Home > Altro > GASGAS corre su CrowdFundMe e centinaia di attività commerciali chiedono colonnine di ricarica per le auto elettriche dei clienti

GASGAS corre su CrowdFundMe e centinaia di attività commerciali chiedono colonnine di ricarica per le auto elettriche dei clienti

scritto da: Giorgio Bellucci | segnala un abuso

GASGAS corre su CrowdFundMe e centinaia di attività commerciali chiedono colonnine di ricarica per le auto elettriche dei clienti


Startup innovativa che pone al centro del proprio business la gestione di colonnine elettriche di ricarica, GASGAS ha ideato un servizio che va oltre l’offerta di una rete di colonnine di ricarica. GASGAS, infatti, propone agli utenti un modello di consumo innovativo basato sulla membership, estremamente vantaggioso da un punto di vista economico e strategico.

 

«Quando abbiamo iniziato la nostra campagna di equity crowdfunding su CrowdFundMe sapevamo che GASGAS stava toccando un tema molto caldo, oggetto di grande attenzione, ma l’interesse suscitato ha superato ogni aspettativa». A raccontarlo è Alessandro Vigilantico-founder e Ceo di GASGAS. «In meno di 10 giorni abbiamo superato e addirittura raddoppiato l’obiettivo minimo di raccolta di 100mila euro, ma è successo anche altro. Sono arrivate tantissime manifestazioni di interesse da parte di imprenditori che intendono installare, presso le proprie attività, le nostre colonnine di ricarica destinate ai veicoli elettrici».

Colonnine dove servono

Il concetto su cui si basa GASGAS è che gli e-driver possano di ricaricare l’auto nei luoghi dove effettivamente sia possibile sfruttare i tempi di attesa: palestre, centri commerciali, ma anche alberghi e ristoranti. «L’interesse per la mobilità elettrica è enorme: eppure in molti rimandano l’acquisto di un’auto full-electric perché i punti di ricarica sono pochi, spesso situati in luoghi scomodi e privi di servizi interessanti», aggiunge Stefania Menguzzatoco-founder & General Manager di GASGAS. La rivoluzione di GASGAS è proprio questa: portare le colonnine dove servono, dove la gente le vuole. Per questo la startup friulana ha coinvolto nel progetto di sviluppo della propria rete i proprietari di punti di interesse particolarmente qualificati per l’utente, a partire da negozi, bar, ristoranti e distributori di carburante. E la risposta è stata formidabile.

 

Una pioggia di richieste

«Stanno arrivando circa 200 richieste a settimana da parte di attività commerciali e industriali che vogliono ospitare una colonnina di ricarica. Piemonte e Toscana sono le regioni più interessate». Spiega Vigilanti «Di tutte le richieste, almeno il 30% arriva da ristoranti e alberghi, luoghi dove le persone sostano tendenzialmente più di un’ora e dove ricaricare la propria auto non rappresenta certo uno spreco di tempo. Un altro 20% di richieste arriva da bar, pub e aree di sosta più breve, ma è sintomatico che metà delle domande complessive provenga dal mondo della ricettività e della ristorazione. Un buon 10% è poi costituito da attività di servizi alla persona, come centri estetici e palestre e un altro 10% da centri commerciali e piccoli esercizi. Interessante che un ulteriore 20% delle richieste arrivi da attività industriali dove aziende lungimiranti stanno pensando di rinnovare le proprie flotte di autoveicoli tradizionali con modelli elettrici e offrire ai propri dipendenti la ricarica della propria auto come benefit nei confronti di una transizione verso una cultura più green. Tra i restanti, vanno poi segnalati anche diversi grandi condomini, per iniziativa dei residenti o degli amministratori».

 

Questa grande mole di richieste, e la grande capacità di GASGAS di colpire il segno anche presso coloro che ancora non hanno un veicolo elettrico, ha destato anche l’interesse dell’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano: GASGAS è infatti diventato partner e contribuirà alla redazione del prossimo report sulla Smart Mobility che si terrà a Ottobre.

 

Proprio in questi giorni GASGAS ha formalizzato una partnership strategica con GEWISS, realtà italiana che opera a livello internazionale nella produzione di soluzioni per la home & building automation, per la protezione e la distribuzione dell’energia, per l’illuminazione intelligente e per la mobilità elettrica, settore in cui è fornitore sia di sistemi di ricarica che di servizi di assistenza tecnica e manutenzione.

«Le colonnine Gewiss sono state scelte quale soluzione di punta per il programma GASGAS» conferma Vigilanti, «non solo per versatilità e affidabilità del prodotto, ma anche per l'elevato standard del servizio di assistenza tecnica di Gewiss sul territorio».

 

«La partnership con GASGAS, con cui già collaboriamo da tempo» Luca Ciaravella, E-Mobility Sales Manager di Gewiss  «rientra pienamente nei nostri piani di sviluppo che affiancano alle tradizionali attività di fornitura e installazione un approccio più generale molto attivo nel supporto ai programmi più innovativi nel settore della mobilità elettrica».

 

Ricordiamo che GASGAS è in crowdfunding su CrowdFundMe.

Per investire è sufficiente andare all’indirizzo: https://www.crowdfundme.it/projects/gasgas/

 

GASGAS Srl è una PMI



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La rivoluzione della mobilità elettrica si chiama GasGas, la startup delle ricariche accessibili e sostenibili


Ricarica alla spina! GASGAS, inaugura una nuova stazione di ricarica e stringe un accordo con NEXTCHARGE


L’equity crowdfunding fa bene all’ambiente. Le campagne di successo su CrowdFundMe


#POLIdesignWeek


GIULIA PRATELLI: ESCE “TUTTO BENE” IL NUOVO DISCO DELLA CANTAUTRICE TOSCANA CON LA PRODUZIONE ARTISTICA DI ZIBBA


L’equity crowdfunding? Un sistema democratico e meritocratico che premia i migliori. Parola di CrowdFundMe


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

A Castrocielo (FR) c’è un bar controcorrente che ha cambiato pelle, offre servizi ai cittadini, promuove il territorio e premia chi rispetta le regole anti-Covid

A Castrocielo (FR) c’è un bar controcorrente che ha cambiato pelle, offre servizi ai cittadini, promuove il territorio e premia chi rispetta le regole anti-Covid
Da quando le restrizioni dovute al Covid si sono allentate, in virtù dei cambiamenti della curva pandemica, da più parti si è tirato un sospiro di sollievo e ovunque si assiste alla ripresa delle attività e all’organizzazione dei più svariati eventi. É il caso del Caffe Martini, attività nel cuore della Ciociaria. «Al Caffè Martini il cliente e la sua sicurezza sono al centro di ogni analisi (continua)

Locare, la startup che risolve i problemi di burocrazia e morosità negli affitti, apre il suo terzo crowdfunding

Locare, la startup che risolve i problemi di burocrazia e morosità negli affitti, apre il suo terzo crowdfunding
«A causa della pandemia, in Italia i proprietari hanno perso 1,3 miliardi di euro in mensilità non pagate. Noi abbiamo la tecnologia e le competenze per tutelare e rendere più sicuro per tutti questo immenso mercato» Occuparsi di rent care significa prendersi cura della locazione e di tutto quello che comporta: a partire dalla selezione dell’inquilino per prevenire i problemi di morosità, grazie ai controlli su affidabilità e solvibilità. Locare abbatte le difficoltà burocratiche e accompagna le agenzie immobiliari partner e i proprietari, in tutto il percorso che va dalla stipula del contratto alla cessazione (continua)

NL Comp, la startup che realizza imbarcazioni riciclabili fatte di lino

NL Comp, la startup che realizza imbarcazioni riciclabili fatte di lino
Fa male vedere relitti abbandonati nei porti, nei cantieri o affondati perché il loro smaltimento è troppo oneroso. Per questo abbiamo studiato una soluzione». Andrea Paduano, CTO Northern Light Composites. Dalla passione per la vela e per le tecnologie dei materiali deriva la determinazione dei tre giovani fondatori di Northern Light Composites, la startup giuliana che ha deciso di impegnarsi per la salvaguardia del mare, che hanno finalmente trovato una soluzione definitiva al problema vetroresina. Giunte a fine vita, le imbarcazioni realizzate con questi materiali vengono spesso abbandonate nei ca (continua)

Motus Operandi la startup dal cuore italiano che grazie all’IA pilota i robot nelle fabbriche di mezzo mondo

Motus Operandi la startup dal cuore italiano che grazie all’IA pilota i robot nelle fabbriche di mezzo mondo
Fondata a Hong Kong nel 2017, Motus Operandi è uno di quegli esempi di genio italiano che varca i confini dello stivale e approda in Cina per mettere insieme un team internazionale basato su un progetto che per sua natura non può avere barriere geografiche di alcun tipo. La tecnologia alla base di Motus Operandi è stata sviluppata da un team italiano capitanato dall’ingegnere Vincenzo Cartelli che (continua)

Arriva il turismo esperienziale smart di YOOKYE

Arriva il turismo esperienziale smart di YOOKYE
Secondo il Rapporto sul Turismo Enogastronomico 2020, il 50% dei turisti desidera vivere un insieme variegato di esperienze multisensoriali ed emozionali. L’ampia offerta che si trova facendo una semplice ricerca sul Web, però, può lasciare disorientati. «Noi di Yookye abbiamo pensato di sfruttare l’esperienza di chi conosce in prima persona un territorio, che a breve combineremo con le capac (continua)