Home > Economia e Finanza > La casa intelligente: è tempo di abbattere le barriere

La casa intelligente: è tempo di abbattere le barriere

scritto da: AIDR | segnala un abuso

La casa intelligente: è tempo di abbattere le barriere

La Legge di Bilancio 2021(art.1 comma 66 lettera d), con i successivi chiarimenti del Ministero dell’Economia e dell’Agenzia delle Entrate, prevedono che tutti i condomini, anche se di età non superiore ai 65 anni, possono usufruire del “superbonus” 110%


di Federica De Pasquale – Responsabile Osservatorio sul condominio digitale

Nonostante anche in Italia vi sia un notevole incremento del settore Smart Home, simile a quello dei principali Paesi occidentali, in termini assoluti siamo ancora agli ultimi posti in Europa.Con questa espressione, che preferisco nella versione italiana di “Casa Intelligente”, si vogliono identificare tutti quei processi, figli della domotica che consentono di gestire in maniera automatica o da remoto dispositivi ed impianti che si trovano all’interno dell’abitazione e che consentono non solo un risparmio di energia, ma che aiutano a semplificare la vita domestica garantendo anche una maggiore sicurezza alle persone che vi abitano. La Legge di Bilancio 2021(art.1 comma 66 lettera d), con i successivi chiarimenti del Ministero dell’Economia e dell’Agenzia delle Entrate, prevedono che tutti i condomini, anche se di età non superiore ai 65 anni, possono usufruire del “superbonus” 110%, sulla base dei millesimi di proprietà o dei diversi criteri applicabili secondo gli articoli 1123 e seguenti del codice civile, per i lavori necessari all’abbattimento delle barriere architettoniche all’interno degli edifici e della propria abitazione. Un’occasione pressoché unica che viene offerta al nostro Paese, ma alla quale si sta prestando poca attenzione. Eppure rappresenta un’opportunità che non possiamo lasciarci scappare, non solo per innovare il patrimonio immobiliare italiano nell’ottica di quella che viene definita la “casa intelligente”, ma soprattutto per compiere quel passo etico necessario a rendere migliore la qualità della vita di tanti nostri concittadini ai quali è impedito di muoversi liberamente. La norma, infatti, supera il principio della presenza del portatore di handicap e guarda più avanti, a tutte quelle persone con ridotta mobilità.

Ecco perché ci corre l’obbligo di promuovere l’abbattimento delle barriere architettoniche, sensibilizzando anche i condomini a deliberare in tal senso in merito a quelle esistenti nelle parti comuni dell’edificio, ma anche a prendere in considerazione di limitarne la presenza all’interno della propria unità immobiliare usufruendo di questo particolare biennio che prevede un’agevolazione fiscale così importante.

Ma procediamo con ordine, tanto si è detto sul “superbonus” del 110%, introdotto con il cosiddetto “decreto Rilancio” del 19 maggio 2020 e che, ad un anno dalla sua conversione in legge, continua a subire non poche modifiche tramite la Legge di Bilancio, nuovi decreti legge, con i continui chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate e non meno con le interrogazioni parlamentari rivolte ai vari ministri coinvolti. Volendo focalizzare l’attenzione sull’abbattimento delle barriere architettoniche occorre sapere che per usufruire del “superbonus” 110% è necessario effettuare almeno un intervento cosiddetto “trainante” che consenta all’edificio il superamento di due classi energetiche. I principali interventi, come ormai sappiamo bene, sono: il cappotto termico o altro intervento idoneo, la sostituzione degli impianti di riscaldamento, il consolidamento antisismico, se l’edificio si trova in zona sismica 1, 2 o 3. Una volta definita l’esecuzione di almeno uno degli interventi di cui sopra è possibile effettuare anche altre tipologie di interventi cosiddetti “trainati”, tra questi rientrano l’installazione di impianti fotovoltaici, le colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici, dei sistemi di accumulo, prevedere le schermature solari, la sostituzione degli infissi e altri ancora.

Mentre per quanto riguarda l’abbattimento delle barriere architettoniche è possibile considerare lavori “trainati” da eseguiretra l’inizio e la fine dei lavori per la realizzazione del “trainante”i seguenti: ascensori e montacarichi (purché rispettino i parametri del D.M. 236/89, limite che crea non pochi problemi per l’istallazione degli ascensori), elevatori esterni all’abitazione, sostituzione di gradini con rampe, riposizionamento delle cassette postali e del citofono, realizzazione di strumenti che, attraverso la comunicazione, la robotica e ogni altro mezzo tecnologico, favoriscono la mobilità interna ed esterna delle persone portatrici di handicap o a ridotta mobilità sia negli edifici che nelle singole unità immobiliari.

Dal punto di vista della detrazione fiscale la gestione dell’eliminazione delle barriere architettoniche, come lavoro trainato all’interno del “superbonus” 110% sia tramite il “sismabonus” che “ecobonus”, porta ad una spesa ammissibile massima di 96.000€ per unità immobiliare e alla creazione di un credito di imposta pari al 110% della spesa ossia 105.600€. Questo perché il “superbonus” aumenta la detrazione originariamente prevista per questo tipo di interventi  portandola dal 50% al 110%. Inoltre, come precisa l’Agenzia delle Entrate, in alternativa alla detrazione, è possibile scegliere per la cessione ad altri soggetti del credito d’imposta corrispondente alla detrazione spettante o per un contributo, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, di importo massimo non superiore al corrispettivo stesso, anticipato dal fornitore di beni e servizi relativi agli interventi agevolati (cosiddetto sconto in fattura).

Mi auguro che nella prossima Legge di Bilancio i lavori relativi all’abbattimento delle barriere architettoniche all’interno del superbonus del 110% vengano considerati lavori “trainanti”, sarebbe un importante passo che il nostro Governo dovrebbe compiere, anche questo rappresenterebbe un principio di welfare intelligente!


Fonte notizia: https://www.aidr.it/la-casa-intelligente-e-tempo-di-abbattere-le-barriere/


casa intelligente | super bonus | digitale | aidr |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Telecamera Hybrid LKM Security: L'allarme perfetto per la Casa Intelligente


Al via la "smart home" firmata AVM


Le barriere architettoniche e gli edifici in costruzione | Studio Ungheria


Noleggio barriere new jersey: spartitraffico in plastica


ARTREEFS –Innovative tools for coastaltourism


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il web è davvero libero? Approfondimento a Digitale Italia

Il web è davvero libero? Approfondimento a Digitale Italia
Questa è l’era del far web – ha sottolineato nel corso del suo intervento l’avvocato Lisi. È indispensabile una maggiore consapevolezza da parte dei cittadini delle opzioni che hanno per controllare il flusso dei dati che li riguardano. È necessario, inoltre un intervento puntuale da parte delle istituzioni anche a livello internazionale per stabilire nuove regole ai colossi del web.” Lisi: contro il far web serve maggiore consapevolezzaOspiti:Andrea Lisi: Avvocato – Pres. ANORC professioniMauro Nicastri: Presidente AidrIl web è davvero uno spazio libero, chi controlla le informazioni, quale uso viene fatto dei dati che mettiamo in rete? A Digitale Italia nuovo approfondimento sui temi legati alla digitalizzazione. Ospiti del format web di Aidr: Andrea Lisi, avvocato esperto di (continua)

Open Data e tutela del territorio a vocazione agroalimentare

Open Data e tutela del territorio a vocazione agroalimentare
Secondo il Codice dell’Amministrazione digitale, i dati di tipo aperto o Open Data sono caratterizzati da tre condizioni concorrenti: una licenza o una previsione normativa che ne permetta l’utilizzo da parte di chiunque; l’accessibilità attraverso le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, ivi comprese le reti telematiche; la gratuità; la possibilità di essere utilizzati da parte di programmi per elaboratori, perché provvisti dei relativi metadati (art. 1, comma 1, lett. 1-ter, D.Lgs 82/2005 e succ. mod.) di Filippo Moreschi, avvocato e Responsabile Osservatorio AIDR “Digital Agrifood”Da ormai qualche anno, la comunità internazionale ed i singoli Stati nazionali hanno dettato ed aggiornano normative e specifiche tecniche per la raccolta dei c.d. “Open data”, ossia i dati aperti, accessibili a tutti, messi a disposizione da Pubbliche amministrazioni o aziende private, che possono essere riutili (continua)

Come difendersi dal relativismo scientifico e da un Dio che gioca a dadi con l’universo

Come difendersi dal relativismo scientifico e da un Dio che gioca a dadi con l’universo
Condividi 15 SETTEMBRE 2021 Come difendersi dal relativismo scientifico e da un Dio che gioca a dadi con l’universo di Alessandro Capezzuoli, funzionario ISTAT e responsabile osservatorio dati professioni e competenze Aidr Dio non gioca a dadi con l’universo. Questa frase, scritta da Einstein all’amico Niels Bohr, sintetizza molto bene la natura probabilistica della meccanica quantistica, una teoria che mette in dubbio la natura deterministica su cui si basa la fisica classica. La contrapposizione tra le due teorie, nei primi anni del novecento, è stata molto forte. di Alessandro Capezzuoli, funzionario ISTAT e responsabile osservatorio dati professioni e competenze AidrDio non gioca a dadi con l’universo. Questa frase, scritta da Einstein all’amico Niels Bohr, sintetizza molto bene la natura probabilistica della meccanica quantistica, una teoria che mette in dubbio la natura deterministica su cui si basa la fisica classica. La contrapposizione tra le due teo (continua)

Cybersecurity: arriverà a breve la comunicazione quantistica a proteggerci?

Cybersecurity: arriverà a breve la comunicazione quantistica a proteggerci?
7 maggio 2021: un attacco informatico ha bloccato i sistemi della società americana Colonial Pipeline, il più grande oleodotto in USA. L’attacco ha messo in crisi l’economia e la gente è rimasta senza benzina. Il virus che ha “infettato” il sistema, un ransomware, ha impedito qualsiasi accesso ai dispositivi fino a quando lo sblocco non è avvenuto dietro pagamento di un riscatto. di Vito Coviello, Socio AIDR e Responsabile Osservatorio Tecnologie Digitali nel settore dei Trasporti e della Logistica7 maggio 2021:  un attacco informatico  ha bloccato i sistemi della società americana Colonial Pipeline, il più grande oleodotto  in USA.  L’attacco ha messo in crisi l’economia e la gente è rimasta senza benzina. Il virus che ha “infe (continua)

L’informatizzazione in Sanità è necessaria, strategica e imminente

L’informatizzazione in Sanità è necessaria, strategica e imminente
L’incessante sviluppo scientifico, tecnico ed organizzativo legato inizialmente alla rivoluzione nel campo delle tecnologie digitali e successivamente alla spinta della pandemia di SARS-CoV-2 hanno imposto ai servizi sanitari l’adeguamento dei propri sistemi a quelle che sono le novità del settore e al mutare della domanda dei professionisti della salute. L’incessante sviluppo scientifico, tecnico ed organizzativo legato inizialmente alla rivoluzione nel campo delle tecnologie digitali e successivamente alla spinta della pandemia di SARS-CoV-2 hanno imposto ai servizi sanitari l’adeguamento dei propri sistemi a quelle che sono le novità del settore e al mutare della domanda dei professionisti della salute.Sono stati messi in campo strumenti e risor (continua)