Home > Ambiente e salute > Università e divario di genere: Women for Oncology Italy a fianco delle 3 neodiplomate alla Normale di Pisa

Università e divario di genere: Women for Oncology Italy a fianco delle 3 neodiplomate alla Normale di Pisa

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

Università e divario di genere: Women for Oncology Italy a fianco delle 3 neodiplomate alla Normale di Pisa


Women for Oncology Italy, da sempre a fianco delle donne per abbattere i muri delle differenze di genere, richiama il discorso di Virginia Magnaghi, Valeria Spacciante e Virginia Grossi: tre neodiplomate alla Scuola Normale di Pisa.


“Vorremmo provare a spiegare come mai quando guardiamo noi stessi o ci guardiamo intorno ci è difficile vivere questo momento di celebrazioni, senza condividere con voi alcune preoccupazioni”, hanno premesso le studentesse durante la cerimonia di consegna dei diplomi. Riflessioni che nascono da esempi concreti, per altro condivise in più occasioni da Women for Oncology Italy, con tanto di dati stilati dalle stesse ragazze: su 13 membri del senato accademico solo 3 sono donne e di 10 professori ordinari della classe di lettere, 9 sono uomini. Numeri che si riflettono anche sui dati dei diplomati: su 24, solo 8 sono donne. Un divario di genere “molto più marcato nelle Università del sud”, contro il quale non si combatte abbastanza. “Per questo motivo”, hanno continuato Magnaghi, Spacciante e Grossi, “Vi chiediamo di prestare attenzione quando di fronte a voi avete una donna. Vi chiediamo di pensare due volte quando una ricercatrice è incinta, una professoressa è madre o quando un’allieva rimane ferita di fronte a un commento da voi ritenuto innocuo. E ancora: “Dopo anni di confronto è significativo che nessuno di noi si riconosca nella retorica dell’eccellenza, perché la troviamo incompatibile con la ricchezza e la fattibilità di ognuno di noi”.

Alla luce di questo fatto Rossana Berardi, Presidente Women for Oncology Italy e Direttore della Clinica Oncologica Ospedali Riuniti Ancona – UniversitàPolitecnica delle Marche, ricorda quanto contenuto nel Dossier “Analisi e Proposte sulla questione di Genere nel mondo universitario italiano” del Ministero dell’Università e della Ricerca - Consiglio Universitario Nazionale. Lo studio dimostra che, nel mondo universitario italiano, il processo di miglioramento degli squilibri di genere, seppur visibile, è ancora lento. Nei ruoli precari ci sono più donne che uomini, mentre nel ruolo di ingresso si evidenzia una predominanza del numero degli uomini. In questo quadro, il sistema universitario rispecchia purtroppo le disuguaglianze della società in cui opera. Nelle scienze mediche, in particolare, nella categoria professori associati il numero degli uomini supera il triplo e il doppio di quello delle donne rispettivamente nel 2008 e nel 2018, mentre nella categoria professori ordinari il numero degli uomini è circa 8 volte quello delle donne nel 2008 e 5 volte nel 2018. La situazione appare ribaltata nei ruoli a tempo determinato soprattutto per gli assegnisti di ricerca, dove il rapporto uomini/donne è pari a circa 1:3.

In sostanza l’analisi citata dalla Professoressa Rossana Berardi, Presidente Women for Oncology Italy e Direttore della Clinica Oncologica Ospedali Riuniti Ancona – UniversitàPolitecnica delle Marche, pone l’evidenza sulla necessità di valorizzare il potenziale delle donne e il valore aggiunto della coesistenza e della piena collaborazione di donne e uomini nelle attività di ricerca e di didattica. Pertanto, è giunto il momento di attuare, con determinazione, politiche di risoluzione della disparità per giungere a una reale equità. Va a questo punto ricordato che nella prospettiva di un’uguaglianza di genere in tutti gli ambiti universitari (personale docente, tecnico-amministrativo, studenti) il Parlamento Europeo, con la risoluzione 2002/2198(INI), incoraggia la redazione di Bilanci di Genere allo scopo di indirizzare la politica delle istituzioni che, evidentemente, non è stata finora, e non è ancora, neutrale, ma ha un impatto diverso su uomini e donne.

università | donne | differenze |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

SCIENZA, CONOSCENZA E CUORE. PROFESSIONISTE IN RETE


COVID-19: la pandemia frena il percorso professionale delle donne in oncologia I risultati del sondaggio ESMO Women for Oncology


Tumori - Women for Oncology premia un film a tema oncologico Rossana Berardi, al Bardolino Film Festival per sottolineare l’impegno di W4O nella lotta contro il cancro


Gender Gap: l’appello di Women for Oncology Italy al Presidente Draghi


TIM SI ALLEA CON LE UNIVERSITA’ ITALIANE PER SOSTENERE LA DIDATTICA A DISTANZA


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Summer School 2021 Salute mentale e Covid: aumentano i casi di ansia e depressione, abuso di sostanze e alcol, violenza e suicidi. Il valore strategico di un PDTA efficace per la presa in carico

20 settembre 2021 - Migliorare la presa in carico dei pazienti con un PDTA efficace e strutturato, stimolare l’approccio per percorsi integrati, migliorare la qualità delle prestazioni, incidere maggiormente sugli esordi delle patologie più gravi e aumentare le risorse economiche destinate alla tutela della salute mentale. È quanto emerso dalla SUMMER SCHOOL 2021 di Motore Sanità, nella sessione “Rimettere al centro dell’agenda di governo la tutela della salute mentale”. 20 settembre 2021 - Migliorare la presa in carico dei pazienti con un PDTA efficace e strutturato, stimolare l’approccio per percorsi integrati, migliorare la qualità delle prestazioni, incidere maggiormente sugli esordi delle patologie più gravi e aumentare le risorse economiche destinate alla tutela della salute mentale. È quanto emerso dalla SUMMER SCHOOL 2021 di Motore Sanità, n (continua)

Invito stampa - Online Bilateral Forum. Telemedicina, turismo medicale e cooperazione internazionale tra Italia e Kazakhstan - 22 settembre 2021, Ore 10

mercoledì 22 settembre, dalle ore 10 alle 13, si terrà il webinar ‘Online Bilateral Forum. Telemedicina, turismo medicale e cooperazione internazionale tra Italia e Kazakhstan’, organizzato da Motore Sanità e ACIK. mercoledì 22 settembre, dalle ore 10 alle 13, si terrà il webinar ‘Online Bilateral Forum. Telemedicina, turismo medicale e cooperazione internazionale tra Italia e Kazakhstan’, organizzato da Motore Sanità e ACIK. In questo appuntamento si discuterà delle best practices di Italia e Kazakhstan, analizzando alcuni temi in particolare: l'evoluzione del turismo (continua)

Dolore cronico: più del 70% dei pazienti si rivolge al medico che non ha gli strumenti per interpretare e diagnosticare la causa

17 settembre 2021 - Quando persiste oltre il normale decorso di una malattia acuta o al di là del tempo di guarigione previsto (convenzionalmente stimato a 3 mesi), il dolore viene definito cronico. Questo può essere continuo o intermittente e se non viene risolto con trattamenti adeguati viene definito "intrattabile". In Europa il dolore cronico affligge 1 adulto su 5, in Italia sono oltre 13 milioni le persone che ne soffrono (13.181.856, il 26%) ma un terzo non si cura. 17 settembre 2021 - Quando persiste oltre il normale decorso di una malattia acuta o al di là del tempo di guarigione previsto (convenzionalmente stimato a 3 mesi), il dolore viene definito cronico. Questo può essere continuo o intermittente e se non viene risolto con trattamenti adeguati viene definito "intrattabile". In Europa il dolore cronico affligge 1 adulto su 5, in Italia sono oltre 13 mil (continua)

Summer School 2021 Super batteri resistenti, è emergenza sanitaria: la ricerca va stimolata per individuare nuove molecole antinfettive

17 settembre 2021 - Ogni anno 10.000 persone muoiono per infezioni ospedaliere, di cui il 50% non è prevedibile. Nuovi antibiotici sono necessari per superare l’antimicrobico resistenza (AMR) e salvare vite umane, 17 settembre 2021 - Ogni anno 10.000 persone muoiono per infezioni ospedaliere, di cui il 50% non è prevedibile. Nuovi antibiotici sono necessari per superare l’antimicrobico resistenza (AMR) e salvare vite umane, ma per raggiungere l’obiettivo bisogna rendere la ricerca di nuovi antibiotici competitiva per le aziende del settore. Una vera e propria pandemia quella dell’antimicrobico resi (continua)

Summer School 2021 Malnutrizione, il 20% dei pazienti oncologici muore per le gravi conseguenze prima ancora che per la progressione del tumore

15 settembre 2021 - La malnutrizione, in particolare in ambito oncologico, ha un riconosciuto impatto negativo sia sugli outcome clinici che sulla spesa sanitaria. 15 settembre 2021 -La malnutrizione, in particolare in ambito oncologico, ha un riconosciuto impatto negativo sia sugli outcome clinici che sulla spesa sanitaria. Si tratta di un problema molto frequente, che incide negativamente sulla praticabilità e l’efficacia delle terapie, sulla sopravvivenza e sulla qualità di vita dei pazienti. I dati parlano chiaro: la malnutrizione aumenta di (continua)