jeandet, terzo a Meribel e primo a Madonna del Campiglio. Muffat Jeandet era terzo dopo la prima manche ed è poi riuscito a rimontare chiudendo a 9/100 dal connazionale ed ex compagno di scuola dello Ski College Modane.

Al terzo posto si è piazzato invece un deluso Stefan Luitz, primo a metà gara, ma penalizzato da troppi errori nella seconda discesa, un terzo posto che ha definitivamente escluso il tedesco dalla corsa alla coppetta di slalom. Il primato tra i paletti snodati è spettato infatti a Victor Muffat Jeandet, primo davanti a Luitz e Thoule. In lotta per il podio della coppetta c’era anche l’azzurro Roberto Nani, 4° al termine della prima manche ma poi 11° a 1’’92 da Thoule e, infine, 4° nella graduatoria di specialità.

Lo slalom di oggi ha fatto selezione anche tra i più forti, fuori dai primi trenta è finito uno dei favoriti, il norvegese Truls Johansen (36°) e pure il vincitore del gigante di ieri Sergei Maytakov (34°), con Thomas Mermillod Blondin e Francois Place usciti nella prima manche.

Tra gli azzurri va sottolineata l’ottima performance del bergamasco Nicola Rota, risalito dalla 21.a alla 15.a posizione finale, e del valdostano Thierry Marguerettaz, 28° dopo la prima manche e addirittura 16° alla fine col secondo miglior tempo di frazione. Ha concluso al 20° posto l’altoatesino Riccardo Tonetti, seguito dal romano Giordano Ronci (21°), dal valdostano Giulio Bosca (25°) e dal trentino Andrea Ballerin (26°).

L’avventura di Coppa Europa, cominciata a novembre, ha chiuso oggi i battenti di stagione con le note dell’inno di Mameli e con l’Italia prima nella classifica per Nazioni.

Per quanto riguarda la Coppa Europa maschile, ad aggiudicarsi la vittoria assoluta è stato l’austriaco Florian Scheiber (871 p), che ha così riconquistato la seconda Coppa continentale dopo quella del 2009, precedendo il tedesco Luitz (759 p) e il russo Maytakov (703 p).

Le Finali di Coppa Europa si sono chiuse con il segno del successo, su quelle stesse piste che sognano la Coppa del Mondo e che hanno saputo regalare quattro giornate agonistiche ad alto contenuto spettacolare, con la regia degli SC di Pila, Aosta, La Thuile Rutor e Courmayeur Monte Bianco. Quest’ultimo ieri ha festeggiato nella piazza a Courmayeur i cent’anni di vita, in una grande festa dove hanno presenziato personaggi di spicco del mondo sportivo come Marco Albarello e autorità locali come l’assessore regionale al turismo Aurelio Marguerettaz.

 

Classifiche slalom:

 

Maschile

1 THOULE Nicolas FRA 1'46.84; 2 MUFFAT JEANDET Victor FRA 1'46.93; 3 LUITZ Stefan GER 1'47.98; 4 KHOROSHILOV Alexander RUS 1'48.03; 5 DREIER Christoph AUT 1'48.09; 6 TISSOT Maxime FRA 1'48.29; 7 DIGRUBER Marc AUT 1'48.34; 8 STEHLE Dominik GER 1'48.47; 9 RYDING David GBR 1'48.58; 10 VOGEL Markus SUI 1'48.68

 

Femminile

1 AZZOLA Michela ITA 1’42.13; 2 EKLUND Nathalie SWE 1’42.38; 3 CHMELAR Fanny GER 1’42.98; 4 COSTAZZA Chiara ITA 1’43.06; 5 LOESETH Nina NOR 1’43.19; 6 SMEDH Veronica SWE 1’43.24; 7 FERK Marusa SLO 1’43.42; 8 HOLDENER Wendy SUI 1’43.49; 9 HUEBNER Monica GER 1’43.56; 10 WIRTH Barbara GER 1’43.73

 

Download immagini TV:

www.broadcaster.it  

 



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

FINALI DI COPPA EUROPA 2012 IN VALLE D’AOSTA: MENO DI UN MESE AL GRAN FINALE


DA DOMANI COPPA EUROPA IN VALLE D’AOSTA, ARCHIVIATA OGGI L’ULTIMA GARA PRE-FINALE


GRAN FINALE PER LA COPPA EUROPA. NOMI DI SPICCO A PILA, LA THUILE E COURMAYEUR


LA VALLÉE ASPETTA LE FINALI DI COPPA EUROPA. SETTIMANA DI SCI DA MARTEDÍ A DOMENICA


COPPA EUROPA A PILA, LA THUILE E COURMAYEUR (AO). ANNUNCIATA LA FESTA IN AZZURRO


MAYTAKOV E HRONEK “GIGANTI” IN VALLE D’AOSTA. IN COPPA EUROPA TERZO DE ALIPRANDINI


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

OTTAVO TROFEO PASSO PAMPEAGO. A SETTEMBRE TORNA LA CLASSICA CRONOSCALATA

OTTAVO TROFEO PASSO PAMPEAGO. A SETTEMBRE TORNA LA CLASSICA CRONOSCALATA
Ottava edizione del Trofeo Passo Pampeago il 15 settembre Da Tesero al Passo di Pampeago tra le salite mitiche del Trentino 10.5 chilometri e 1.019 metri di dislivello da completare Tappa prestigiosa Südtirol.Berg.Cup La storia del ciclismo passa dalla Val di Fiemme e da Pampeago, terreno di caccia dove si materializzarono alcune tra le sfide del Giro d’Italia più entusiasmanti che gli appas (continua)

LA STELVIO MARATHON CONTA I GIORNI. ISCRIZIONI DA NON PERDERE ENTRO IL 7 GIUGNO

LA STELVIO MARATHON CONTA I GIORNI. ISCRIZIONI DA NON PERDERE ENTRO IL 7 GIUGNO
 Stelvio Marathon il 15 giugno a Prato allo Stelvio in Alto Adige Lavori del comitato sul percorso per togliere gli ultimi impedimenti causati dalla neve Iscrizioni a 110 euro per 42K e 26K, 45 euro per la “short distance” Chiusura partecipazioni dall’8 al 13 giugno, possibile iscriversi in loco il 14 giugno Il comitato organizzatore della Stelvio Marathon sta lavorand (continua)

SABATO DOLOMITES SASLONG HALF MARATHON. TRACCIATO CONFERMATO: COMPLIMENTI VOLONTARI!

SABATO DOLOMITES SASLONG HALF MARATHON. TRACCIATO CONFERMATO: COMPLIMENTI VOLONTARI!
 L’8 giugno 2.a Dolomites Saslong Half Marathon in Alto Adige Il comitato ASV Gherdeina Runners manterrà il tracciato originale con l’aggiunta di 1.5 km Campo base al Monte Pana dove partiranno anche due camminate per accompagnatori Tra i favoriti Felicetti, Piazza, Jbari, Rungger, Pircher e Thaler Il laborioso comitato ASV Gherdeina Runners si è dato un gran d (continua)

GIOVANI IN SELLA IN VAL CASIES. WEEKEND DEDICATO ALLE RUOTE ARTIGLIATE

GIOVANI IN SELLA IN VAL CASIES. WEEKEND DEDICATO ALLE RUOTE ARTIGLIATE
 Sabato 8 giugno Campionato Italiano Eliminator in Val Casies Domenica 9 giugno terza prova di Coppa Italia Percorso di 3 km e 150 metri di dislivello con numero giri in base alle categorie Un programma sontuoso quello proposto dal comitato SSV Pichl/Gsies Tutto pronto, anzi prontissimo, per gli appuntamenti su ruote grasse del weekend in Val Casies. Sabato 8 giugno la società (continua)

DOLOMITI SUPERBIKE: “LOCALS” A RACCOLTA! OGGI GIORNATA MONDIALE DELLA BICICLETTA

DOLOMITI SUPERBIKE: “LOCALS” A RACCOLTA! OGGI GIORNATA MONDIALE DELLA BICICLETTA
 Il 13 luglio Südtirol Dolomiti Superbike 25.a edizione parte dei 21 eventi di Formula Bici 3.500 iscritti – cambio tariffa a quota 4000 80 euro la quota di partecipazione Oggi anche la Südtirol Dolomiti Superbike del 13 luglio festeggia la Giornata Mondiale della Bicicletta, istituita dall’ONU e divenuta ‘simbolo’ di quel mezzo che tutti amano e che pe (continua)