Home > Cultura > L’imprenditore veneto Sergio Cervellin e le origini della sua attività fino all’acquisto del Castello del Catajo

L’imprenditore veneto Sergio Cervellin e le origini della sua attività fino all’acquisto del Castello del Catajo

scritto da: Lorenzotiezzi | segnala un abuso

L’imprenditore veneto Sergio Cervellin e le origini della sua attività fino all’acquisto del Castello del Catajo


Dalle pagine della rivista Capital riprendiamo l’intervista dell’imprenditore Sergio Cervellin, che ha ripercorso tutte le tappe degli inizi della sua carriera, fino all’acquisto del castello del Catajo.

Sognatore, imprenditore nel profondo dell’animo sin da giovanissimo, creativo, visionario con un fiuto infallibile per l’innovazione che guida i mercati. Non è facile descrivere in poche parole una personalità poliedrica come quella di Sergio Cervellin, creatore di brevetti nel mondo del cleaning fino a diventare nel 2016, proprietario del Castello del Catajo, monumentale edificio considerato la reggia dei Colli Euganei. “Sono di origini molto umili, nasco nel 1956 a Villa Del Conte, un piccolo paese di 3.500 anime in provincia di Padova, dove si conoscono tutti e ancora oggi mi fermo volentieri a prendere un caffè. Orfano di papà a 12 anni, sin da ragazzino ho capito che mi piaceva sognare in grande, fare progetti: preso il diploma di perito industriale, nel 1974 ero già diventato il più giovane agente di commercio d’Italia. In realtà, mi sono sempre sentito imprenditore, ma la strada che ho scelto mi era sembrata quella giusta: per avviare un’impresa, penso sia fondamentale conoscere prima la distribuzione della produzione”.
E così, dopo una breve esperienza in ambito food, ecco la prima intuizione: Cervellin capisce che sta arrivando anche in Italia la grande distribuzione e decide di cimentarsi nel cleaning, complice un viaggio negli Stati Uniti che gli aveva aperto gli occhi su prodotti e attrezzi che meritavano un approfondimento. “Mi sono buttato a capofitto nella ricerca per migliorarne le qualità tecniche ed estetiche, ottenendo una decina di brevetti internazionali, il più famoso dei quali venduto alla multinazionale Vileda e tutt’oggi in vendita sia nel canale retail, sia ne settore industriale. 
Eravamo negli anni Ottanta: la mia attività è letteralmente esplosa e quella che era una semplice attività familiare è diventata una S.p.a. La nuova azienda si chiama TWT Tool Technologies e si occupa di tecnologie all’avanguardia, implementate sfruttando l’energia solare e artificiale: innovazione sempre più green, un tema a cui oggi siamo tutti molto sensibili”. 
E così arriviamo al 2016 e alla vera e propria folgorazione per il Castello del Catajo. Quando gli chiediamo come è nata questa passione, Sergio Cervellin ci sorprende citando un verso di una canzone di Massimo Ranieri: “La mia vita cominciò come l’erba come un fiore, e mia madre mi baciò come fossi il primo amore”. “Dopo tanti anni di impresa e finanza, ho cominciato a constatare che tutto nella vita passava: successo, denaro, business, persone, compreso il sottoscritto. Quando ho saputo che il Castello di Battaglia Terme (Padova), risalente al XV secolo, era all’asta, sono andato a dargli un’occhiata più per curiosità che con l’intenzione di acquistarlo. Mi sono trovato di fronte un fiore grigio e tetro, tristemente abbandonato, che tuttavia mi ha colpito subito per bellezza e imponenza. La decisione di rilevarlo è stata immediata, non tanto per lasciare genericamente qualcosa di importante alle future generazioni, ma per renderlo accessibile da subito a tutti: un teatro museale aperto al mondo intero. Prima di vederlo magari trasformato da qualche multinazionale in un hotel superlusso: certi beni culturali non possono finire nelle mani della solita speculazione». 
I Beni Culturali avevano omesso di esercitare la prelazione, per cui, non appena ricevute le chiavi della struttura, Cervellin ha dato il via ai lavori di ristrutturazione. “Amo profondamente questo Castello, oggi la sua bellezza lascia senza fiato non appena lo si scorge dalla strada: dopo le limitazione della pandemia, il Castello torna a essere aperto a tutti per visite private e didattiche, iniziative e attività di vario genere. Una meraviglia dal valore inestimabile”. 
 




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Halloween Castle Experience Nights nei Castelli del Ducato – Uscire dalla paura, vivere con coraggio!


Ferragosto 2020 nei Castelli del Ducato


Investire a Dubai, tutte le opportunità con Sergio Alberti Real Estate


Intervista Sergio Alberti: un approfondimento sul mercato immobiliare di Dubai


Weekend 30 maggio - 2 giugno 2020: riaprono rocche, fortezze e giardini del circuito Castelli del Ducato


Consulenza immobiliare a Dubai: Sergio Alberti parla del nuovo progetto


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Sandro Murru Kortezman: già il 17 settembre la cena della Terrazza del Lazzaretto - Cagliari è Sold Out!

Sandro Murru Kortezman: già il 17 settembre la cena della Terrazza del Lazzaretto - Cagliari è Sold Out!
Come ogni venerdì, anche il 17 settembre di questa strana estate 2021 che sta finendo, il dj producer sardo Sandro Murru Kortezman è alla La Terrazza Del Lazzaretto, a Cagliari... e che succede di particolare? Che già dal giorno prima, giovedì 16 settembre, non è possibile prenotare per cena. Perché il locale è sold out per chi vuol cenare... Resta ovviamente la possibilità di arrivare per l'aperi (continua)

Sexycools: nuovo singolo su Spinnin' e successo su YouTube

 Sexycools: nuovo singolo su Spinnin' e successo su YouTube
Abbiamo fatto quattro chiacchiere con i dj producer toscani SexyCools, ovvero Simon Beta e Mike Lucas. Entrambi sotto contratto con Sony Music, sono in forte ascesa nello scenario della dance internazionale. Con la loro musica totalizzano su Spotify oltre 90.000 ascoltatori mensili, un bel numero. Nati nel novembre 2017, hanno remixato hit mondiali come "The Rhythm of the Night" e "Baby Baby" (ins (continua)

Sammy Love: D:SIDE (Jaywork) e un universo musicale fatto di Dream (parte 1)

Sammy Love: D:SIDE (Jaywork) e un universo musicale fatto di Dream (parte 1)
Abbiamo fatto quattro chiacchiere con Sammy Love, che con la famiglia Jaywork Music Group nel gennaio 2020 ha creato D:SIDE, una nuova label dedicata a sonorità Trance e New Dream. L'intervista è densa e lunga, per cui l'abbiamo divisa in due parti. Ecco la prima, ovviamente da leggere ascoltando, se possibile non a basso volume la Playlist della label, D:SIDE, su Spotify cliccando qui: bit.ly/D-S (continua)

"Desperation", singolo nuovo per Andrew Novelli con Rosanna Walls


"Desperation", decisamente ipnotica, nasce da un'idea di Andrew Novelli realizzata come sempre con il socio Nicola Serena. "Abbiamo voluto ripotare a Firenze Rosanna Walls, facendogli interpretare un pezzo di un poema spagnolo", spiega Andrew Novelli. "La canzone è nata seguendo ritmi house arricchiti dall'ipnotico sassofono suonato da Jellybean Martinez". "Desperation" è tra le più recenti p (continua)

Superati i 100.000 ascolti su Spotify per MFX2 (Marco Fratty & Marco Flash) -"Saving your Lovin'"

 Superati i 100.000 ascolti su Spotify per MFX2 (Marco Fratty & Marco Flash) -
I risultati per gli MFX2, ovvero i dj producer bergamaschi Marco Fratty & Marco Flash, continuano ad arrivare senza soluzione di continuità. La loro esperienza in console in studio di registrazione si sente forte, soprattutto in un periodo come questo, in cui la musica sembra guardare prima al passato per poi rielabolarlo per andare verso il futuro. Top dj come Marco Flash, che fa ballare la s (continua)