Home > Economia e Finanza > Investitori in commodities attenti all'evoluzione dello scenario sul mercato del rame

Investitori in commodities attenti all'evoluzione dello scenario sul mercato del rame

scritto da: Elleny | segnala un abuso

Gli analisti di Goldman Sachs continuano a sottolineare i problemi di fornitura che caratterizzeranno il mercato del prossimo anno


Il mese di agosto non è stato ricco di soddisfazioni per gli investitori del rame. Il metallo rosso infatti si è mosso ben poco rispetto al livello dei 9500 dollari a tonnellata, intiepidendosi rispetto a qualche settimana prima.

Il quadro che si presenta agli investitori

investitori rameSe guardiamo al lato dell'offerta, non c'è dubbio che la cosa sorprende. Infatti ci sono diversi fattori rialzisti, che giustificavano l'idea di diversi investitori riguardo al target di prezzo di 11.000 dollari, come manifestata sui blog di molti broker di trading online.

Tre miniere di rame sono infatti andate al tappeto, provocando dei forti problemi di approvvigionamento.
A chiudere per sciopero sono state le miniere cilene di Caserones e Andina. Insieme nel corso del 2020 hanno prodotto qualcosa come 300.000 tonnellate.
Ad esse si aggiunge anche la chiusura della miniera della Highland Valley in Canada, per motivi di sicurezza a causa di un incendio nelle vicinanze.

Il quadro sarebbe stato anche peggiore, se non fosse stato scongiurato in extremis lo sciopero nella più grande miniera del mondo, quella di Escondida in Cile. I minatori avevano chiesto un bonus una tantum quale riconoscimento del lavoro mai interrotto durante la pandemia di Covid-19, "equivalente all'1% dei dividendi ricevuti dagli azionisti", nonché un piano di carriera e benefici per l'educazione dei figli.
Secondo il sindacato, la miniera di Escondida prevede di generare un fatturato di oltre 10 miliardi di dollari quest'anno, a fronte di un aumento storico del prezzo del rame, che ha superato i 10.000 dollari a tonnellata sui mercati internazionali. (ANSA).

I problemi dal lato della domanda

Tuttavia, i fattori rialzisti connessi alla carenza di approvigionamento, sono stati bilanciati dai problemi dal lato della domanda. Quest'ultima è in calo, come evidenzia il recente dato sulle scorte accumulate nella prima metà dell’anno al London Metal Exchange (LME), cresciute da 130.000 tonnellate a 235.550 tonnellate.

I dati arrivati dalla Cina chiariscono che produzione industriale e investimenti in immobilizzazioni sono stati tutti inferiori alle aspettative, mentre le importazioni di rame raffinato sono diminuite a luglio per il quarto mese consecutivo. Inoltre gli stimoli economici del governo cinese sono in fasse calante.
Sull'animo degli investitori pesa poi il timore della diffusione della variante Delta all’interno del paese.

Rimane un cauto ottimismo

Malgrado questo scenario, gli investitori continuano a pensare che il rame possa crescere ancora in futuro. E non sono soltanto i trend following indicatori a farlo credere. Ci sono infatti i suggerimenti di molti analisti, come quelli di Goldman Sachs. Continuano infatti a sottolineare i problemi di fornitura che caratterizzeranno il mercato del prossimo anno.

rame | commodities | broker | trend following |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Prezzo del caffé, diversi fattori lo stanno spingendo sempre più in alto

I problemi produttivi e quelli della catena di approvvigionamento hanno colpito quasi tutti i settori produttivi. Non solo energia e metalli, ma anche il mondo del caffé, dove i prezzi sono in netta crescita e si avviano a raggiungere massimi pluriennali.Come si sta muovendo il prezzo del cafféI futures sul caffè Arabica hanno infatti esteso i guadagni a oltre $ 2,1 per libbra, avvicinandosi al ma (continua)

Mercati finanziari, in settimana rapporto sui nonfarm payroll e vertice OPEC+

I mercati finanziari guarderanno con attenzione soprattutto a due avvenimenti questa settimana. In ordine cronologico sono il vertice OPEC+ sul petrolio, e il rapporto sui nonfarm payroll negli USA. Ma in mezzo ci sono anche i meeting della Banca centrale d'Australia e quella neozelandese.Gli eventi clou per i mercati finanziariPartiamo dal petrolio. L'OPEC e i suoi alleati si incontreranno lunedì (continua)

Banca del Giappone senza sorprese: tassi fermi in terriotrio negativo

Con un voto favorevole di 8 membri contro 1 contrario, la Banca del Giappone ha lasciato invariato il tasso di interesse di riferimento a -0,1%, dove si trova dal 2016. La BoJ ha inoltre lasciato immutato il target di rendimento dei titoli di stato a 10 anni intorno allo 0%. La banca centrale ha anche affermato che inizierà a erogare prestiti per il cambiamento climatico a dicembre.Il meeting del (continua)

Banche centrali e riserve auree, gli Usa battono tutti ma l'Italia è terza

L'oro è da sempre un metallo importante non solo per i consumatori e gli investitori al dettaglio, ma anche per le banche centrali. I caveau sono pieni di riserve auree (per lo più in lingotti), che rappresentano una garanzia di rimborso per i depositanti, i detentori di banconote e gli operatori commerciali. Ma il ruolo di tali riserve è importane anche al fine di supportare il valore della valut (continua)

Mercato azionario tedesco, si avvicina la svolta: listino principale a 40 titoli

Deutsche Boerse dovrebbe annunciare i nuovi entranti nell'indice blue-chip venerdì, mentre la variazione diventerà pienamente operativa a partire dal 20 settembre Si avvicina sempre di più il momento della svolta epocale per il mercato azionario tedesco. L'indice principale, il DAX, infatti passerà dagli attuali 30 membri a 40. Questo renderà più “vivace” l'indice stesso, oltre a portare uan ventata di aria nuova sul listino.  Cosa succederà al mercato azionario tedesco Il cambiamento è (continua)