Home > Economia e Finanza > Tutto ciò che devi sapere prima di investire

Tutto ciò che devi sapere prima di investire

scritto da: 4passinellafinanza | segnala un abuso

Tutto ciò che devi sapere prima di investire

Prima di fare qualsiasi tipologia di investimento è fondamentale definire quali sono i propri obiettivi finanziari, i quali derivano dalle esigenze future di spesa e dalla capacità di risparmio.


La definizione degli obiettivi finanziari

Prima di fare qualsiasi tipologia di investimento è fondamentale definire quali sono i propri obiettivi finanziari, i quali derivano dalle esigenze future di spesa e dalla capacità di risparmio.

Nella definizione degli obiettivi bisogna valutare:

  • quanto si può investire;
  • quando si potrà aver bisogno del denaro investito (cioè l’orizzonte temporale dell’investimento);
  • rendimentia cui aspirare;
  • e infine il rischioche si è disposti ad assumere.

Questi sono gli elementi che definiscono il profilo finanziario di ogni investitore.

Per investire i propri risparmi è necessario, prima di tutto, essere consapevoli di alcuni elementi di base che connotano la propria condizione e che aiutano a comprendere il punto di partenza e, soprattutto, il punto di arrivo a cui aspiriamo.

Investire i propri risparmi significa impiegare una somma di denaro (un capitale) in una determinata attività finanziaria (ad esempio, azioni od obbligazioni) con l’obiettivo di realizzare, nel tempo, un guadagno (cioè un rendimento positivo).

È importante specificare che, anche quando si decide di delegare la gestione del proprio denaro ad un professionista che ha una maggior competenza in tale settore, essere a conoscenza della propria situazione e condividere le decisioni prese, rimane imprescindibile.

In ogni caso, non si può pensare di investire senza considerare i rischi. Il rischio è quella variabile che permette al nostro capitale di crescere, così come di ridursi. Rappresenta cioè l’incertezza.

La propensione al rischio 

Ogni individuo ha una propensione al rischio soggettiva.

La propensione al rischio indica il grado di tolleranza psicologica alle oscillazioni di mercato. È necessario conoscere la propria propensione al rischio, prima di procedere con un investimento.

Dunque, il primo passo da compiere è la pianificazione finanziaria: solo dopo un’attenta valutazione dei nostri risparmi, dei nostri redditi e delle spese che dovremmo affrontare sarà possibile determinare quali somme possiamo investire, e l’orizzonte temporale.

Il passo successivo consiste nella scelta dell’investimento. È importante specificare che le soluzioni d’investimento non sono uguali per tutti, cioè l’investimento si può paragonare ad un abito sartoriale. Ogni investimento, così come un abito, deve essere realizzato su misura. Tutto questo significa che l’investimento si deve adattare e deve rispondere alle nostre caratteristiche, che poi non sono altro che i nostri obiettivi di investimento (intesi come orizzonte temporale, propensione al rischio e aspettative di rendimento).

Quando acquistiamo un abito veniamo aiutati dal sarto o dal commesso che, con occhio clinico, ci consiglia e ci propone qualcosa in linea con il nostro fisico. E lo stesso avviene nel mondo degli investimenti. In tal caso, si potrà contare sull’aiuto di professionisti per farci guidare e per comprendere se l’investimento che chiediamo fa per noi.

Ma è importante specificare che i professionisti possono svolgere tale compito solo se conoscono bene il cliente – risparmiatore. A tal fine, quindi, è necessario fornire una serie di informazioni sulla propria situazione finanziaria.

È importante impostare un corretto e proficuo rapporto con l’intermediario e collaborare, attraverso un efficace scambio informativo, affinché possa consigliarci al meglio.

Nel mondo degli investimenti esiste una regola molto importante da ricordare: non assumerti più rischio di quello che sei disposto a sopportare.

Esporsi ad un’oscillazione elevata e non adatta, potrebbe spingere l’investitore a commettere degli errori dettati dalla paura e dallo stress, liquidando tutto nel peggior momento possibile. Per evitare tali errori è necessario il supporto di un professionista specializzato che ci accompagni durante tutto il percorso d’investimento.

Quando è utile rivolgersi ad un consulente finanziario

Siamo abituati a riconoscere il valore di una figura professionale in molti ambiti della nostra vita: ci rivolgiamo al dottore per problemi di malessere fisico, così come ci rivolgiamo al dentista per l’igiene orale. In tutti questi casi siamo naturalmente portati a comprendere la professionalità ed il livello di specializzazione dell’esperto.

Anche il consulente finanziario è un professionista certificato, proprio come un dottore o un dentista. Egli offre soluzioni d’investimento personalizzate sulla base di esigenze specifiche.

 È importante ricordare che non esiste il miglior investimento in assoluto ma esiste la buona pianificazione e la corretta gestione del patrimonio. E proprio per questo, è necessario il supporto di un professionista.

Se anche tu hai capito il valore aggiunto nel rivolgersi a una figura esperta è arrivato il momento di contattarmi e di non perdere altro tempo.

Insieme realizzeremo il miglior percorso di investimento adatto alle tue specifiche esigenze.

Sono qui per te, per dare valore ai tuoi investimenti!

 

Fabrizio Oliva,

Autore del blog e consulente finanziario


Fonte notizia: https://www.4passinellafinanza.it/educazione-finanziaria/tutto-cio-che-devi-sapere-prima-di-investire/


investimenti | consulente finanziario |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Al servizio della Ristorazione: Arredamento Cucina Ristorante


Piattaforme di investimento online: pro e contro


Vendere Su Amazon Nel 2021


Movimento Network Marketing


Fare investimenti in sicurezza e con il massimo utile


6 atteggiamenti vincenti da network marketing pro


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Investire con successo: l’importanza della pazienza

Investire con successo: l’importanza della pazienza
“La pazienza è la virtù dei forti.” Ripetiamo questo detto in numerose occasioni della nostra vita quotidiana e la maggior parte delle volte corrisponde alla realtà dei fatti. Nonostante ognuno di noi abbia le sue credenze, la verità è che trovarsi d’accordo con ciò che abbiamo appena detto non è poi tanto difficile. Tuttavia, mantenere la pazienza nei momenti critici è una attitudine che non tutti posseggono, ma essere pazienti è essenziale nella vita, e questo vale anche per quanto riguarda le scelte di investimento. A tal proposito, oggi voglio dedicare questo nuovo articolo del blog ad un argomento molto interessante per gli investitori, spiegando perché è importante adottare un atteggiamento paziente quando si investe senza farsi prendere dall’impulsività appena si verifica un evento negativo.3 consigli per allenare la pazienza negli investimentiDi seguito ho individuato 3 consigli da seguire (continua)

La diversificazione: un consiglio per migliorare i tuoi investimenti

La diversificazione: un consiglio per migliorare i tuoi investimenti
La diversificazione del portafoglio è la tecnica con la quale ci si pone l’obiettivo di minimizzare al massimo i rischi connessi all’investimento. Tale tecnica, quindi, è utilizzata sia per la gestione del rischio, sia per l’ottimizzazione dell’investimento. La diversificazioneLa diversificazione del portafoglio è la tecnica con la quale ci si pone l’obiettivo di minimizzare al massimo i rischi connessi all’investimento. Tale tecnica, quindi, è utilizzata sia per la gestione del rischio, sia per l’ottimizzazione dell’investimento.Per diversificare il portafoglio si possono adottare varie strategie, che per la maggior parte consistono nel&nbs (continua)

Cosa fa un bravo consulente finanziario?

Cosa fa un bravo consulente finanziario?
Quando si parla di investimenti e risparmio la scelta migliore è chiedere consiglio ad un vero esperto di queste tematiche: qualcuno che abbia una preparazione puntuale in ambito finanziario, che conosca la terminologia e che sappia consigliare nel modo più adeguato chi non è esperto in materia. Il professionista che possiede tali caratteristiche è quello del consulente finanziario. Quando si parla di investimenti e risparmio la scelta migliore è chiedere consiglio ad un vero esperto di queste tematiche: qualcuno che abbia una preparazione puntuale in ambito finanziario, che conosca la terminologia e che sappia consigliare nel modo più adeguato chi non è esperto in materia. Il professionista che possiede tali caratteristiche è quello del consulente finanziario.Il consule (continua)

Il consulente finanziario e la gestione delle emozioni

Il consulente finanziario e la gestione delle emozioni
Nell’immaginario collettivo, quello finanziario è un mondo in cui la razionalità regna sovrana, un ambiente dominato da algoritmi e formule matematiche, dove c’è ben poco spazio per l’emotività. Nella realtà, è facile riconoscere come i comportamenti di chi investe siano guidati più da fattori psicologici che dalla razionalità. E proprio a causa dell’emotività, il buon esito dell’investimento viene a volte disatteso. I Bias: le trappole degli investitori e il ruolo del consulente Nell’immaginario collettivo, quello finanziario è un mondo in cui la razionalità regna sovrana, un ambiente dominato da algoritmi e formule matematiche, dove c’è ben poco spazio per l’emotività. Nella realtà, è facile riconoscere come i comportamenti di chi investe siano guidati più da fattori psicologici che dalla razionalità. E (continua)

Consulente finanziario e cliente: l’importanza della relazione

Consulente finanziario e cliente: l’importanza della relazione
Spesso si sente dire la seguente frase: “devi rivolgerti a un consulente finanziario”. Ma chi è il consulente finanziario? Come si riconosce? La finanza non si può improvvisare Spesso si sente dire la seguente frase: “devi rivolgerti a un consulente finanziario”. Ma chi è il consulente finanziario? Come si riconosce?La risposta nel nuovo contesto normativo MIFID è abbastanza articolata. Innanzitutto, una buona notizia per il risparmiatore: la nuova legge europea, attuata anche in Italia, definisce l’attività di consulenza come un v (continua)