Home > Economia e Finanza > Covid Digital Disruption

Covid Digital Disruption

scritto da: AIDR | segnala un abuso

Covid Digital Disruption

La pandemia è stata per molte aziende un banco di prova per misurare la loro capacità di far evolvere rapidamente il modello organizzativo, i processi e la tecnologia pena il rischio di non sopravvivere.


Di Vito Coviello,Socio AIDR e Responsabile Osservatorio Tecnologie Digitali nel settore dei Trasporti e della Logistica.

No, non è un gioco di parole come potrebbe apparire, ma reale necessità in tempi di pandemia.

Lo scorso anno è stato l’anno cui le aziende di ogni settore hanno dovuto mettere rapidamente in campo  ogni misura idonea per fronteggiare l’emergenza Covid per  non  chiudere, per continuare  in qualche modo a restare a galla: resistenza e resilienza sono state le parole d’ordine  prima  ancora che  un   piano che porta lo stesso nome  prendesse forma per sostenerle. Sono sorprendenti i dati dell’accelerazione della trasformazione digitale: le aziende sono diventate più agili ed efficienti. Uno studio McKinsey evidenzia che in sole otto settimane molte aziende hanno realizzato un cambiamento tecnologico che in tempi normali sarebbe avvenuto in 5 anni. Anche Microsoft ha dato proiezioni analoghe stimando che in 2 mesi si è verificata una trasformazione digitale che in tempi normali sarebbe stata realizzata in 2 anni. L’istinto di sopravvivenza ha obbligato le aziende a superare le paure del cambiamento e a introdurre le nuove tecnologie  per restare sul mercato affidandosi  alla tecnologia digitale e modificando rapidamente anche il modello di Business. Questa incredibile accelerazione la chiamerei Covid Digital Disruption! Il termine digital disruption  è utilizzato normalmente per indicare l’inizio  di un cambiamento profondo  grazie a  una nuova tecnologia  in grado di modificare completamente il modello di business precedente. In sintesi si ha una digital disruption quando le nuove tecnologie digitali introdotte e i relativi modelli di business sviluppati   influenzano il valore aggiunto, la “value proposition” di prodotti o servizi esistenti. Gli esempi più eclatanti sono le aziende di commercio elettronico come Amazon e Alibaba che in tempi di pandemia hanno portato nelle case dei clienti prodotti di ogni genere, consentendo nella situazione contingente di superare i limiti imposti dal lockdown ma, di fatto, modificando per sempre le esperienze di acquisto dei consumatori. La pandemia è stata per molte aziende un banco di prova per misurare la loro capacità  di  far evolvere rapidamente  il modello organizzativo, i processi e la tecnologia pena il rischio di non  sopravvivere. Potremmo chiamare questa capacità di adattamento come una sorta di “darwinismo digitale” delle  aziende più  rapide nella ricerca dei digital skills necessari per  accelerare la trasformazione  digitale. Le aziende hanno modificato rapidamente anche le strategie di marketing e di comunicazione per poter raggiungere un bacino di clienti non più totalmente libero di muoversi fisicamente  per  selezionare i prodotti nei punti vendita tradizionali. Ma le aziende hanno dovuto accelerare anche riguardo all’uso dello smart working   per consentire ai propri dipendenti di proseguire la collaborazione da remoto in tempi di distanziamento sociale. C’è stata una grande attenzione delle aziende sul tema dell’employer branding ossia nelle capacità di attrarre  e di conservare la forza lavoro e, soprattutto i talenti,  in una fase pandemica  così complessa. Molte aziende hanno saputo trarre profitto   durante il COVID grazie alla rapidità di adattamento ma tante altre hanno subito una pesantissima crisi pur vantando solide leadership di mercato.

Come si può spiegare quanto sopra?

Molto dipende dalla capacità di  adattamento e di trasformazione delle aziende nell’adozione delle nuove tecnologie digitali, di un modello organizzativo  e di processi dinamici e flessibili  ma, soprattutto,  di costante attenzione  dell’evoluzione del proprio core business e nella predisposizione  di  adeguati piani di gestione dei rischi. Riguardo al Covid Digital Disruption, un esempio che viene dal passato ma che da chiara evidenza dei rischi delle aziende che non sono capaci per tempo di attivare innovativi modelli digitali è quello di Blockbuster e di NETFLIX. La prima vantava una solida leadership di mercato ma è stata travolta da NETFLIX   che ha oggi decine di milioni di abbonati ai suoi servizi in streaming. Ma gli esempi sono tantissimi: Amazon, Uber, AirBnb   e molti altri che hanno cambiato radicalmente i settori di riferimento.
Digital Disruption è, pertanto, la capacità di una azienda di porsi  per tempo la domanda:  cosa farò da grande?
Possiamo chiamarla Digital Disruption ma potremmo utilizzare anche altre definizioni quali trasformazione digitale, aziende smart 4.0: tutte sono riconducibili alla capacità di gestire il cambiamento attraverso una programmazione e una attenta gestione del piano dei rischi. Nessuna azienda può sentirsi   al riparo anche se è leader del mercato perché i cambiamenti sono spesso repentini e, come per il COVID, gestibili  solo se si ha una forte propensione al cambiamento, alla trasformazione  e una grande capacità di rapido adattamento.

Fonte notizia: https://www.aidr.it/covid-digital-disruption/


covid | pandemia | aziende | aidr |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

COVID e Cuore: nuovo portale web per supportare gli specialisti


Digital Broker, apertura nuovi blog sugli eventi, la storia e le news


Covid-19 Le prestazioni dei Poliambulatori Lazio korian


Presentazione dei profili social di Digital Broker


COVID-19 e rischio coagulazione, nasce il primo registro italiano dei pazienti a cura degli scienziati della Fondazione Arianna Anticoagulazione


Gli effetti a breve e lungo termine del Covid-19: dolore, alterazione del sonno, ansia, paura


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Realtà virtuale, realtà aumentata e Sport

Realtà virtuale, realtà aumentata e Sport
La realtà aumentata, che fa già parte della vita di migliaia di persone in moltissimi settori, è una tecnologia che nello sport può implementare e migliorare enormemente le strategie di fan engagement e la fan experience. La realtà aumentata, che fa già parte della vita di migliaia di persone in moltissimi settori, è una tecnologia che nello sport può implementare e migliorare enormemente le strategie di fan engagement e la fan experience. La natura stessa della realtà aumentata, infatti, la rende perfetta per un settore dinamico come quello sportivo, basti pensare che all’hawk-eye nel tennis, c (continua)

Spid+eIDAS = pura Eutopia!

Spid+eIDAS = pura Eutopia!
Da qualche anno, con SPID, quindi comodamente dal tuo smartphone, puoi accedere ai siti delle varie Pubblica Amministrazione europee, come ad esempio il sito internet dell’Agenzia delle Entrate svedese, il sito internet del Sistema Pensionistico greco o di una università nelle Isole Baleari. Infatti con il proprio Username e Password di SPID, questa modalità di accesso alle varie pubbliche amministrazioni europee, sono diventate sempre più semplici, proseguendo sul sentiero delle nuove riforme del processo di digitalizzazione delle PA già da tempo inserito nella “Amministrazione digitale e riforma Madia” ai sensi del DPCM 24/10/2014. di Michele Leone, Digital Media Specialist e socio AidrCon SPID si vola in Europa con eIDAS, oppure Quando lo SPID ti salva il colloquio in UK grazie ad eIDAS, Digitali per forza, anche a 80 anni con SPID ed eIDAS, altrimenti nessuna pensione oppure l’Amore ai tempi di eIDAS, questi sono solo alcuni dei titoli degli articoli pubblicati su giornali nazionali e riviste di settore (continua)

Rischi Cybercrime in aumento

Rischi Cybercrime in aumento
La pandemia (e il conseguente smart working) ha aumentato i punti di possibile accesso dei cyber criminali ai sistemi delle aziende, con ciò esponendo le medesime sempre di più al rischio quotidiano di vedersi bloccata tutta l’attività. di Luca Angelucci Responsabile Osservatorio Assicurazioni Cyber Crime AidrDi recente abbiamo notato diversi articoli sull’argomento da parte di primarie testate giornalistiche, anche un recente articolo del Sole 24 Ore del 20 agosto scorso, da cui si evince un preoccupante rapido ampliamento dei rischi legati ai cybercrime, ossia delle richieste di “riscatto” dei propri dati cibernetici ( ad (continua)

Il web è davvero libero? Approfondimento a Digitale Italia

Il web è davvero libero? Approfondimento a Digitale Italia
Questa è l’era del far web – ha sottolineato nel corso del suo intervento l’avvocato Lisi. È indispensabile una maggiore consapevolezza da parte dei cittadini delle opzioni che hanno per controllare il flusso dei dati che li riguardano. È necessario, inoltre un intervento puntuale da parte delle istituzioni anche a livello internazionale per stabilire nuove regole ai colossi del web.” Lisi: contro il far web serve maggiore consapevolezzaOspiti:Andrea Lisi: Avvocato – Pres. ANORC professioniMauro Nicastri: Presidente AidrIl web è davvero uno spazio libero, chi controlla le informazioni, quale uso viene fatto dei dati che mettiamo in rete? A Digitale Italia nuovo approfondimento sui temi legati alla digitalizzazione. Ospiti del format web di Aidr: Andrea Lisi, avvocato esperto di (continua)

Open Data e tutela del territorio a vocazione agroalimentare

Open Data e tutela del territorio a vocazione agroalimentare
Secondo il Codice dell’Amministrazione digitale, i dati di tipo aperto o Open Data sono caratterizzati da tre condizioni concorrenti: una licenza o una previsione normativa che ne permetta l’utilizzo da parte di chiunque; l’accessibilità attraverso le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, ivi comprese le reti telematiche; la gratuità; la possibilità di essere utilizzati da parte di programmi per elaboratori, perché provvisti dei relativi metadati (art. 1, comma 1, lett. 1-ter, D.Lgs 82/2005 e succ. mod.) di Filippo Moreschi, avvocato e Responsabile Osservatorio AIDR “Digital Agrifood”Da ormai qualche anno, la comunità internazionale ed i singoli Stati nazionali hanno dettato ed aggiornano normative e specifiche tecniche per la raccolta dei c.d. “Open data”, ossia i dati aperti, accessibili a tutti, messi a disposizione da Pubbliche amministrazioni o aziende private, che possono essere riutili (continua)