Home > Lavoro e Formazione > Torre Tintoretto: partono i lavori per la nuova era dell’abitare

Torre Tintoretto: partono i lavori per la nuova era dell’abitare

scritto da: RedazioneSB | segnala un abuso

Torre Tintoretto: partono i lavori per la nuova era dell’abitare

Bonifica, demolizione graduale e ricostruzione. Così, la storica torre, simbolo dell’edilizia popolare del secolo scorso, si prepara a lasciare il posto al nuovo quartiere, marcando una svolta cruciale nella cultura del living.


Un nuovo modo di abitare: più inclusivo, più sostenibile, più collaborativo. È ispirandosi a questi valori che Brescia si prepara a lasciarsi alle spalle la Torre Tintoretto. Il cantiere che porterà alla demolizione graduale dell’edificio e alla riconversione dell’area, al via oggi 5 luglio, è affidato a Vitali Spa, gruppo leader nel settore, e segna un momento storico per l’intera città. Il progetto di Redo Sgr prevede che i 18 piani della Torre lasceranno il posto a sei edifici con 270 appartamenti di nuova concezione: in classe A, in parte affittati in housing sociale, in parte venduti a prezzo calmierato, diventeranno espressione di una nuova cultura del living, con spazi comuni a disposizione degli inquilini, due corti semi-pubbliche aperte al quartiere, negozi e servizi, aree verdi, giochi per bambini, percorsi e zone fitness.

Il complesso della Torre Tintoretto, un’immobile di edilizia residenziale pubblica, costruito tra il 1984 e il 1987, nell’ambito dell’attuazione del Piano di Zona A/9 San Polo, è composto da due blocchi: la Casa Alta e il Padiglione monopiano prefabbricato, destinato a ospitare autorimesse e servizi commerciali. La Torre è a sua volta divisa in tre macrosettori: spazi tecnici e polifunzionali, posti al piano terra ed al primo piano (con la centrale termica, il locale contatori, la hall con la reception, alcuni locali per il ricovero di biciclette, cantinette ad uso dei condomini ed un Bar che si affaccia sull’area a verde retrostante), unità abitative, collocate dal piano secondo al sedicesimo (195 unità immobiliari da 3 a 5 vani) e cantinette condominiali, collocate al diciassettesimo piano. L’intero complesso sarà progressivamente demolito e poi riqualificato, rimettendo al centro i bisogni dei cittadini e della comunità, nel nome della socialità e della condivisione.

I lavori di demolizione della torre, seguiti da Vitali Spa, partiranno lunedì 5 luglio dalla demolizione del Padiglione monopiano, i cosiddetti corpi bassi, mediante la tecnica di demolizione top-down con l’utilizzo di mezzi meccanici di grossa portata (da 40ton a 120ton) e attrezzature innovative per garantire un impatto ambientale minimo, sia a livello acustico sia per quanto riguarda l’emissione delle polveri.

Tutto ciò consente di ridurre al minimo il disturbo arrecato ai residenti dell’area, alle attività commerciali e ai servizi ivi presenti, limitando vibrazioni e propagazione dei rumori.

Nel corso delle attività di demolizione, della durata di circa 15-20 giorni, saranno adottate tutte le precauzioni per minimizzare l’impatto per i residenti, sia irrorando con acqua nebulizzata le strutture che adottando un orario lavorativo indicativo dalle ore 7.00 alle 18.00 nonostante il periodo estivo dia la possibilità di iniziare i lavori in anticipo.

Il materiale inerte prodotto dalla demolizione delle strutture in calcestruzzo resterà in cantiere e sarà riutilizzato temporaneamente per l’esecuzione di un piano rialzato (dotato di idonea rampa)che verrà impiegato dal mezzo meccanico da 120ton dotato di braccio ultralong nelle successive fasi di demolizione. Oltre a rappresentare una buona pratica di economia circolare, questa soluzione riduce l’impatto dei mezzi di trasporto di cantiere sulla viabilità locale: gli spostamenti dedicati allo smaltimento rifiuti, temporaneamente, si limiteranno alla sola frazione di rottami ferrosi, che nell’arco del mese di luglio si stimano essere nell’ordine dei 30 viaggi. In caso di formazione di terreno fangoso sulle piste di cantiere il lavaggio delle ruote dei mezzi prima dell’uscita assicurerà il mantenimento della pulizia nelle strade in prossimità del cantiere.

Vitali S.p.A. dispone di un parco mezzi e attrezzature innovative per garantire un impatto ambientale minimo, sia a livello acustico sia per quanto riguarda l’emissione delle polveri. Tutto ciò consente di ridurre al minimo il disturbo arrecato ai residenti dell’area, alle attività commerciali e ai servizi ivi presenti, limitando vibrazioni e propagazione dei rumori.

A seguire, la ricostruzione. Gli edifici - progettati dallo studio MAB architettura – sono pensati per coniugare elevati standard abitativi, tecnologici ed energetici a costi contenuti di realizzazione e gestione. Il progetto presenta tecnologie impiantistiche e costruttive innovative che permettono di raggiungere per ogni appartamento un’elevata qualità architettonica e ambientale. L’intervento è realizzato da Redo SGR SpA Società Benefit, nell’ambito del Fondo Immobiliare di Lombardia – Comparto Uno (FIL1), che investirà circa €45 milioni, in stretta sinergia con l’Amministrazione Comunale bresciana e con l’Osservatorio Tintoretto a cui prendono parte con cadenza mensile i presidenti dei Consigli di Quartiere San Polo Cimabue, San Polo Parco, San Polo Case e San Polino. 

vitali | torre tintoretto |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Housing sociale in Abruzzo, un convengo con Legacoop


Abitare Co.: in Italia negli ultimi dieci anni sono stati investiti circa 1,5 miliardi di euro in progetti immobiliari di Social Housing, progetti nati per sostenere la socialità, la solidarietà e la condivisione e dare


DA TINTORETTO A WALT DISNEY, GLI EFFETTI SPECIALI RACCONTATI DAL PREMIO OSCAR SARAH ARDUINI E DA SGARBI


Abitare Co.: nel 2017 quarto anno di crescita per il mercato immobiliare residenziale. I primi tre mesi del 2018 confermano la vivacità del mercato, con l’aumento della domanda per le nuove abitazioni del +3,5%. Buone le


Antonio Valente Anas gallerie stradali ingegnere Biografica completa di tutti lavoro


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

“Acqua su tela”: il calendario 2022 del Gruppo Acque Minerali Bracca

“Acqua su tela”: il calendario 2022  del Gruppo Acque Minerali Bracca
L’elemento naturale protagonista del tradizionale calendario Bracca, reinterpretato, in molteplici modi e sfumature, dal pennello degli artisti che hanno segnato la storia dell’arte mondiale da Caravaggio a Magritte. Il Gruppo Acque Minerali Bracca e Pineta, leader del settore nel panorama italiano, con il calendario 2022 porta in un viaggio nella storia e nella bellezza di grandi opere d’arte con protagonista l’acqua. Che sia sullo sfondo o parte principale del dipinto, sarà possibile osservare la maestria con cui i più grandi artisti della storia hanno interpretato questo bene naturale.  Il calend (continua)

Il giorno nuovo. Rinascere dalla memoria.

Il giorno nuovo. Rinascere dalla memoria.
Presentate a Palazzo Creberg importanti iniziative nel segno della memoria, della speranza e della fiducia nel futuro. In tutto il difficile periodo appena trascorso, Fondazione Creberg ha proseguito con determinazione nel suo impegno in favore del territorio. L’esplodere e il persistere della pandemia hanno determinato i vertici della Fondazione a rimodulare gli interventi liberali e a reinventare le modalità di proposizione delle iniziative sociali e culturali al fine di proseguire, con immutata efficacia, la st (continua)

É senza confini "cover me", il primo contest italiano dedicato a Bruce Springsteen

É senza confini
DOPO LA VOTAZIONE DELLA GIURIA DI QUALITÀ 30 COVER DI ARTISTI NAZIONALI E INTERNAZIONALI PASSERANNO ALLA FASE FINALE. I BRANI DI BRUCE SPRINGSTEEN PROTAGONISTI LIVE IN TRE TAPPE DI “COVER ME LIVE” A MALGRATE, MILANO E BERGAMO. 60 artisti, di cui 10 internazionali, e una giuria di qualità, che avrà il compito di selezionare le 30 cover più originali. Il successo di Cover Me replica anche nella sua seconda edizione e diventa live con un tour estivo di tre tappe a ingresso gratuito a Lecco, Milano e Bergamo. Dal 10 al 30 luglio sarà il pubblico ad esprimere la propria preferenza e decretare i 15 finalisti del contest che s (continua)

CUS Bergamo: pronti a ripartire. Il 1° giugno riapre la sala fitness

CUS Bergamo: pronti a ripartire. Il 1° giugno riapre la sala fitness
In sicurezza e con prudenza, da giugno riprendono gradualmente le attività e i corsi del Centro Universitario Sportivo di Dalmine Sicurezza,attenzione e prudenza ma anche tanta voglia di ricominciare a fare sport: questo lo spirito del CUS Bergamo, il Centro Universitario Sportivo con sede a Dalmine, che il prossimo 1° giugno ripartirà con attività sportive e corsi.  Martedì 1° giugno infatti, il CUS riaprirà la sala fitness, secondo i consueti orari: fino al 30 giugno, dal lunedì al venerdì dalle 7 alle 22.30, saba (continua)

Ancora 10 giorni per poter partecipare alla seconda edizione di

Ancora 10 giorni per poter partecipare alla seconda edizione di
È possibile iscriversi fino al 31 maggio al contest promosso da “NOI & Springsteen”, dove artisti - anche internazionali – hanno la possibilità di inviare il proprio arrangiamento interpretando i brani del rocker americano più famoso al mondo. Nei mesi estivi, tre concerti dal vivo permetteranno ai 30 finalisti di esibirsi di fronte al pubblico: un segnale importante di ripartenza per il mondo degli spettacoli dal vivo che ha subito un forte stop a causa della pandemia. Ancora dieci giorni di tempo per inviare il proprio arrangiamento interpretando una canzone del Boss ed essere tra i 30 artisti finalisti che avranno la possibilità di calcare il palco sulle note di Bruce Springsteen in un tour di tre tappe live. Sono questi i nuovi ingredienti della seconda edizione di“Cover me”, il primo contest dedicato al rocker americano più famoso al Mondo organizzato dal gr (continua)