Home > Ambiente e salute > Giornata Internazionale del cane. Un amico di fiducia per cui vivere bene ed in maniera sana.

Giornata Internazionale del cane. Un amico di fiducia per cui vivere bene ed in maniera sana.

scritto da: Marcofrancescoeramo | segnala un abuso

Giornata Internazionale del cane. Un amico di fiducia per cui vivere bene ed in maniera sana.

Gli studi hanno accertato che oltre alla compagnia il cane trasmette empatia e fa bene al cuore. Ecco il decalogo per averne cura.


In occasione della Giornata internazionale del cane ricordiamo i benefici di un pet, ma anche i comportamenti che chi decide di avere con sè un animale dovrebbe adottare ogni giorno

Negli studi scientifici viene chiamato «pet effect». Si tratta dell’effetto che un animale d’affezione ha sul suo padrone, specialmente se quest’ultimo è malato o sta affrontando un periodo difficile, fisicamente o psicologicamente. Una sorta di pet therapy, potenziata dal fatto che a quel peloso a quattro zampe si vuole davvero tanto bene, incondizionatamente, perché compagno di casa e di vita. Così il «pet effect» lo vive quotidianamente chiunque possieda un animale domestico, dal risveglio del mattino alla passeggiata del pomeriggio, passando per le coccole e i giochi durante la giornata. Spesso si tratta di un cane, l’animale domestico per eccellenza, il pet più affettuoso e leale a cui è dedicata, ogni anno il 26 agosto, una giornata internazionale.
Chi ha un cane non ha bisogno di studi scientifici per sapere quanto sia positiva la presenza di un pet tra le mura di casa. L’affetto incondizionato, le passeggiate, i giochi e le coccole parlano da soli. Tuttavia, sono state condotte svariate ricerche sul tema e un’interessante studio è stato pubblicato, nel 2019, sulla rivista scientifica Mayo Clinic Proceedings: Innovations, Quality & Outcomes. Il lavoro, firmato anche da tre ricercatori italiani dell’Università di Catania, si è concentrato sui benefici cardiovascolari che si possono avere possedendo un cane.
Dopo l’analisi di un campione di oltre 1.700 soggetti (di età compresa tra 25 e 64 anni; 44,3% maschi), gli esperti hanno confermato che i proprietari di animali domestici, specialmente di cani, avevano maggiori probabilità di fare attività fisica, seguire una dieta equilibrata e di conseguenza avere livelli di glicemia ideali. Il tutto si traduceva in un minor rischio cardiovascolare, quindi in un cuore più in forma.
Il legame cane-salute del cuore era già stato evidenziato dall’American Heart Association. Non solo perché un pet stimola a maggiore attività fisica, ma anche perché possedere un cane è collegato a una migliore salute mentale e a una minore percezione dell’isolamento sociale. Entrambi fattori di rischio per gli attacchi di cuore.
In occasione della Giornata internazionale del cane, l’Associazione Nazionale delle Imprese per l’Alimentazione e la Cura degli Animali da Compagnia (Assalco) propone, in collaborazione con Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani (Amvi) e con il patrocinio del ministero della Salute, i 10 comportamenti che chi decide di avere con sé un animale da compagnia dovrebbe seguire ogni giorno.
In cambio di tutto quello che i cani ci regalano con la sola presenza, è infatti dovere della famiglia rispettare le caratteristiche etologiche e fisiologiche del pet ed assumersene la responsabilità. Occupandosi del benessere, della salute, delle interazioni sociali con gli altri animali, le altre persone e con l’ambiente. Per questo, il possesso responsabile di un pet si articola in due fasi: l’acquisizione responsabile e la proprietà responsabile.

- Acquisizione responsabile

1. Consapevolezza dell’impegno. Bisogna essere consapevoli che si sta prendendo un impegno a lungo termine.  Accogliere un pet implica la disponibilità a prendersene cura per tutta la sua vita.
2. Scegliere con la testa. È importante verificare a priori che le esigenze del pet siano in linea con lo spazio abitativo, lo stile di vita e le esigenze della famiglia in cui verrà accolto.
3. Accertare la provenienza del pet. Sia che si tratti di adozione, sia di acquisto è fondamentale rivolgersi a professionisti e strutture autorizzate per fare sì che il benessere del pet sia sempre la priorità ed evitare il rischio di incappare in allevatori improvvisati o traffici illegali.
4. Identificare l’animale d’affezione a norma di legge. È dovere del proprietario registrare i propri animali d’affezione nei registri stabiliti, fornendo tempestivamente tutti gli aggiornamenti su eventuali passaggi di proprietà, trasferimenti o decessi.
- Proprietà responsabile
1. Prendersi cura della salute. Garantire una corretta profilassi e assistenza sanitaria per l’intera vita dell’animale da affezione con il supporto di un medico veterinario è un dovere imprescindibile.
2. Educare alla convivenza. Educare i pet a situazioni «sociali» è un passaggio chiave per facilitare il loro benessere e il benessere degli altri animali e delle altre persone.
3. Rispetto degli altri e degli spazi. Dal dovere di custodia, all’evitare rumori molesti, al raccogliere le deiezioni. È dovere del proprietario prevenire disagi o problematiche che il pet può arrecare ad altre persone, animali e all’ambiente.
4. Fare esercizio fisico e fornire stimoli intellettuali. Esercizio fisico e stimoli mentali adeguati all’età, alla razza e allo stato di salute sono importanti per il benessere del pet.
5. Fornire alimentazione bilanciata e nutriente. Buona salute e lunga vita dipendono, in buona misura, dall’alimentazione e dalle cure mediche. La scelta di un alimento completo e bilanciato prodotto dall’industria ed i consigli del veterinario sono una garanzia di benessere per il proprio animale.
6. Gestire gli imprevisti. Impegno, senso di responsabilità e attenzione non sempre bastano a tutelarsi dagli imprevisti. A tale proposito, si può valutare la stipula di una polizza assicurativa.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Cosa fare se il cane ha paura di collare e guinzaglio?


Quando Cuccia Per Cane Grande Da Esterno


Giochi logici e interattivi per cani


Tutti I Più Belli Nomi Di Cani Da Maschio Da Trovare


il mio cucciolo ringhia: puppyclass è la risposta giusta per te


Adottare un cane puppy: un amico per sempre


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La comunità di Carinaro in festa per celebrare il culto in onore della sua santa Patrona Eufemia

La comunità di Carinaro in festa per celebrare il culto in onore della sua santa Patrona Eufemia
Il 16 settembre, nel giorno della salita al cielo della gloriosa santa di Calcedonia, la comunità dei fedeli di Carinaro si prepara a celebrare la solenne festa liturgica con la partecipazione del Cardinale Crescenzio Sepe. La comunità di Carinaro si prepara a celebrare la festa liturgica in onore della santa patrona Eufemia.Ormai sono già  due anni che in seguito alle misure restrittive dovute al diffondersi della pandemia da Covid19, i festeggiamenti patronali, quelli legati alle tradizioni civili con luminarie e serate canore, non si svolgono; ma la comunità dei fedeli  si prepara comunque a celebrare l' (continua)

A più di un anno dal lockdown: la salute psicofisica dei bambini va peggiorando.

A più di un anno dal lockdown: la salute psicofisica dei bambini va peggiorando.
I dati emergenti nell'ambito della salute mentale dei bambini non sono confortevoli; a più di un anno dal lockdown che ha costretto i bambini a chiudersi in casa, ad evitare rapporti sociali con altre persone, privandoli del gioco e della libertà, ha progressivamente comportato un peggioramento del loro benessere psicofisico. COVID: BAMBINI E LOCKDOWN UN ANNO DOPO, DALLA RESILIENZA ALLA RESISTENZAPossesso e uso di device digitali sempre in aumento e in età più precoce, con conseguente pervasività di questi strumenti nella vita dei bambini in età scolare.Questo é quanto viene fuori da una ricerca di Milano-Bicocca.Stando ai dati “alimentazione e sonno - continuano a essere messi a dura prova.Rispetto ai dati del 2020 si (continua)

I problemi di salute mentale possono essere curati a partire dall'intestino

I problemi di salute mentale possono essere curati a partire dall'intestino
L'intestino ha un sistema nervoso enterico che, come quello autonomo, invia dei propri messaggi al cervello determinandone la funzionalità. Gli indizi sulla salute del cervello possono trovarsi nell'intestino. È importante quindi tenere sotto osservazione il ruolo dell'asse intestino-cervello in relazione alle condizioni di salute e decidere poi il tipo di interventi sull'intestino per fornire sollievo in alcuni disturbi di salute mentale.Odore di brownies in forno.  Ascoltare una pubblicità per una patatina salata.  Ve (continua)

I docenti e la loro realtà emotiva: una condizione stressante continua può avere ripercussioni negative anche sugli alunni.

I docenti e la loro realtà emotiva: una condizione stressante continua può avere ripercussioni negative anche sugli alunni.
L'insegnamento é uno dei mestieri più belli e al tempo stesso anche più complicato. I docenti hanno bisogno di innumerevoli risorse personali e materiali per contrastare il difficile problema del burnout. Se I docenti stanno bene psicologicamente altrettanto lo saranno anche gli studenti. Diversi studi hanno analizzato la realtà emotiva dei docenti e le percezioni del proprio lavoro quotidiano a scuola. Quando viene chiesto agli insegnanti di descrivere le tre emozioni che provano più frequentemente nella quotidianità scolastica, le più ricorrenti sono: la sopraffazione, la frustrazione e lo stress. Delle tre la più lunga emozione citata é la frustrazione. Se invece ai docenti vien (continua)

Nietzsche e la dissacrazione dei valori, nel 121esimo anniversario della sua morte.

Nietzsche e la dissacrazione dei valori, nel 121esimo anniversario della sua morte.
Anche la crisi in Afghanistan degli ultimi giorni è l'espressione più evidente della dissacrazione dei valori. Dio muore nelle donne perseguitate, negli uomini uccisi e nei bambini allontanati dalle loro famiglie. Le terribili vicende che si stanno verificando in Afganistan stanno segnando "sotto l'aspetto politico" una inevitabile crisi della civiltà occidentale, con conseguente perdita dei valori che dichiarano la morte di Dio. È proprio come anche Nietzsche aveva affermato in una delle sue principali opere "la gaia scienza". Dio è morto; l'umanità non ha più il suo punto di riferimento; lo ha ucciso (continua)