Home > Altro > 29 anni dalla strage di via d'Amelio

29 anni dalla strage di via d'Amelio

scritto da: Marcofrancescoeramo | segnala un abuso

29 anni dalla strage di via d'Amelio

Il giudice Paolo Borsellino ha insegnato ai giovani di non arrendersi mai davanti alle difficoltà e di fare sempre il proprio dovere.



“Sai Diego, quando subisci la perdita di un parente caro, tu vai al suo funerale e piangi non solo perché ti è morto il parente o l'amico, ma perché sai che la tua fine è vicina". Queste sono le parole che il magistrato Paolo Borsellino ha riferito a Diego Cavaliero, un suo giovane collaboratore e primo sostituto procuratore a Marsala, prima di morire. Non un presagio astratto, ma una certezza. 

Da li a poco infatti il magistrato è stato vittima dell'efferato attentato che lo ha portato alla morte. Borsellino oggi avrebbe 81 anni. È stato ammazzato insieme agli agenti della sua scorta il 19 luglio del 1992 mentre andava a trovare sua madre in via d'Amelio.

Il magistrato era consapevole che, dopo la morte dell'amico Giovanni Falcone, ormai rimasto solo nel mirino della mafia, era arrivata anche la sua ora. Troppi nemici lo attorniavano sia fuori che dentro la Magistratura. 

“La mia morte – disse – non sarà una vendetta della mafia. La mafia non si vendica. Forse saranno mafiosi quelli che materialmente mi uccideranno, ma quelli che avranno voluto la mia morte saranno altri".

Paolo Borsellino è stato un giudice che ha sempre creduto nel valore della giustizia e nell'importanza dell'azione legale. Nel rispetto per l'uomo, proprio perché non ci fossero sbagli giudiziari, durante le sue indagini investigative ha sempre cercato prove di ferro per mandare in carcere un accusato, altrimenti sarebbe meglio, come ha sempre dichiarato , “tenere un criminale fuori che un innocente dentro".

Ma non è solo questo che fa del magistrato una persona onesta e saggia.
Un altro tratto caratteristico della personalità di Borsellino, oltre al coraggio di aver affrontato a testa alta i cosiddetti “corvi" che si celavano dietro le mura del palazzo di giustizia, è il rapporto intenso ed educativo con gli studenti che cercava di incontrare quante più volte possibile. Proprio il 19 luglio del 1992 alle 5 del mattino, esattamente dodici ore prima del suo assassinio stava scrivendo la risposta ad una lettera (rimasta incompleta) di alcuni giovani di Verona e che, indubitabilmente, testimonia la sua piena e totale partecipazione alla formazione delle coscienze civiche delle nuove generazioni.

A dimostrazione di ció c’è anche la “Lezione sulla mafia" che il giudice tenne ad una platea di giovani nel 1989 a Bassano del Grappa, di cui ne riporto, data l'occasione, un tratto: “L equivoco su cui spesso si gioca è questo: si dice quel politico è vicino al mafioso o che quel politico è stato accusato di avere certi interessi. Però la magistratura non lo ha condannato, quindi quel politico è un uomo onesto. No! Questo discorso non va, perché la magistratura può fare solo accertamenti di carattere giudiziario, o dire che ci sono sospetti, magari anche gravi, ma non ha la certezza giuridica, giudiziaria che consente di dire che quell’uomo è mafioso. Però siccome dalle indagini sono emersi fatti del genere, altri organi, altri governi cioè le organizzazioni disciplinari di varie amministrazioni, i consigli comunali o qualunque siano, devono, dopo le dovute conseguenze di certe vicinanze tra politici e mafiosi, seppur non costituiscono reato ma rendono il 
politico inaffidabile, nella gestione della cosa pubblica, fare pulizia al loro interno”.

Quella di Paolo Borsellino a tutt’oggi purtroppo è una vicenda imperscrutabile, avvolta nel mistero, ancora piena di intrighi e di tanti loschi tentativi di depistaggio. Molti sospetti ancora rimangono irrisolti, come quello del cardiologo della mamma a cui proprio quel giorno, il 19 luglio, si ruppe la macchina, e la obbligò a farsi accompagnare presso lo studio, oppure quello dell'agente di scorta Benedetto Marsala che sarebbe stato di turno senza la licenza matrimoniale. Ancora, quello della vicina di casa a letto da diversi mesi per una gravidanza a rischio e che proprio in quel giorno esce con la scusante di prendere un po di aria fresca e sole.

Spaccati di vita, indagini giudiziarie e nodi irrisolti, come quello più conosciuto riguardante la scomparsa, subito dopo l'attentato, dell'agenda rossa, che il magistrato portava sempre con sé e nella quale appuntava tutti i suoi movimenti personali e professionali (Qualcuno dice che nell'agenda erano riportate anche le indagini che lo stesso Borsellino stava conducendo sulla strage di Capaci).

Fatto sta che chiunque abbia quella agenda è in possesso di un'arma giudiziaria che può mettere in piena luce i rapporti che ci sono stati, che ci sono, tra lo Stato e la Mafia.

Paolo Borsellino, a 29 anni dalla sua morte, lo ricordiamo come l'uomo, l'eroe, l'amico di tutti, soprattutto dei giovani, che ha saputo affrontare le dure prove che la vita costantemente gli ha posto davanti, avendo la capacità di affrontarle con decisione e facendo leva sulla solidità del suo animo, sostenuto, come sempre, dalla fede che non gli é venuta mai a mancare. 

Dal suo esempio impariamo che, nonostante i rischi, bisogna essere consapevoli di fare comunque il proprio dovere.


Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La comunità di Carinaro in festa per celebrare il culto in onore della sua santa Patrona Eufemia

La comunità di Carinaro in festa per celebrare il culto in onore della sua santa Patrona Eufemia
Il 16 settembre, nel giorno della salita al cielo della gloriosa santa di Calcedonia, la comunità dei fedeli di Carinaro si prepara a celebrare la solenne festa liturgica con la partecipazione del Cardinale Crescenzio Sepe. La comunità di Carinaro si prepara a celebrare la festa liturgica in onore della santa patrona Eufemia.Ormai sono già  due anni che in seguito alle misure restrittive dovute al diffondersi della pandemia da Covid19, i festeggiamenti patronali, quelli legati alle tradizioni civili con luminarie e serate canore, non si svolgono; ma la comunità dei fedeli  si prepara comunque a celebrare l' (continua)

A più di un anno dal lockdown: la salute psicofisica dei bambini va peggiorando.

A più di un anno dal lockdown: la salute psicofisica dei bambini va peggiorando.
I dati emergenti nell'ambito della salute mentale dei bambini non sono confortevoli; a più di un anno dal lockdown che ha costretto i bambini a chiudersi in casa, ad evitare rapporti sociali con altre persone, privandoli del gioco e della libertà, ha progressivamente comportato un peggioramento del loro benessere psicofisico. COVID: BAMBINI E LOCKDOWN UN ANNO DOPO, DALLA RESILIENZA ALLA RESISTENZAPossesso e uso di device digitali sempre in aumento e in età più precoce, con conseguente pervasività di questi strumenti nella vita dei bambini in età scolare.Questo é quanto viene fuori da una ricerca di Milano-Bicocca.Stando ai dati “alimentazione e sonno - continuano a essere messi a dura prova.Rispetto ai dati del 2020 si (continua)

I problemi di salute mentale possono essere curati a partire dall'intestino

I problemi di salute mentale possono essere curati a partire dall'intestino
L'intestino ha un sistema nervoso enterico che, come quello autonomo, invia dei propri messaggi al cervello determinandone la funzionalità. Gli indizi sulla salute del cervello possono trovarsi nell'intestino. È importante quindi tenere sotto osservazione il ruolo dell'asse intestino-cervello in relazione alle condizioni di salute e decidere poi il tipo di interventi sull'intestino per fornire sollievo in alcuni disturbi di salute mentale.Odore di brownies in forno.  Ascoltare una pubblicità per una patatina salata.  Ve (continua)

I docenti e la loro realtà emotiva: una condizione stressante continua può avere ripercussioni negative anche sugli alunni.

I docenti e la loro realtà emotiva: una condizione stressante continua può avere ripercussioni negative anche sugli alunni.
L'insegnamento é uno dei mestieri più belli e al tempo stesso anche più complicato. I docenti hanno bisogno di innumerevoli risorse personali e materiali per contrastare il difficile problema del burnout. Se I docenti stanno bene psicologicamente altrettanto lo saranno anche gli studenti. Diversi studi hanno analizzato la realtà emotiva dei docenti e le percezioni del proprio lavoro quotidiano a scuola. Quando viene chiesto agli insegnanti di descrivere le tre emozioni che provano più frequentemente nella quotidianità scolastica, le più ricorrenti sono: la sopraffazione, la frustrazione e lo stress. Delle tre la più lunga emozione citata é la frustrazione. Se invece ai docenti vien (continua)

Giornata Internazionale del cane. Un amico di fiducia per cui vivere bene ed in maniera sana.

Giornata Internazionale del cane. Un amico di fiducia per cui vivere bene ed in maniera sana.
Gli studi hanno accertato che oltre alla compagnia il cane trasmette empatia e fa bene al cuore. Ecco il decalogo per averne cura. In occasione della Giornata internazionale del cane ricordiamo i benefici di un pet, ma anche i comportamenti che chi decide di avere con sè un animale dovrebbe adottare ogni giornoNegli studi scientifici viene chiamato «pet effect». Si tratta dell’effetto che un animale d’affezione ha sul suo padrone, specialmente se quest’ultimo è malato o sta affrontando un periodo difficile, fisicamente o psic (continua)