Home > Turismo e Vacanze > Il successo della Recovery Strategy dell’Isola di Aruba

Il successo della Recovery Strategy dell’Isola di Aruba

scritto da: GlobalTourist | segnala un abuso

Il successo della Recovery Strategy dell’Isola di Aruba

Gli arrivi internazionali sull’isola crescono a un ritmo del 20% mese su mese


Aruba / Luglio 2021 – Con oltre un milione di visitatori annuali e un apporto al PIL nazionale di oltre il 90%, il turismo costituisce uno dei settori più importanti per l’Isola di Aruba. Nel 2020, dopo un periodo di chiusura dei confini volto a contenere l’emergenza Covid-19 e garantire la sicurezza dei residenti, l’isola ha riaperto ai visitatori stranieri implementando una serie di misure e accortezze che garantissero un ambiente sicuro e protetto a chi vive l’isola ogni giorni e a chi la sceglie per le sue vacanze.

L’isola ha così elaborato una strategia di recupero a livello globale per far ripartire l’industria del turismo, ottenendo ad oggi eccellenti risultati in termini di arrivi sull’isola. Da gennaio ad aprile 2021 infatti, oltre 171.000 turisti hanno soggiornato ad Aruba e dalla riapertura (1° luglio 2020 per l’Europa), Aruba ha accolto 310.000 visitatori in totale, dati che indicano una ripresa piuttosto rapida dopo una crisi che ha avuto e continua ad avere un impatto enorme sulla destinazione. Oggi, secondo la Caribbean Tourism Organisation, l'isola è tra le prime 5 destinazioni dei Caraibi ad assistere a una ricrescita così rapida in termini di arrivi.

"Attraverso il ripensamento della nostra strategia di marketing siamo stati in grado di attuare una recovery strategy di successo. E’ stato fondamentale mantenere alto l'interesse dei viaggiatori per Aruba anche nei periodi in cui molti viaggiatori non potevano spostarsi", afferma Ronella Croes, CEO di Aruba Tourism Authority. "Con l'introduzione di alcune misure di sicurezza, nuovi requisiti di ingresso e l'avvio di un programma di certificazione igienico sanitaria a livello nazionale (Aruba Health & Happiness Code), siamo riusciti ad evitare che l'isola fosse costretta a chiudere i propri confini per un periodo prolungato. Tutto questo è ora ulteriormente supportato da un rollout di vaccinazioni molto rapido che terminerà entro l’estate", prosegue Ronella Croes.

Il programma di vaccinazione di Aruba è infatti uno dei più rapidi al mondo e attualmente 65.902 persone del gruppo target (tutti i 18+) hanno effettuato la loro prima vaccinazione e  55.422 persone (il 67% del gruppo target) hanno ricevuto la seconda dose. Il numero di casi di COVID-19 sull'isola sta diminuendo rapidamente e dall'inizio di maggio Aruba ha una media di casi attivi inferiore a 100 al giorno. Questo ha portato ad un allentamento delle restrizioni in loco, permettendo a residenti e visitatori di muoversi molto più liberamente: il coprifuoco è stato abolito e l’utilizzo della mascherina non è più obbligatorio, anche se rimane fortemente consigliato utilizzarla ogni qual volta non sia possibile rispettare il distanziamento sociale.

Per quanto riguarda il mercato Italiano, il Country Manager Alessandro Zanon afferma “In attesa che anche i viaggiatori italiani possano tornare a visitare le spiagge bianche e i panorami mozzafiato incontaminati di Aruba, l’Isola si prepara ad ri-accoglierli con l’entusiasmo e la professionalità che da sempre l’ha contraddistinta. Con alcune delle più belle spiagge dei Caraibi, il maggior numero di giorni di sole della regione, ampi spazi aperti, un ambiente estremamente sicuro e l'inconfondibile ospitalità dei suoi abitanti, l'isola è la destinazione perfetta per una vacanza outdoor e all'insegna del distanziamento sociale e della sicurezza. Grazie a collegamenti giornalieri via Amsterdam raggiungere Aruba è molto semplice e la destinazione offre gli elementi perfetti per una vacanza senza pensieri che saprà rigenerare i viaggiatori, che speriamo possano tornare presto a visitarci, anche dall’Italia”.

turismo | aruba | vacanze | viaggiare | vaccino | covid19 |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Le Nazioni Unite scelgono l'hotel più ecologico del mondo: il Bucuti & Tara Beach Resort di Aruba


Un sogno da mettere sotto l’albero: Aruba


One Happy Workation: il tuo nuovo ufficio in paradiso!


Aruba: al via il piano di vaccinazione


Lo straordinario video che vi mostrerà Aruba con gli occhi di un uccello


Aruba: guida ai migliori ristoranti all’aperto


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

5 ragioni per scegliere Capo Sant’Andrea per la tua estate italiana

5 ragioni per scegliere Capo Sant’Andrea per la tua estate italiana
Immagina di tuffarti in un velo di cristallo e di incontrare centinaia di pesci curiosi. Immagina di passeggiare su soffice sabbia color talco nell’abbraccio di scogliere granitiche levigate dal tempo, o in alta quota tra boschi naturali, fioriture bucoliche e panorami infiniti. Benvenuti a Capo Sant’Andrea, patrimonio naturalistico dell’Elba, tutela del Parco Nazionale Arcipelago Toscano. Un’Isola nell’Isola: è così che viene chiamato Capo Sant’Andrea, meraviglioso villaggio situato sulla costa Nord-Ovest dell’Isola d’Elba e affacciato sul mare cristallino. Circondato da scogli scolpiti dal vento e da una rigogliosa natura, Capo Sant'Andrea è uno scrigno di meraviglie: spiagge, scogliere, montagne e panorami dalla bellezza mozzafiato fanno da sfondo a luogo ricco di storia e t (continua)

Sea Turtle Countdown Calendar: quando ammirare la nascita delle tartarughe marine ad Aruba, Caraibi

Sea Turtle Countdown Calendar: quando ammirare la nascita delle tartarughe marine ad Aruba, Caraibi
Mentre i viaggiatori tornano a popolare le spiagge bianche e i panorami paradisiaci dell’Isola, anche altri visitatori si apprestano a tornare sulle coste di Aruba: sono le tartarughe marine. Aruba / Giugno 2021 – Non sono solo i viaggiatori a tornare a visitare questa piccola isola dei Caraibi del Sud. Anche alcune specie di tartarughe marine, tra cui la tartaruga Liuto, la tartaruga Imbricata, la tartaruga verde e le Loggerhead, sono ricomparse lungo le coste di Aruba scegliendo, come ogni anno, gli angoli migliori per depositare le proprie uova in attesa che si schiudano e che (continua)

Molto più del lago: 8 attività estive sul Lago Maggiore e dintorni

Molto più del lago: 8 attività estive sul Lago Maggiore e dintorni
Famosa per i suoi giardini di rara bellezza e per le sue pittoresche cittadine, la regione del Lago Maggiore offre molto di più: ecco 8 esperienze imperdibili per l’estate 2021 Dalla magia del lago a verdi vallate e cime montane in pochi minuti, da rinfrescanti e adrenalinici sport acquatici a degustazioni di vini locali, da visite ad alcuni tra i più bei siti culturali d’Italia a percorsi e-bike. Questo e molto altro è racchiuso in questo angolo del Piemonte del Nord che permette ai suoi visitatori di vivere un soggiorno variegato e completo in un solo viaggio, che (continua)

Il passaggio delle balene a Capo Sant’Andrea

Il passaggio delle balene a Capo Sant’Andrea
Quando si pensa a questi mammiferi giganti, si immagina che vivano per lo più nell’oceano, lontano dalle coste europee. In realtà, le balene vivono anche nel Mar Mediterraneo e a Capo Sant’Andrea, nell’estremità nord-ovest dell’Isola d’Elba, c’è un’alta probabilità di avvistarle.   Gli occhi più “allenati” le riconoscono subito: le balene, caratterizzate da dorsi grigi o marrone scuro e una pinna dorsale, emergono improvvisamente e galleggiano sulle onde increspate quasi come sottomarini, per poi scomparire altrettanto velocemente nel mare. Quando le balenottere comuni fanno la loro comparsa nella parte settentrionale del Mar Mediterraneo, davanti alle coste d (continua)

Da avvocato a insegnante di yoga ai Caraibi: la storia di Maria Pucci

Da avvocato a insegnante di yoga ai Caraibi: la storia di Maria Pucci
Nata in Venezuela da padre italiano, Maria ha scelto di stravolgere la sua vita facendo della sua passione il suo lavoro e scegliendo di vivere in un paradiso caraibico Aruba / Maggio 2021 – Mettere in discussione la propria vita e uscire dalla propria confort zone non è semplice, eppure alle volte è quello che serve per trovare la propria strada. La storia di Maria Pucci, nata in Venezuela da padre italiano e mamma venezuelana, ci insegna che alle volte rischiare per trovare la propria dimensione può dare i suoi frutti. Da quando aveva 7 anni, Maria ha pa (continua)