Home > Economia e Finanza > Massimo Malvestio: il controllo dei partiti sulle municipalizzate, l’analisi dell’avvocato

Massimo Malvestio: il controllo dei partiti sulle municipalizzate, l’analisi dell’avvocato

scritto da: Articolinews | segnala un abuso

Massimo Malvestio: il controllo dei partiti sulle municipalizzate, l’analisi dell’avvocato

Municipalizzate, l’opinione dell’avvocato Massimo Malvestio, intervistato da “Venezie Post”: “Draghi dovrebbe cercare di rilanciare la legge Madia. Ma i partiti non glielo permetteranno”


La realtà delle società a controllo pubblico a quasi cinque anni dall'approvazione della legge Madia: il punto dell'avvocato Massimo Malvestio nell'intervista del 1° giugno a "Venezie Post".

Massimo Malvestio: le municipalizzate piacciono ai partiti, a tutti i partiti

La legge Madia a quasi cinque anni dall'approvazione: "Una prima formale applicazione c'è stata, un po' di società, per lo più del tutto marginali, sono state chiuse. Ci si è poi resi conto che le società a partecipazione pubblica piacciono a tutti. Piacciono ai partiti, a tutti i partiti". E oggi la realtà che emerge denota "una legge che gli enti pubblici e i partiti sembrano più impegnati ad aggirare che ad applicare": lo sostiene Massimo Malvestio nell'intervista pubblicata da "Venezie Post" lo scorso 1° giugno a pochi giorni dalla sentenza di condanna per Asco Holding. La società "nei fatti governata dalla Lega" deve pagare circa 10 milioni di euro ai Comuni per aver attribuito un valore inferiore alle loro quote: un'ulteriore sconfitta per la holding che per Plavisgas, il nucleo di azionisti privati di cui l'avvocato è "socio e ispiratore", si traduce in un'ennesima vittoria. La vicenda di Asco Holding, secondo Massimo Malvestio, dimostra come i partiti non siano intenzionati a mollare la presa sulle municipalizzate: "Appena un partito arriva in giunta, comincia a mostrare un apprezzamento del tutto nuovo per le partecipate dell'ente. Mano a mano poi che familiarizzano con la gestione, l'attaccamento diventa morboso. Anche i giudici, compresi quelli contabili, hanno dato prova di essere spesso molto comprensivi verso queste strutture". Non solo: "Adesso siamo in una nuova fase: non solo le società buone non sono state vendute ma è ripresa l'espansione. Asco Holding sta comprando azioni Ascopiave. Lo stesso sta accadendo in Iren. Torino e Genova stanno comprando e pagano persino premi sul prezzo di mercato. È vero che Iren è quotata e quindi la partecipazione diretta è legittima, ma non mi pare proprio che la legge Madia legittimasse la ri-espansione. I Comuni piangono il morto dicendo che non hanno denari per l'ordinaria amministrazione, ma hanno denari per comprare azioni in borsa. Questa è la realtà".

Massimo Malvestio: le società a partecipazione pubblica erano nate con un altro scopo

Le società a controllo pubblico dovrebbero avere come scopo quello di garantire servizi o investimenti che i privati non trovano conveniente fare, ma che sono fondamentali per lo sviluppo di una comunità. Invece il fine oggi sembra essere un altro: distribuire dividendi ai Comuni e occupare posti nei CdA da parte delle seconde file dei partiti. "È esattamente così", evidenzia l'avvocato Massimo Malvestio nell'intervista: "Di fatto è molto più facile alzare una tariffa che imporre un'imposta. I partiti hanno capito che con la gestione delle tariffe, e di un enorme patrimonio che già esiste, si possono ottenere grandi entrate per gli enti senza che nessuno protesti. Anzi: la narrazione è che gli utili sono l'effetto dell'opera di grandi manager". Su questo punto l'avvocato, oggi a Malta dove opera come Presidente di Praude Asset Management Ltd, sottolinea come "a onor del vero" ci siano "società pubbliche dove i manager potrebbero essere stati scelti da qualsiasi privato" mentre "in altri casi invece il limite della decenza è superato di slancio". Dunque "non vedo niente di male nel fatto che, in società pubbliche, i manager siano di fiducia delle forze politiche": per Massimo Malvestio "il problema è che ci sono partecipate dove il presidente ha come tratto saliente del curriculum l'avere fatto tanti anni l'autista al segretario del partito". In alternativa a privatizzazioni e controllo dei partiti, la Madia si riconferma quindi secondo l'avvocato "un'ottima legge". Basterebbe guardare a quanto accade in Veneto: "Gli acquedotti hanno ancora perdite d'acqua enormi, con tubazioni vecchie di molti decenni, il Sistema ferroviario regionale è stato accantonato perché costa, si sono fatti project con costi finanziari elevatissimi: servizi dove servono investimenti ce ne sono quanti si vuole, ma comportano impegno di mente, strategia, ritorni a lungo termine... Molto più comodo gestire monopoli e grandi patrimoni accumulati da gente che aveva impegno di mente e strategia".


Fonte notizia: https://webpressvalue.com/2021/06/16/massimo-malvestio-le-municipalizzate-tra-partiti-e-privatizzazioni-intervista-allavvocato/


Massimo Malvestio |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

“Mala Gestio”: intervista all’autore Massimo Malvestio, avvocato ed editorialista


Il Veneto, la trattativa del 2010 tra enti territoriali e governo: l’editoriale di Massimo Malvestio


Massimo Malvestio: il Veneto che cambia, l’editoriale del 2005 sulla Coldiretti


Value Investing: Massimo Malvestio, Presidente di Praude Asset Management Ltd


Gli avvocati divorzisti guadagnano molti soldi?


Come trovare il migliore avvocato matrimonialista a Roma per il tuo divorzio


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Antonio Franchi: il progetto di The Residenze per Palazzo Ravasio

Antonio Franchi: il progetto di The Residenze per Palazzo Ravasio
Antonio Franchi, alla guida di The Residenze, si sta occupando di Palazzo Ravasio per rendere il complesso confortevole, sostenibile e all’avanguardia Antonio Franchi è da oltre 20 anni nel settore immobiliare. Si occupa di valorizzazione di immobili e di trading. Con la società da lui guidata, The Residenze, sostiene il progetto per Palazzo Ravasio a Verona, un edificio storico da preservare, modernizzare e valorizzare con tutte le sue potenzialità a livello di servizi e tecnologia.Antonio Franchi: il progetto Palazzo RavasioThe Residenze, (continua)

“Together is Better”: il progetto di Italchimica vincitore degli AIDP Award 2021

“Together is Better”: il progetto di Italchimica vincitore degli AIDP Award 2021
Italchimica: la realtà guidata da Alessandro Fioretto si è classificata seconda agli AIDP Award 2021, concorso nazionale sui progetti in ambito HR Dal 2003 attiva nel settore della pulizia professionale I&I e Horeca, Italchimica ha ricevuto il riconoscimento durante il 50° Congresso Nazionale di AIDP.Italchimica: i dettagli della premiazioneValorizzare i progetti delle aziende che in questo particolare momento storico hanno dimostrato un forte impegno nell'ambito delle Risorse Umane. È l'obiettivo degli AIDP Award 2021, concors (continua)

L’impegno di Massimo Rizza nell’ODCEC della città di Milano

L’impegno di Massimo Rizza nell’ODCEC della città di Milano
Commercialista, revisore legale e conciliatore societario, Massimo Rizza, dopo aver fondato l’omonimo Studio, entra a far parte della Cassa Nazionale dei Ragionieri e successivamente dell’ODCEC di Milano Laureato in Scienze Economiche e co-fondatore dello Studio avviato insieme al fratello, Massimo Rizza prosegue la propria carriera professionale sia presso la Cassa Nazionale dei Ragionieri in qualità di delegato sia presso l'ODCEC di Milano.Formazione e carriera professionale di Massimo RizzaDopo aver conseguito il diploma in ragioneria, Massimo Rizza - commercialista, revisor (continua)

Green Change Matters: l’impegno di Alessandro Fioretto per la sostenibilità nel settore chimico

Green Change Matters: l’impegno di Alessandro Fioretto per la sostenibilità nel settore chimico
Alessandro Fioretto è un manager e investitore italiano con oltre 20 anni di esperienza nel settore chimico della pulizia professionale Alessandro Fioretto ha co-fondato Italchimica nel 2003 e tuttora guida la società in qualità di Amministratore Delegato e Presidente. Da sempre sostenitore della responsabilità sociale d'impresa, è fautore del progetto sostenibile "Green Change Matters".Imprese Made in Italy: focus sulle attività professionali di Alessandro FiorettoProject management, capacità d'impresa e leadership orientata (continua)

Superbonus 110% per l’efficientamento energetico: l’esperienza di Gruppo Green Power

Superbonus 110% per l’efficientamento energetico: l’esperienza di Gruppo Green Power
Efficientamento energetico: i professionisti di Gruppo Green Power a supporto dei clienti per beneficiare delle incentivazioni previste dal Superbonus 110% Introdotto dal Governo Italiano nel D.L. "Rilancio" 19 maggio 2020, n. 34, il Superbonus 110% mira a incentivare la riqualificazione energetica degli edifici a livello nazionale. Gruppo Green Power, leader nelle soluzioni di efficientamento energetico, è in prima linea per supportare i clienti in tale ambito.Gruppo Green Power: le specifiche del Superbonus 110%La misura di incentivazione del (continua)