Home > Arte e restauro > È online la mostra “Simulacri evocativi” di Maria Barisani

È online la mostra “Simulacri evocativi” di Maria Barisani

scritto da: Elenagolliniartblogger | segnala un abuso

È online la mostra “Simulacri evocativi” di Maria Barisani


La pittrice Maria Barisani è stata ufficialmente selezionata per essere inserita nel circuito delle mostre online curate dalla Dott.ssa Elena Gollini con una serie di opere di particolare pregnanza suggestiva, che contengono un patrimonio di virtuosismi evocativi appartenenti alla tradizione figurale senza tempo e contemporaneamente racchiudono delle soluzioni e degli espedienti scenici e narrativi che fanno riferimento alle moderne tendenze contemporanee con un tocco di originali accorgimenti. Il titolo designato appositamente per la mostra “Simulacri evocativi” diventa un rimando interessante a livello allusivo e possiede una valenza sostanziale, che stimola lo spettatore ad approfondire nel merito non limitandosi ad un contatto d'approccio approssimativo e sommario, ma addentrandosi con attenzione sensibile tra le pagine pittoriche sapientemente strutturate e argomentate. La Dott.ssa Gollini ha richiamato in menzione alcuni aspetti fondamentali della raffinata e ricercata poetica espressiva della Barisani dichiarando: “La pittura realizzata da Maria è parte integrante di una grande concezione, che trova origine dalle basi genetiche del figurativo, poi man mano prende vita e si declina secondo stilemi eterogenei di rivisitazione e di rielaborazione trovando una propria identità e identificabilità. I simulacri evocativi ravvisabili e rinvenibili nell'arte pittorica di Maria sono sinonimo dell'evoluzione progressiva e dell'evoluzione vibrante e pulsante della sua forma mentis creativa e rispondono ad una commistione di proiezioni e di prospettive, che si canalizzano dentro un registro formulato e modulato attraverso una delicata e garbata energia. Maria protegge il suo fare artistico e contestualmente desidera proteggere virtualmente anche il fruitore. Per lei l'arte è fonte di vita, di pulsioni positive, di meraviglia e di stupore continuo e costante e come tale dev'essere custodita e tutelata da ingerenze esterne negative e dannose. Il simulacro nella sua sacralità solenne diventa uno strumento, un medium di forza protettiva, che avvolge permeante quanto lo circonda. Così Maria vede le sue opere e le concepisce come preziosi strumenti di protezione. Chi ama l'arte e la eleva diventa per lei un paladino, che si erge a difensore senza paura di affrontare niente e nessuno, spinto da quella straordinaria potenza energetica trasmessa e propagata dal flusso vitale dell'arte. Le opere scelte per questa mostra sono dunque testimonianza palese e manifesta del pensiero artistico di Maria convogliato a fungere da motore trainante collettivo. E chi sa guardare con gli occhi del cuore ne resta da subito completamente conquistato e inebriato”.

VISITA LA MOSTRA:

https://lemostreonlinedielenagollini.wordpress.com/simulacri-evocativi-maria-barisani/


Fonte notizia: https://lemostreonlinedielenagollini.wordpress.com/simulacri-evocativi-maria-barisani/


maria barisani | barisani | mostra | simulacri evocativi | artista | arte | art | artist | torino | piemonte | italia | italy | pastello | disegno | pastelmat | italian | opere | opera | artworks | exhibition | pittura | pittrice | italiana |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Cecilia Martin Birsa: simulacri emozionali di arte scultorea


Massimo Paracchini e Francesco Leale alla Galleria Nelson Cornici


Ultraromanticismo. Il post umano, tra inquietudini e abbandono


La genesi artistica di Maria Barisani


Il processo cognitivo nella pittura di Maria Barisani


Maria Barisani: in ogni quadro racchiude il suo mondo spirituale recondito


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Davide Quaglietta: arte fonte di virtù aggregativa

Davide Quaglietta: arte fonte di virtù aggregativa
 Viene naturale pensare, che chi si cimenta nella produzione artistica, sia essa pittorica, scultorea, fotografica o di qualunque altra libera espressione creativa, abbia il desiderio e l'aspirazione di intraprendere un percorso di ricerca virtuosa, con ideali e principi cardine di valore da sostenere e divulgare. Purtroppo, però non sempre poi strada facendo i buoni propositi iniziali v (continua)

Cecilia Martin Birsa: un'arte scultorea all'insegna della condivisione universale

Cecilia Martin Birsa: un'arte scultorea all'insegna della condivisione universale
 “Quando si parla di arte declinata in chiave contemporanea è fondamentale mettere in luce anche l'orientamento d'ispirazione e la prospettiva di vedute, che ottiene attraverso una condivisione di impronta universale, affinché possano essere gettate le fondamenta e le basi per darle l'ampio respiro, che l'artista desidera e ambisce riscuotere al presente e al contempo garantirle anche un (continua)

Federico Marchioro: pubblicata online la sua mostra “Unconventional Art Mood”

Federico Marchioro: pubblicata online la sua mostra “Unconventional Art Mood”
 «“Unconventional Art Mood” mai titolo fu più calzante per canalizzare l'eclettica e poliedrica ispirazione creativa di Federico Marchioro, artista a tutto campo, che si cimenta con positivi riscontri nell'ambito della pittura contemporanea di radice informale-non convenzionale». La Dott.ssa Elena Gollini approfondisce nel merito alcune valutazioni critiche in virtù della pubblicazione (continua)

Daniel Mannini: giochi di luce e di energia declinati in pittura

Daniel Mannini: giochi di luce e di energia declinati in pittura
 “Volendo utilizzare una terminologia in chiave metaforica, direi molto calzante, per definire Daniel Mannini nella sua visionarietà pittorica si può parlare di un corollario di giochi di luce e di energia, che si manifestano e si propagano profondendo tutto intorno vibrazioni e pulsioni molto avvolgenti e penetranti”. La Dott.ssa Elena Gollini analizza con approfondite considerazioni cr (continua)

Cecilia Martin Birsa: un'arte scultorea tra magia e poesia

Cecilia Martin Birsa: un'arte scultorea tra magia e poesia
 “Quando penso a Cecilia Martin Birsa nel momento catartico dell'atto e del gesto creativo mi immagino tutta la cura e la premura certosina con la quale plasma e modella la materia, stemperandone la solida robustezza corposa e modulandone il volume e la densità, per ottenere un eccellente risultato, che fonde insieme perizia tecnica e padronanza strumentale a fantasioso estro e spiccata (continua)