Home > Primo Piano > Lilli Gelmini vince Ledroman Triathlon Sprint 1h06’32”, record femminile gara

Lilli Gelmini vince Ledroman Triathlon Sprint 1h06’32”, record femminile gara

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

Lilli Gelmini vince Ledroman Triathlon Sprint 1h06’32”, record femminile gara

Domenica pomeriggio 11 luglio 2021 ha avuto luogo la 8^ edizione del triathlon sprint Ledroman. Tra le donne Lilli Gelmini (707 Team Minini) ha vinto la prova femminile in 1:06:32 nuovo record femminile sulla gara, precedendo Francesca Crestani (CY Laser Tri Schio) 1h08’57” e Chiara Cavalli (Cus Parma). Fortissima Gelmini nelle tre frazioni, soprattutto nuoto e bici, e ottime le transizioni. Tra gli uomini il vincitore è stato Davide Uccellari (Fiamme Oro) in 58’43 precedendo Jacopo Butturini (CUS Verona) 1h00’04” e Mattia Zontini (Raschiani Triathlon) 1h01’44”. Ottima la frazione di corsa di Uccellari in 15’47”. Di seguito approfondiamo la conoscenza di Lilli attraverso risposte ad alcune mie domande post gara. Ciao Lilli, complimenti per la vittoria, te l'aspettavi? Ci hai lavorato e come? Non mi aspettavo di vincere perché ho deciso all'ultimo momento di partecipare alla gara solo per fare un po' di ritmo gara prima delle prossime competizioni, però una volta fischiata la partenza mi sono sentita subito bene e ci ho creduto fino al traguardo.


Mio papà è praticamente sempre presente alle gare e il suo supporto è fondamentale

Matteo SIMONE

 

Domenica pomeriggio 11 luglio 2021 ha avuto luogo la 8^ edizione del triathlon sprint Ledroman. Tra le donne Lilli Gelmini (707 Team Minini) ha vinto la prova femminile in 1:06:32 nuovo record femminile sulla gara, precedendo Francesca Crestani (CY Laser Tri Schio) 1h08’57” e Chiara Cavalli (Cus Parma). Fortissima Gelmini nelle tre frazioni, soprattutto nuoto e bici, e ottime le transizioni.

Tra gli uomini il vincitore è stato Davide Uccellari (Fiamme Oro) in 58’43 precedendo Jacopo Butturini (CUS Verona) 1h00’04” e Mattia Zontini (Raschiani Triathlon) 1h01’44”. Ottima la frazione di corsa di Uccellari in 15’47”.

Di seguito approfondiamo la conoscenza di Lilli attraverso risposte ad alcune mie domande post gara.

Ciao Lilli, complimenti per la vittoria, te l'aspettavi? Ci hai lavorato e come? Non mi aspettavo di vincere perché ho deciso all'ultimo momento di partecipare alla gara solo per fare un po' di ritmo gara prima delle prossime competizioni, però una volta fischiata la partenza mi sono sentita subito bene e ci ho creduto fino al traguardo.

 

La gara è gara, quando si indossa il pettorale l’atleta è focalizzato in modalità gara, concentrato per la massima riuscita allineando cuore, corpo e mente per l’ottima riuscita, cercando di avere tutto senza controllo senza stress.

Quali allenamenti e fasi della gara sono stati fondamentali? Per vincere una gara ci sono certamente allenamenti specifici per allenare il passo gara etc., però quello che paga maggiormente a mio parere è la costanza negli allenamenti quotidiani e negli anni. Ogni singolo momento della gara è fondamentale, dal momento del tuffo e delle prime bracciate, ai giri di boa in acqua, senza dimenticare le transizioni, le curve in bici, il passo di corsa, l'idratazione e l'alimentazione pre e durante gara: qualsiasi cosa può incidere sulla buona/cattiva riuscita della gara.

 

Molto interessanti e utili le parole di Lilli, in effetti per essere campioni bisogna allenarsi con costanza e impegno quotidianamente, mettere da parte altro e cercare di fare del proprio meglio nel periodo dedicato agli allenamenti e alle competizioni non trascurando ogni elemento che può essere fondamentale e indispensabile per poter influire positivamente nella riuscita in gara.

Qual è stato il prezzo da pagare? Sicuramente gareggiare è faticoso e richiede molte energie fisiche e mentali, ma riuscire a far bene è uno stimolo maggiore per continuare a lavorare spostando il focus dalla fatica alla performance.

 

Gareggiare porta sempre una certa dose di stress ma è un investimento che si fa per vedere quali sono le condizioni attuali, cosa ancora è possibile migliorare, cosa si può ambire, di cosa abbiamo ancora bisogno, e comunque se tutto riesce come previsto la contentezza ripaga qualsiasi stress o tensione.

Eri in giornata sì? Come hai gestito e controllato la gara con il fisico e con la testa? Ero in una giornata abbastanza positiva, ho cercato solamente di rimanere concentrata su me stessa e su ogni singolo momento della gara senza divagare col cervello altrove.

 

In effetti in gara bisogna ritrovare se stessi, bisogna cercare di essere positivi e ottimisti e presenti a se stessi, cercare di guidare cuore, corpo e mente verso l’obiettivo sperato e meritato notando e osservando ogni fase della gara dal pre-gara alla partenza, dai giri di boa alle transizioni e così fino al traguardo adattandosi alle varie frazioni e spingendo con il sorriso e un respiro che dà fiducia e sicurezza.

Quanto eri motivata nel raggiungere questo risultato e da quando ci lavoravi? Ogni volta che entro in gara punto a vincere, cerco di avere sempre una motivazione alta; devo considerare anche che ho 27 anni e sono una donna: non ho molto "tempo", devo saperlo sfruttare al meglio.

 

Lilli sembra essere molto consapevole di se stessa come atleta e come donna, sa che certi treni possono passare in fretta e quindi bisogna darsi da fare ora, proprio in questo momento, proprio in questo periodo per cercare di dare il massimo e un domani poter dire ho fatto quello che volevo fare e nel miglior modo possibile, sono proprio soddisfatta.

Quanto ti hanno aiutato relazioni, famiglia, amici? I miei genitori e in particolare mio papà è praticamente sempre presente alle gare e il suo supporto è fondamentale per me perché mi trasmette serenità; al di fuori della gara in sè è comunque importante avere una situazione mentale "pacifica", andare d'accordo col fidanzato e avere il suo supporto, e avere amici al proprio fianco pronti ad aiutarti.

 

È bello avere una famiglia che sostiene e supporta e possibilmente riesce a essere presente anche in gara, importante avere un equilibrio con amici e partner per sentirsi parte di una rete sociale che fa il tifo, sostiene, partecipa, condivide gioie e dolori.

Quali consideri siano state le tue risorse vincenti? Credo che la risorsa principale per far bene in gara sia la serenità e la consapevolezza di aver lavorato bene e duramente avendo dato il massimo per poter essere competitiva.

 

In effetti è importante avere la coscienza a posto, sapere di aver lavorato bene e duramente per presentarsi a ogni partenza con la voglia di mettersi in gioco mostrando a se stessi e agli altri quanto si vale e quanto si è motivati a primeggiare.

Quanto sei fiduciosa ora in te stessa? La vittoria aumenta di molto la propria autostima: nonostante in allenamento in questo periodo io sia un po' stanca, ho capito che la gara è un momento a sè e bisogna avere il focus solo lì.

 

Certo, ogni vittoria è un punto di arrivo e di ripartenza allo stesso tempo con più consapevolezza dei propri mezzi e voglia di fare sempre meglio.

Con chi ne parli della tua gara? Della mia gara ne parlo con molte persone: sicuramente degli aspetti tecnici ne parlo con l'allenatore, di ciò che è successo in gara e che può essere divertente/interessante con tutte le altre persone che sono interessate ad ascoltarmi!

 

Dopo la gara c’è la resa dei conti, bisogna capire cosa c’è stato e cosa ci poteva essere, punti di forza e criticità, confronti con figure professionali che possono ancora contribuire per una miglior prestazione.

 

Matteo SIMONE

http://www.unilibro.it/libri/f/autore/simone_matteo                      

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html


Fonte notizia: http://www.unilibro.it/libri/f/autore/simone_matteo


Ledroman | Triathlon | Sprint | record | gara |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Aquasphere Gold Sponsor della Milano Deejay TRI


Gian Luca Di Nunzio: il triathlon è una condizione mentale


BARDOLINO INTERNAZIONALE CON IL TRIATHLON. APPUNTAMENTO DA “IRONMAN” IL 16 GIUGNO


APPUNTAMENTO “OLIMPICO” A BARDOLINO (VR). IL TRIATHLON INTERNAZIONALE SCATTA IL 16 GIUGNO


GRANDE FESTA DEL TRIATHLON A CALDARO. SARZILLA E KOVACS VITTORIE D’AUTORE


IN 1.250 AL VIA SABATO A BARDOLINO (VR). NUOVO RECORD PER IL TRIATHLON INTERNAZIONALE


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il 26 settembre 2021 avrà luogo la I^ 50 Km Ultramaratona del Gargano

Il 26 settembre 2021 avrà luogo la I^ 50 Km Ultramaratona del Gargano
Domenica 26 settembre 2021 avrà luogo, con partenza da Monte Sant’Angelo (FG) e arrivo a Vieste (FG), la I^ 50 Km Ultramaratona del Gargano Trofeo Cristalda e Pizzomunno. http://www.fidal.it/calendario/I%5E-50-Km-Ultramaratona-del-Gargano/COD8737 Trattasi di una manifestazione Nazionale inserita nel Calendario Nazionale FIDAL, valida quale prova del 19° Grand Prix IUTA di Ultramaratona, dei Criterium Regionali Fascia Sud e Campionato Italiano IUTA 2021 di 30 miglia. Campionato Italiano IUTA 2021 di 30 migliaMatteo SIMONE21163@tiscali.it Domenica 26 settembre 2021 avrà luogo, con partenza da Monte Sant’Angelo (FG) e arrivo a Vieste (FG), la I^ 50 Km Ultramaratona del Gargano Trofeo Cristalda e Pizzomunno.http://www.fidal.it/calendario/I%5E-50-Km-Ultramaratona-del-Gargano/COD8737Trattasi di una manifestazione Nazionale inserita nel Calendario Nazional (continua)

Se vuoi raggiungere ottimi risultati, fai attenzione anche ai piccoli dettagli

Se vuoi raggiungere ottimi risultati, fai attenzione anche ai piccoli dettagli
Nelle cose che fai, se vuoi raggiungere ottimi risultati, oltre alla passione fai attenzione anche ai piccoli dettagli. Lo dice anche Paulo Coelho nel “Manual del guerrero de la luz”. Lo sport fa prendere direzioni per raggiungere traguardi, mete e obiettivi difficili, sfidanti ma non impossibili superando eventuali imprevisti lungo il percorso con fiducia in sé, con impegno, motivazione, passione e determinazione. Gli obiettivi si possono perseguire con piacere, passione, motivazione, impegno. Il talento non basta per raggiungere l’eccellenza, l’impegno è di rilevanza fondamentale. Matteo SIMONE 21163@tiscali.it  Nelle cose che fai, se vuoi raggiungere ottimi risultati, oltre alla passione fai attenzione anche ai piccoli dettagli. Lo dice anche Paulo Coelho nel “Manual del guerrero de la luz”. Lo sport fa prendere direzioni per raggiungere traguardi, mete e obiettivi difficili, sfidanti ma non impossibili superando eventuali imprevisti lung (continua)

Marco Visintini, Campione Italiano 2021 corsa su strada 24 ore 245,193 km

Marco Visintini, Campione Italiano 2021 corsa su strada 24 ore 245,193 km
Si è svolto a Biella tra sabato 26 e domenica 27 marzo 2021 il campionato italiano 24 ore di corsa su strada nell’ambito della BI.Ultra 6.24, organizzata dalla Pietro Micca Biella Running su un percorso di 1000 metri. Marco Visintini (U.S. Aldo Moro) ha vinto la gara correndo 245,193 km nelle 24 ore ed è il nuovo Campione Italiano precedendo Matteo Grassi (Spirito Trail) che si aggiudica l’argento con 241,264 km, a seguire il bulgaro Emil Pavlov Genov con 240,428 km e Tiziano Marchesi (Runners Bergamo) che si aggiudica il bronzo con 232,315 km. Matteo SIMONE Si è svolto a Biella tra sabato 26 e domenica 27 marzo 2021 il campionato italiano 24 ore di corsa su strada nell’ambito della BI.Ultra 6.24, organizzata dalla Pietro Micca Biella Running su un percorso di 1000 metri.Marco Visintini (U.S. Aldo Moro) ha vinto la gara correndo 245,193 km nelle 24 ore ed è il nuovo Campione Italiano precedendo Matteo Grassi (Spirito Trail) c (continua)

Alessandra Giacobbe: Continuare a correre e a sorridere in piena libertà

Alessandra Giacobbe: Continuare a correre e a sorridere in piena libertà
Lo sport a volte diventa una vera passione che permette di essere felici e sereni sperimentando libertà in giro per strade, parchi e piste. Di seguito approfondiamo la conoscenza di Alessandra Giacobbe (Sempredicorsa ASD) attraverso risposte ad alcune mie domande. La corsa aiuta a trovare soluzioni e risposte nel silenzio della fatica Matteo SIMONE380-4337230 - 21163@tiscali.it Lo sport a volte diventa una vera passione che permette di essere felici e sereni sperimentando libertà in giro per strade, parchi e piste.Di seguito approfondiamo la conoscenza di Alessandra Giacobbe (Sempredicorsa ASD) attraverso risposte ad alcune mie domande.Quando ti (continua)

Peter Van Der Zon, ultratrail: Le gare che vado a podio mi danno davvero fiducia

Peter Van Der Zon, ultratrail: Le gare che vado a podio mi danno davvero fiducia
Il 25 giugno 2021, Peter Van Der Zon (Hoka One One) si classifica al 4° posto alla “La Sportiva Lavaredo Ultra Trail - Lavaredo Ultra Trail 120 km / 5760 m+” in 13h03’30”. Di seguito approfondiamo la conoscenza di Peter attraverso risposte ad alcune mie domande. Ti sei sentito campione almeno un giorno? Sì, la prima volta che ho vinto una gara internazionale, e potevo anche partecipare ai campionati del mondo (era anche una gara di qualificazione per i campionati del mondo per far parte della squadra olandese). The races i run on the podium really give me confidenceMatteo SIMONEPsicologo, Psicoterapeuta Il 25 giugno 2021, Peter Van Der Zon (Hoka One One) si classifica al 4° posto alla “La Sportiva Lavaredo Ultra Trail - Lavaredo Ultra Trail 120 km / 5760 m+” in 13h03’30”.Di seguito approfondiamo la conoscenza di Peter attraverso risposte ad alcune mie domande.Ti sei sentito campione almeno un g (continua)