Home > Economia e Finanza > Casa: 4,9 milioni di italiani non hanno pagato le rate condominiali

Casa: 4,9 milioni di italiani non hanno pagato le rate condominiali

scritto da: Ufficiostampa@facile.it | segnala un abuso

Casa: 4,9 milioni di italiani non hanno pagato le rate condominiali


Gli effetti economici della pandemia si sono fatti sentire anche nei conti dei condomìni e, come emerso dall’indagine realizzata per Facile.it da mUp Research e Norstat, quasi 4,9 milioni di italiani hanno dichiarato di non aver pagato una o più rate delle spese condominiali nel periodo compreso tra marzo 2020 a marzo 2021.

Quante rate sono state saltate?

Se a livello nazionale la percentuale di italiani che hanno saltato una o più rate condominiali è pari al 20,1%, l’indagine - realizzata su un campione rappresentativo della popolazione nazionale – ha rilevato come il fenomeno sia stato più frequente nel Centro Italia e, soprattutto, al Sud e nelle Isole, dove coloro che hanno saltato uno o più pagamenti verso il proprio condominio sono stati, rispettivamente, il 21,9% e il 24,8%.

In termini di importo non corrisposto, in media i condòmini morosi non hanno pagato 482 euro; va detto, però, che per più di 1 su 4 il debito è superiore ai 500 euro. Il 65% dei morosi ha saltato 1 o 2 rate, il 15% tre rate e circa uno su cinque ne ha saltate quattro o più.

Crisi economica… ma non solo

La difficoltà economica è la prima ragione per cui gli italiani non hanno pagato le spese condominiali (lo ha dichiarato il 52,2% dei rispondenti), con ben il 19,5% che lo ha fatto perché aveva perso il lavoro (o era in cassa integrazione), ma anche le ruggini interne all’immobile sembrano aver inciso notevolmente tanto che quasi 1 moroso su 5 ha ammesso di aver saltato il pagamento di una o più rate perché in disaccordo su alcune scelte fatte dal condominio.

«È evidente come il 2020-2021 sia stato, anche a causa della pandemia, un anno complesso dal punto di vista dell’abitazione», spiegano gli esperti di Facile.it. «Una nostra indagine recente ha messo in luce come 1,9 milioni di famiglie in affitto abbiano avuto difficoltà a pagare il canone mensile, e ora si evidenzia che milioni di italiani hanno avuto problemi con le rate del condominio. Una situazione inedita quest’ultima, visto che ben 3 rispondenti su 4 tra coloro che non hanno pagato le spese condominiali hanno dichiarato che non era mai successo prima».

Le conseguenze

Ma cosa è successo dopo il mancato pagamento delle rate condominiali? Il 49,6% dei morosi ha dichiarato di essere riuscito a mettersi in pari con i pagamenti utilizzando i propri risparmi o risorse, mentre il 23% dei rispondenti, pari a 1,1 milioni di italiani, ha dovuto chiedere un prestito per far fronte alle spese.

Più di 1 su 5 al momento dell’intervista era ancora indietro con le rate, ma aveva ricevuto dal condominio ulteriore tempo per pagare quanto dovuto, mentre circa 130.000 italiani hanno dichiarato di essere in causa con i condòmini.

 

Nota metodologica: l’indagine è stata svolta tra il 29 aprile ed il 3 maggio 2021 attraverso la somministrazione di n.1.012 interviste CAWI con ad un campione di individui in età compresa fra 18 e 74 anni, rappresentativo della popolazione italiana adulta residente sull’intero territorio nazionale.

 


Fonte notizia: https://www.facile.it/ufficio-stampa/comunicati/casa-49-milioni-di-italiani-non-hanno-pagato-le-rate-condominiali.html


Facile it | condomini morosi | prestiti personali | mutui | mercato immobiliare | spese condominiali |



 

Potrebbe anche interessarti

MARR: approvato il resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2020


Sospensione rate del mutuo: 4 motivi per cui è la scelta più intelligente se si è in difficoltà


10 cose che non sai (e che dovresti sapere) sul pignoramento della casa


Luigi Ferraris AD Terna illustra i risultati del primo trimestre 2017


Facile.it: moratorie Covid non rinnovate. Dal 1 ottobre non è più possibile sospendere le rate


Impresa di pulizie a Roma


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Fine degli sconti ed inflazione fanno risalire i premi Rc auto: in Emilia-Romagna +7,5%

Fine degli sconti ed inflazione fanno risalire i premi Rc auto: in Emilia-Romagna +7,5%
Brutte notizie per gli automobilisti emiliano-romagnoli; dopo il prezzo della benzina, anche il costo dell’Rc auto è tornato a salire tanto è vero che, come evidenziato dall’Osservatorio di Facile.it*, a luglio 2022 per assicurare un veicolo a quattro ruote in Emilia-Romagna occorrevano, in media, 404,92 euro, vale a dire il 7,5% in più rispetto a inizio anno.L’incremento dei premi medi regi (continua)

Fine degli sconti ed inflazione fanno risalire i premi Rc auto: in Toscana +7,5%

Fine degli sconti ed inflazione fanno risalire i premi Rc auto: in Toscana +7,5%
Brutte notizie per gli automobilisti toscani; dopo il prezzo della benzina, anche il costo dell’Rc auto è tornato a salire tanto è vero che, come evidenziato dall’Osservatorio di Facile.it*, a luglio 2022 per assicurare un veicolo a quattro ruote in Toscana occorrevano, in media, 476,88 euro, vale a dire il 7,5% in più rispetto a inizio anno.Nonostante l’incremento dei premi medi registrato (continua)

Rc auto: premi medi in aumento in Campania

Rc auto: premi medi in aumento in Campania
Fine degli sconti ed inflazione fanno risalire i premi Rc auto: in Campania +8,3% Brutte notizie per gli automobilisti campani; dopo il prezzo della benzina, anche il costo dell’Rc auto è tornato a salire tanto è vero che, come evidenziato dall’Osservatorio di Facile.it*, a luglio 2022 per assicurare un veicolo a quattro ruote in Campania occorrevano, in media, 834,26 euro, vale a dire l’8,3% in più rispetto a inizio anno. Nonostante l’incremento sia leggermente pi (continua)

Fine degli sconti ed inflazione fanno risalire i premi Rc auto: nel Lazio +8,6%

Fine degli sconti ed inflazione fanno risalire i premi Rc auto: nel Lazio +8,6%
Brutte notizie per gli automobilisti laziali; dopo il prezzo della benzina, anche il costo dell’Rc auto è tornato a salire tanto è vero che, come evidenziato dall’Osservatorio di Facile.it*, a luglio 2022 per assicurare un veicolo a quattro ruote nel Lazio occorrevano, in media, 458,91 euro, vale a dire l’8,6% in più rispetto a inizio anno.L’incremento dei premi medi registrato da gennaio a (continua)

Rc auto: premi medi in aumento in Sicilia

Rc auto: premi medi in aumento in Sicilia
Fine degli sconti ed inflazione fanno risalire i premi Rc auto: in Sicilia +5,5% Brutte notizie per gli automobilisti siciliani; dopo il prezzo della benzina, anche il costo dell’Rc auto è tornato a salire tanto è vero che, come evidenziato dall’Osservatorio di Facile.it*, a luglio 2022 per assicurare un veicolo a quattro ruote in Sicilia occorrevano, in media, 450,92 euro, vale a dire il 5,5% in più rispetto a inizio anno. Il dato emerge dall’analisi di un campion (continua)