Home > Ambiente e salute > UN EDIFICIO RESIDENZIALE IN LEGNO MASSELLO DI CLASSE 5

UN EDIFICIO RESIDENZIALE IN LEGNO MASSELLO DI CLASSE 5

scritto da: Dagcom | segnala un abuso

UN EDIFICIO RESIDENZIALE IN LEGNO MASSELLO DI CLASSE 5

Nel centro storico di Bayreuth, a Baviera, holzius realizza una perla rara di bioedilizia urbana


Nel centro storico di Bayreuth, a Baviera, dietro la sede del governo dell'Alta Franconia e di fronte al New Castle, VIDA HolzProjekt GmbH e holzius hanno costruito un complesso residenziale di classe 5, un edificio in legno innovativo e contemporaneo.

L'edificio in Ludwigstrasse è una perla rara di bioedilizia urbana, un progetto che non passa inosservato per i molteplici aspetti di novità che apporta in un centro storico dalla forte vocazione locale e tradizionale: il luogo, infatti, è dominato dal rococò bavarese di Palazzo Nuovo – che risale al 1753 – oltre che dall'edificio ospitante il governo dell'Alta Franconia costruito nel 1902. Alto 19 metri e circondato da case storiche dalle facciate in pietra arenaria o a graticcio, il complesso vede la compresenza di due edifici – rispettivamente di 3 e 5 piani – ed è stato costruito interamente in legno senza l’utilizzo di colle, a eccezione di ascensore, parcheggio sotterraneo e scale per i quali è stato impiegato il cemento armato.

A marcare ancora di più il contrasto estetico e concettuale dell’opera nel suo contesto, il rivestimento esterno della facciata in legno massiccio. Dove prima sorgevano piccoli garage, una rimessa e un capanno da giardino ora si estendono 1.050 m2 di spazio abitativo di altissima qualità oltre a undici posti auto sotterranei, tre dei quali dotati di stazioni di ricarica per auto elettriche. 

La densificazione urbana ottenuta tramite principi di costruzione sani e sostenibili per l’uomo e per l’ambiente sta portando a definire nuovi standard abitativi sani e responsabili di cui il legno è il materiale rappresentativo per eccellenza. Il particolare il sistema brevettato da holzius che non prevede l’uso di colle e di parti metalliche, consiste in un tassello in legno con bordi a coda di rondine che, insieme alle giunzioni a pettine e incastri, e all’utilizzo dell’antica tecnica di avvitatura con cavicchio filettato in legno, permette di realizzare pareti, solai e tetti in legno massello, soddisfacendo così sia i più alti standard biologici di costruzione che i requisiti tecnici di prestazione delle costruzioni moderne. Per questo progetto, la struttura del soffitto è stata realizzata mettendo a punto un'ingegnosa tecnologia di collegamento; in particolare, le travi in legno sono state assemblate con una dentatura scanalata a pettine e collegate tra loro in modo stabile utilizzando viti in legno di faggio. Nel corpo della struttura a 3 piani, invece, alcune parti hanno visto l’installazione di una struttura mista legno-cemento.

L’attenzione verso scelte di vita più salubri e sostenibili ha portato l’azienda costruttrice VIDA HolzProjekt GmbH ad applicare una visione olistica di costruzione anche all’impianto energetico dell’edificio: l'elettricità e il calore provengono principalmente da installazioni interne che mirano a rifornire la proprietà nel modo più indipendente e autosufficiente possibile. Il calore necessario è prodotto tramite un sistema geotermico a pompa di calore mentre la fornitura di acqua calda parte da un sistema di accumulo centrale presente al piano interrato volutamente tenuto a bassa temperatura al fine di mantenere le perdite di calore più basse possibile. Negli appartamenti, l’acqua viene riscaldata alla temperatura richiesta utilizzando la tecnologia heat boost, un sistema che sfrutta l'energia proveniente dall'impianto fotovoltaico installato sotto forma di mattoni fotovoltaici sul tetto a due falde e quella prodotta dai moduli fotovoltaici convenzionali sul tetto piano. Altra caratteristica strutturale speciale per questo edificio è la tecnica adoperata per il riscaldamento dell’aria: questa fa affidamento a un sistema di distribuzione del calore a partire dall’acqua che viene convogliata in due tubi posti all’interno della parete esterna e presenti lungo l'intera superficie. I tubi, finemente intonacati con argilla irradiano dolcemente il calore verso gli ambienti interni e, al contempo generano una corrente convettiva in prossimità della parete. In questo modo, il riscaldamento diventa estremamente semplice ed efficiente – vista l’interazione tra il legno massello, la parete esterna altamente isolante e la superficie minerale dell'argilla – e comporta una minore turbolenza d’aria che riduce il carico di polvere a favore del sistema cardio-vascolare umano. 

L'assemblaggio degli elementi in legno è avvenuto in sole tre settimane lavorative; l'edificio con i suoi cinque piani ha richiesto ancora minor tempo, poiché questi appartamenti si compongono di grandi superfici ma poche pareti interne. 
 

architettura | bioarchitettura | bioedilizia | case in puro legno | salute | benessere |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Finestre e serramenti in legno: è meglio il massello o il lamellare?


Sedute TEAM 7: il lato comodo del legno naturale


Strutture Popolare Giardino Fom Around The World


NEL CUORE DELLE DOLOMITI, HOLZIUS REALIZZA CIASA ALBERTI, EDIFICIO IN LEGNO MASSICCIO KLIMAHAUS A


A Eurocucina 2016 TEAM 7 presenta le meraviglie della natura


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

IN VAL SARENTINO, UNA PERLA IN BIOEDILIZIA BY RUBNER HAUS

IN VAL SARENTINO, UNA PERLA IN BIOEDILIZIA BY RUBNER HAUS
Nel cuore dell’Alto Adige, attraverso una gola spettacolare lungo la strada che per il Passo di Pennes conduce a Vipiteno, si arriva in una valle magica, la Val Sarentino, dove due case gemelle in puro legno dominano l’omonimo paese completamente immerse nella natura: il bosco alle spalle e un immenso prato tutt’intorno. Abbarbicate su un terreno in pendenza, le due case sono tutt’uno con la (continua)

LEGNO DA VIVERE, IN CASA E IN UFFICIO

LEGNO DA VIVERE, IN CASA E IN UFFICIO
Porta la firma di holzius l’ampliamento della sede aziendale e la costruzione dell’abitazione privata di imprenditrice di storica falegnameria altoatesina Il futuro dell’edilizia è nel legno, il materiale più antico del mondo: lo sa bene Birgit Kager, amministratore delegato della storica falegnameria altoatesina Kager, che il legno ce l’ha nel dna di famiglia da 40 anni e che per l’ampliamento della sede aziendale e la costruzione della sua abitazione ha scelto holzius e la sua tecnica di costruzione che utilizza elementi in legno massello non (continua)

EXPO 2020 DUBAI: IL NUOVO PADIGLIONE AZERBAIGIAN SI ISPIRA ALLA NATURA

EXPO 2020 DUBAI: IL NUOVO PADIGLIONE AZERBAIGIAN SI ISPIRA ALLA NATURA
Il padiglione dell’Azerbaigian ad Expo 2020 Dubai è stato ideato, progettato e realizzato da Simmetrico Network, che sta sviluppando anche l’experience design e la produzione dei contenuti della mostra centrale; Il concept, Seeds for the Future, pone l’accento sul portare consapevolezza nei visitatori rispetto all’impatto delle loro scelte individuali: solo investendo nel futuro oggi, si può (continua)

UNA CASA IN PURA BIOEDILIZIA SULL’ANTICA VIA DEI BURCHIELLI

UNA CASA IN PURA BIOEDILIZIA SULL’ANTICA VIA DEI BURCHIELLI
Realizzata da Rubner Haus in dialogo tra architetture antiche e soluzioni moderne Nella piccola cittadina di Noventa, ultimo paese della Riviera del Brenta, sorge un piccolo gioiello di bioedilizia, una casa dalla personalità complessa che coniuga modernità della visione architettonica con la bellezza e la storia del luogo adorno di meravigliose ville cinque, sei e settecentesche e percorso dell’antico alveo naturale dell’omonimo fiume dove i nobili del posto, nel ‘700, pe (continua)

ARCHITETTURA SENSIBILE E NATURA IN CASA

ARCHITETTURA SENSIBILE E NATURA IN CASA
Rubner Haus realizza a Vignolo un edificio che si integra perfettamente nella natura circostante. Senza disturbare l’occhio o interrompere l’armonia del paesaggio A Vignolo, in Valle Stura, una casa di legno e vetro emerge dal terreno come un germoglio perfettamente integrato nella bellezza dei boschi di faggi, castagni e betulle nei quali è immerso. In lontananza, la splendida cornice dei monti Bisalta e Monviso, di fronte la vista di una vallata. Esempio straordinario di architettura sensibile al paesaggio, l’edificio ha trasformato le limitazioni im (continua)