Home > Libri > Dell’amore nelle forme del tempo, la nuova raccolta di poesie della giovanissima Giulia Coppa

Dell’amore nelle forme del tempo, la nuova raccolta di poesie della giovanissima Giulia Coppa

scritto da: Nulla Die | segnala un abuso

Dell’amore nelle forme del tempo, la nuova raccolta di poesie della giovanissima Giulia Coppa

Nella collana iCanti di Nulla die Edizioni, la nuova silloge poetica della giovanissima Giulia Coppa



Dell’amore nelle forme del tempo indaga un passo conflittuale e profondo dell’evoluzione e dello sviluppo del sentimento più controverso, affascinante e insondabile del sentire umano: l’amore. Che sia in forma materiale e amorosa o che si tratti dell’Amore incondizionato e universale, il termine raccoglie in sé le necessità, le voci naturali e le impressioni interiori dell’essere come le esperienze esteriori del mondo.



L’amore e il tempo sono gli elementi che si intersecano, si abbracciano e deflagrano nei componimenti poetici che formano la silloge Dell’amore nelle forme del tempo. L’amore porta con sé un bagaglio di fascino, mistero, dilemmi e metafore dalle innumerevoli sfumature di significato. I suoi confini appaiono da un lato limitati quando si tratta di un amore legato alla carnalità e dall’altro inesistenti se lo si osserva nella trascendenza e nel soprannaturale; lo si può investire della qualità di minuscola particella presente nell’essere umano, unica luce in grado di far percepire l’immensità della realtà che lo accoglie, lo circonda e lo plasma...

Giulia Coppa, nata nel 1993, è laureata in Filosofia e comunicazione. Dal 2017 a oggi ha pubblicato cinque libri di cui due romanzi, una raccolta di racconti e due sillogi di poesie.



Fonte notizia: http://nulladie.com/it/catalogo/497-giulia-coppa-dellamore-nelle-forme-del-tempo-9788869154119.html


Poesia | silloge | raccolta | Echi | I Canti | Nulla die |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Cartomanzia e Oroscopo per il 2021


CONCORSO INTERNAZIONALE DI POESIA "LA MIA TERRA


Intervista di Alessia Mocci a Rosario Tomarchio ed al suo Ricordi di poesie


Andrea Lutri presenta la raccolta in versi “Poesie”


Intervista di Alessia Mocci ad Emanuele Martinuzzi: vi presentiamo “Notturna gloria”


Intervista di Alessia Mocci a Massimo Pinto: vi presentiamo la silloge poetica “Cento Farfalle e… più”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Alessio Martini, Salvare i naufraghi

Alessio Martini, Salvare i naufraghi
Alessio Martini è il nom de plume di uno scrittore genovese. Il suo romanzo "Salvare i naufraghi" è ambientato nel 1943, sul fronte russo. Fronte russo, 1943.Un treno armato della Regia Marina riceve l’ordine di spostarsi dalla base di Jalta al fronte del Don, ma prima che giunga a destinazione l’armata italiana ivi schierata è annientata e il treno resta fermo e senza ordini in una sperduta stazioncina.In un giorno di gennaio, il comandante del treno s’imbatte in una ragazza russa, che dice di chiamarsi Svetlana: gli ricorda che un (continua)

Era il nostro tempo, raccolta poetica di Matteo Canevari

Era il nostro tempo, raccolta poetica di Matteo Canevari
Questa cospicua silloge di Matteo Canevari (filosofo-poeta o poeta-filosofo?) è testimonianza vibrante e persuasiva dello stretto legame esistente tra riflessione filosofica e straniamento poetico. Matteo Canevari, Era il nostro tempo. Poesie diverseSe è indubbiamente vero, come ci ricorda Giovan Battista Marino, che «musica e poesia son due sorelle», qualche ragionevole dubbio ha diritto di sussistere sulla sorellanza di filosofia e poesia. Ma è anche vero che poesia e filosofia possono convivere, e “armonizzarsi”, in una sola voce. Questa cospicua silloge di Matteo Canevari (filosofo-poeta (continua)

Andrea Biscaro, Un cuore pulsante di medusa su uno sfondo rosa

Andrea Biscaro, Un cuore pulsante di medusa su uno sfondo rosa
La nuova silloge poetica di Andrea Biscaro, Un cuore pulsante di medusa su uno sfondo rosa, esce nella collana iCanti, Nulla die edizioni. Un cuore pulsante di medusa su uno sfondo rosa è la nuova silloge poetica di Andrea Biscaro, poeta e scrittore italiano che risiede all’Isola del Giglio, pubblicata nella collana iCanti da Nulla die edizioni.Un cuore pulsante di medusa su uno sfondo rosaè un viaggio amoroso in forma poetica. Una biografia in versi che indaga il rapporto di coppia. Dal momento topico, magico e drammatico (continua)

Intervista a Simone Corvasce, autore di Algoritmi di scacchi e passi d’angeli

Intervista a Simone Corvasce, autore di Algoritmi di scacchi e passi d’angeli
L'intervista a Simone Corvasce, filologo, musicista e poeta, offre spunti di profonda riflessione sulla poesia e le sue caratteristiche. Quanti piani di lettura può avere un’opera? Fino a che punto possono convivere l’immediatezza del sentimento e l’erudizione letteraria? Questa è la sfida alla base di Algoritmi di scacchi e passi d’angeli. Dietro una scrittura piana, scorrevole e intima è celata un’intricata giungla di riferimenti letterari. Ma il fine ultimo resta il viaggio, un viaggio attraverso le angosce dell’uomo, le re (continua)

Francesco Gilioli, Di là dall’amore, tra gli alberi

Francesco Gilioli, Di là dall’amore, tra gli alberi
"Dentro c’è molta Milano, quella lucente di Porta Romana e Cordusio, quella attraversata dalla 90 e dal 78, la Milano che corre, stritola, assale e consola. C’è quella dell’anima che non è un luogo fisico ben definito ma sono gli umori, i sapori, le lacrime, le lame di una città che accoglie tutti e modella ciascuno secondo i propri bisogni. C’è una donna, che è insieme molte donne, uniche, irrisolte, tenaci, volitive, vendicative, affrante, malate, in perenne confronto e scontro con un uomo che è anch'egli molti uomini, livorosi, frustrati, rigogliosi, risolti, contesi..."  "Ci vediamo alle 19 in Cordusio. Sono arrivato mezz’ora prima. Pc e telecamera nello zaino. Zero ansia. Incazzato per il credito negato in home. È una vecchia storia quella dei crediti negati. Piccolo cabotaggio. Beghe da giornalisti. Monia. Solita telefonata inutile. – Sono uscita ora dalla metro. Ti aspetto qui. Lo stesso sorriso della festa. Mi interroga. Accogliente. Indaga. – Sediamoci. (continua)