Home > Primo Piano > 29 anni dalla strage in via D'Amelio, il filosofo Marco Francesco Eramo: "Borsellino ci ha insegnato che, nonostante i rischi, bisogna sempre fare il proprio dovere"

29 anni dalla strage in via D'Amelio, il filosofo Marco Francesco Eramo: "Borsellino ci ha insegnato che, nonostante i rischi, bisogna sempre fare il proprio dovere"

scritto da: OrbisComunication2020 | segnala un abuso

29 anni dalla strage in via D'Amelio, il filosofo Marco Francesco Eramo:

ROMA. 29 anni fa, il 19 luglio del 1992, si consumava la strage di via D'Amelio, in cui perse la vita il magistrato Paolo Borsellino. A ricordare l'accaduto ed affrontare i punti ancora non chiari della vicenda, è il docente di Scienze Umane e filosofo, Marco Francesco Eramo. A seguire il testo integrale.


“Sai Diego, quando subisci la perdita di un parente caro, tu vai al suo funerale e piangi non solo perché ti è morto il parente o l'amico, ma perché sai che la tua fine è vicina". Queste sono le parole che il magistrato Paolo Borsellino ha riferito a Diego Cavaliero, un suo giovane collaboratore e primo sostituto procuratore a Marsala, prima di morire. Non un presagio astratto, ma una certezza. 

Da li a poco infatti il magistrato è stato vittima dell'efferato attentato che lo ha portato alla morte. Borsellino oggi avrebbe 81 anni. È stato ammazzato insieme agli agenti della sua scorta il 19 luglio del 1992 mentre andava a trovare sua madre in via d'Amelio.

Il magistrato era consapevole che, dopo la morte dell'amico Giovanni Falcone, ormai rimasto solo nel mirino della mafia, era arrivata anche la sua ora. Troppi nemici lo attorniavano sia fuori che dentro la Magistratura. “La mia morte – disse – non sarà una vendetta della mafia. La mafia non si vendica. Forse saranno mafiosi quelli che materialmente mi uccideranno, ma quelli che avranno voluto la mia morte saranno altri".

Paolo Borsellino è stato un giudice che ha sempre creduto nel valore della giustizia e nell'importanza dell'azione legale. Nel rispetto per l'uomo, proprio perché non ci fossero sbagli giudiziari, durante le sue indagini investigative ha sempre cercato prove di ferro per mandare in carcere un accusato, altrimenti sarebbe meglio, come ha sempre dichiarato , “tenere un criminale fuori che un innocente dentro".

Ma non è solo questo che fa del magistrato una persona onesta e saggia. Un altro tratto caratteristico della personalità di Borsellino, oltre al coraggio di aver affrontato a testa alta i cosiddetti “corvi" che si celavano dietro le mura del palazzo di giustizia, è il rapporto intenso ed educativo con gli studenti che cercava di incontrare quante più volte possibile. Proprio il 19 luglio del 1992 alle 5 del mattino, esattamente dodici ore prima del suo assassinio stava scrivendo la risposta ad una lettera (rimasta incompleta) di alcuni giovani di Verona e che, indubitabilmente, testimonia la sua piena e totale partecipazione alla formazione delle coscienze civiche delle nuove generazioni.

A dimostrazione di ció c’è anche la “Lezione sulla mafia" che il giudice tenne ad una platea di giovani nel 1989 a Bassano del Grappa, di cui ne riporto, data l'occasione, un tratto: “L equivoco su cui spesso si gioca è questo: si dice quel politico è vicino al mafioso o che quel politico è stato accusato di avere certi interessi. Però la magistratura non lo ha condannato, quindi quel politico è un uomo onesto. No! Questo discorso non va, perché la magistratura può fare solo accertamenti di carattere giudiziario, o dire che ci sono sospetti, magari anche gravi, ma non ha la certezza giuridica, giudiziaria che consente di dire che quell’uomo è mafioso. Però siccome dalle indagini sono emersi fatti del genere, altri organi, altri governi cioè le organizzazioni disciplinari di varie amministrazioni, i consigli comunali o qualunque siano, devono, dopo le dovute conseguenze di certe vicinanze tra politici e mafiosi, seppur non costituiscono reato ma rendono il 

politico inaffidabile, nella gestione della cosa pubblica, fare pulizia al loro interno”.

Quella di Paolo Borsellino a tutt’oggi purtroppo è una vicenda imperscrutabile, avvolta nel mistero, ancora piena di intrighi e di tanti loschi tentativi di depistaggio. Molti sospetti ancora rimangono irrisolti, come quello del cardiologo della mamma a cui proprio quel giorno, il 19 luglio, si ruppe la macchina, e la obbligò a farsi accompagnare presso lo studio, oppure quello dell'agente di scorta Benedetto Marsala che sarebbe stato di turno senza la licenza matrimoniale. Ancora, quello della vicina di casa a letto da diversi mesi per una gravidanza a rischio e che proprio in quel giorno esce con la scusante di prendere un po di aria fresca e sole.

Spaccati di vita, indagini giudiziarie e nodi irrisolti, come quello più conosciuto riguardante la scomparsa, subito dopo l'attentato, dell'agenda rossa, che il magistrato portava sempre con sé e nella quale appuntava tutti i suoi movimenti personali e professionali (Qualcuno dice che nell'agenda erano riportate anche le indagini che lo stesso Borsellino stava conducendo sulla strage di Capaci).

Fatto sta che chiunque abbia quella agenda è in possesso di un'arma giudiziaria che può mettere in piena luce i rapporti che ci sono stati, che ci sono, tra lo Stato e la Mafia.

Paolo Borsellino, a 29 anni dalla sua morte, lo ricordiamo come l'uomo, l'eroe, l'amico di tutti, soprattutto dei giovani, che ha saputo affrontare le dure prove che la vita costantemente gli ha posto davanti, avendo la capacità di affrontarle con decisione e facendo leva sulla solidità del suo animo, sostenuto, come sempre, dalla fede che non gli é venuta mai a mancare. 

Dal suo esempio impariamo che, nonostante i rischi, bisogna essere consapevoli di fare comunque il proprio dovere.


Fonte notizia: https://www.larampa.it/2021/07/19luglio-strage-via-damelio-eramo-borsellino/


borsellino |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Gala Campioni Sordi, testimonial l’olimpionico Giovanni Improta

Gala Campioni Sordi, testimonial l’olimpionico Giovanni Improta
CASALUCE. Sabato 4 settembre, presso il Grand Hotel Palace di Varese, si è tenuto il gala dei campioni sordi “Ieri, oggi e domani”. Un progetto promosso dalla fondazione Pio Istituto dei Sordi Milano: realtà solida che fa capo al pre Francesca Di Meo ( delle interviste, Luca Des Dorides), sostenuta dalla fondazione “Vodafone Italia”, in collaborazione con la federazione Sport Sordi Italia. Al Gala erano presenti 15 campioni sordi attivi in diverse discipline sportive e selezionati per il progetto. Tra i testimonial, l’oli (continua)

Insieme con Di Santo, Aniello Di Santo: “Attenzione massima alle periferie, cittadini nauseati da rifiuti ammassati”

Insieme con Di Santo, Aniello Di Santo: “Attenzione massima alle periferie, cittadini nauseati da rifiuti ammassati”
SANT’ARPINO. Zona Castellone, zona Battisti e Piazzetta Paradiso. Tre punti periferici della città di Sant’Arpino sui quali Aniello Di Santillo, Presidente dell’Associazione “Giovani per Cambiare” e candidato consigliere alle elezioni comunali del prossimo ottobre a sostegno del candidato sindaco Eugenio Di Santo (lista “Insieme con Di Santo”), intende focalizzare la sua attività politica. Un giovane che ama la sua terra e che, a malincuore, si è ritrovato a fare delle spiacevoli constatazioni: “Io sono cresciuto con i miei amici a Castellone, ho trascorso momenti della mia infanzia in zona Battisti e vissuto momenti bellissimi in Piazzetta Paradiso. Eppure, ciò che vedo oggi è una fotografia bistrattata, rovinata dall’incuranza totale: non vengono raccolto i rifiuti, seppur i citta (continua)

Luigi Busà medaglia olimpica: il plauso di Giovanni Improta

Luigi Busà medaglia olimpica: il plauso di Giovanni Improta
TEVEROLA. L’olimpionico Giovanni Improta applaude Luigi Busà, vincitore della medaglia d’oro olimpica di karate a Tokyo 2020. L’azzurro di è imposto, in finale, sul fortissimo Rafael Aghayev. “Ho avuto il grande onore di allenarmi con Busà a febbraio del 2015, presso il centro sportivo Fiamme Gialle di Monteporzio Catone, in provincia di Roma - è il pensiero di Giovanni Improta -. In que (continua)

I memorial Antonello Facciolo e Gianfranco Condino, Maria Anna Facciolo: “Loro addii ci hanno lasciati attoniti, ma affamati di vita"

I memorial Antonello Facciolo e Gianfranco Condino, Maria Anna Facciolo: “Loro addii ci hanno lasciati attoniti, ma affamati di vita
PAOLA. “Nel giorno delle stelle, ricordiamo loro, persone speciali strappate via troppo presto. Vogliamo urlare quanto sia bella la vita, provando a salvarne altre. Venite a donare!”. E’ con queste parole che l’associazione F.I.D.A.S. O.D.V. – Paola presenta l’evento “I Memorial <>”, fissato al 10 agosto 2021. Nell’occasione avrà luogo una raccolta di sangue in Piazza IV novembre, dalle (continua)

FUORI ORA “MARE” di ELLE by HYDRA MUSIC

FUORI ORA “MARE” di ELLE by HYDRA MUSIC
FUORI ORA “MARE” di ELLE by HYDRA MUSICÈ fuori ora su tutti i digital store “MARE” di ELLE. Pubblicato per HYDRA MUSIC, il nuovo singolo rappresenta l’esordio del giovanissimo rapper Luca Martella, il quale a soli 16 anni, grazie al suo talento e alla sua penna, è riuscito ad aggiudicarsi la pubblicazione del suo inedito. Insomma, ELLE è la dimostrazione che – come scriveva Walt Disney - “se puoi (continua)