Home > Libri > Cultura, la scrittrice milanese Bruna Colacicco vince il “Premio Letterario Donna” di Fasano

Cultura, la scrittrice milanese Bruna Colacicco vince il “Premio Letterario Donna” di Fasano

scritto da: Francesca Cabibbo | segnala un abuso

Cultura, la scrittrice milanese Bruna Colacicco vince il “Premio Letterario Donna” di Fasano

Il libro “Eppure sono lieve”) è una storia di violenza psicologica e mobbing familiare. Lo strumento della letteratura e della poesia come momento di impegno civile nel percorso di consapevolezza della donna.


La scrittrice milanese Bruna Colacicco è la vincitrice della sezione "libri editi" del “Premio Letterario Internazionale Donna”, promosso dal CIF (Centro Italiano Femminile) di Fasano, con la partecipazione del comune. La cerimonia di premiazione della XXXII edizione, presentata da Mina Corelli, si è svolta ieri sera presso la sala all’aperto del lido “Il Santos”, di Torre Canne (Fasano). La Presidenza della Repubblica ha conferito al Premio Letterario Donna una medaglia di rappresentanza.

Bruna Colacicco, con il volume “Eppure sono lieve” (Manni, San Cesario di Lecce, 2019) ha primeggiato nella sezione “libri editi”. Il libro racconta la storia di Bruna e dell’amica Giovanna, vittima di un marito aggressivo e manipolatore che la sta poco a poco annientando. Bruna aiuta l’amica in un percorso di consapevolezza che la porterà a chiudere un rapporto distruttivo per sé e per i figli. La tematica di fondo è quella della “violenza psicologica”, il mobbing familiare, spesso difficile da riconoscere perché non porta ferite fisiche. Non meno grave, è il tema della “violenza assistita”, che riguarda i figli minori costretti ad assistere a episodi ripetuti di abuso e a respirare in famiglia l'aria malsana della sopraffazione. Il libro, con una narrazione accattivante e lieve, intervallata dalle poesie di Giovanna, rappresenta un esempio di romanzo di impegno civile.

La giuria del premio, per la sezione libri editi, è composta quest'anno da Claudia Bruno, giornalista Rai, Agnese Legrottaglie, Danilo Sabino, Antonietta Rubino. Per la sezione inediti (sedici premiati nelle sezioni prosa e poesia, per giovani e adulti) è costituita da Michele Iacovazzi, Mariella Muzzupappa e da Mina Corelli, presidente del CIF di Fasano.

A consegnare il premio a Bruna Colacicco è stato il vicesindaco Giovanni Cisternino. “Il romanzo, condotto a due voci – si legge nella motivazione della giuria – mescola diversi linguaggi: narrazione, diario, poesia per affrontare un tema tanto attuale quanto ancora poco conosciuto: il mobbing familiare, il maltrattamento domestico, non solo fisico, ma anche e sopratutto psicologico, che intrappola le donne in una relazione distruttiva. La protagonista trova però nella scrittura e nell’amicizia una possibilità di riscatto, segno che l’emancipazione femminile non è solo utopia”.

«Ringrazio gli organizzatori di questo concorso e la presidente del CIF – ha detto Bruna Colacicco - Sono molto felice di questo riconoscimento che mi fa sperare di essermi avvicinata all'obiettivo del mio lavoro: dare un contributo alla comprensione di un fenomeno subdolo, difficile da individuare e da spiegare nei suoi meccanismi e nelle conseguenze spesso indicibili. Accanto ai trattati tecnici per gli addetti ai lavori, ai saggi divulgativi e alle testimonianze crude, è necessario affiancare storie reali ed esemplari, raccontate nel linguaggio del romanzo e della fiction. Sono forme narrative potenti queste, capaci di raggiungere chiunque, di proiettare il lettore dentro gli avvenimenti, dentro le emozioni e i sentimenti, a fianco dei protagonisti nel percorso per raggiungere la consapevolezza, e di far capire con naturalezza, anche fenomeni difficili, complessi e subdoli come questi».

“Il premio Letterario Donna – ha detto la presidente Mina Corelli - è nato nel 1987 per dare spazio e voce alla scrittura al femminile. Nel tempo, abbiamo voluto dare un’impostazione diversa e oggi il premio è aperto alla partecipazione di uomini e donne e spazia su varie tematiche, cercando di incontrare tutti i gusti letterari, anche quelli giovanili. Anche la composizione della giuria rispecchia questa finalità. L’obiettivo è promuovere la scrittura e, con essa, la cultura. Esso è ormai un punto di riferimento importante per la nostra regione e la massiccia partecipazione di quest’anno, con la presenza di opere di ottimo livello e provenienti da tutta Italia, ne è una conferma”.

premio letterario internazionale donna | bruna colacicco | fasano | mina corelli | violenza psicologica | violenza assistita |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

CONCORSO INTERNAZIONALE DI POESIA "LA MIA TERRA


Il femminicidio-suicidio di Bologna. L'opinione di Bruna Colacicco (ass.


Giuseppe Fasano un Maestro d'arte in chiave contemporanea


Ecco i vincitori del Premio Pavese 2016


VINCITORI 16° PREMIO LETTERARIO MERCK


ADF Award 2020: premiato Arnistil di DOC Ofta per il packaging più innovativo in farmacia


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Un'artista ed un mecenate: Giovanni Leonardo damigella dona scultura di Elena Mutinelli

Un'artista ed un mecenate: Giovanni Leonardo damigella dona scultura di Elena Mutinelli
Una scultura dal titolo "Manifesto Principio", ispirata alla Deposizione del Rosso Fiorentino, sarà inaugurata domani nella villa comunale di Chiaramonte Gulfi. E' stata donata dall'industriale del marmo Giovanni Ldeonardo Damigella. L'opera, in marmo bianco di Carrara è stata realizzata dalla scultrice Elena Mutinelli Un’opera d’arte contemporanea sarà collocata all’interno della villa comunale a Chiaramonte Gulfi. L’opera, una scultura in marmo bianco di Carrara, realizzata dalla scultrice milanese Elena Mutinelli, è stata donata dall’industriale del marmo Giovanni Leonardo Damigella, titolare della Mondial Granit. La nuova opera scultorea, alta 1,70 metri, si intitola “Manifesto Principio” e sarà inaugu (continua)

Angeli in ginocchio (la saga del popolo messapico): esce il primo volume *Angela (Gli eredi dei Messapi), di Bruna Spagnuolo

Angeli in ginocchio (la saga del popolo messapico): esce il primo volume *Angela (Gli eredi dei Messapi), di Bruna Spagnuolo
Il libro (Ed. S.O.S.ROOTS, giugno 2021) è un romanzo d’amore ambientato nella civiltà contadina delle pendici lucane del Pollino. Salva dall’oblio pezzi di una cultura millenaria ormai scomparsa. Dalla Brianza, dove vive, l’autrice avvia una grande operazione culturale e letteraria. È il primo romanzo di una saga di quattro volumi, tre dei quali ancora inediti. È il più corposo, al contrario dei tre successivi dal formato pocket. È un’opera di narrativa letteraria ambientata, in Basilicata, nella zona del Pollino, nel periodo della seconda guerra mondiale ed è piena di tipicità italica dal notevole esotismo geografico e antropologico. Angela (Gli eredi dei Messapi), di (continua)

Libri per ragazzi, esce "Bia e il compagno ideale", di Sandro Melaranci

Libri per ragazzi, esce
Racconti per ragazzi in periodo Covid. Esce "Bia e il compagno ideale", terzo racconto della serie ideata da Sandro Melaranci, romano di Trastevere. La protagonista, Bia, alle prese con l'adozione di un cagnolino la cui padroncina è finita in rianimazione dopo essere stata contaguata dal Covid-19. Una storia simbolo del rapporto tra uomo ed animale, ma anche la costruzione di untassello positivo di solidarietà sociale. La donna guairà e lascerà l'ospedale e per Bia si aprono ora nuovi scenari. La passione per la scrittura, per l’arte del narrare, l’ha coltivata da sempre. Da qualche anno ha deciso di dedicarsi esclusivamente ad essa. E se in passato ha raccontato di se e della sua vita avventurosa e ricchissima, ora Sandro Melaranci, romano di Trastevere, ha deciso di dedicarsi ad un genere diverso: la letteratura per ragazzi.È uscito oggi ed è disponibile nelle piattaforme digitali (continua)

T.E.S.S.E.R.E. Parole di tessuto. Il filo della comunicazione tra terapia e didattica

T.E.S.S.E.R.E. Parole di tessuto. Il filo della comunicazione tra terapia e didattica
Parte da Napoli, in particolare da Sorrento, la proposta di una nuova metodologia didattica. La proposta di un’innovazione metodologica della pedagogia, con nuovi obiettivi didattici e nuovi metodi di apprendimento per “tessere la formazione dello studente come si intrecciano i fili di un tessuto”. Il libro edito da Franco Di Mauro Un’innovazione metodologica della pedagogia: nuovi obiettivi didattici e nuovi metodi di apprendimento per “tessere la formazione dello studente come si intrecciano i fili di un tessuto”. T.E.S.S.E.R.E. Parole di tessuto. Il filo della comunicazione tra terapia e didattica” (Franco Di Mauro editore, 2021, pp. 142) è il titolo del libro di Rossella Capuano, destinato al mondo della scuo (continua)

Street Workout a Marina di Ragusa. Dopo i vaccini, torna il fitness musicale in cuffia su strada

Street Workout a Marina di Ragusa. Dopo i vaccini, torna il fitness musicale in cuffia su strada
L’evento, promosso da Giovanni Corigliano, è stato dedicato a Simone Massaro, ideatore della formula italiana del walking dinamico e dell’allenamento all’aria aperta in cuffia, scomparso qualche mese fa. Al porto turistico, un messaggio contro la violenza ed i recenti episodi di cronaca. Ritorna lo Street Workout: Marina di Ragusa ha vissuto ieri un evento dedicato al fitness su strada. L’iniziativa, organizzata da Street Workout Ragusa, si è svolta nelle strada della cittadina balneare, nella zona del Porto turistico, la “Rotonda”, piazza Duca degli Abruzzi, piazza Torre, piazza  Malta.L’evento è stato organizzato da Giovanni Corigliano, Ambassador di Street Workout Ita (continua)