Home > Primo Piano > Marco Visintini, Campione Italiano 2021 corsa su strada 24 ore 245,193 km

Marco Visintini, Campione Italiano 2021 corsa su strada 24 ore 245,193 km

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

Marco Visintini, Campione Italiano 2021 corsa su strada 24 ore 245,193 km

Si è svolto a Biella tra sabato 26 e domenica 27 marzo 2021 il campionato italiano 24 ore di corsa su strada nell’ambito della BI.Ultra 6.24, organizzata dalla Pietro Micca Biella Running su un percorso di 1000 metri. Marco Visintini (U.S. Aldo Moro) ha vinto la gara correndo 245,193 km nelle 24 ore ed è il nuovo Campione Italiano precedendo Matteo Grassi (Spirito Trail) che si aggiudica l’argento con 241,264 km, a seguire il bulgaro Emil Pavlov Genov con 240,428 km e Tiziano Marchesi (Runners Bergamo) che si aggiudica il bronzo con 232,315 km.


Matteo SIMONE

 

Si è svolto a Biella tra sabato 26 e domenica 27 marzo 2021 il campionato italiano 24 ore di corsa su strada nell’ambito della BI.Ultra 6.24, organizzata dalla Pietro Micca Biella Running su un percorso di 1000 metri.

Marco Visintini (U.S. Aldo Moro) ha vinto la gara correndo 245,193 km nelle 24 ore ed è il nuovo Campione Italiano precedendo Matteo Grassi (Spirito Trail) che si aggiudica l’argento con 241,264 km, a seguire il bulgaro Emil Pavlov Genov con 240,428 km e Tiziano Marchesi (Runners Bergamo) che si aggiudica il bronzo con 232,315 km.

La Campionessa Italiana è Francesca Canepa (Atl. Calvesi Aosta) correndo 224,264 e precede Lisa Borzani (Atl. Bergamo Stars) con 206,268 km e Alina Teodora Muntean (Atl. Bergamo Stars) con 191,429 km. 

Di seguito approfondiamo la conoscenza del Campione Italiano corsa su strada 24 ore 2021 Marco Visentini attraverso risposte ad alcune mie domande.

Cosa c'è dietro un titolo italiano di 24 ore di corsa? “Tanta soddisfazione ma anche tanti sacrifici. L'allenamento di corsa è tanto, quasi quotidiano, alternato anche a sci alpinismo e MTB”.

 

Prima o poi i risultati arrivano se c’è passione e impegno, se c’è predisposizione alla fatica e a saper soffrire con l’intento di raggiungere obiettivi sfidanti.

Cosa vedi ora davanti a te?Per me non è cambiato nulla, sono lo stesso di prima di fare la gara. Continuerò ad allenarmi perché la corsa mi fa stare bene”.  

 

Questa è una bella consapevolezza, significa stare con i piedi per terra, fare qualcosa per puro piacere e passione e se arrivano i risultati si è soddisfatti ma si va avanti come comuni mortali assaporando la vittoria e continuando a faticare per star bene.

Cosa e chi ti ha aiutato e/o ostacolato?La forza di volontà in primis. Inoltre devo ringraziare Paolo, amico nonché ultrarunner che mi ha assistito per tutta la gara”.

Quali sono gli ingredienti del successo?Per il successo sono necessarie tante ore di allenamento, sacrificio e forza di volontà”.

 

La volontà smuove le montagne, fa credere nel riuscirci in qualcosa, fa impegnare quotidianamente con il pensiero di ottenere ciò che ci si prefigge e poi avere qualcuno che aiuta tanto meglio soprattutto se è un esperto ultrarunner e sa cosa significa faticare per tante ore e tanti chilometri attraversando momenti di luce e di buio.

Dedichi a qualcuno questo titolo italiano?Domanda difficile. Posso dire che in ogni gara penso a mio zio che non c'è più e aveva una grande passione per lo sport. Spero sempre, da lassù, che veda di me”.

 

C‘è sempre qualcuno a cui pensieri, qualcuno che merita una dedica, una condivisione dell’esperienza di riuscita che incrementa il senso e il valore della riuscita.

Eventuali prossime convocazioni?Sono stato contattato dai selezionatori tecnici della IUTA, ma è ancora tutto in fase di definizione considerata la pandemia. C'è un'ipotesi di partecipazione ai mondiali di 24 ore a Bucarest”.

 

In effetti ora Marco è il numero 1 in Italia, Campione Italiano con un bel quantitativo di km macinati durante le 24 ore contro avversari del suo calibro e quindi possiedi criteri importanti e necessari per essere selezionato e meritarsi la maglia azzurra.

Criticità, suoni, sensazioni durante la gara?Ero molto concentrato sulla gara, cercavo di non farmi distrarre da ciò che mi circondava. In partenza avevo un fastidio al ginocchio e il percorso circolare non ha aiutato. Sentire il pubblico che fa in tifo e vedere gli altri atleti continuare a correre dà la forza di andare avanti e non mollare”.

 

Una gara di 24 ore di forza e resistenza fisica e mentale, avendo sotto controllo se stesso e gli altri, chilometro dopo chilometro, ora dopo ora attento e focalizzato sulle proprie sensazioni corporee e propri pensieri per andare sempre avanti e non mollare.

Nelle 24 ore il momento più piacevole e/o difficile?Dopo i 100 km ho iniziato a pensare che potevo raggiungere un buon risultato se avessi continuato con quel ritmo e il mio obiettivo era avvicinarmi il più possibile al record italiano sulle 24 ore”.  

 

Trattasi di uno sport e di una gara fisica ma anche molto mentale, bisogna stare sul pezzo tutte e 24 le ore, non si possono fare i conti in anticipo perché tutto può cambiare in base alla fatica fisica e mentale. Il record è una grande impresa, ci vuole esperienza e dedizione.

Pensieri, preoccupazioni in gara?Avevo il timore che il dolore al ginocchio mi bloccasse, per cui ero molto attento nei movimenti. Il tracciato non era lineare: molte curve e un leggero dislivello, che alla fine della gara è risultato di 1800 d+”.

Cosa ti spinge a correre più di 200km?Volevo fare più km possibili e che riuscivo a reggere. Il pubblico che fa il tifo è di grande aiuto, come anche chi ti accompagna e sostiene. Gareggiare con atleti di grande livello è un incentivo”.

 

C’è un mondo dietro una gara di 24 ore, tanti momenti differenti dove c’è bisogno di essere centrati e focalizzati ma anche di distrarsi, momenti per guardarsi intorno, per ricevere forza e coraggio da tifo e amici.

Con l'esperienza è cambiato il modo di allenarti e/o gestire la gara?Con l'esperienza ho imparato a gestire la fatica e ho aumentato il numero di km per allenamento”.

 

Per ottenere qualcosa bisogna saper faticare, mette in conto tanta dedizione ma anche il recupero psicofisico.

Cosa diresti a Marco di 10 anni fa?Se ti impegni i risultati si vedono con il tempo. Questo richiede sacrifici, ma ne vale la pena”.

 

Sembra che Marco ci abbia saputo fare, ha creduto in se stesso, si è impegnato con fiducia giorno dopo giorno in attesa del grande risultato.

Come ti vedi tra 10 anni?Spero di essere in forma tra 10 anni. La corsa farà sicuramente parte della mia vita ma senza grandi pretese o progetti”.

 

Sembra che per Marco il meglio debba ancora venire con tanti propositi di gare e risultati da riconfermare e consolidare.

Ti senti un riferimento per altri ultrarunner?Penso che molti atleti possano vedere in me una persona che, se pur non professionista, può raggiungere ottimi risultati. Questo può motivare a migliorarsi sempre più”.

 

Un bell’esempio di atleta che sa il fatto suo impegnandosi e credendoci che riesce a trasformare sogni in realtà.

Un messaggio per avvicinare persone allo sport?Non lo so. Posso solo dire che per me la corsa rappresenta uno sfogo e mi fa star bene (forse è diventata una dipendenza, non posso farne a meno). Ma è anche occasione per stare in compagnia e conoscere nuove persone, con cui si condivide una passione comune”.

 

Matteo SIMONE

Psicologo, Psicoterapeuta

Autore di libri di psicologia e sport

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html


Fonte notizia: http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html


corsa su strada |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Distruzione creativa per una reale innovazione


Il teatro di impresa rinnova il modo di fare formazione per la sicurezza sul lavoro


Area stile beauty Eau de milano hospitality d’autore porta per la decima volta la bellezza naturale sul red carpet di Venezia e incanta tutti


Ecco alcuni libri da leggere sotto l'ombrellone


Vincenzo Pompeo Bava:C'È POSTA PER TE COMPIE 20 ANNI E TORNA IN TV: JOHNNY DEPP SUPER OSPITE


VIA VERDI, IN ARRIVO IL NUOVO SINGOLO E UN LIBRO


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Christian Reali, 100km: Finalmente, sono riuscito ad abbattere il muro delle 8h

Christian Reali, 100km: Finalmente, sono riuscito ad abbattere il muro delle 8h
Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”). A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabriele Turroni (7h21’56”), Martino Angelo Marzari (7h35’11”) e Giorgio Calcaterra 7h42'46". Christian Reali ha chiuso la 100km di Winschoten in 7h55’58”. Notevole le prestazioni delle donne italiane con il poker femminile formato da Francesca Bravi (7h43’45”), Federica Moroni (7h47’53”), Denise Tappatà (7h54’08”) e Lorena Brusamento (8h12’19”), arrivate al traguardo prima di tutte le altre avversarie, a seguire Hinke Schokker (8h13’21”), Lian Stadhouders (8h14’16”), Francesca Rimonda (8h15’50”). Di seguito approfondiamo la conoscenza di Christian Reali (Pol. Dil. Santa Lucia) in risposta ad alcune mie domande. Winschoten 2021 l'ho preparata in 3 mesiMatteo SIMONE21163@tiscali.it Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”).A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabr (continua)

Elvino Gennari: Ho fatto 31 100ķm, 20 volte sul podio con 10 vittorie

Elvino Gennari: Ho fatto 31 100ķm, 20 volte sul podio con 10 vittorie
Un grande Elvino Gennari, classe ’46, che continua ancora a correre con la Pol. Unione 90, le sue parole alcuni anni fa: “Tre fratelli vincono una maratona in 2h35'24'', che tu sappia ci sono stati altri casi simili? Sono 44 anni che corro, ho fatto 31 100ķm, 20 volte sul podio con 10 vittorie, 200 Maratone, ho girato il mondo: Australia, Cina, Sudafrica, Alaska, Stati Uniti, ecc. ecc.” In effetti l’8 Aprile 1985 i 3 fratelli Gennari vinsero la maratona di Rio Saliceto arrivando insieme, mano nella mano, con il crono di 2h35’24”: Elvino e Loris nati il 16 gennaio 1946 avevano 39 anni, e il più giovane Pietro nato il 24 settembre 1955 aveva 30 anni. Mentre Gloria Gessi vinse la prova femminile in 3h19’17”. Ho girato il mondo: Australia, Cina, Sudafrica, Alaska, Stati Uniti, ecc.Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Un grande Elvino Gennari, classe ’46, che continua ancora a correre con la Pol. Unione 90, le sue parole alcuni anni fa: “Tre fratelli vincono una maratona in 2h35'24'', che tu sappia ci sono stati altri casi simili? Sono 44 anni che corro, ho fatto 31 100ķm, 20 (continua)

Gabriele Turroni settimo alla 100 km di Winschoten in 7h21’56”

Gabriele Turroni settimo alla 100 km di Winschoten in 7h21’56”
Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”). A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabriele Turroni (7h21’56”), Martino Angelo Marzari (7h35’11”) e Giorgio Calcaterra 7h42'46". Notevole le prestazioni delle donne italiane con il poker femminile formato da Francesca Bravi (7h43’45”), Federica Moroni (7h47’53”), Denise Tappatà (7h54’08”) e Lorena Brusamento (8h12’19”), a seguire Hinke Schokker (8h13’21”), Lian Stadhouders (8h14’16”), Francesca Rimonda (8h15’50”). Di seguito le impressioni di Gabriele Turroni (A.S. 100 km del Passatore) attraverso risposte ad alcune mie domande. Desideravo avvicinarmi il più possibile al tempo delle 7h15Matteo SIMONE21163@tiscali.it Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”).A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovani (continua)

Fabio Giancarli: Io la Resia-Rosolina non la corro, la vinco

Fabio Giancarli: Io la Resia-Rosolina non la corro, la vinco
Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 1o settembre 2021 ore 04.00. La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, puntando a fare prima di tutto una bellissima esperienza di sport di gruppo e poi cercare di essere competitivi. Il Team Senza Paura Roma ha vinto su tutti in 32h08’30” precedendo Vicenza Marathon 32h17’40” e Lauf Club Pfeffersberg 33h12’40”. Di seguito l’esperienza di Fabio (ASD Atletica La sbarra), uno staffettista del gruppo, attraverso risposte ad alcune mie domande. Siamo partiti quasi certi di voler toccare il podioMatteo SIMONE Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 1o settembre 2021 ore 04.00.La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, puntando a fare prima di (continua)

Peppa Randazzo, Resia Rosolina: Siamo andati con l'intenzione di vincere

Peppa Randazzo, Resia Rosolina: Siamo andati con l'intenzione di vincere
Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 10 settembre 2021 ore 04.00. La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di Somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, puntando a fare prima di tutto una bellissima esperienza di sport di gruppo e poi cercare di essere competitivi. Il Team Senza Paura Roma ha vinto su tutti in 32h08’30” precedendo Vicenza Marathon 32h17’40” e Lauf Club Pfeffersberg 33h12’40”. Di seguito l’esperienza di Peppa (Purosangue Athletics Club), uno staffettista del gruppo, attraverso risposte ad alcune mie domande. Per fortuna questa volta avevamo degli angeli ad accompagnarci in bici!Matteo SIMONE Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 10 settembre 2021 ore 04.00.La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di Somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, punt (continua)